Altri 18 casi per il pedofilo accusato di aver rapito Maddie

| Sono avvenuti nell’arco di sei anni nella zona dell’Algarve, la stessa da dove è scomparsa la piccola inglese. Polemiche per la polizia, accusata di aver impiegato 13 anni a trovare la pista giusta

+ Miei preferiti
Si stringe sempre di più, il cerchio intorno a Christian Bruckner, l’uomo di origine tedesca sospettato di essere l’autore del sequestro - e probabilmente della morte - di Maddie McCann, la piccola inglese scomparsa nel 2007 da un villaggio vacanze in Portogallo.

Quella della polizia è una vera corsa contro il tempo, nel tentativo di mettere insieme le prove sufficienti alle norme della giustizia tedesca per arrivare ad un processo, ma è anche una polemica che si sta abbattendo sulle forze dell’ordine, che hanno impiegato 13 anni per individuare il nome che sembra portare alla soluzione del mistero. La polizia portoghese, più volte accusata di eccessiva inerzia, si difende affermando che nessuno aveva mai segnalato il passato violento di Bruckner.

Il nuovo caso che si aggiunge alla lunga scia del pedofilo tedesco riguarda l’aggressione di una bambina britannica di 10 anni avvenuto proprio a Praia da Luz due anni prima della scomparsa di Madeleine McCann. Hans Christian Wolters, procuratore a capo delle indagini, ha confermato l’invio della richiesta alla polizia portoghese dei verbali e dei dettagli dell’aggressione. La richiesta delle autorità tedesche fa seguito ai sospetti che Bruckner possa essere responsabile di altre 18 aggressioni avvenute lungo la costa dell’Algarve nell’arco di sei anni.

Sul fronte delle indagini su Maddie McCann, i pubblici ministeri tedeschi non escludono che la bimba potrebbe essere ancora viva: secondo il procuratore Hans Wolters al momento non esistono prove che indichino il contrario. Affermazioni che stridono con quanto affermato da diversi funzionari delle forze dell’ordine, convinti che Maddie sia stata uccisa. Il pubblico ministero ha aggiunto che in Germania è normale in circostanze simili presumere di essere di fronte ad un caso di omicidio. Al momento della scomparsa di Madeline, Brueckner viveva a Praia da Luz, e il suo passato criminale in Germania non era noto ai detective che indagavano.

A pesare sono le affermazioni dell’ex fidanzata inglese di Bruckner, che ricorda una frase agghiacciante pronunciata dall’uomo il giorno prima della scomparsa di Maddie: “Ho un lavoro orribile da fare domani a Praia da Luz. Qualcosa che cambierà la mia vita: non mi vedrai per un po’”.

Galleria fotografica
Altri 18 casi per il pedofilo accusato di aver rapito Maddie - immagine 1
Cold Case
«So dov’è sepolta Maddie»
«So dov’è sepolta Maddie»
Michael Schneider, il sensitivo tedesco che ha indicato i punti in cui la polizia ha ritrovato i corpi dei coniugi Neumair, afferma di aver fornito le coordinate del luogo in cui sarebbe stata sepolta la piccola inglese scomparsa nel 2007
Il mistero dell’uomo di Somerton
Il mistero dell’uomo di Somerton
Sta forse per essere risolto un giallo inestricabile lungo 70 anni: un uomo ritrovato senza vita su una spiaggia nel 1948 a cui non è mai stato possibile dare un nome
Il prete assassino (che non sconterà nessuna pena)
Il prete assassino (che non sconterà nessuna pena)
Nuove prove hanno permesso alla polizia di inchiodare l’ex sacerdote Richard R. Lavigne, accusato di aver ucciso mezzo secolo fa il 13enne Daniel Croteau
Svolta nel caso della piccola Maddie
Svolta nel caso della piccola Maddie
La polizia tedesca sarebbe riuscita a provare la presenza di Christain Brueckner in Portogallo negli stessi giorni in cui la piccola è scomparsa. Ma non basta ancora per accusarlo formalmente
L’assassino di Evelyn, uccisa nel 1979
L’assassino di Evelyn, uccisa nel 1979
Un uomo di 64 anni individuato grazie alle nuove tecniche forensi: una traccia del Dna lasciato su una manica del cappotto della vittima ha permesso di dare un nome all’omicida
Nuove prove sulla morte di Khashoggi
Nuove prove sulla morte di Khashoggi
Diversi documenti “Top Secret” dimostrano che la squadra assassini del giornalista hanno utilizzato aerei di una compagnia che apparteneva al principe saudita MBS
È morto Samuel Litte, il serial killer più prolifico d’America
È morto Samuel Litte, il serial killer più prolifico d’America
Aveva 80 anni e dal 2014 stava scontando 3 ergastoli, ma si era autoaccusato dell’omicidio di 93 donne. Attraverso le sue confessioni l’FBI ha risolto oltre 50 casi insoluti
Risolto il cifrario del Killer dello Zodiaco
Risolto il cifrario del Killer dello Zodiaco
Dopo 51 anni, tre codebreaker amatoriali sono riusciti a venire a capo di uno dei messaggi più oscuri del serial killer californiano, il “cifrario 340”. Purtroppo, non conteneva indicazioni utili per svelarne l’identità
Il più celebre serial killer sudcoreano confessa
Il più celebre serial killer sudcoreano confessa
Al suo posto era stato accusato un innocente che ha scontato 20 anni di galera. Lee Chung-jae ha ammesso i 14 omicidi di donne e si è detto sorpreso: era convinto che la polizia l’avrebbe fermato molto prima
Dopo 36 anni risolto il cold case di Jonelle Matthews
Dopo 36 anni risolto il cold case di Jonelle Matthews
Un anno fa il ritrovamento dei resti della ragazzina scomparsa in Colorado pochi giorni prima del Natele del 1984. Gli esami e la comparazione dei dati hanno portato all’arresto dell’ex pastore della chiesa che la famiglia frequentava