Emanuela Orlandi, inchiesta in Vaticano

| Per il legale e il fratello della ragazza scomparsa 35 anni fa si tratta di una “svolta storica”. Probabile l’apertura di una tomba nel cimitero teutonico

+ Miei preferiti
L’indiscrezione arriva dall’agenzia “AdnKronos” e fa sobbalzare sulla sedia chi spera in una decisione simile da quasi quattro decenni: la Segreteria di Stato Vaticana ha autorizzato l’apertura di un’indagine interna sul caso di Emanuela Orlandi. Una decisione che era stata anticipata giorni fa da Gian Piero Milano, promotore di giustizia del Tribunale Vaticano: “Posso dire che gli accertamenti sono già ina una fase operativa”.

La conferma è arrivata da Laura Sgrò, avvocato della famiglia Orlandi: “Stiamo seguendo gli sviluppi delle indagini delle autorità vaticane auspicando in una piena collaborazione. Proseguiamo comunque nelle nostre attività di indagini difensive”.

Fra le prime reazioni quella di Pietro Orlandi, fratello di Emanuela, la 15enne figlia di un commesso della Prefettura Pontificia scomparsa nel nulla a Roma il 22 giugno del 1983: “Dopo 35 anni il Vaticano finalmente indaga ufficialmente sulla scomparsa di mia sorella. Speriamo che sia arrivato il momento di giungere alla verità e dare giustizia a Emanuela”.

Anche Antonietta Gregori, sorella di Mirella, l’altra quindicenne romana svanita nel nulla poche settimane prima di Emanuela, ha commentato positivamente la notizia: “Sono contenta per la famiglia di Emanuela, è una svolta importante. Non credo che la vicenda della tomba teutonica riguardi mia sorella, ma spero che la sua scomparsa non rimanga nell’oblio. Anche io, come la famiglia Orlandi, lotto per arrivare alla verità dopo 35 anni”.

Qualche settimana fa, la famiglia Orlandi aveva inviato richiesta al Vaticano per l’apertura di una tomba all’interno del cimitero teutonico oggetto di un messaggio anonimo con foto ricevuto mesi fa dal legale della famiglia: “Cercate dove indica l’angelo”. L’immagine mostrava la statua di un angelo che regge in mano un foglio su cui è incisa la frase “Requiescat in pace”.

Cold Case
Caso Maddie, la polizia scava in un giardino ad Hannover
Caso Maddie, la polizia scava in un giardino ad Hannover
Si trova all’interno di un’ex residenza di Christian Brueckner, il principale sospettato. Sul posto ruspe, cani poliziotto e agenti della scientifica
Quasi risolto il caso di Maddie McCann
Quasi risolto il caso di Maddie McCann
Lo dice il padre dell’ex fidanzata del principale sospettato Christian Brueckner, interrogato per capire il coinvolgimento della donna nel sequestro e la probabile morte della bimba inglese
Maddie, avviate le ricerche del corpo
Maddie, avviate le ricerche del corpo
La polizia sta passando la setaccio diversi pozzi nella zona dell'Algarve dove si sospetta potrebbe trovarsi il corpicino della bimba inglese scomparsa nel nulla 13 anni fa
Caso Maddie: trovato il rifugio segreto di Brueckner
Caso Maddie: trovato il rifugio segreto di Brueckner
Sepolti in una fabbrica abbandonata hard disk e chiavette usb che contengono oltre 8000 immagini foto e video. Cautela degli inquirenti, anche se la speranza è di essere vicini alla svolta del caso
Scomparsa di Maddie: l’ora delle polemiche
Scomparsa di Maddie: l’ora delle polemiche
L’ex capo della polizia portoghese che per primo aveva indagato sulla scomparsa della bimba inglese torna ad accusare la famiglia. Ma un ex compagno di cella inguaia sempre di più Brueckner
Altri 18 casi per il pedofilo accusato di aver rapito Maddie
Altri 18 casi per il pedofilo accusato di aver rapito Maddie
Sono avvenuti nell’arco di sei anni nella zona dell’Algarve, la stessa da dove è scomparsa la piccola inglese. Polemiche per la polizia, accusata di aver impiegato 13 anni a trovare la pista giusta
Le prove sul killer di Maddie non sono sufficienti
Le prove sul killer di Maddie non sono sufficienti
Lo dice la procura tedesca, aggiungendo che la giustizia un processo per omicidio può avvenire solo in presenza di prove inconfutabili
Maddie caduta nelle mani di un serial killer
Maddie caduta nelle mani di un serial killer
Come per il caso della piccola Maelys, spunta lentamente il passato dell’uomo sospettato di aver rapito e ucciso la bimba inglese. Dovrà rispondere di altre due sparizioni di bambini, ma si teme sia solo l’inizio
Ha un nome il rapitore di Maddie
Ha un nome il rapitore di Maddie
Christian Brueckner, 17 condanne per pedofilia, viveva a pochi km dal resort in Portogallo da dove è sparita la bimba, ma il suo nome è entrato da poco nei fascicoli d’indagine
Svolta nella scomparsa di Maddie
Svolta nella scomparsa di Maddie
Dopo anni di lungo lavoro, le autorità tedesche e portoghesi hanno individuato un pedofilo residente in Germania, fortemente sospettato del sequestro e la morte della bimba inglese