L’America dolente di Bruce

| Western Stars, prima pellicola che Springsteen firma da regista, raccoglie i brani del suo album omonimo e immagini della West Coast, dove il sogno americano è più vero, ma fa anche più male

+ Miei preferiti
Di Germano Longo
Quarant’anni di carriera, 33 album venduti in 120 milioni di copie in tutto il mondo, 20 Grammy, un Oscar, un Tony Award e il Kennedy Center Honor per il contributo dato alla diffusione della cultura americana. L’esistenza di Bruce Springsteen, “The Boss”, parla da sola: è già leggenda. Lui è un figlio del New Jersey e dell’America operaia della middle class, quella poco autorizzata a sognare: Douglas, il padre, cambia mestiere con la stessa velocità con cui li perde, mentre mamma Adele, sangue italiano, si tiene stretto quello di segretaria. La vita di Bruce, dice la leggenda, cambia del tutto una sera del settembre 1955, quando all’Ed Sullivan Show, in tv, vede per la prima volta Elvis Presley e capisce in quel momento che la musica è quel che conta, e conterà sempre. Nel 1975 esce “Born tu Run”, l’ossatura della scena rock per gli anni a venire, e un successo che supera in fretta i confini nebbiosi del New Jersey per arrivare ovunque.

Bruce diventa uno dei simboli dell’America, paese immenso che da allora dipinge in ballad malinconiche e dolenti, alternate a brani che sprizzano energia. Ma è il suo personaggio, da perfetto antidivo, a completare la celebrità: niente gossip, niente paradisi sintetici, nessuna esagerazione o sbruffonate da vaccaro arricchito. Nel 1991 sposa Patty Scialfa, corista della sua “E Street Band” e con lei mette al mondo tre figli: un solo tentennamento, quando in crisi con Patty, Bruce sposa la modella Julianne Phillips, da cui divorzia poco tempo dopo per tornare a casa.

Da pochi mesi, alla discografia di Bruce si è aggiunto l’ennesimo capitolo: “Western Stars”, nuovo lavoro, arrivato a cinque anni di distanza da “High Hopes”. Ancora una volta, un potente e profondo ritratto dell’America, ma con i riflettori puntati verso la West Coast, con le lezioni di Steinbeck, Ferlinghetti e Kerouac in prima fila: 13 tracce che raccontano di stunt-man, di cow-boy e di altri uomini, tutti perdenti, smarriti, vecchi e sfiancati dalla vita, pennellati con una sapienza di testi che toccano le maglie delle emozioni e melodie che restano impigliate all’anima di tutti, anche di chi non è nato in America ma in qualche modo ne è figlio, anche solo per meriti televisivi e cinematografici.

A 70 anni, di fronte al suo Paese che sembra sempre più diviso da politiche ottuse e cattiverie ad ammorbare l’aria, Bruce si toglie lo sfizio di provare a ricompattare un popolo smarrito con la musica. Ma lo fa inventandosi regista, per trasferire i paesaggi e gli ideali di “Western Stars” su pellicola. Il suo è un docu-film girato con la collaborazione di Thom Zimny: un’ode all’Ovest, la terra dei pionieri e dei sognatori, con il contrappunto delle 13 tracce del suo album, forse uno dei più intensi della sua carriera infinita. Ottantatré minuti che scorrono veloci, alternando Bruce dal vivo, mentre suona con la sua band, la moglie Patty e un’orchestra di 30 elementi nel fienile di “Colts Neck”, la sua residenza nel New Jersey, ma che passano anche dal parco “Joshua Tree”, con immagini private e inquadrature suggestive piene di luci e ombre della California. La culla di quel sogno americano oggi un po’ ammaccato, ma ancora pieno di speranze.

Video
Galleria fotografica
L’America dolente di Bruce - immagine 1
L’America dolente di Bruce - immagine 2
L’America dolente di Bruce - immagine 3
L’America dolente di Bruce - immagine 4
L’America dolente di Bruce - immagine 5
L’America dolente di Bruce - immagine 6
L’America dolente di Bruce - immagine 7
L’America dolente di Bruce - immagine 8
L’America dolente di Bruce - immagine 9
Cinema
Axel Foley sta tornando
Axel Foley sta tornando
Per il simpatico agente di polizia che ha dato la notorietà a Eddie Murphy è pronto il quarto capitolo, questa volta diffuso da Netflix
Catherine Deneuve in gravi condizioni
Catherine Deneuve in gravi condizioni
La grande diva francese ricoverata d’urgenza a Parigi: per la famiglia la causa è un momento di forte stress dovuto al super-lavoro. Cautela dei medici
Demi Moore, un ritratto intimo
Demi Moore, un ritratto intimo
È in uscita “Inside Out”, l’autobiografia di un’attrice che per lunghi anni è stata una delle regine di Hollywood. Un racconto che parte dall’infanzia, dal tentativo di suicidio della mamma e da uno stupro subito a 15 anni
È morto Carlo Delle Piane
È morto Carlo Delle Piane
L’attore romano, 83 anni, si è spento a Roma: una carriera iniziata per caso, con 110 film interpretati al fianco dei più grandi attori e registi
Il cupo profeta e filosofo di Easy Rider
Il cupo profeta e filosofo di Easy Rider
Cannes 2019, fra party e red carpet
Cannes 2019, fra party e red carpet
Un calendario fittissimo di anteprime, con mezza Hollywood attesa sulla scalinata del Palais du Cinema. Un solo italiano in gara, Marco Bellocchio, e Palma d’Oro alla carriera ad Alain Delon
Il fascino del male, la doppia vita del bel Ted
Il fascino del male, la doppia vita del bel Ted
Nelle sale italiane il film sul serial killer Usa Ted Bundy, che uccise decine di donne negli anni '70. Niente effetti splatter, ma un'acuta ricostruzione della personalità attraverso i flashback dell'ultima compagna
'Avengers: endgame', capolavoro o super-cazzola?
Il film Marvel che ha sbancato il botteghino di tutto il mondo fa discutere: dura recensione de Linkiesta ("Fallimento totale") ma per molti lascerà una traccia nella storia. Citazioni per iniziati. Il gioco della memoria
Nicolas Cage, sposato per 4 giorni
Nicolas Cage, sposato per 4 giorni
Matrimonio lampo per l’attore, protagonista di numerose pellicole di grande successo. Preoccupato per un ex compagno della moglie, l’ha sposata e subito chiesto il divorzio
La Manson Family secondo Tarantino
La Manson Family secondo Tarantino
Primo trailer per “Once upon a time in Hollywood”: un’infilata di star per celebrare la capitale mondiale del cinema negli anni Sessanta, con il sangue nel ruolo di comprimario