Ha un nome il cadavere della grotta dell’Idaho

| Il corpo fatto a pezzi, ritrovato nel 1979, è quello di Joseph Henry Loveless, condannato per l’omicidio della moglie. L’identificazione grazie alle nuove tecniche forensi

+ Miei preferiti
Nel 1979, la “Buffalo Cave”, una sperduta grotta dell’Idaho, aveva restituito i resti di un corpo. Allora, non c’era nessuna speranza di identificarlo, e quel che restava di quell’uomo, o donna – nessuno lo sapeva – è rimasto conservato nelle celle frigorifere di un istituto di medicina legale dell’Idaho, archiviate con il solito nome che in America danno ai cadaveri senza nome: “John Doe”.

Ora, grazie alle nuove e sempre rivoluzionarie tecniche forensi, quel corpo ha finalmente un nome, e una storia che è stata parzialmente ricostruita. Si chiamava Joseph Henry Loveless, e più di un secolo fa era evaso di prigione dopo essere stato condannato per l’omicidio della moglie.

L’identificazione, confermata dall’ufficio dello sceriffo della contea di Clark martedì, è stata fatta inizialmente dall’organizzazione non-profit “DNA Doe Project”, che attraverso un post su Facebook ha annunciato che “i resti conservati nella per ben 63 anni hanno finalmente un nome”.

Loveless morì probabilmente intorno al 1916, all’età di 46 anni: sembra sia stato ucciso e poi smembrato. Prima della morte, era stato arrestato almeno due volte per contrabbando di alcolici ed era evaso segando le sbarre della prigione. Mart May, lo sceriffo della contea di Clark, ha confermato che Loveless aveva ucciso la moglie con un’ascia ed era stato incarcerato nella prigione di quella che allora era la contea di Freemont. Dopo l’evasione, di lui non si era saputo più nulla.

“Nel 1916, quassù c’era il selvaggio West e molto probabilmente la gente del posto si era occupata del problema. Sarà molto difficile risolvere l’omicidio, ma invitiamo comunque chiunque abbia sentito delle storie a contattare il nostro ufficio, non si sa mai qualche informazione possa risultare utile”.

Il DNA Doe Project ha dovuto superare numerosi ostacoli prima di poter effettuare un’identificazione certa: in vita Loveless aveva utilizzato diversi pseudonimi, non aveva parenti stretti ed era classificato come un fuorilegge. I volontari hanno setacciato più di 31.730 individui cercando di trovare un collegamento con il DNA dell’uomo.

La scoperta del corpo, come accennato, risale all’agosto del 1979, quando un torace avvolto in un sacco di iuta è stato scoperto da una famiglia in una grotta non distante da Dubois, nell’Idaho. “Indossava pantaloni di colore scuro, una camicia bianca a righe blu e un maglione marrone, il torso è stato sepolto in una tomba poco profonda”.

Circa 12 anni dopo, la grotta aveva restituito una mano, un braccio e due gambe avvolte in un sacco di iuta. Dopo la nuova scoperta, i volontari e gli studenti dell’università dell’Idaho avevano continuato a setacciare la grotta, senza mai ritrovare altri resti.

I professori di antropologia dell’università e gli studenti hanno lavorato a stretto contatto con l’organizzazione per arrivare a una prima identificazione, che è stata inviata all’ufficio dello sceriffo nel novembre del 2019.

Lo sceriffo May ha raccontato che il suo ufficio ha rintracciato un nipote ottantasettenne di Loveless che vive in California e ha accettato di fornire un campione di DNA. I risultati sono risultati coerenti al 100% con i poveri resti della grotta.

“Il nipote ricordava di aveva sentito strane storie su suo nonno”, ha confermato lo sceriffo, ma non corrispondono a quanto ricostruito attraverso documenti originali e articoli di giornale. Risultato, la morte di Loveless rimane un caso aperto: “Sappiamo che è stato assassinato, ma manca il nome del colpevole”.

Galleria fotografica
Ha un nome il cadavere della grotta dell’Idaho - immagine 1
Cold Case
Il più celebre serial killer sudcoreano confessa
Il più celebre serial killer sudcoreano confessa
Al suo posto era stato accusato un innocente che ha scontato 20 anni di galera. Lee Chung-jae ha ammesso i 14 omicidi di donne e si è detto sorpreso: era convinto che la polizia l’avrebbe fermato molto prima
Dopo 36 anni risolto il cold case di Jonelle Matthews
Dopo 36 anni risolto il cold case di Jonelle Matthews
Un anno fa il ritrovamento dei resti della ragazzina scomparsa in Colorado pochi giorni prima del Natele del 1984. Gli esami e la comparazione dei dati hanno portato all’arresto dell’ex pastore della chiesa che la famiglia frequentava
Nicole Brown Simpson, diario una morte annunciata
Nicole Brown Simpson, diario una morte annunciata
Un documentario che presto arriverà in tutto il mondo ha scelto di basarsi sui diari segreti della moglie di OJ Simpson, mai utilizzati durante il processo. Una sequenza infinita di violenze e minacce
Caso Maddie, la polizia scava in un giardino ad Hannover
Caso Maddie, la polizia scava in un giardino ad Hannover
Si trova all’interno di un’ex residenza di Christian Brueckner, il principale sospettato. Sul posto ruspe, cani poliziotto e agenti della scientifica
Quasi risolto il caso di Maddie McCann
Quasi risolto il caso di Maddie McCann
Lo dice il padre dell’ex fidanzata del principale sospettato Christian Brueckner, interrogato per capire il coinvolgimento della donna nel sequestro e la probabile morte della bimba inglese
Maddie, avviate le ricerche del corpo
Maddie, avviate le ricerche del corpo
La polizia sta passando la setaccio diversi pozzi nella zona dell'Algarve dove si sospetta potrebbe trovarsi il corpicino della bimba inglese scomparsa nel nulla 13 anni fa
Caso Maddie: trovato il rifugio segreto di Brueckner
Caso Maddie: trovato il rifugio segreto di Brueckner
Sepolti in una fabbrica abbandonata hard disk e chiavette usb che contengono oltre 8000 immagini foto e video. Cautela degli inquirenti, anche se la speranza è di essere vicini alla svolta del caso
Scomparsa di Maddie: l’ora delle polemiche
Scomparsa di Maddie: l’ora delle polemiche
L’ex capo della polizia portoghese che per primo aveva indagato sulla scomparsa della bimba inglese torna ad accusare la famiglia. Ma un ex compagno di cella inguaia sempre di più Brueckner
Altri 18 casi per il pedofilo accusato di aver rapito Maddie
Altri 18 casi per il pedofilo accusato di aver rapito Maddie
Sono avvenuti nell’arco di sei anni nella zona dell’Algarve, la stessa da dove è scomparsa la piccola inglese. Polemiche per la polizia, accusata di aver impiegato 13 anni a trovare la pista giusta
Le prove sul killer di Maddie non sono sufficienti
Le prove sul killer di Maddie non sono sufficienti
Lo dice la procura tedesca, aggiungendo che la giustizia un processo per omicidio può avvenire solo in presenza di prove inconfutabili