1.600 prelievi del Dna per trovare un omicida

| La procura di Moenchengladbach ha ordinato uno screening degli abitanti maschi di Grevenbroich, in Germania, per riuscire a dare un volto e un nome all’assassino di Claudia Ruf, 11enne violentata e uccisa nel 1996

+ Miei preferiti
Sono passati più 23 anni dal 13 maggio 1996, il giorno in cui in una stradina a ridosso di un’autostrada fu ritrovato il corpo martoriato di Claudia Ruf, una ragazzina di 11 anni svanita nel nulla due giorni prima da Grevenbroich. Fu l’autopsia a gettare un’ombra inquietante sul delitto: la piccola era stata violentata, strangolata e il corpo dato alle fiamme.

Le indagini non portarono a nulla, mentre la vicenda era riuscita a commuovere la Germania intera: eppure una dopo l’altra si smontano piste, segnalazioni, testimoni e impronte, senza poter mai arrivare all’assassino. Le indicazioni forensi lasciano solo poche certezze da cui partire: l’assassino è un uomo, un adulto, facilmente qualcuno che Claudia conosceva e di cui si fidava. Indicazioni che stringono il cerchio, ma ancora una volta non abbastanza.

Col tempo, quello di Claudia Ruf diventa un “cold case” in piena regola, malgrado la polizia non abbia smesso di cercare la verità per assicurare alla giustizia il colpevole. E dagli archivi, proprio in questi giorni, il caso della ragazzina 11enne brutalmente uccisa è tornato sulle prime pagine dei media tedeschi per un’iniziativa clamorosa: un prelievo di massa del Dna di 1.600 uomini, che all’epoca dei fatti avevano fra i 14 ed i 70 anni, costretti a presentarsi in un’ala appositamente predisposta all’interno della scuola elementare di Grevenbroich per lasciare un campione di saliva su un tampone. A volerlo la procura di Moenchengladbach, che ha motivato lo screening con la necessità di confutare “alcuni nuovi indizi” resi possibili dalle nuove tecniche di medicina forense, che potrebbero finalmente dare le risposte che mancano da 23 anni. A questo, è stato aggiunto un premio di 5.000 euro a chi sarà in grado di fornire indicazioni. La polizia ha dichiarato di conoscere motivo per cui il cadavere era stato portato nella zona di Euskirchen, nel Nordreno, Vestfalia, a poca distanza da Bonn, ma per “tattica investigativa” al momento preferisce non rivelarlo.

A quanto si apprende, la popolazione ha accolto l’invito della procura tedesca di buon occhio, anche se qualcuno ricorda che già nel 2010 era stato organizzato un primo screening, questa volta limitato a 350 persone, che non aveva portato a nulla.

Cold Case
Ritrovato il corpo di una ragazza scomparsa 10 anni prima
Ritrovato il corpo di una ragazza scomparsa 10 anni prima
Un cacciatore si è imbattuto in un teschio che dagli esami risulta appartenere a Paige Johnson, una 17enne svanita nel nulla nel 2010. Il sollievo della famiglia: “Almeno possiamo seppellirla”
Il mostro delle Ardenne confessa un altro omicidio
Il mostro delle Ardenne confessa un altro omicidio
Michel Fourniret, uno dei più feroci serial killer francesi, ha rivelato di aver ucciso la piccola Estelle, protagonista di un caso di cronaca che tenne il Paese con il fiato sospeso
L’America in ansia per Gannon Stauch, 11 anni
L’America in ansia per Gannon Stauch, 11 anni
È scomparso a fine gennaio dalla sua abitazione a Colorado Springs: centinaia di volontari lo cercano giorno e notte, mentre i sospetti si concentrano sulla matrigna
Chicago, sulle tracce del serial killer invisibile
Chicago, sulle tracce del serial killer invisibile
La polizia è convinta che fra gli anni ’70 e’80, Bruce Lindah abbia ucciso decine di giovani donne, ma nel tempo nessuno l’ha mai sospettato di nulla. Come è stato possibile?
Maddie non tornerà più
Maddie non tornerà più
Ne è convinto un esperto detective inglese, che considera il caso della piccola inglese irrisolvibile. Una sensitiva afferma invece di sapere che Maddie è viva, accolta da una famiglia tedesca ignara di tutto
Ha un nome il cadavere della grotta dell’Idaho
Ha un nome il cadavere della grotta dell’Idaho
Il corpo fatto a pezzi, ritrovato nel 1979, è quello di Joseph Henry Loveless, condannato per l’omicidio della moglie. L’identificazione grazie alle nuove tecniche forensi
Mezzo secolo dopo, risolto il rapimento di Paul Fronczak
Mezzo secolo dopo, risolto il rapimento di Paul Fronczak
In uno dei più celebri casi di sequestro di minori d'America, il bimbo era sparito dall’ospedale poche ore dopo la nascita. Da lì, la vicenda ha preso strade strane e diverse, fino alla soluzione, pochi giorni fa
La misteriosa scomparsa di Tara Calico
La misteriosa scomparsa di Tara Calico
Una giovane del New Mexico svanisce nel nulla 31 anni fa: la vicenda diventa un mistero con il ritrovamento di alcune fotografie agghiaccianti. Ancora oggi, una squadra dell’FBI continua a cercarla
Corea del Sud: individuato il serial killer delle donne
Corea del Sud: individuato il serial killer delle donne
L’uomo, che sta scontando l’ergastolo, avrebbe confessato una lunga serie di omicidi. Ma per la legge sulla prescrizione non dovrà risponderne
Riaperto il caso del killer dei bambini di Atlanta
Riaperto il caso del killer dei bambini di Atlanta
Fra il 1979 ed il 1981, la capitale della Georgia fa da sfondo agli omicidi seriali di 25 bambini. Wayne Williams fu condannato soltanto per due: per tutti gli altri manca ancora la verità