Chi uccise Tatiana? Manager indagato

| Dieci anni fa Tatiana Tulissi, 37 anni, fu trovata morta nella villa del convivente, un imprenditore di una facoltosa famiglia del Nord-Est. Ora è indagato per omicidio volontario. La famiglia: "Vogliamo ricordarti com'eri"

+ Miei preferiti

di  ALBERTO C. FERRO

Dieci anni fa, Tatiana Tulissi, 37 anni, fu trovata morta, uccisa con 5 colpi di pistola esplosi da un revolver Astra Special calibro 38, nella villa dove abitava con il suo convivente, l’imprenditore Paolo Calligaris, a Manzano (Udine). La famiglia, che non ha mai smesso di lottare per avere giustizia, ha fatto pubblicare un necrologio sul Messaggero Veneto. Una foto e poche parole: “Vogliamo ricordarti com’eri, pensare che ancora vivi”.  Ed è di poche ore fa la notizia di una riapertura delle indagini, con una seconda iscrizione di Paolo Calligaris nel registro degli indati della procura di Udine, con l’ipotesi di omicidio volontario aggravato. Anni fa la prima inchiesta si era conclusa con una doppia archiviazione: quella di Paolo Calligaris poiché “Non c’era alcuna prova che quella sera l'indagato fosse nella villa armato” e anche quella del figlio Giacomo, allora minorenne (figlio di primo letto del manager), poiché, quel giorno era passato nella villa con il suo Quad per fare una riparazione. Ma non sarebbero stati fatti accertamenti sui pneumatici del mezzo per vedere se si fossero macchiati del sangue della vittima. 

Tatiana, quel giorno, aveva lasciato il lavoro (era impiegata in un mobilificio) alle 17:20, anche se il delitto fu fatto risalire alle 17:30. Era sola in casa e come tutti i giorni d’inverno, accendeva la stufa: era scesa in garage per prendere la legna, dove l’assassino la stava aspettando.

Tatiana Tulissi, 37 anni


 

Era una giovane donna bionda e solare, e mai aveva manifestato disagio o malessere con i genitori o gli amici, nei giorni precedenti al delitto. Era separata da parecchi anni, così come Paolo Calligaris che però aveva avuto due figli dal precedente matrimonio. Adolescenti comunque accettati da Tatiana, che con loro aveva stabilito un buon rapporto. Nei piani della coppia non c’era ancora un nuovo matrimonio ma gli amici sono concordi nel definire quell’unione felice, in apparenza idilliaca. Avevano l’hobby delle escursioni in montagna e delle immersioni subacquee, condividevano le stesse passioni, le vacanze, tutto.

Astra 38 special, l'arma del delitto


Paolo Calligaris e il figlio, alla 18:30 di quel giorno, rientrando a casa dal lavoro, trovarono il corpo e diedero subito l’allarme al 112. I carabinieri all’inizio pensarono a una rapina finita male, ma c’erano troppe incongruenze: lei aveva addosso gioielli e un orologio, in casa c’erano soldi e oggetti di valore ma il “rapinatore”, entrato in casa senza alcun segno di scasso (aveva la chiave?) era fuggito senza prendere nulla. Aveva prima sparato 2 colpi nella schiena di Tatiana, che aveva tentato di fuggire - da qualcuno che conosceva? - poi il colpo di grazia in testa. Non è, in genere, il comportamento di un ladro sopreso a rubare da un proprietario disarmato e inerme. 

I carabinieri hanno cercato per anni la Special Astra Calibro 38, nei dintorni della villa, immersa nel verde ma non isolata, ma anche altrove, senza risultato. Qualcosa deve però essere emerso nei confronti del convivente di Tatiana che ha sempre dichiarato che, nell’ora del delitto, lui era a lavorare. Ma gli investigatori potrebbero avere spostato l’ora di almeno 45 minuti, dalle 17:30 alle 18:15, e in questo caso l’alibi dell’imprenditore, rampollo di una facoltosa famiglia del Nord-Est, traballerebbe.

Ci sarebbero poi “comportamenti incongrui” da parte sua nel corso degli anni, e (forse) una testimonianza coperta dal segreto. La madre di Tatiana (il papà è morto distrutto dal dolore) e i familiari si sono battuti stranamente per la riapertura delle indagini, affidate nel corso degli anni a tre pm diversi. L’ultimo sembra deciso ad andare avanti, sino in fondo. 

E’ un giallo, per certi versi, affascinante e angosciante insieme. Tutti ricordano Tatiana come una “ragazza forte che non si faceva spaventare facilmente, capace di riparare un lavandino o di spaccare la legna”. Una donna dal perenne sorriso e dal perenne ottimismo. Uccisa perchè? Nel movente la chiave del delitto.

Galleria fotografica
Chi uccise Tatiana? Manager indagato - immagine 1
Chi uccise Tatiana? Manager indagato - immagine 2
Cold Case
Una settimana per risolvere il caso di Maddie
Una settimana per risolvere il caso di Maddie
È quanto promette un medico forense americano, grazie ad una tecnica innovativa e molto più sofisticata del suo laboratorio. Un’analisi che ha permesso di dare un nome ai resti delle vittime dell’11 settembre
Risolto un duplice omicidio di 46 anni fa
Risolto un duplice omicidio di 46 anni fa
Janice e Lynn, due amiche di 19 anni, furono trovate morte nel cottage di una località di mare della Virginia. Le nuove tecniche investigative hanno permesso di risalire all’assassino: un uomo che oggi ha 80 anni
Emanuela Orlandi, inchiesta in Vaticano
Emanuela Orlandi, inchiesta in Vaticano
Per il legale e il fratello della ragazza scomparsa 35 anni fa si tratta di una “svolta storica”. Probabile l’apertura di una tomba nel cimitero teutonico
“Maddie è viva”
“Maddie è viva”
Un documentario Netflix, diffuso in tutto il mondo, promette rivelazioni shock da esperti, investigatori e poliziotti che dal 2007 seguono il caso della scomparsa della piccola
"Ti giuro, non ho fatto nulla a tuo fratello"
"Ti giuro, non ho fatto nulla a tuo fratello"
Le lacrime della serial killer Myra Hindley che, con l'amante Ian Brady, uccise 7 bambini. Incontrò il fratello di Keith in carcere ma non gli rivelò dove fu sepolto. Gli "assassini della brughiera"
La beffa del serial killer alla famiglia di un bimbo ucciso
La beffa del serial killer alla famiglia di un bimbo ucciso
Ian Brady e Myra Hindley, negli Anni '60, uccidevano bambini e li seppellivano in campagna. Nel '91 Brady inviò una lettera al frettlo di Keith, 12, in cui prometteva di rivelare il luogo della sepoltura. "La polizia ci aiuti"
La polizia inglese vicina a risolvere un cold case
La polizia inglese vicina a risolvere un cold case
In un campo poco distante da dove viveva, la polizia sta cercando il corpo di Linda Razzell, scomparsa nel 2002. Uno dei tanti omicidi irrisolti che gravano sulla zona
Uccise la piccola Linda 46 anni fa: arrestato
Uccise la piccola Linda 46 anni fa: arrestato
Linda O’Keefe è stata strangolata nel luglio del 1973 da qualcuno che pensava di averla fatta franca. Le nuove tecniche di genealogia forense hanno permesso di individuarlo con certezza
Il macabro mistero della nave fantasma
Il macabro mistero della nave fantasma
La nave olandese "Ourang Medan", affonda nel '48 nello stretto di Malacca. I corpi dei marinai avevano bocca e occhi spalancati, in un'espressione di terrore. Un documento CIA: "E' la chiave dei molti misteri insoluti"
Il serial killer disegna i volti
delle donne che ha ucciso
Il serial killer disegna i volti<br>delle donne che ha ucciso
L'Fbi diffonde 34 immagini dei volti di donne uccise dal 1970 al 2005 emersi dalla memoria dell'assassino, autore di 90 delitti e già condannato a morte, con la speranza che familiari o amici possano riconoscerle