Dopo 36 anni risolto il cold case di Jonelle Matthews

| Un anno fa il ritrovamento dei resti della ragazzina scomparsa in Colorado pochi giorni prima del Natele del 1984. Gli esami e la comparazione dei dati hanno portato all’arresto dell’ex pastore della chiesa che la famiglia frequentava

+ Miei preferiti
Dopo 36 lunghissimi anni, l’assassino di Jonelle Matthews ha un nome e un volto: si chiama Steve Dana Pankey, 69 anni oggi, 33 nel 1984, quando ha ucciso la piccola Jonelle. A lui la polizia è arrivata grazie alle nuove tecniche forensi dopo il ritrovamento, un anno fa, dei poveri resti della ragazzina da parte di alcuni operai che lavoravano intorno ad un giacimento di petrolio nelle campagne di Weld, a poca distanza dalla casa dei Matthews.

All’epoca, quello di Jonelle Matthews, era diventato un caso fra i più mediatici e seguiti: Jonelle, una tranquilla dodicenne che viveva a Greeley, in Colorado, era scomparsa nel nulla il 20 dicembre 1984 da casa sua, dopo essersi esibita alla recita di Natale nella scuola che frequentava. Perfino l’allora presidente Reagan aveva lanciato un appello per chiedere il rilascio della ragazzina, ma il passare del tempo e l’assoluta mancanza di prove e indizi fanno scivolare la scomparsa di Jonelle verso uno dei tanti “cold case” americani. Una parte dell’opinione pubblica resta fermamente convinta che della vicenda siano responsabili Jim e Gloria Matthews, genitori adottivi della ragazzina, ma ancora una volta non c’è alcuna prova che punti verso di loro.

La svolta è arrivata in queste ore, con l’arresto di Steve Pankey, decisamente clamoroso perché si tratta dell’ex pastore della chiesa frequentata dai Matthews, a poco più di due km dalla loro abitazione.

Fra il 1973 ed il 1977, Pankey viveva a Greeley, dove rimedia numerosi guai con la giustizia: una donna di 23 anni lo accusa di stupro, ma lui si difende dicendo che si era trattato di un rapporto consensuale. Malgrado il precedente, Pankey viene nominato ministro della “Sunny View Church of the Nazarene” della cittadina del Colorado, e nel giro di vent’anni mette insieme altre 20 accuse di violenza e altrettanti processi, da cui riesce sempre a uscirne senza provare l’ebrezza della galera. Nel 1987, tre anni dopo la scomparsa di Jonelle, lascia il Colorado per rifarsi una vita nell’Idaho, dove nel 2014 e nel 2018 si candida come governatore dello Stato, senza mai riuscirci.

Galleria fotografica
Dopo 36 anni risolto il cold case di Jonelle Matthews - immagine 1
Dopo 36 anni risolto il cold case di Jonelle Matthews - immagine 2
Dopo 36 anni risolto il cold case di Jonelle Matthews - immagine 3
Cold Case
Nicole Brown Simpson, diario una morte annunciata
Nicole Brown Simpson, diario una morte annunciata
Un documentario che presto arriverà in tutto il mondo ha scelto di basarsi sui diari segreti della moglie di OJ Simpson, mai utilizzati durante il processo. Una sequenza infinita di violenze e minacce
Caso Maddie, la polizia scava in un giardino ad Hannover
Caso Maddie, la polizia scava in un giardino ad Hannover
Si trova all’interno di un’ex residenza di Christian Brueckner, il principale sospettato. Sul posto ruspe, cani poliziotto e agenti della scientifica
Quasi risolto il caso di Maddie McCann
Quasi risolto il caso di Maddie McCann
Lo dice il padre dell’ex fidanzata del principale sospettato Christian Brueckner, interrogato per capire il coinvolgimento della donna nel sequestro e la probabile morte della bimba inglese
Maddie, avviate le ricerche del corpo
Maddie, avviate le ricerche del corpo
La polizia sta passando la setaccio diversi pozzi nella zona dell'Algarve dove si sospetta potrebbe trovarsi il corpicino della bimba inglese scomparsa nel nulla 13 anni fa
Caso Maddie: trovato il rifugio segreto di Brueckner
Caso Maddie: trovato il rifugio segreto di Brueckner
Sepolti in una fabbrica abbandonata hard disk e chiavette usb che contengono oltre 8000 immagini foto e video. Cautela degli inquirenti, anche se la speranza è di essere vicini alla svolta del caso
Scomparsa di Maddie: l’ora delle polemiche
Scomparsa di Maddie: l’ora delle polemiche
L’ex capo della polizia portoghese che per primo aveva indagato sulla scomparsa della bimba inglese torna ad accusare la famiglia. Ma un ex compagno di cella inguaia sempre di più Brueckner
Altri 18 casi per il pedofilo accusato di aver rapito Maddie
Altri 18 casi per il pedofilo accusato di aver rapito Maddie
Sono avvenuti nell’arco di sei anni nella zona dell’Algarve, la stessa da dove è scomparsa la piccola inglese. Polemiche per la polizia, accusata di aver impiegato 13 anni a trovare la pista giusta
Le prove sul killer di Maddie non sono sufficienti
Le prove sul killer di Maddie non sono sufficienti
Lo dice la procura tedesca, aggiungendo che la giustizia un processo per omicidio può avvenire solo in presenza di prove inconfutabili
Maddie caduta nelle mani di un serial killer
Maddie caduta nelle mani di un serial killer
Come per il caso della piccola Maelys, spunta lentamente il passato dell’uomo sospettato di aver rapito e ucciso la bimba inglese. Dovrà rispondere di altre due sparizioni di bambini, ma si teme sia solo l’inizio
Ha un nome il rapitore di Maddie
Ha un nome il rapitore di Maddie
Christian Brueckner, 17 condanne per pedofilia, viveva a pochi km dal resort in Portogallo da dove è sparita la bimba, ma il suo nome è entrato da poco nei fascicoli d’indagine