Hollywood contro i Golden Globes

| Il mondo del cinema si compatta contro la Hollywood Foreign Press, l’associazione giornalistica che gestisce i premi pre-Oscar, accusata di essere sessista e non inclusiva

+ Miei preferiti
È bastata un’inchiesta del “Los Angeles Times” per scatenare la guerra contro la “Hollywood Foreign Press”, l’associazione che assegna i “Golden Globes”, i premi pre –Oscar per cinema e televisione, accusata di essere una vera e propria “casta” che non include giornalisti di colore. Un’inchiesta che diverse star di Hollywood hanno scelto di sposare, minacciando di boicottare i premi, immediatamente appoggiata da oltre 100 agenzie in pubbliche relazioni che li rappresentano.

Accuse pesanti che hanno convinto la HFPA a presentare in fretta e furia un piano che prevede l’aumento del numero di giornalisti di colore, e mette un freno a doni e pagamenti che gli studios possono elargire, abitudine equiparata alla corruzione. Non erano un segreto, nel mondo del cinema, i privilegi di una casta che viveva coccolata da cene in ristoranti stellati, viaggi, soggiorni in alberghi di lusso e regali preziosi, inviati dagli studios con l’idea di limitare le critiche nelle recensioni. Attualmente ne fanno parte 86 reporter, e la pezza che convince poco si limita ad aggiungerne altri 20 soprattutto di colore entro fine anno, nella speranza di mettere a tacere le polemiche.

Aggiustamenti in corso considerati scarsi e ininfluenti, che hanno innervosito perfino di più i divi di Hollywood, sempre più convinti della necessità di riformare in modo profondo l’organizzazione e i meccanismi che muovono i Golden Globes. Fra le prime e scendere in campo Scarlett Johannson, che ha inviato all’Hollywood Reporter una lettera di fuoco: “In qualità di attrice ho partecipato a conferenze stampa ed eventi promozionali dei film a cui lavoravo: ma in passato ha significato spesso affrontare domande e osservazioni sessiste da parte di alcuni membri della HFPA che rasentavano la molestia sessuale. È un’organizzazione legittimata da figure come Harvey Weinstein”.

Nel giro di poco, alle proteste si è unito Mark Ruffalo, che in un post su Instagram ha attaccato la HFPA, e soprattutto si è fatta sentire la “NBC”, che ha annunciato la decisione di non trasmettere la cerimonia dei Golden Globes del prossimo anno. “Crediamo che la HFPA debba promuovere una riforma significativa e credibile – ha dichiarato il canale, che ogni anno versa 60 milioni di dollari assicurarsi i diritti televisivi – ma un cambiamento di questa portata richiede tempo e lavoro, quindi riteniamo di non poter trasmettere l’edizione 2022”.

Una sorta di domino in caduta libera che è andato avanti con la minaccia di boicottaggio da parte di “Netflix”, “Amazon Studios”, “WarnerMedia”, “Time’s Up” e la “National Association of Black Journalists”, a cui nelle scorse ore si è unito anche Tom Cruise, che ha deciso di restituire al mittente i tre Golden Globes vinti nel corso della sua carriera.

Il Gloden Globe, istituito nel 1944 per il cinema ed estesi nel 1956 anche alla televisione, nel tempo è diventato il premio che in qualche modo anticipa la consegna degli Oscar, indicando le tendenze e i nomi destinati con molta probabilità a ricevere la celebre statuetta.

Galleria fotografica
Hollywood contro i Golden Globes - immagine 1
Cinema
La dolce vita del paparazzo
La dolce vita del paparazzo
Tazio Secchiaroli ispira Federico Fellini per il personaggio del fotografo che insegue Mastroianni ne “La dolce vita”. Discordi le teorie sull’origine del nome scelto dal regista che diventa sinonimo di fastidioso fotoreporter
Black Panther è morto
Black Panther è morto
L’attore Chadwick Boseman se n’è andato a 43 anni per un cancro al colon. Il dolore di Hollywood per il primo afroamericano a entrare nella saga dei Marvel Studios
L’addio alle scene di Cameron Diaz
L’addio alle scene di Cameron Diaz
A due anni dall’annuncio della fine della carriera, l’attrice californiana parla della sua decisione: “Ho finalmente tempo per me”
Muore un attore di «Twilight»
Muore un attore di «Twilight»
Il corpo di Gregory Tyree Boyce trovato insieme alla fidanzata Natalie Adepoju nel loro appartamento di Las Vegas. Secondo alcune indiscrezioni, la polizia avrebbe rinvenuto la presenza di “polvere bianca”
Polanski trionfa ai César fra le proteste
Polanski trionfa ai César fra le proteste
Il regista polacco premiato per il film “J’accuse”, ma la cerimonia guastata da fischi e violente proteste all’esterno della sala
Tom Cruise evacuato da Venezia
Tom Cruise evacuato da Venezia
L’attore era arrivato in città insieme a tutto il cast per girare alcune scene del nuovo capitolo di “Mission: Impossibile”, ma ha preferito ripartire per il Regno Unito
È morto Kirk Douglas
È morto Kirk Douglas
A 103 anni, si è spento l’ultimo di una generazione di grandi attori del “golden age” di Hollywood
Addio all’attore Stan Kirsch
Addio all’attore Stan Kirsch
Conosciuto per il telefilm "Highlander", si è impiccato nella sua casa di Los Angeles. Sconosciuti i motivi del gesto, ma da oltre 10 anni non riusciva più a trovare lavoro
Axel Foley sta tornando
Axel Foley sta tornando
Per il simpatico agente di polizia che ha dato la notorietà a Eddie Murphy è pronto il quarto capitolo, questa volta diffuso da Netflix
Catherine Deneuve in gravi condizioni
Catherine Deneuve in gravi condizioni
La grande diva francese ricoverata d’urgenza a Parigi: per la famiglia la causa è un momento di forte stress dovuto al super-lavoro. Cautela dei medici