Caso Maddie: trovato il rifugio segreto di Brueckner

| Sepolti in una fabbrica abbandonata hard disk e chiavette usb che contengono oltre 8000 immagini foto e video. Cautela degli inquirenti, anche se la speranza è di essere vicini alla svolta del caso

+ Miei preferiti
Nelle scorse ore, il procuratore tedesco Hans Christian Wolters era stato costretto a fare un passo indietro, l’ennesima beffa nella vicenda mai chiarita della scomparsa della bimba inglese Maddie McCann. “Bisogna essere realistici: potremmo non riuscire a trovare le prove per incriminare Christian Brueckner”, il pedofilo principale sospettato dalla sparizione e della presunta morte della piccola.

Ma ora, un video mandato in onda da un programma televisivo australiano, potrebbe riaccendere le speranze degli inquirenti di trovare prove sufficienti per passare dai sospetti alle accuse formali che inchioderebbero Brueckner, attualmente ospite delle carceri tedesche dove sta scontando una condanna per stupro, ma in procinto di essere rilasciato.

La polizia avrebbe rinvenuto oltre 8.000 fra foto e immagini video conservate su hard disk e chiavette Usb in quello che secondo molti sarebbe il “rifugio segreto” del pedofilo 43enne che nel 2007, anno della scomparsa di Maddie, viveva a pochi passi dal resort di Praia da Luz, nell’Algarve, in Portogallo.

La scoperta potrebbe portare a “indizi vitali” per arrivare finalmente ad una soluzione del caso che ha commosso il mondo intero. Il materiale, al momento al vaglio degli inquirenti, era sepolto all’interno di una fabbrica abbandonata e ha riacceso le caute speranze del procuratore Wolters: “Al momento non sono autorizzato a commentare la notizia, quindi non sono in grado di dire se ci sono immagini di Madeleine. Ma ribadisco che abbiamo prove concrete che il sospettato abbia ucciso la piccola Maddie: ai genitori è stato riferito che la polizia tedesca ha le prove del suo decesso, ma non abbiamo comunicato loro i dettagli”.

Il filmato mostra gli agenti mentre fanno irruzione all’interno di un fabbricato fatiscente nei dintorni di Neuwegersleben, in Germania. Gli agenti avrebbero rinvenuto anche un vecchio camper al cui interno sono stati trovati costumi da bagno che si pensa possano appartenere alle vittime del pedofilo, oltre a Maddie sospettato di aver fatto sparire anche altri bimbi come Inga Gehricke, svanita nel nulla nel 2015 durante una festa.

Cold Case
«So dov’è sepolta Maddie»
«So dov’è sepolta Maddie»
Michael Schneider, il sensitivo tedesco che ha indicato i punti in cui la polizia ha ritrovato i corpi dei coniugi Neumair, afferma di aver fornito le coordinate del luogo in cui sarebbe stata sepolta la piccola inglese scomparsa nel 2007
Il mistero dell’uomo di Somerton
Il mistero dell’uomo di Somerton
Sta forse per essere risolto un giallo inestricabile lungo 70 anni: un uomo ritrovato senza vita su una spiaggia nel 1948 a cui non è mai stato possibile dare un nome
Il prete assassino (che non sconterà nessuna pena)
Il prete assassino (che non sconterà nessuna pena)
Nuove prove hanno permesso alla polizia di inchiodare l’ex sacerdote Richard R. Lavigne, accusato di aver ucciso mezzo secolo fa il 13enne Daniel Croteau
Svolta nel caso della piccola Maddie
Svolta nel caso della piccola Maddie
La polizia tedesca sarebbe riuscita a provare la presenza di Christain Brueckner in Portogallo negli stessi giorni in cui la piccola è scomparsa. Ma non basta ancora per accusarlo formalmente
L’assassino di Evelyn, uccisa nel 1979
L’assassino di Evelyn, uccisa nel 1979
Un uomo di 64 anni individuato grazie alle nuove tecniche forensi: una traccia del Dna lasciato su una manica del cappotto della vittima ha permesso di dare un nome all’omicida
Nuove prove sulla morte di Khashoggi
Nuove prove sulla morte di Khashoggi
Diversi documenti “Top Secret” dimostrano che la squadra assassini del giornalista hanno utilizzato aerei di una compagnia che apparteneva al principe saudita MBS
È morto Samuel Litte, il serial killer più prolifico d’America
È morto Samuel Litte, il serial killer più prolifico d’America
Aveva 80 anni e dal 2014 stava scontando 3 ergastoli, ma si era autoaccusato dell’omicidio di 93 donne. Attraverso le sue confessioni l’FBI ha risolto oltre 50 casi insoluti
Risolto il cifrario del Killer dello Zodiaco
Risolto il cifrario del Killer dello Zodiaco
Dopo 51 anni, tre codebreaker amatoriali sono riusciti a venire a capo di uno dei messaggi più oscuri del serial killer californiano, il “cifrario 340”. Purtroppo, non conteneva indicazioni utili per svelarne l’identità
Il più celebre serial killer sudcoreano confessa
Il più celebre serial killer sudcoreano confessa
Al suo posto era stato accusato un innocente che ha scontato 20 anni di galera. Lee Chung-jae ha ammesso i 14 omicidi di donne e si è detto sorpreso: era convinto che la polizia l’avrebbe fermato molto prima
Dopo 36 anni risolto il cold case di Jonelle Matthews
Dopo 36 anni risolto il cold case di Jonelle Matthews
Un anno fa il ritrovamento dei resti della ragazzina scomparsa in Colorado pochi giorni prima del Natele del 1984. Gli esami e la comparazione dei dati hanno portato all’arresto dell’ex pastore della chiesa che la famiglia frequentava