Corea del Sud: individuato il serial killer delle donne

| L’uomo, che sta scontando l’ergastolo, avrebbe confessato una lunga serie di omicidi. Ma per la legge sulla prescrizione non dovrà risponderne

+ Miei preferiti
La polizia sudcoreana è convinta di aver identificato il serial killer che sarebbe responsabile di una serie di omicidi irrisolti, avvenuti tra il 1986 ed il 1991 a Hwaseong, città a sud di Seoul. Secondo quanto riportato dalla CNN, un portavoce della polizia avrebbe confermato che il sospettato ha confessato nove degli omicidi, più altri cinque di cui non si sapeva nulla e circa 30 stupri.

L’uomo, un 50enne di cui non è stato rivelato il nome, è già dietro le sbarre da tempo, dove sta scontando una condanna a vita.

Una squadra composta da nove investigatori criminali della Gyeonggi South Provincial Police Agency ha lavorato per instaurare un rapporto di fiducia reciproca con il sospetto, e la scorsa settimana il suo atteggiamento è cambiato totalmente. L’indagato ha rilasciato una confessione piena di dettagli che poteva conoscere solo l’assassino, tracciando anche una mappa dei luoghi su un pezzo di carta. La polizia è al lavoro per verificare se la confessione è reale, con analisi incrociate dei documenti originali delle indagini.

Ma anche se fossero accertate le sue responsabilità, malgrado la confessione l’uomo non dovrà rispondere degli omicidi, in forza della legge sulla prescrizione dei reati. Ma anche se la polizia era perfettamente al corrente che non sarebbe stata possibile alcuna conseguenza penale, ha continuato a indagare sui cold case.

Anche se gli omicidi sono rimasti irrisolti, c’erano prove sufficienti per collegarli fra loro: tutte le vittime sono state violentate e uccise, la maggior parte strangolate con una calze o la camicetta che indossavano.

 “Le famiglie delle vittime chiedono da sempre con forza la verità. E per noi non importa quanto tempo sia passato: scoprire cosa sia realmente accaduto è la ragione per cui esiste la polizia”, ha commentato un portavoce delle forze dell’ordine sudcoreane.

Il caso del serial killer è diventato anche il soggetto di un crime film del 2003, “Memories of Murder”, diretto dal regista sudcoreano Bong Joon-ho, quest’anno vincitore della Palma d’Oro a Cannes.

Cold Case
Il più celebre serial killer sudcoreano confessa
Il più celebre serial killer sudcoreano confessa
Al suo posto era stato accusato un innocente che ha scontato 20 anni di galera. Lee Chung-jae ha ammesso i 14 omicidi di donne e si è detto sorpreso: era convinto che la polizia l’avrebbe fermato molto prima
Dopo 36 anni risolto il cold case di Jonelle Matthews
Dopo 36 anni risolto il cold case di Jonelle Matthews
Un anno fa il ritrovamento dei resti della ragazzina scomparsa in Colorado pochi giorni prima del Natele del 1984. Gli esami e la comparazione dei dati hanno portato all’arresto dell’ex pastore della chiesa che la famiglia frequentava
Nicole Brown Simpson, diario una morte annunciata
Nicole Brown Simpson, diario una morte annunciata
Un documentario che presto arriverà in tutto il mondo ha scelto di basarsi sui diari segreti della moglie di OJ Simpson, mai utilizzati durante il processo. Una sequenza infinita di violenze e minacce
Caso Maddie, la polizia scava in un giardino ad Hannover
Caso Maddie, la polizia scava in un giardino ad Hannover
Si trova all’interno di un’ex residenza di Christian Brueckner, il principale sospettato. Sul posto ruspe, cani poliziotto e agenti della scientifica
Quasi risolto il caso di Maddie McCann
Quasi risolto il caso di Maddie McCann
Lo dice il padre dell’ex fidanzata del principale sospettato Christian Brueckner, interrogato per capire il coinvolgimento della donna nel sequestro e la probabile morte della bimba inglese
Maddie, avviate le ricerche del corpo
Maddie, avviate le ricerche del corpo
La polizia sta passando la setaccio diversi pozzi nella zona dell'Algarve dove si sospetta potrebbe trovarsi il corpicino della bimba inglese scomparsa nel nulla 13 anni fa
Caso Maddie: trovato il rifugio segreto di Brueckner
Caso Maddie: trovato il rifugio segreto di Brueckner
Sepolti in una fabbrica abbandonata hard disk e chiavette usb che contengono oltre 8000 immagini foto e video. Cautela degli inquirenti, anche se la speranza è di essere vicini alla svolta del caso
Scomparsa di Maddie: l’ora delle polemiche
Scomparsa di Maddie: l’ora delle polemiche
L’ex capo della polizia portoghese che per primo aveva indagato sulla scomparsa della bimba inglese torna ad accusare la famiglia. Ma un ex compagno di cella inguaia sempre di più Brueckner
Altri 18 casi per il pedofilo accusato di aver rapito Maddie
Altri 18 casi per il pedofilo accusato di aver rapito Maddie
Sono avvenuti nell’arco di sei anni nella zona dell’Algarve, la stessa da dove è scomparsa la piccola inglese. Polemiche per la polizia, accusata di aver impiegato 13 anni a trovare la pista giusta
Le prove sul killer di Maddie non sono sufficienti
Le prove sul killer di Maddie non sono sufficienti
Lo dice la procura tedesca, aggiungendo che la giustizia un processo per omicidio può avvenire solo in presenza di prove inconfutabili