Emanuela Orlandi, inchiesta in Vaticano

| Per il legale e il fratello della ragazza scomparsa 35 anni fa si tratta di una “svolta storica”. Probabile l’apertura di una tomba nel cimitero teutonico

+ Miei preferiti
L’indiscrezione arriva dall’agenzia “AdnKronos” e fa sobbalzare sulla sedia chi spera in una decisione simile da quasi quattro decenni: la Segreteria di Stato Vaticana ha autorizzato l’apertura di un’indagine interna sul caso di Emanuela Orlandi. Una decisione che era stata anticipata giorni fa da Gian Piero Milano, promotore di giustizia del Tribunale Vaticano: “Posso dire che gli accertamenti sono già ina una fase operativa”.

La conferma è arrivata da Laura Sgrò, avvocato della famiglia Orlandi: “Stiamo seguendo gli sviluppi delle indagini delle autorità vaticane auspicando in una piena collaborazione. Proseguiamo comunque nelle nostre attività di indagini difensive”.

Fra le prime reazioni quella di Pietro Orlandi, fratello di Emanuela, la 15enne figlia di un commesso della Prefettura Pontificia scomparsa nel nulla a Roma il 22 giugno del 1983: “Dopo 35 anni il Vaticano finalmente indaga ufficialmente sulla scomparsa di mia sorella. Speriamo che sia arrivato il momento di giungere alla verità e dare giustizia a Emanuela”.

Anche Antonietta Gregori, sorella di Mirella, l’altra quindicenne romana svanita nel nulla poche settimane prima di Emanuela, ha commentato positivamente la notizia: “Sono contenta per la famiglia di Emanuela, è una svolta importante. Non credo che la vicenda della tomba teutonica riguardi mia sorella, ma spero che la sua scomparsa non rimanga nell’oblio. Anche io, come la famiglia Orlandi, lotto per arrivare alla verità dopo 35 anni”.

Qualche settimana fa, la famiglia Orlandi aveva inviato richiesta al Vaticano per l’apertura di una tomba all’interno del cimitero teutonico oggetto di un messaggio anonimo con foto ricevuto mesi fa dal legale della famiglia: “Cercate dove indica l’angelo”. L’immagine mostrava la statua di un angelo che regge in mano un foglio su cui è incisa la frase “Requiescat in pace”.

Cold Case
Una settimana per risolvere il caso di Maddie
Una settimana per risolvere il caso di Maddie
È quanto promette un medico forense americano, grazie ad una tecnica innovativa e molto più sofisticata del suo laboratorio. Un’analisi che ha permesso di dare un nome ai resti delle vittime dell’11 settembre
Risolto un duplice omicidio di 46 anni fa
Risolto un duplice omicidio di 46 anni fa
Janice e Lynn, due amiche di 19 anni, furono trovate morte nel cottage di una località di mare della Virginia. Le nuove tecniche investigative hanno permesso di risalire all’assassino: un uomo che oggi ha 80 anni
“Maddie è viva”
“Maddie è viva”
Un documentario Netflix, diffuso in tutto il mondo, promette rivelazioni shock da esperti, investigatori e poliziotti che dal 2007 seguono il caso della scomparsa della piccola
"Ti giuro, non ho fatto nulla a tuo fratello"
"Ti giuro, non ho fatto nulla a tuo fratello"
Le lacrime della serial killer Myra Hindley che, con l'amante Ian Brady, uccise 7 bambini. Incontrò il fratello di Keith in carcere ma non gli rivelò dove fu sepolto. Gli "assassini della brughiera"
La beffa del serial killer alla famiglia di un bimbo ucciso
La beffa del serial killer alla famiglia di un bimbo ucciso
Ian Brady e Myra Hindley, negli Anni '60, uccidevano bambini e li seppellivano in campagna. Nel '91 Brady inviò una lettera al frettlo di Keith, 12, in cui prometteva di rivelare il luogo della sepoltura. "La polizia ci aiuti"
La polizia inglese vicina a risolvere un cold case
La polizia inglese vicina a risolvere un cold case
In un campo poco distante da dove viveva, la polizia sta cercando il corpo di Linda Razzell, scomparsa nel 2002. Uno dei tanti omicidi irrisolti che gravano sulla zona
Uccise la piccola Linda 46 anni fa: arrestato
Uccise la piccola Linda 46 anni fa: arrestato
Linda O’Keefe è stata strangolata nel luglio del 1973 da qualcuno che pensava di averla fatta franca. Le nuove tecniche di genealogia forense hanno permesso di individuarlo con certezza
Il macabro mistero della nave fantasma
Il macabro mistero della nave fantasma
La nave olandese "Ourang Medan", affonda nel '48 nello stretto di Malacca. I corpi dei marinai avevano bocca e occhi spalancati, in un'espressione di terrore. Un documento CIA: "E' la chiave dei molti misteri insoluti"
Il serial killer disegna i volti
delle donne che ha ucciso
Il serial killer disegna i volti<br>delle donne che ha ucciso
L'Fbi diffonde 34 immagini dei volti di donne uccise dal 1970 al 2005 emersi dalla memoria dell'assassino, autore di 90 delitti e già condannato a morte, con la speranza che familiari o amici possano riconoscerle
Simon era fuggito, ritrovato 20 anni dopo
Simon era fuggito, ritrovato 20 anni dopo
Il caso di Simon Lembi aveva riempito le cronache del Belgio: svanisce nel nulla nel 1999 e di lui non si sa più nulla. Vent’anni dopo, è stato ritrovato