Il premio della pernacchia

| Non solo Oscar: nelle stesse ore delle statuette, da un’altra parte si assegnano i premi alle peggiori interpretazioni e ai film da dimenticare

+ Miei preferiti
Serve qualche giorno, a Hollywood, per riprendersi dalla pioggia di statuette. Ma finita l’euforia (o la delusione), tutti vanno a controllare di non essere finiti nella win-list di un altro premio di cui nessuno parla, ma che tutti temono.

In effetti, puntuali come sempre, ad un giorno di distanza dalla notte degli Oscar, è andato in scena l’appuntamento con i “Razzie Award”, 38esima edizione del premio assegnato dalla “Golden Rasperry” (l’Accademia del Lampore dorato), ai film e gli attori peggiori dell’anno. Opere destinate a passare alla storia per evidente bruttezza o interpretazioni da dimenticare.

Per la verità, quest’anno il materiale non mancava davvero. A trionfare, come peggior pellicola, è stato “Emoji – accendi le emozioni” (The Emoji Movie), film d’animazione diretto da Tony Leondis che pretende di dare vita agli emoji, le faccine degli smartphone ormai usate per comunicare emozioni e stati d’animo. Un vero capolavoro che si porta a casa il titolo di peggior film, peggior regista, peggior sceneggiatura e peggior “combo” (la combinazione di emoji).

Di tutto il rispetto la categoria di attore dell’anno, conquistata da uno degli intoccabili di Hollywood: Tom Cruise. Nel film “La Mummia” (The Mummy), la sua interpretazione di Nick Morton, sergente dell’esercito americano che scoperchia inavvertitamente una tomba maledetta, gli è valsa la pernacchia d’oro. A fare compagnia a Tom, come peggior attore non protagonista, spunta Mel Gibson, un altro mostro sacro di Hollywood, poco convincente in “Daddy’s Home 2”, scombicchierata commedia scomparsa quasi subito dalle sale.

 

Razzie Awards 2018

Peggior film

Emoji! Il film

Baywatch

50 sfumature di grigio

The Mummy

Transformers: L’ultimo cavaliere

Peggior attrice

Tyler Perry, Boo! 2: A Medea Halloween
Katherine Heigl, Unforgettable

Dakota Johnson, 50 sfumature di grigio

Jennifer Lawrence, Madre!

Emma Watson, The Circle

Peggior attore

Tom Cruise, The Mummy

Johnny Depp, Pirati dei Caraibi: La vendetta di Salazar

Jamie Dornan, 50 sfumature di grigio

Zac Efron, Baywatch

Mark Wahlberg, Daddy’s Home 2 e Transformers: L’ultimo cavaliere

Peggior attore non protagonista

Mel Gibson, Daddy’s Home 2

Javier Bardem, Madre! e Pirati dei Caraibi: la vendetta di Salazar

Russell Crowe, The Mummy

Josh Duhamel, Transformers: L’ultimo cavaliere

Anthony Hopkins, Collide e Transformers: L’ultimo cavaliere

Peggior attrice non protagonista

Kim Basinger, 50 sfumature di grigio

Sofia Boutella, The Mummy

Laura Haddock, Transformers: L’ultimo cavaliere

Goldie Hawn, Fottute!

Susan Sarandon, A Bad Moms Christmas

Peggior combinazione

Qualsiasi coppia di emoji odiose, Emoji! Il film

Ogni combinazione di due personaggi, due sex toy o due posizioni sessuali in 50 sfumature di grigio

Ogni combinazione di due umani, due robot o due esplosioni in Transformers: L’ultimo cavaliere

Johnny Depp e le sue mosse da ubriaco in Pirati dei Caraibi: La vendetta di Salazar

Tyler Perry e il suo vestito e la parrucca in Boo! 2: A Madea Halloween

Peggior sequel, remake o svilimento

50 sfumature di grigio

Baywatch

Boo! 2: A Medea Halloween

The Mummy

Transformers: L’ultimo cavaliere

Peggior regista

Anthony (Tony) Leonidis, Emoji! Il film

Darren Aronofsky, Madre!

Michael Bay, Transformers: L’ultimo cavaliere

James Foley, 50 sfumature di grigio

Alex Kurtzman, The Mummy

Peggior sceneggiatura

Emoji! Il film

Baywatch

50 sfumature di grigio

The Mummy

Transformers: L’ultimo cavaliere

Articoli correlati
Cinema
Cannes 2019, fra party e red carpet
Cannes 2019, fra party e red carpet
Un calendario fittissimo di anteprime, con mezza Hollywood attesa sulla scalinata del Palais du Cinema. Un solo italiano in gara, Marco Bellocchio, e Palma d’Oro alla carriera ad Alain Delon
Il fascino del male, la doppia vita del bel Ted
Il fascino del male, la doppia vita del bel Ted
Nelle sale italiane il film sul serial killer Usa Ted Bundy, che uccise decine di donne negli anni '70. Niente effetti splatter, ma un'acuta ricostruzione della personalità attraverso i flashback dell'ultima compagna
'Avengers: endgame', capolavoro o super-cazzola?
Il film Marvel che ha sbancato il botteghino di tutto il mondo fa discutere: dura recensione de Linkiesta ("Fallimento totale") ma per molti lascerà una traccia nella storia. Citazioni per iniziati. Il gioco della memoria
Nicolas Cage, sposato per 4 giorni
Nicolas Cage, sposato per 4 giorni
Matrimonio lampo per l’attore, protagonista di numerose pellicole di grande successo. Preoccupato per un ex compagno della moglie, l’ha sposata e subito chiesto il divorzio
La Manson Family secondo Tarantino
La Manson Family secondo Tarantino
Primo trailer per “Once upon a time in Hollywood”: un’infilata di star per celebrare la capitale mondiale del cinema negli anni Sessanta, con il sangue nel ruolo di comprimario
Escape Room, horror claustrofobico
Escape Room, horror claustrofobico
Dal 14 marzo nelle sale italiane un film dedicato a delle ultime mode globali, l'escape Room, cioè farsi rinchiudere in una serie di locali senza apparenti vie di fuga. In Polonia tre ragazze morirono durante il gioco
È morta Linda Sheridan, star di CSI
È morta Linda Sheridan, star di CSI
L’attrice, 44 anni, è stata ritrovata priva di vita a New Orleans: la polizia non ha ancora confermato le cause della morte, ma la famiglia esclude con forza l’ipotesi del suicidio
Woody Allen contro Jeff Bezos
Woody Allen contro Jeff Bezos
Il regista fa causa al boss di Amazon che gli ha bloccato un film dopo le accuse di abusi in famiglia che sono state però archiviate. Ora vuole un risarcimento di 68 milioni di dollari
Screen Actors Guild Award, le immagini più curiose
Screen Actors Guild Award, le immagini più curiose
Alcune foto dal backstage e dal palco della recentissima cerimonia di consegna dei SAG Awards, l’antipasto dell’ormai imminente notte degli Oscar
#MeToo tricolore, il regista Brizzi assolto
#MeToo tricolore, il regista Brizzi assolto
Comunicato all'Ansa. La procura aveva chiesto l'archiviazione, il Gip l'ha accolta. Finiscono due anni di calvario per il regista messo accusa da alcune attrici che si erano rivolte alle Iene. E ora partono le contro-querele