Caso Ragusa, nuovi sospetti sul marito

| Due fotografi videro nel 2013 Antonio Logli gettare in un cassonetto lontano da casa degli scatoloni. Furono avvertiti anche i carabinieri. Mistero sul contenuto

+ Miei preferiti

di MARIA LOPEZ

E’ quasi un colpo di scena. Nel 2013 Antonio Logli, presunto assassino della moglie Roberta Ragusa, fu fotografato mentre gettava grossi scatoloni in un cassonetto dei rifiuti distante circa dieci chilometri dalla sua abitazione vicino alla casa di Sara Calzolaio, ex baby-sitter di famiglia, poi amante di quest’ultimo e sua attuale convivente nella villetta di famiglia. Due fotografi avevano notato lo strano comportamento dell’uomo.  A Quarto Grado è andato in onda l’audio del fotografo che avvertì i carabinieri. Resta il dubbio su cosa avessero contenuto quei "grossi contenitori di cartone", del tipo utilizzato per i traslochi. Dopo sette anni dalla scomparsa di Roberta nella notte tra il 12 e il 13 gennaio 2012, il marito è stato condannato anche in appello a 20 anni di carcere, accusato di omicidio volontario e distruzione di cadavere, anche se il corpo della donna non è mai stato trovato. La condanna a 20 anni in primo grado risale al 21 dicembre 2016, con rito abbreviato, confermata poi anche in Appello nel maggio 2018. Nonostante le due condanne è in libertà con l’obbligo di residenza a San Giuliano Terme da dove non può allontanarsi dalle 22 alle 6 di mattina.

L'amante di Logli, Sara Calzolaio


 

Forse gli scatoloni contenevano alcuni oggetti, vestiti e documenti della moglie scomparsa. I figli però difendono il padre a spada tratta e lo ritengono innocente. Hanno testimoniato in Tribunale che quella notte, a differenza di quanto sostiene l’accusa, non ci fu alcuna lite tra i genitori, che la madre aveva dato loro la buonanotte in modo “particolarmente” affettuoso e quella fu l’ultima volta volta che la videro. Roberta sarebbe fuggita indossando solo il famoso pigiama rosso e le ciabette, senza soldi né cellulare e lasciando sul tavolo della cucina la lista della spesa da fare l'indomani. Di certo aveva scoperto la relazione cladestina tra il marito e la baby-sitter. Un testo vide Logli discutere animatamente con una donna, proprio quella notte, fatto decisivo poi per la condanna. Secondo i giudici, il movente del delitto fu determinato anche per ragioni finanziarie. Logli temeva che una sperazione gli potesse pregiudicaro il possesso di beni immobili ma anche la titolarità della scuola guida dove etrambi lavoravano.  

 

Galleria fotografica
Caso Ragusa, nuovi sospetti sul marito - immagine 1
Caso Ragusa, nuovi sospetti sul marito - immagine 2
Caso Ragusa, nuovi sospetti sul marito - immagine 3
Caso Ragusa, nuovi sospetti sul marito - immagine 4
Caso Ragusa, nuovi sospetti sul marito - immagine 5
Caso Ragusa, nuovi sospetti sul marito - immagine 6
Caso Ragusa, nuovi sospetti sul marito - immagine 7
Caso Ragusa, nuovi sospetti sul marito - immagine 8
Caso Ragusa, nuovi sospetti sul marito - immagine 9
Cold Case
Una settimana per risolvere il caso di Maddie
Una settimana per risolvere il caso di Maddie
È quanto promette un medico forense americano, grazie ad una tecnica innovativa e molto più sofisticata del suo laboratorio. Un’analisi che ha permesso di dare un nome ai resti delle vittime dell’11 settembre
Risolto un duplice omicidio di 46 anni fa
Risolto un duplice omicidio di 46 anni fa
Janice e Lynn, due amiche di 19 anni, furono trovate morte nel cottage di una località di mare della Virginia. Le nuove tecniche investigative hanno permesso di risalire all’assassino: un uomo che oggi ha 80 anni
Emanuela Orlandi, inchiesta in Vaticano
Emanuela Orlandi, inchiesta in Vaticano
Per il legale e il fratello della ragazza scomparsa 35 anni fa si tratta di una “svolta storica”. Probabile l’apertura di una tomba nel cimitero teutonico
“Maddie è viva”
“Maddie è viva”
Un documentario Netflix, diffuso in tutto il mondo, promette rivelazioni shock da esperti, investigatori e poliziotti che dal 2007 seguono il caso della scomparsa della piccola
"Ti giuro, non ho fatto nulla a tuo fratello"
"Ti giuro, non ho fatto nulla a tuo fratello"
Le lacrime della serial killer Myra Hindley che, con l'amante Ian Brady, uccise 7 bambini. Incontrò il fratello di Keith in carcere ma non gli rivelò dove fu sepolto. Gli "assassini della brughiera"
La beffa del serial killer alla famiglia di un bimbo ucciso
La beffa del serial killer alla famiglia di un bimbo ucciso
Ian Brady e Myra Hindley, negli Anni '60, uccidevano bambini e li seppellivano in campagna. Nel '91 Brady inviò una lettera al frettlo di Keith, 12, in cui prometteva di rivelare il luogo della sepoltura. "La polizia ci aiuti"
La polizia inglese vicina a risolvere un cold case
La polizia inglese vicina a risolvere un cold case
In un campo poco distante da dove viveva, la polizia sta cercando il corpo di Linda Razzell, scomparsa nel 2002. Uno dei tanti omicidi irrisolti che gravano sulla zona
Uccise la piccola Linda 46 anni fa: arrestato
Uccise la piccola Linda 46 anni fa: arrestato
Linda O’Keefe è stata strangolata nel luglio del 1973 da qualcuno che pensava di averla fatta franca. Le nuove tecniche di genealogia forense hanno permesso di individuarlo con certezza
Il macabro mistero della nave fantasma
Il macabro mistero della nave fantasma
La nave olandese "Ourang Medan", affonda nel '48 nello stretto di Malacca. I corpi dei marinai avevano bocca e occhi spalancati, in un'espressione di terrore. Un documento CIA: "E' la chiave dei molti misteri insoluti"
Il serial killer disegna i volti
delle donne che ha ucciso
Il serial killer disegna i volti<br>delle donne che ha ucciso
L'Fbi diffonde 34 immagini dei volti di donne uccise dal 1970 al 2005 emersi dalla memoria dell'assassino, autore di 90 delitti e già condannato a morte, con la speranza che familiari o amici possano riconoscerle