Johnny English: la spia che si incasinava

| Nel terzo capitolo del “franchise” costola del successo planetario di Mr. Bean, Rowan Aktinson torna nei panni dell’improbabile agente segreto. E questa volta deve combattere con il progresso

+ Miei preferiti
Quando Johnny English è andato in pensione, nessuno ha pensato che sono sempre i migliori, ad andarsene per primi. Anzi, quel giorno l’Mi7, gli immaginari servizi segreti britannici, hanno stappato lo champagne, e pure quello delle grandi occasioni. Ma la sfiga ci vede sempre benissimo, e dopo un attacco informatico che ha svelato l’identità degli agenti sotto copertura, l’unico rimasto in circolazione per scovare gli hacker è ancora lui: Johnny English. Lo strampalato agente segreto di cui Sua Maestà avrebbe fatto volentieri a meno.

È l’incipit di “Johnny English colpisce ancora”, terzo capitolo di una saga pennellata sulla faccia da cartone animato di Rowan Atkinson, nella realtà serissimo signore inglese insignito dalla Regina del titolo di “Sir” e noto collezionista di auto d’epoca, ma per sempre intrappolato nel ruolo che gli ha dato la celebrità: “Mr. Bean”.

Johnny English è una via di mezzo fra Mr. Bean e dell’ispettore Clouseau: rispetto al maldestro ometto britannico parla e non coccola orsacchiotti, ma al pari del collega francese è capace di disastri di portata cosmica. Un cliché che al cinema piace molto e che da sempre viaggia parallelo alle pellicole serie, 007 in testa.

Il primo episodio esce nel 2003, trainato a gran voce dal successo inaspettato di Aktinson nei panni di un immaginario agente segreto nella pubblicità di una carta di credito. È un successo seguito da un secondo capitolo nel 2011: in tutti, la vera protagonista è la goffa fisicità di Johnny, che nel terzo capitolo del ‘franchise’ deve vedersela con un universo “spionesco” che non riconosce più, ormai fatto di gadget, app, realtà avanzata e password. Quanto di meglio per farlo incasinare a mille.

Il risultato è una comicità tipica del “slapstick” – sottogenere comico del cinema muto - in cui la mancanza concreta di contenuti è supportata da gag clownesche - alcuna decisamente più efficace delle altre – che danno soddisfazione a chi cerca un paio d’ore di puro relax, magari condito da qualche sana risata.

Convinto ad entrare in azione per salvare il Regno Unito, English rinuncia alle diavolerie elettroniche più attuali preferendo ributtarsi nei magici anni Ottanta, fatti di cotton-fioc esplosivi e stivali magnetici che ormai non usano neanche più nei circhi equestri. Per carità, alla fine i messaggi e la morale ci sono: il rivale di Johnny è un giovane elettro-canaglia che potrebbe tranquillamente ricordare Mark Zuckerberg, e il rischio di un’economia mondiale dominata dagli algoritmi dei colossi del web sono tutt’altro che una trovata comica.

Al fianco di Aktinson, oltre al comico Ben Miller nei panni del fido collaboratore Bough, anche Emma Thompson in quelli del preoccupatissimo premier inglese e un’autentica “bond-girl”, Olga Kurylenko.

 

LA SCHEDA DEL FILM

Titolo originale:Johnny English Strikes Again

Regia:David Kerr

Sceneggiatura:William Davies

Fotografia:Florian Hoffmeister

Montaggio:Tony Cranstoun, Mark Everson

Effetti speciali:Richard Van Den Bergh

Musiche:Howard Goodall

Scenografia:Simon Bowles

Produttore:Chris Clark

Produzione:StudioCanal, Working Title Films

Distribuzione:Universal Pictures

Durata: 1 h 28

Uscita nelle sale:11 ottobre 2018

 

Personaggi e interpreti

Johnny English – Rowan Aktinson

Angus Bough – Ben Miller

Ophelia – Olga Kurylenko

Primo ministro – Emma Thompson

Jason – Jake Lacy

 

Video
Galleria fotografica
Johnny English: la spia che si incasinava - immagine 1
Johnny English: la spia che si incasinava - immagine 2
Johnny English: la spia che si incasinava - immagine 3
Johnny English: la spia che si incasinava - immagine 4
Johnny English: la spia che si incasinava - immagine 5
Johnny English: la spia che si incasinava - immagine 6
Johnny English: la spia che si incasinava - immagine 7
Johnny English: la spia che si incasinava - immagine 8
Cinema
Muore un attore di «Twilight»
Muore un attore di «Twilight»
Il corpo di Gregory Tyree Boyce trovato insieme alla fidanzata Natalie Adepoju nel loro appartamento di Las Vegas. Secondo alcune indiscrezioni, la polizia avrebbe rinvenuto la presenza di “polvere bianca”
Polanski trionfa ai César fra le proteste
Polanski trionfa ai César fra le proteste
Il regista polacco premiato per il film “J’accuse”, ma la cerimonia guastata da fischi e violente proteste all’esterno della sala
Tom Cruise evacuato da Venezia
Tom Cruise evacuato da Venezia
L’attore era arrivato in città insieme a tutto il cast per girare alcune scene del nuovo capitolo di “Mission: Impossibile”, ma ha preferito ripartire per il Regno Unito
È morto Kirk Douglas
È morto Kirk Douglas
A 103 anni, si è spento l’ultimo di una generazione di grandi attori del “golden age” di Hollywood
Addio all’attore Stan Kirsch
Addio all’attore Stan Kirsch
Conosciuto per il telefilm "Highlander", si è impiccato nella sua casa di Los Angeles. Sconosciuti i motivi del gesto, ma da oltre 10 anni non riusciva più a trovare lavoro
Axel Foley sta tornando
Axel Foley sta tornando
Per il simpatico agente di polizia che ha dato la notorietà a Eddie Murphy è pronto il quarto capitolo, questa volta diffuso da Netflix
Catherine Deneuve in gravi condizioni
Catherine Deneuve in gravi condizioni
La grande diva francese ricoverata d’urgenza a Parigi: per la famiglia la causa è un momento di forte stress dovuto al super-lavoro. Cautela dei medici
L’America dolente di Bruce
L’America dolente di Bruce
Western Stars, prima pellicola che Springsteen firma da regista, raccoglie i brani del suo album omonimo e immagini della West Coast, dove il sogno americano è più vero, ma fa anche più male
Demi Moore, un ritratto intimo
Demi Moore, un ritratto intimo
È in uscita “Inside Out”, l’autobiografia di un’attrice che per lunghi anni è stata una delle regine di Hollywood. Un racconto che parte dall’infanzia, dal tentativo di suicidio della mamma e da uno stupro subito a 15 anni
È morto Carlo Delle Piane
È morto Carlo Delle Piane
L’attore romano, 83 anni, si è spento a Roma: una carriera iniziata per caso, con 110 film interpretati al fianco dei più grandi attori e registi