Corea del Sud: individuato il serial killer delle donne

| L’uomo, che sta scontando l’ergastolo, avrebbe confessato una lunga serie di omicidi. Ma per la legge sulla prescrizione non dovrà risponderne

+ Miei preferiti
La polizia sudcoreana è convinta di aver identificato il serial killer che sarebbe responsabile di una serie di omicidi irrisolti, avvenuti tra il 1986 ed il 1991 a Hwaseong, città a sud di Seoul. Secondo quanto riportato dalla CNN, un portavoce della polizia avrebbe confermato che il sospettato ha confessato nove degli omicidi, più altri cinque di cui non si sapeva nulla e circa 30 stupri.

L’uomo, un 50enne di cui non è stato rivelato il nome, è già dietro le sbarre da tempo, dove sta scontando una condanna a vita.

Una squadra composta da nove investigatori criminali della Gyeonggi South Provincial Police Agency ha lavorato per instaurare un rapporto di fiducia reciproca con il sospetto, e la scorsa settimana il suo atteggiamento è cambiato totalmente. L’indagato ha rilasciato una confessione piena di dettagli che poteva conoscere solo l’assassino, tracciando anche una mappa dei luoghi su un pezzo di carta. La polizia è al lavoro per verificare se la confessione è reale, con analisi incrociate dei documenti originali delle indagini.

Ma anche se fossero accertate le sue responsabilità, malgrado la confessione l’uomo non dovrà rispondere degli omicidi, in forza della legge sulla prescrizione dei reati. Ma anche se la polizia era perfettamente al corrente che non sarebbe stata possibile alcuna conseguenza penale, ha continuato a indagare sui cold case.

Anche se gli omicidi sono rimasti irrisolti, c’erano prove sufficienti per collegarli fra loro: tutte le vittime sono state violentate e uccise, la maggior parte strangolate con una calze o la camicetta che indossavano.

 “Le famiglie delle vittime chiedono da sempre con forza la verità. E per noi non importa quanto tempo sia passato: scoprire cosa sia realmente accaduto è la ragione per cui esiste la polizia”, ha commentato un portavoce delle forze dell’ordine sudcoreane.

Il caso del serial killer è diventato anche il soggetto di un crime film del 2003, “Memories of Murder”, diretto dal regista sudcoreano Bong Joon-ho, quest’anno vincitore della Palma d’Oro a Cannes.

Cold Case
La misteriosa scomparsa di Tara Calico
La misteriosa scomparsa di Tara Calico
Una giovane del New Mexico svanisce nel nulla 31 anni fa: la vicenda diventa un mistero con il ritrovamento di alcune fotografie agghiaccianti. Ancora oggi, una squadra dell’FBI continua a cercarla
Riaperto il caso del killer dei bambini di Atlanta
Riaperto il caso del killer dei bambini di Atlanta
Fra il 1979 ed il 1981, la capitale della Georgia fa da sfondo agli omicidi seriali di 25 bambini. Wayne Williams fu condannato soltanto per due: per tutti gli altri manca ancora la verità
Morte di Tatiana, condannato imprenditore
Morte di Tatiana, condannato imprenditore
Paolo Caligaris, erede di una dinastia di mobilieri, condannato a 16 anni in primo grado per la morte di Tatiana Tulissi, 37 anni, uccisa nel 2008 nella villa dove i due convivevano
Lo scheletro nell'auto in fondo al lago
Lo scheletro nell
Mistero a Tavernola Bergamasca. Forse è un delitto. La vittima è Rosario Tilotta, 59 anni, era sparito nel nulla nel 2014. Ora si cerca la moglie albanese, Elva Kurti, di 22 anni più giovane. Ombre e sospetti
Morto il detective che ammanettò Oswald
Morto il detective che ammanettò Oswald
L'assassino di Kennedy fu ucciso da Jack Ruby. Il poliziotto è morto a 99 anni, sul caso si era pronunciato poche volte e su aspetti marginali. La sua immagine, con il cappello da cowboy, è una delle più famose della storia
Quel morso su un seno, la firma dell'assassino
Quel morso su un seno, la firma dell
Caso Cesaroni. Un perito scopri che l'arcata dentaria inferiore del killer era molto irregolare. La procura non lo ritenne un'indizio valido, nonostante un calco. Ma se l'inchiesta dovesse riaprirsi, sarà il punto di partenza
Riuniti in carcere i fratelli assassini
Riuniti in carcere i fratelli assassini
Trent'anni fa Lyle ed Erik Menendez uccisero i loro genitori e furono condannati all'ergastolo. Separati per decenni ora sono nello stesso carcere. Movente l'eredità. Si difesero: "Nostro padre ci abusava sessualmente"
"Ho assassinato JonBenet ma fu un incidente..."
"Ho assassinato JonBenet ma fu un incidente..."
Un pedofilo in carcere ha scritto a un amico per confessare il delitto della reginetta di bellezza di 6 anni, uccisa in Colorado nel Natale 1996. "E caduta e ha battuto la testa, non volevo ucciderla". Riparte l'inchiesta
Dopo 34 anni ritrovati resti di una dodicenne
Dopo 34 anni ritrovati resti di una dodicenne
Quel che resta di Jonelle Matthews, scomparsa in Colorado alla metà degli anni Ottanta, è riemerso durante gli scavi per un gasdotto. La famiglia: “Ora vogliamo risposte”
"No, non ho ucciso io Lidia Macchi"
"No, non ho ucciso io Lidia Macchi"
Stefano Binda, 51 anni, condannato all'ergastolo in 1 grado, davanti ai giudici dell'appello. Il delitto nel gennaio '87. Lidia fu uccisa, dopo aver respinto l'assassino, con 29 coltellate