Emanuela Orlandi, inchiesta in Vaticano

| Per il legale e il fratello della ragazza scomparsa 35 anni fa si tratta di una “svolta storica”. Probabile l’apertura di una tomba nel cimitero teutonico

+ Miei preferiti
L’indiscrezione arriva dall’agenzia “AdnKronos” e fa sobbalzare sulla sedia chi spera in una decisione simile da quasi quattro decenni: la Segreteria di Stato Vaticana ha autorizzato l’apertura di un’indagine interna sul caso di Emanuela Orlandi. Una decisione che era stata anticipata giorni fa da Gian Piero Milano, promotore di giustizia del Tribunale Vaticano: “Posso dire che gli accertamenti sono già ina una fase operativa”.

La conferma è arrivata da Laura Sgrò, avvocato della famiglia Orlandi: “Stiamo seguendo gli sviluppi delle indagini delle autorità vaticane auspicando in una piena collaborazione. Proseguiamo comunque nelle nostre attività di indagini difensive”.

Fra le prime reazioni quella di Pietro Orlandi, fratello di Emanuela, la 15enne figlia di un commesso della Prefettura Pontificia scomparsa nel nulla a Roma il 22 giugno del 1983: “Dopo 35 anni il Vaticano finalmente indaga ufficialmente sulla scomparsa di mia sorella. Speriamo che sia arrivato il momento di giungere alla verità e dare giustizia a Emanuela”.

Anche Antonietta Gregori, sorella di Mirella, l’altra quindicenne romana svanita nel nulla poche settimane prima di Emanuela, ha commentato positivamente la notizia: “Sono contenta per la famiglia di Emanuela, è una svolta importante. Non credo che la vicenda della tomba teutonica riguardi mia sorella, ma spero che la sua scomparsa non rimanga nell’oblio. Anche io, come la famiglia Orlandi, lotto per arrivare alla verità dopo 35 anni”.

Qualche settimana fa, la famiglia Orlandi aveva inviato richiesta al Vaticano per l’apertura di una tomba all’interno del cimitero teutonico oggetto di un messaggio anonimo con foto ricevuto mesi fa dal legale della famiglia: “Cercate dove indica l’angelo”. L’immagine mostrava la statua di un angelo che regge in mano un foglio su cui è incisa la frase “Requiescat in pace”.

Cold Case
«So dov’è sepolta Maddie»
«So dov’è sepolta Maddie»
Michael Schneider, il sensitivo tedesco che ha indicato i punti in cui la polizia ha ritrovato i corpi dei coniugi Neumair, afferma di aver fornito le coordinate del luogo in cui sarebbe stata sepolta la piccola inglese scomparsa nel 2007
Il mistero dell’uomo di Somerton
Il mistero dell’uomo di Somerton
Sta forse per essere risolto un giallo inestricabile lungo 70 anni: un uomo ritrovato senza vita su una spiaggia nel 1948 a cui non è mai stato possibile dare un nome
Il prete assassino (che non sconterà nessuna pena)
Il prete assassino (che non sconterà nessuna pena)
Nuove prove hanno permesso alla polizia di inchiodare l’ex sacerdote Richard R. Lavigne, accusato di aver ucciso mezzo secolo fa il 13enne Daniel Croteau
Svolta nel caso della piccola Maddie
Svolta nel caso della piccola Maddie
La polizia tedesca sarebbe riuscita a provare la presenza di Christain Brueckner in Portogallo negli stessi giorni in cui la piccola è scomparsa. Ma non basta ancora per accusarlo formalmente
L’assassino di Evelyn, uccisa nel 1979
L’assassino di Evelyn, uccisa nel 1979
Un uomo di 64 anni individuato grazie alle nuove tecniche forensi: una traccia del Dna lasciato su una manica del cappotto della vittima ha permesso di dare un nome all’omicida
Nuove prove sulla morte di Khashoggi
Nuove prove sulla morte di Khashoggi
Diversi documenti “Top Secret” dimostrano che la squadra assassini del giornalista hanno utilizzato aerei di una compagnia che apparteneva al principe saudita MBS
È morto Samuel Litte, il serial killer più prolifico d’America
È morto Samuel Litte, il serial killer più prolifico d’America
Aveva 80 anni e dal 2014 stava scontando 3 ergastoli, ma si era autoaccusato dell’omicidio di 93 donne. Attraverso le sue confessioni l’FBI ha risolto oltre 50 casi insoluti
Risolto il cifrario del Killer dello Zodiaco
Risolto il cifrario del Killer dello Zodiaco
Dopo 51 anni, tre codebreaker amatoriali sono riusciti a venire a capo di uno dei messaggi più oscuri del serial killer californiano, il “cifrario 340”. Purtroppo, non conteneva indicazioni utili per svelarne l’identità
Il più celebre serial killer sudcoreano confessa
Il più celebre serial killer sudcoreano confessa
Al suo posto era stato accusato un innocente che ha scontato 20 anni di galera. Lee Chung-jae ha ammesso i 14 omicidi di donne e si è detto sorpreso: era convinto che la polizia l’avrebbe fermato molto prima
Dopo 36 anni risolto il cold case di Jonelle Matthews
Dopo 36 anni risolto il cold case di Jonelle Matthews
Un anno fa il ritrovamento dei resti della ragazzina scomparsa in Colorado pochi giorni prima del Natele del 1984. Gli esami e la comparazione dei dati hanno portato all’arresto dell’ex pastore della chiesa che la famiglia frequentava