Dopo 34 anni ritrovati resti di una dodicenne

| Quel che resta di Jonelle Matthews, scomparsa in Colorado alla metà degli anni Ottanta, è riemerso durante gli scavi per un gasdotto. La famiglia: “Ora vogliamo risposte”

+ Miei preferiti
Il 20 dicembre 1984, alle 20:15, Jonelle Matthews, 12 anni, stava per tornare nella casa dove viveva con la sua famiglia a Greeley, nel nord del Colorado: ha appena partecipato ad uno spettacolo natalizio in una casa di cura con il coro in cui canta, il “Franklin Middle School Honor Choir”. Era d’accordo con il padre Jim e la sorella Jennifer che sarebbero passati a prenderla al termine di una partita di basket, per tornare a casa insieme. Alle 20:30, un amico di suo padre si offre di darle un passaggio: quella sera fa parecchio freddo. La vedono per l’ultima volta mentre entra nella casa di famiglia in stile ranch, con il garage a fianco e il cortile davanti coperto di neve.

Un’ora dopo, il padre e la sorella arrivano a casa e Jonelle non c’è: scomparsa. In casa la televisione e le luci sono accese, la porta del garage aperta e diverse impronte segnano il prato davanti e dietro l’abitazione: la polizia avanza l’ipotesi di un rapimento. Ma i giorni passano e nessuno si fa vivo, fin quando gli investigatori comunicano alla famiglia che la nuova indagine si concentra su una possibile aggressione a scopo sessuale, probabilmente culminata con un omicidio.

Il caso della dodicenne colpisce la piccola comunità montana di Greeley e attira perfino l’attenzione dell’allora presidente Reagan, trasformando quel Natale in uno dei più tristi che la gente di quelle parti ricordi. Fu proprio il caso irrisolto di Jonelle a convincere Reagan della necessità di aprire un centro di coordinamento nazionale per i bambini scomparsi collegato ad una linea telefonica gratuita: “Ogni anno scompaiono più di un milione di bambini”, aveva raccontato Reagan per esortare i giornalisti della “National Newspaper Association” a pubblicare sui giornali le immagini dei bimbi scomparsi.

La polizia diffonde video di Jonelle, la famiglia tappezza di manifesti i dintorni e centinaia di volontari battono per settimane la zona palmo a palmo, ma non c’è nulla da fare. Negli anni, qualche notizia riaccende le speranze: nell’abitazione di un uomo del South Dakota, perquisita per altri motivi, vengono ritrovati decine di ritagli di giornale sul caso di Jonelle, ma l’uomo non c’entra, ha un alibi di ferro. Tempo dopo spunta anche un mitomane, un camionista che si autoaccusa del rapimento e l’omicidio della dodicenne, ma si scopre poco dopo che si tratta di malato di mente.

Com’è inevitabile, la sparizione di Jonelle Matthews finisce fra i “cold case”, quelli mai risolti: non ci sono mai stati sospetti e tantomeno arresti, e di lei soprattutto si è persa ogni traccia.

Nel 1994, dopo dieci anni di silenzio, la famiglia Matthews dichiara polemicamente la morte di Jonelle: viene organizzata una funzione, e ai giornalisti presenti la famiglia dichiara: “Abbiamo passato 10 anni senza sapere nulla e senza alcuna risposta. Chiediamo almeno le prove che dimostrino che Jonelle è morta e di indicarci dov’è il suo corpo, così da avere un posto dove piangerla”.

Il DNA di Jonelle viene inserito in un database nazionale, e nel 2013, la polizia pubblica una foto di come potrebbe essere diventato il suo volto. Una nuova speranza sembra farsi strada nel 2014, quando alcune ossa umane sono ritrovate per caso vicino ai binari ferroviari di Greeley, ma le analisi appurano che non si tratta di Jonelle.

Qualche giorno fa, il colpo di scena: 34 anni dopo, la polizia ha rintracciato i Matthews, che oggi vivono in Costa Rica, per dare loro una notizia: i probabili resti di Jonelle sono stati rinvenuti da una squadra di operai durante gli scavi per un nuovo gasdotto nella contea di Weld County. Per la polizia di Greeley, che in realtà non ha mai smesso di indagare sulla scomparsa della ragazzina, il ritrovamento dei resti di Jonelle è solo il primo passo: quello successivo sarà determinare le cause della morte e subito assicurare alla giustizia il suo assassino.

La notizia è stata accolta con un sollievo dalla famiglia Matthews: Jennifer, la sorella di Jonelle che oggi vive nello stato di Washington, la ricorda come “Una dodicenne forte e indipendente sapeva come ottenere ciò che desiderava”. La notte della scomparsa, Jennifer stava giocando a basket con la squadra del liceo, di cui faceva parte: “Sono grata per la conclusione di questa vicenda, dopo 34 anni di attesa in cui abbiamo ricevuto amore e sostegno da tante persone. Sono vecchie ferite da riaprire e domande che attendono una risposta da troppo tempo”.

“L’indagine è aperta”, ha commentato la polizia di Greeley, perché Jonelle è stata uccisa e qualcuno per quello pagherà.

Galleria fotografica
Dopo 34 anni ritrovati resti di una dodicenne - immagine 1
Dopo 34 anni ritrovati resti di una dodicenne - immagine 2
Cold Case
Caso Maddie, la polizia scava in un giardino ad Hannover
Caso Maddie, la polizia scava in un giardino ad Hannover
Si trova all’interno di un’ex residenza di Christian Brueckner, il principale sospettato. Sul posto ruspe, cani poliziotto e agenti della scientifica
Quasi risolto il caso di Maddie McCann
Quasi risolto il caso di Maddie McCann
Lo dice il padre dell’ex fidanzata del principale sospettato Christian Brueckner, interrogato per capire il coinvolgimento della donna nel sequestro e la probabile morte della bimba inglese
Maddie, avviate le ricerche del corpo
Maddie, avviate le ricerche del corpo
La polizia sta passando la setaccio diversi pozzi nella zona dell'Algarve dove si sospetta potrebbe trovarsi il corpicino della bimba inglese scomparsa nel nulla 13 anni fa
Caso Maddie: trovato il rifugio segreto di Brueckner
Caso Maddie: trovato il rifugio segreto di Brueckner
Sepolti in una fabbrica abbandonata hard disk e chiavette usb che contengono oltre 8000 immagini foto e video. Cautela degli inquirenti, anche se la speranza è di essere vicini alla svolta del caso
Scomparsa di Maddie: l’ora delle polemiche
Scomparsa di Maddie: l’ora delle polemiche
L’ex capo della polizia portoghese che per primo aveva indagato sulla scomparsa della bimba inglese torna ad accusare la famiglia. Ma un ex compagno di cella inguaia sempre di più Brueckner
Altri 18 casi per il pedofilo accusato di aver rapito Maddie
Altri 18 casi per il pedofilo accusato di aver rapito Maddie
Sono avvenuti nell’arco di sei anni nella zona dell’Algarve, la stessa da dove è scomparsa la piccola inglese. Polemiche per la polizia, accusata di aver impiegato 13 anni a trovare la pista giusta
Le prove sul killer di Maddie non sono sufficienti
Le prove sul killer di Maddie non sono sufficienti
Lo dice la procura tedesca, aggiungendo che la giustizia un processo per omicidio può avvenire solo in presenza di prove inconfutabili
Maddie caduta nelle mani di un serial killer
Maddie caduta nelle mani di un serial killer
Come per il caso della piccola Maelys, spunta lentamente il passato dell’uomo sospettato di aver rapito e ucciso la bimba inglese. Dovrà rispondere di altre due sparizioni di bambini, ma si teme sia solo l’inizio
Ha un nome il rapitore di Maddie
Ha un nome il rapitore di Maddie
Christian Brueckner, 17 condanne per pedofilia, viveva a pochi km dal resort in Portogallo da dove è sparita la bimba, ma il suo nome è entrato da poco nei fascicoli d’indagine
Svolta nella scomparsa di Maddie
Svolta nella scomparsa di Maddie
Dopo anni di lungo lavoro, le autorità tedesche e portoghesi hanno individuato un pedofilo residente in Germania, fortemente sospettato del sequestro e la morte della bimba inglese