Caso Maddie: trovato il rifugio segreto di Brueckner

| Sepolti in una fabbrica abbandonata hard disk e chiavette usb che contengono oltre 8000 immagini foto e video. Cautela degli inquirenti, anche se la speranza è di essere vicini alla svolta del caso

+ Miei preferiti
Nelle scorse ore, il procuratore tedesco Hans Christian Wolters era stato costretto a fare un passo indietro, l’ennesima beffa nella vicenda mai chiarita della scomparsa della bimba inglese Maddie McCann. “Bisogna essere realistici: potremmo non riuscire a trovare le prove per incriminare Christian Brueckner”, il pedofilo principale sospettato dalla sparizione e della presunta morte della piccola.

Ma ora, un video mandato in onda da un programma televisivo australiano, potrebbe riaccendere le speranze degli inquirenti di trovare prove sufficienti per passare dai sospetti alle accuse formali che inchioderebbero Brueckner, attualmente ospite delle carceri tedesche dove sta scontando una condanna per stupro, ma in procinto di essere rilasciato.

La polizia avrebbe rinvenuto oltre 8.000 fra foto e immagini video conservate su hard disk e chiavette Usb in quello che secondo molti sarebbe il “rifugio segreto” del pedofilo 43enne che nel 2007, anno della scomparsa di Maddie, viveva a pochi passi dal resort di Praia da Luz, nell’Algarve, in Portogallo.

La scoperta potrebbe portare a “indizi vitali” per arrivare finalmente ad una soluzione del caso che ha commosso il mondo intero. Il materiale, al momento al vaglio degli inquirenti, era sepolto all’interno di una fabbrica abbandonata e ha riacceso le caute speranze del procuratore Wolters: “Al momento non sono autorizzato a commentare la notizia, quindi non sono in grado di dire se ci sono immagini di Madeleine. Ma ribadisco che abbiamo prove concrete che il sospettato abbia ucciso la piccola Maddie: ai genitori è stato riferito che la polizia tedesca ha le prove del suo decesso, ma non abbiamo comunicato loro i dettagli”.

Il filmato mostra gli agenti mentre fanno irruzione all’interno di un fabbricato fatiscente nei dintorni di Neuwegersleben, in Germania. Gli agenti avrebbero rinvenuto anche un vecchio camper al cui interno sono stati trovati costumi da bagno che si pensa possano appartenere alle vittime del pedofilo, oltre a Maddie sospettato di aver fatto sparire anche altri bimbi come Inga Gehricke, svanita nel nulla nel 2015 durante una festa.

Cold Case
Dopo 36 anni risolto il cold case di Jonelle Matthews
Dopo 36 anni risolto il cold case di Jonelle Matthews
Un anno fa il ritrovamento dei resti della ragazzina scomparsa in Colorado pochi giorni prima del Natele del 1984. Gli esami e la comparazione dei dati hanno portato all’arresto dell’ex pastore della chiesa che la famiglia frequentava
Nicole Brown Simpson, diario una morte annunciata
Nicole Brown Simpson, diario una morte annunciata
Un documentario che presto arriverà in tutto il mondo ha scelto di basarsi sui diari segreti della moglie di OJ Simpson, mai utilizzati durante il processo. Una sequenza infinita di violenze e minacce
Caso Maddie, la polizia scava in un giardino ad Hannover
Caso Maddie, la polizia scava in un giardino ad Hannover
Si trova all’interno di un’ex residenza di Christian Brueckner, il principale sospettato. Sul posto ruspe, cani poliziotto e agenti della scientifica
Quasi risolto il caso di Maddie McCann
Quasi risolto il caso di Maddie McCann
Lo dice il padre dell’ex fidanzata del principale sospettato Christian Brueckner, interrogato per capire il coinvolgimento della donna nel sequestro e la probabile morte della bimba inglese
Maddie, avviate le ricerche del corpo
Maddie, avviate le ricerche del corpo
La polizia sta passando la setaccio diversi pozzi nella zona dell'Algarve dove si sospetta potrebbe trovarsi il corpicino della bimba inglese scomparsa nel nulla 13 anni fa
Scomparsa di Maddie: l’ora delle polemiche
Scomparsa di Maddie: l’ora delle polemiche
L’ex capo della polizia portoghese che per primo aveva indagato sulla scomparsa della bimba inglese torna ad accusare la famiglia. Ma un ex compagno di cella inguaia sempre di più Brueckner
Altri 18 casi per il pedofilo accusato di aver rapito Maddie
Altri 18 casi per il pedofilo accusato di aver rapito Maddie
Sono avvenuti nell’arco di sei anni nella zona dell’Algarve, la stessa da dove è scomparsa la piccola inglese. Polemiche per la polizia, accusata di aver impiegato 13 anni a trovare la pista giusta
Le prove sul killer di Maddie non sono sufficienti
Le prove sul killer di Maddie non sono sufficienti
Lo dice la procura tedesca, aggiungendo che la giustizia un processo per omicidio può avvenire solo in presenza di prove inconfutabili
Maddie caduta nelle mani di un serial killer
Maddie caduta nelle mani di un serial killer
Come per il caso della piccola Maelys, spunta lentamente il passato dell’uomo sospettato di aver rapito e ucciso la bimba inglese. Dovrà rispondere di altre due sparizioni di bambini, ma si teme sia solo l’inizio
Ha un nome il rapitore di Maddie
Ha un nome il rapitore di Maddie
Christian Brueckner, 17 condanne per pedofilia, viveva a pochi km dal resort in Portogallo da dove è sparita la bimba, ma il suo nome è entrato da poco nei fascicoli d’indagine