Caso Ragusa, nuovi sospetti sul marito

| Due fotografi videro nel 2013 Antonio Logli gettare in un cassonetto lontano da casa degli scatoloni. Furono avvertiti anche i carabinieri. Mistero sul contenuto

+ Miei preferiti

di MARIA LOPEZ

E’ quasi un colpo di scena. Nel 2013 Antonio Logli, presunto assassino della moglie Roberta Ragusa, fu fotografato mentre gettava grossi scatoloni in un cassonetto dei rifiuti distante circa dieci chilometri dalla sua abitazione vicino alla casa di Sara Calzolaio, ex baby-sitter di famiglia, poi amante di quest’ultimo e sua attuale convivente nella villetta di famiglia. Due fotografi avevano notato lo strano comportamento dell’uomo.  A Quarto Grado è andato in onda l’audio del fotografo che avvertì i carabinieri. Resta il dubbio su cosa avessero contenuto quei "grossi contenitori di cartone", del tipo utilizzato per i traslochi. Dopo sette anni dalla scomparsa di Roberta nella notte tra il 12 e il 13 gennaio 2012, il marito è stato condannato anche in appello a 20 anni di carcere, accusato di omicidio volontario e distruzione di cadavere, anche se il corpo della donna non è mai stato trovato. La condanna a 20 anni in primo grado risale al 21 dicembre 2016, con rito abbreviato, confermata poi anche in Appello nel maggio 2018. Nonostante le due condanne è in libertà con l’obbligo di residenza a San Giuliano Terme da dove non può allontanarsi dalle 22 alle 6 di mattina.

L'amante di Logli, Sara Calzolaio


 

Forse gli scatoloni contenevano alcuni oggetti, vestiti e documenti della moglie scomparsa. I figli però difendono il padre a spada tratta e lo ritengono innocente. Hanno testimoniato in Tribunale che quella notte, a differenza di quanto sostiene l’accusa, non ci fu alcuna lite tra i genitori, che la madre aveva dato loro la buonanotte in modo “particolarmente” affettuoso e quella fu l’ultima volta volta che la videro. Roberta sarebbe fuggita indossando solo il famoso pigiama rosso e le ciabette, senza soldi né cellulare e lasciando sul tavolo della cucina la lista della spesa da fare l'indomani. Di certo aveva scoperto la relazione cladestina tra il marito e la baby-sitter. Un testo vide Logli discutere animatamente con una donna, proprio quella notte, fatto decisivo poi per la condanna. Secondo i giudici, il movente del delitto fu determinato anche per ragioni finanziarie. Logli temeva che una sperazione gli potesse pregiudicaro il possesso di beni immobili ma anche la titolarità della scuola guida dove etrambi lavoravano.  

 

Galleria fotografica
Caso Ragusa, nuovi sospetti sul marito - immagine 1
Caso Ragusa, nuovi sospetti sul marito - immagine 2
Caso Ragusa, nuovi sospetti sul marito - immagine 3
Caso Ragusa, nuovi sospetti sul marito - immagine 4
Caso Ragusa, nuovi sospetti sul marito - immagine 5
Caso Ragusa, nuovi sospetti sul marito - immagine 6
Caso Ragusa, nuovi sospetti sul marito - immagine 7
Caso Ragusa, nuovi sospetti sul marito - immagine 8
Caso Ragusa, nuovi sospetti sul marito - immagine 9
Cold Case
Caso Maddie: trovato il rifugio segreto di Brueckner
Caso Maddie: trovato il rifugio segreto di Brueckner
Sepolti in una fabbrica abbandonata hard disk e chiavette usb che contengono oltre 8000 immagini foto e video. Cautela degli inquirenti, anche se la speranza è di essere vicini alla svolta del caso
Scomparsa di Maddie: l’ora delle polemiche
Scomparsa di Maddie: l’ora delle polemiche
L’ex capo della polizia portoghese che per primo aveva indagato sulla scomparsa della bimba inglese torna ad accusare la famiglia. Ma un ex compagno di cella inguaia sempre di più Brueckner
Altri 18 casi per il pedofilo accusato di aver rapito Maddie
Altri 18 casi per il pedofilo accusato di aver rapito Maddie
Sono avvenuti nell’arco di sei anni nella zona dell’Algarve, la stessa da dove è scomparsa la piccola inglese. Polemiche per la polizia, accusata di aver impiegato 13 anni a trovare la pista giusta
Le prove sul killer di Maddie non sono sufficienti
Le prove sul killer di Maddie non sono sufficienti
Lo dice la procura tedesca, aggiungendo che la giustizia un processo per omicidio può avvenire solo in presenza di prove inconfutabili
Maddie caduta nelle mani di un serial killer
Maddie caduta nelle mani di un serial killer
Come per il caso della piccola Maelys, spunta lentamente il passato dell’uomo sospettato di aver rapito e ucciso la bimba inglese. Dovrà rispondere di altre due sparizioni di bambini, ma si teme sia solo l’inizio
Ha un nome il rapitore di Maddie
Ha un nome il rapitore di Maddie
Christian Brueckner, 17 condanne per pedofilia, viveva a pochi km dal resort in Portogallo da dove è sparita la bimba, ma il suo nome è entrato da poco nei fascicoli d’indagine
Svolta nella scomparsa di Maddie
Svolta nella scomparsa di Maddie
Dopo anni di lungo lavoro, le autorità tedesche e portoghesi hanno individuato un pedofilo residente in Germania, fortemente sospettato del sequestro e la morte della bimba inglese
«Lasciate che provi a risolvere il giallo di Maddie»
«Lasciate che provi a risolvere il giallo di Maddie»
Un ex detective a capo di un team specializzato nelle ricerche impossibili, chiede di poter analizzare tutte le foto della vacanza del 2007, quando la bimba sparì, per cercare fra la folla un possibile sospetto
Ritrovato il corpo di una ragazza scomparsa 10 anni prima
Ritrovato il corpo di una ragazza scomparsa 10 anni prima
Un cacciatore si è imbattuto in un teschio che dagli esami risulta appartenere a Paige Johnson, una 17enne svanita nel nulla nel 2010. Il sollievo della famiglia: “Almeno possiamo seppellirla”
Il mostro delle Ardenne confessa un altro omicidio
Il mostro delle Ardenne confessa un altro omicidio
Michel Fourniret, uno dei più feroci serial killer francesi, ha rivelato di aver ucciso la piccola Estelle, protagonista di un caso di cronaca che tenne il Paese con il fiato sospeso