Caso Ragusa, nuovi sospetti sul marito

| Due fotografi videro nel 2013 Antonio Logli gettare in un cassonetto lontano da casa degli scatoloni. Furono avvertiti anche i carabinieri. Mistero sul contenuto

+ Miei preferiti

di MARIA LOPEZ

E’ quasi un colpo di scena. Nel 2013 Antonio Logli, presunto assassino della moglie Roberta Ragusa, fu fotografato mentre gettava grossi scatoloni in un cassonetto dei rifiuti distante circa dieci chilometri dalla sua abitazione vicino alla casa di Sara Calzolaio, ex baby-sitter di famiglia, poi amante di quest’ultimo e sua attuale convivente nella villetta di famiglia. Due fotografi avevano notato lo strano comportamento dell’uomo.  A Quarto Grado è andato in onda l’audio del fotografo che avvertì i carabinieri. Resta il dubbio su cosa avessero contenuto quei "grossi contenitori di cartone", del tipo utilizzato per i traslochi. Dopo sette anni dalla scomparsa di Roberta nella notte tra il 12 e il 13 gennaio 2012, il marito è stato condannato anche in appello a 20 anni di carcere, accusato di omicidio volontario e distruzione di cadavere, anche se il corpo della donna non è mai stato trovato. La condanna a 20 anni in primo grado risale al 21 dicembre 2016, con rito abbreviato, confermata poi anche in Appello nel maggio 2018. Nonostante le due condanne è in libertà con l’obbligo di residenza a San Giuliano Terme da dove non può allontanarsi dalle 22 alle 6 di mattina.

L'amante di Logli, Sara Calzolaio


 

Forse gli scatoloni contenevano alcuni oggetti, vestiti e documenti della moglie scomparsa. I figli però difendono il padre a spada tratta e lo ritengono innocente. Hanno testimoniato in Tribunale che quella notte, a differenza di quanto sostiene l’accusa, non ci fu alcuna lite tra i genitori, che la madre aveva dato loro la buonanotte in modo “particolarmente” affettuoso e quella fu l’ultima volta volta che la videro. Roberta sarebbe fuggita indossando solo il famoso pigiama rosso e le ciabette, senza soldi né cellulare e lasciando sul tavolo della cucina la lista della spesa da fare l'indomani. Di certo aveva scoperto la relazione cladestina tra il marito e la baby-sitter. Un testo vide Logli discutere animatamente con una donna, proprio quella notte, fatto decisivo poi per la condanna. Secondo i giudici, il movente del delitto fu determinato anche per ragioni finanziarie. Logli temeva che una sperazione gli potesse pregiudicaro il possesso di beni immobili ma anche la titolarità della scuola guida dove etrambi lavoravano.  

 

Galleria fotografica
Caso Ragusa, nuovi sospetti sul marito - immagine 1
Caso Ragusa, nuovi sospetti sul marito - immagine 2
Caso Ragusa, nuovi sospetti sul marito - immagine 3
Caso Ragusa, nuovi sospetti sul marito - immagine 4
Caso Ragusa, nuovi sospetti sul marito - immagine 5
Caso Ragusa, nuovi sospetti sul marito - immagine 6
Caso Ragusa, nuovi sospetti sul marito - immagine 7
Caso Ragusa, nuovi sospetti sul marito - immagine 8
Caso Ragusa, nuovi sospetti sul marito - immagine 9
Cold Case
L’assassino di Evelyn, uccisa nel 1979
L’assassino di Evelyn, uccisa nel 1979
Un uomo di 64 anni individuato grazie alle nuove tecniche forensi: una traccia del Dna lasciato su una manica del cappotto della vittima ha permesso di dare un nome all’omicida
Nuove prove sulla morte di Khashoggi
Nuove prove sulla morte di Khashoggi
Diversi documenti “Top Secret” dimostrano che la squadra assassini del giornalista hanno utilizzato aerei di una compagnia che apparteneva al principe saudita MBS
È morto Samuel Litte, il serial killer più prolifico d’America
È morto Samuel Litte, il serial killer più prolifico d’America
Aveva 80 anni e dal 2014 stava scontando 3 ergastoli, ma si era autoaccusato dell’omicidio di 93 donne. Attraverso le sue confessioni l’FBI ha risolto oltre 50 casi insoluti
Risolto il cifrario del Killer dello Zodiaco
Risolto il cifrario del Killer dello Zodiaco
Dopo 51 anni, tre codebreaker amatoriali sono riusciti a venire a capo di uno dei messaggi più oscuri del serial killer californiano, il “cifrario 340”. Purtroppo, non conteneva indicazioni utili per svelarne l’identità
Il più celebre serial killer sudcoreano confessa
Il più celebre serial killer sudcoreano confessa
Al suo posto era stato accusato un innocente che ha scontato 20 anni di galera. Lee Chung-jae ha ammesso i 14 omicidi di donne e si è detto sorpreso: era convinto che la polizia l’avrebbe fermato molto prima
Dopo 36 anni risolto il cold case di Jonelle Matthews
Dopo 36 anni risolto il cold case di Jonelle Matthews
Un anno fa il ritrovamento dei resti della ragazzina scomparsa in Colorado pochi giorni prima del Natele del 1984. Gli esami e la comparazione dei dati hanno portato all’arresto dell’ex pastore della chiesa che la famiglia frequentava
Nicole Brown Simpson, diario una morte annunciata
Nicole Brown Simpson, diario una morte annunciata
Un documentario che presto arriverà in tutto il mondo ha scelto di basarsi sui diari segreti della moglie di OJ Simpson, mai utilizzati durante il processo. Una sequenza infinita di violenze e minacce
Caso Maddie, la polizia scava in un giardino ad Hannover
Caso Maddie, la polizia scava in un giardino ad Hannover
Si trova all’interno di un’ex residenza di Christian Brueckner, il principale sospettato. Sul posto ruspe, cani poliziotto e agenti della scientifica
Quasi risolto il caso di Maddie McCann
Quasi risolto il caso di Maddie McCann
Lo dice il padre dell’ex fidanzata del principale sospettato Christian Brueckner, interrogato per capire il coinvolgimento della donna nel sequestro e la probabile morte della bimba inglese
Maddie, avviate le ricerche del corpo
Maddie, avviate le ricerche del corpo
La polizia sta passando la setaccio diversi pozzi nella zona dell'Algarve dove si sospetta potrebbe trovarsi il corpicino della bimba inglese scomparsa nel nulla 13 anni fa