Giustiziato a 14 anni, era innocente

| George Stinney, 14 anni, fu costretto nel 1944 a confessare un delitto e fu giustiziato sulla sedia elettrica. Settant'anni dopo la sua famiglia è riuscita ad ottenere la sua completa riabilitazione. Le terribili immagini dell'esecuzione

+ Miei preferiti

Subito dopo la scuola, il 24 marzo 1944, due bambine bianche, Betty June Binnicker, 11 anni e Mary Emma Thames, di 7 anni, furono uccise in modo atroce. Le avevano viste poco prima di sparire con due ragazzini neri. George Stinney Jr., 14 anni, aveva portato la mucca della sua famiglia a pascolare con la sua sorellina, Amie. Betty June e Mary Emma si fermarono vicino a loro, chiedendo se ci fossero fiori oltre il prato. George e Amie non lo sapevano. Un'altra versione, ancora oggi sussurrata attraverso Alcolu, sosteneva che le bambine si fermarono anche a casa di un'importante famiglia bianca. Il figlio si era offerto di accompagnarle in campagna lui, con il suo pick-up.

George nel carcere di Charleston


Ma la polizia non cercava un assassino bianco; inoltre, qualcuno aveva indicato George, 14 anni, come un bambino violento e cattivo. Gli uomini bianchi si presentarono e lo portarono via. "Da solo con le autorità bianche, confessò rapidamente. George era povero e nero. Un depravato assassino di bambini per i suoi carnefici. Uno stupratore per il governatore. Un predatore impenitente nella stampa", spiegano oggi i suoi difensori.

I corpi delle bambine uccise erano già rigidi quando un giovane collaboratore del predicatore li ritrovò in un fosso poco profondo e inondato d'acqua nel bosco. Erano di spalle, come un paio di bambole buttate via, ammaccate e rotte in modo irreparabile. Sopra di loro giaceva una bicicletta, la ruota anteriore emersa dal fango. Non c'erano segni di lotta quando il dottor Asbury Cecil Bozard esaminò i corpi, ma era chiaro che erano state ucciso in modo violento e crudele. Mary Emma aveva un taglio lungo e frastagliato sopra il sopracciglio destro e un foro che le perforava la fronte nel cranio. Betty June fu colpita con almeno sette colpi alla testa, notò il medico, la parte posteriore del cranio era "solo una massa di ossa schiacciate". C'era poco sangue, osservò il coroner, come se le bimbe fossero state uccise altrove e poi trasportate nella pozza.

Niente di simile era mai successo ad Alcolu, un villaggio di segherie lungo la collina settentrionale della palude nella contea rurale di Clarendon, circa 80 miglia a nord di Charleston. Alcolu era un luogo che viveva solo della grande segheria, uomini e donne andavano in chiesa due volte la domenica, e i campi verdi di cotone era l’altra opportunità di lavoro. Per la maggior parte delle famiglie bianche e nere vivevano separatamente sui lati opposti della ferroviar. Ma al mulino, gli uomini di entrambe le razze lavoravano fianco a fianco per la D.W. Alderman and Sons Company dal primo colpo di fischio della sirena ogni mattina fino a quando l'ultimo li rispediva a casa quando era già notte.

Betty June e Mary Emma erano scomparsi un giorno prima, mentre cercavano fiori dopo la scuola. Quella sera, quando non erano rientrate a casa, un gruppo di ricerca di 100-200 uomini era entrato in azione.

La famiglia di Gioerge Stinney, 14 anni, aveva saputo delle ragazze scomparse quella sera a una festa di quartiere. George disse ai suoi genitori che lui e Amie li aveva viste prima, e se ne andò con suo padre per unirsi ai gruppi di ricerca. Con l'oscurità, nessuno riusciva a trovarli. George Burke Sr., uno dei capi della segheria, guidò una squadra di ricerca mentre continuavano il loro lavoro e trovò i cadaveri in un fosso. La frase che Geroge aveva detto, “le ho viste”, diventa prima un sospetto e poi una certezza, l’assassino era lui. Fu consegnato a 12 poliziotti bianchi, che lo interrogarono nell’ufficio dello sceriffo; gli estorsero una prima confessione, poi una seconda. I genitori sapevano che non era stato lui ma non riusciremo nemmeno a vederlo o ad assumere un avvocato di fiducia. Pochi giorni dopo una giuria composta da soli bianchi lo condannò alla pena di morte e George fu ucciso con la sedia elettrica. La maschera di gomma era troppo grande per lui e la sua testa ondeggiò sotto la scarica diversi minuti provocandogli dolori atroci e ustioni prima di essere dichiarato morto. Settant’anni dopo la famiglia è riuscita ad ottenere la sua completa riabilitazione: il più giovane condannato a morte della storia Usa era innocente, non aveva ucciso lui Mary e Betty June.

L'avvocato Ray Chandler in rappresentanza della famiglia di Stinney, presentò una mozione per un nuovo processo il 25 ottobre 2013. "C'è stata una persona che si è proclamata colpevole ma che ora è deceduta e la famiglia ha detto che aveva reso una confessione sul letto di morte”.Si disse che il colpevole proveniva da una famosa famiglia bianca. Un membro, o diversi membri, di quella famiglia aveva prestato servizio nella giuria d'inchiesta del coroner, che aveva poi condannato Stinney.

I familiari di Betty Binnicker e Mary Thames, pur riconoscendo l'esecuzione di un quattordicenne come controversa, non avevano mai messo in dubbio la sua colpevolezza. Invece di approvare un nuovo processo, il 17 dicembre 2014, la giudice Carmen Mullen annullò la condanna di Stinney poiché Geroge Stinney “ non aveva ricevuto un processo equo poiché non era stato difeso in modo efficace e poiché i suo diritti stabiliti dal VI emendamento erano stati violati”. Si stabilì che la sua confessione venne probabilmente estorta e quindi era inammissibile. Stabilì anche che l'esecuzione di un quattordicenne costituiva "una punizione crudele e inusuale", e che il suo avvocato "non aveva chiamato testimoni a discarico o esercitato il suo diritto di appello”. Troppo tardi si erano fatti avanti alcuni testimoni e un compagno di cella di Geroge, rimasto nel braccio della morte per solo 80 giorni. “Le confessioni ci erano state estorte e lui, con noi detenuti, aveva sempre proclamato la sua innocenza”.

Galleria fotografica
Giustiziato a 14 anni, era innocente - immagine 1
Giustiziato a 14 anni, era innocente - immagine 2
Giustiziato a 14 anni, era innocente - immagine 3
Giustiziato a 14 anni, era innocente - immagine 4
Cold Case
Una settimana per risolvere il caso di Maddie
Una settimana per risolvere il caso di Maddie
È quanto promette un medico forense americano, grazie ad una tecnica innovativa e molto più sofisticata del suo laboratorio. Un’analisi che ha permesso di dare un nome ai resti delle vittime dell’11 settembre
Risolto un duplice omicidio di 46 anni fa
Risolto un duplice omicidio di 46 anni fa
Janice e Lynn, due amiche di 19 anni, furono trovate morte nel cottage di una località di mare della Virginia. Le nuove tecniche investigative hanno permesso di risalire all’assassino: un uomo che oggi ha 80 anni
Emanuela Orlandi, inchiesta in Vaticano
Emanuela Orlandi, inchiesta in Vaticano
Per il legale e il fratello della ragazza scomparsa 35 anni fa si tratta di una “svolta storica”. Probabile l’apertura di una tomba nel cimitero teutonico
“Maddie è viva”
“Maddie è viva”
Un documentario Netflix, diffuso in tutto il mondo, promette rivelazioni shock da esperti, investigatori e poliziotti che dal 2007 seguono il caso della scomparsa della piccola
"Ti giuro, non ho fatto nulla a tuo fratello"
"Ti giuro, non ho fatto nulla a tuo fratello"
Le lacrime della serial killer Myra Hindley che, con l'amante Ian Brady, uccise 7 bambini. Incontrò il fratello di Keith in carcere ma non gli rivelò dove fu sepolto. Gli "assassini della brughiera"
La beffa del serial killer alla famiglia di un bimbo ucciso
La beffa del serial killer alla famiglia di un bimbo ucciso
Ian Brady e Myra Hindley, negli Anni '60, uccidevano bambini e li seppellivano in campagna. Nel '91 Brady inviò una lettera al frettlo di Keith, 12, in cui prometteva di rivelare il luogo della sepoltura. "La polizia ci aiuti"
La polizia inglese vicina a risolvere un cold case
La polizia inglese vicina a risolvere un cold case
In un campo poco distante da dove viveva, la polizia sta cercando il corpo di Linda Razzell, scomparsa nel 2002. Uno dei tanti omicidi irrisolti che gravano sulla zona
Uccise la piccola Linda 46 anni fa: arrestato
Uccise la piccola Linda 46 anni fa: arrestato
Linda O’Keefe è stata strangolata nel luglio del 1973 da qualcuno che pensava di averla fatta franca. Le nuove tecniche di genealogia forense hanno permesso di individuarlo con certezza
Il macabro mistero della nave fantasma
Il macabro mistero della nave fantasma
La nave olandese "Ourang Medan", affonda nel '48 nello stretto di Malacca. I corpi dei marinai avevano bocca e occhi spalancati, in un'espressione di terrore. Un documento CIA: "E' la chiave dei molti misteri insoluti"
Il serial killer disegna i volti
delle donne che ha ucciso
Il serial killer disegna i volti<br>delle donne che ha ucciso
L'Fbi diffonde 34 immagini dei volti di donne uccise dal 1970 al 2005 emersi dalla memoria dell'assassino, autore di 90 delitti e già condannato a morte, con la speranza che familiari o amici possano riconoscerle