Dopo 34 anni ritrovati resti di una dodicenne

| Quel che resta di Jonelle Matthews, scomparsa in Colorado alla metà degli anni Ottanta, è riemerso durante gli scavi per un gasdotto. La famiglia: “Ora vogliamo risposte”

+ Miei preferiti
Il 20 dicembre 1984, alle 20:15, Jonelle Matthews, 12 anni, stava per tornare nella casa dove viveva con la sua famiglia a Greeley, nel nord del Colorado: ha appena partecipato ad uno spettacolo natalizio in una casa di cura con il coro in cui canta, il “Franklin Middle School Honor Choir”. Era d’accordo con il padre Jim e la sorella Jennifer che sarebbero passati a prenderla al termine di una partita di basket, per tornare a casa insieme. Alle 20:30, un amico di suo padre si offre di darle un passaggio: quella sera fa parecchio freddo. La vedono per l’ultima volta mentre entra nella casa di famiglia in stile ranch, con il garage a fianco e il cortile davanti coperto di neve.

Un’ora dopo, il padre e la sorella arrivano a casa e Jonelle non c’è: scomparsa. In casa la televisione e le luci sono accese, la porta del garage aperta e diverse impronte segnano il prato davanti e dietro l’abitazione: la polizia avanza l’ipotesi di un rapimento. Ma i giorni passano e nessuno si fa vivo, fin quando gli investigatori comunicano alla famiglia che la nuova indagine si concentra su una possibile aggressione a scopo sessuale, probabilmente culminata con un omicidio.

Il caso della dodicenne colpisce la piccola comunità montana di Greeley e attira perfino l’attenzione dell’allora presidente Reagan, trasformando quel Natale in uno dei più tristi che la gente di quelle parti ricordi. Fu proprio il caso irrisolto di Jonelle a convincere Reagan della necessità di aprire un centro di coordinamento nazionale per i bambini scomparsi collegato ad una linea telefonica gratuita: “Ogni anno scompaiono più di un milione di bambini”, aveva raccontato Reagan per esortare i giornalisti della “National Newspaper Association” a pubblicare sui giornali le immagini dei bimbi scomparsi.

La polizia diffonde video di Jonelle, la famiglia tappezza di manifesti i dintorni e centinaia di volontari battono per settimane la zona palmo a palmo, ma non c’è nulla da fare. Negli anni, qualche notizia riaccende le speranze: nell’abitazione di un uomo del South Dakota, perquisita per altri motivi, vengono ritrovati decine di ritagli di giornale sul caso di Jonelle, ma l’uomo non c’entra, ha un alibi di ferro. Tempo dopo spunta anche un mitomane, un camionista che si autoaccusa del rapimento e l’omicidio della dodicenne, ma si scopre poco dopo che si tratta di malato di mente.

Com’è inevitabile, la sparizione di Jonelle Matthews finisce fra i “cold case”, quelli mai risolti: non ci sono mai stati sospetti e tantomeno arresti, e di lei soprattutto si è persa ogni traccia.

Nel 1994, dopo dieci anni di silenzio, la famiglia Matthews dichiara polemicamente la morte di Jonelle: viene organizzata una funzione, e ai giornalisti presenti la famiglia dichiara: “Abbiamo passato 10 anni senza sapere nulla e senza alcuna risposta. Chiediamo almeno le prove che dimostrino che Jonelle è morta e di indicarci dov’è il suo corpo, così da avere un posto dove piangerla”.

Il DNA di Jonelle viene inserito in un database nazionale, e nel 2013, la polizia pubblica una foto di come potrebbe essere diventato il suo volto. Una nuova speranza sembra farsi strada nel 2014, quando alcune ossa umane sono ritrovate per caso vicino ai binari ferroviari di Greeley, ma le analisi appurano che non si tratta di Jonelle.

Qualche giorno fa, il colpo di scena: 34 anni dopo, la polizia ha rintracciato i Matthews, che oggi vivono in Costa Rica, per dare loro una notizia: i probabili resti di Jonelle sono stati rinvenuti da una squadra di operai durante gli scavi per un nuovo gasdotto nella contea di Weld County. Per la polizia di Greeley, che in realtà non ha mai smesso di indagare sulla scomparsa della ragazzina, il ritrovamento dei resti di Jonelle è solo il primo passo: quello successivo sarà determinare le cause della morte e subito assicurare alla giustizia il suo assassino.

La notizia è stata accolta con un sollievo dalla famiglia Matthews: Jennifer, la sorella di Jonelle che oggi vive nello stato di Washington, la ricorda come “Una dodicenne forte e indipendente sapeva come ottenere ciò che desiderava”. La notte della scomparsa, Jennifer stava giocando a basket con la squadra del liceo, di cui faceva parte: “Sono grata per la conclusione di questa vicenda, dopo 34 anni di attesa in cui abbiamo ricevuto amore e sostegno da tante persone. Sono vecchie ferite da riaprire e domande che attendono una risposta da troppo tempo”.

“L’indagine è aperta”, ha commentato la polizia di Greeley, perché Jonelle è stata uccisa e qualcuno per quello pagherà.

Galleria fotografica
Dopo 34 anni ritrovati resti di una dodicenne - immagine 1
Dopo 34 anni ritrovati resti di una dodicenne - immagine 2
Cold Case
«Lasciate che provi a risolvere il giallo di Maddie»
«Lasciate che provi a risolvere il giallo di Maddie»
Un ex detective a capo di un team specializzato nelle ricerche impossibili, chiede di poter analizzare tutte le foto della vacanza del 2007, quando la bimba sparì, per cercare fra la folla un possibile sospetto
Ritrovato il corpo di una ragazza scomparsa 10 anni prima
Ritrovato il corpo di una ragazza scomparsa 10 anni prima
Un cacciatore si è imbattuto in un teschio che dagli esami risulta appartenere a Paige Johnson, una 17enne svanita nel nulla nel 2010. Il sollievo della famiglia: “Almeno possiamo seppellirla”
Il mostro delle Ardenne confessa un altro omicidio
Il mostro delle Ardenne confessa un altro omicidio
Michel Fourniret, uno dei più feroci serial killer francesi, ha rivelato di aver ucciso la piccola Estelle, protagonista di un caso di cronaca che tenne il Paese con il fiato sospeso
L’America in ansia per Gannon Stauch, 11 anni
L’America in ansia per Gannon Stauch, 11 anni
È scomparso a fine gennaio dalla sua abitazione a Colorado Springs: centinaia di volontari lo cercano giorno e notte, mentre i sospetti si concentrano sulla matrigna
Chicago, sulle tracce del serial killer invisibile
Chicago, sulle tracce del serial killer invisibile
La polizia è convinta che fra gli anni ’70 e’80, Bruce Lindah abbia ucciso decine di giovani donne, ma nel tempo nessuno l’ha mai sospettato di nulla. Come è stato possibile?
Maddie non tornerà più
Maddie non tornerà più
Ne è convinto un esperto detective inglese, che considera il caso della piccola inglese irrisolvibile. Una sensitiva afferma invece di sapere che Maddie è viva, accolta da una famiglia tedesca ignara di tutto
Ha un nome il cadavere della grotta dell’Idaho
Ha un nome il cadavere della grotta dell’Idaho
Il corpo fatto a pezzi, ritrovato nel 1979, è quello di Joseph Henry Loveless, condannato per l’omicidio della moglie. L’identificazione grazie alle nuove tecniche forensi
Mezzo secolo dopo, risolto il rapimento di Paul Fronczak
Mezzo secolo dopo, risolto il rapimento di Paul Fronczak
In uno dei più celebri casi di sequestro di minori d'America, il bimbo era sparito dall’ospedale poche ore dopo la nascita. Da lì, la vicenda ha preso strade strane e diverse, fino alla soluzione, pochi giorni fa
1.600 prelievi del Dna per trovare un omicida
1.600 prelievi del Dna per trovare un omicida
La procura di Moenchengladbach ha ordinato uno screening degli abitanti maschi di Grevenbroich, in Germania, per riuscire a dare un volto e un nome all’assassino di Claudia Ruf, 11enne violentata e uccisa nel 1996
La misteriosa scomparsa di Tara Calico
La misteriosa scomparsa di Tara Calico
Una giovane del New Mexico svanisce nel nulla 31 anni fa: la vicenda diventa un mistero con il ritrovamento di alcune fotografie agghiaccianti. Ancora oggi, una squadra dell’FBI continua a cercarla