Ha un nome il rapitore di Maddie

| Christian Brueckner, 17 condanne per pedofilia, viveva a pochi km dal resort in Portogallo da dove è sparita la bimba, ma il suo nome è entrato da poco nei fascicoli d’indagine

+ Miei preferiti
Dopo 13 anni di angoscia, speranza e pena infinita, l’uomo che secondo le polizie di mezza Europa avrebbe rapito e ucciso la piccola Maddie McCainn ha un nome. Si chiama Christian Brueckner, 43 anni, è un pedofilo con 17 condanne rimediate ovunque, Italia compresa, e attualmente è in galera perché accusato di aver violentato nel 2005 una turista americana 72enne nell’Algarve, la stessa zona del Portogallo da dove è scomparsa la bimba inglese. Ma sul suo nome è in atto una corsa contro il tempo: per la legge tedesca è idoneo alla libertà vigilata, e senza l’intervento della Corte federale di giustizia tedesca potrebbe uscire di prigione questo fine settimana avendo ormai scontato due terzi della condanna. La polizia è impegnata su due fronti: dimostrare la sua colpevolezza nel caso McCainn e dare la caccia alla sua ex fidanzata, una giovane di origine kosovara. Gli agenti sperano di rintracciare la donna, che si ritiene abbia soggiornato con Brueckner in una casa vicino a Praia da Luz, in Portogallo, prima della scomparsa di Maddie, il 3 maggio 2007.

La fattoria dell’Algarve in cui viveva, in una zona disseminata di pozzi abbandonati, si trova a 25 minuti a piedi dal resort in cui Madeleine è scomparsa. La polizia ha perquisito la proprietà nel 2012, mentre quella tedesca ha diffuso le immagini della casa lanciando un appello a eventuali testimoni. Due anni dopo, la polizia ha isolato una macchia verde vicina alla casa colonica e utilizzato un radar a penetrazione per rilevare se il terreno era stato smosso di recente.

Un ex vicino di casa di Brueckner ricorda: “Si era trasferito nella zona alla metà degli anni Novanta con una fidanzata tedesca che se n’è andata circa un anno e mezzo dopo. Sembrava che avessero una relazione burrascosa, li sentivo litigare ma sapevo molto poco della loro vita”. Un altro ha aggiunto: “Ha avuto un litigio con un altro tedesco a cui ha subaffittato il posto per circa sei mesi. Lo ha trattato molto male”.

I detective sperano di rintracciare la sua ex fidanzata, che si pensa abbia lasciato la zona prima della scomparsa di Madeleine, mentre si dice che Brueckner sia rimasto a Praia da Luz, probabilmente dormendo in un camper che i detective ritengono possa essere stato usato nel rapimento.

Registrato come persona senza fissa dimora che viveva di espedienti, Brueckner è stato condannato la prima volta per un reato sessuale in Germania quando aveva 17 anni. Eppure, malgrado le numerose condanne, il fatto che vivesse a pochi km dal luogo della scomparsa di Maddie e l’analisi dei tabulati telefonici che dimostrano fosse all’interno del resort la notte della sparizione, il suo nome non è mai entrato nei fascicoli di indagini della polizia portoghese.

Goncalo Amaral, l’ex capo investigatore della polizia portoghese che si è occupato del caso, ha affermato che il nome era stato escluso dall’indagine nel 2008, ma è rientrato fra i sospetti dopo l’intercettazione di una conversazione in una chatroom in cui si parlava del rapimento di Maddie. Brueckner è entrato sotto i riflettori di Scotland Yard solo nel 2017, quando ha raccontato ad un amico in un bar che “sapeva quello che era successo a Madeleine”.

Un portavoce dei genitori di Maddie, Kate e Gerry McCann, ha definito “significativa” l’improvvisa svolta alle indagini, anche se unita all’angoscia, in quanto secondo gli investigatori tedeschi la bimba sarebbe morta e – secondo alcune indiscrezioni – sanno anche come e dove verosimilmente è stato nascosto il corpo. Ma Scotland Yard insiste: fino a prova contraria si tratta di un’indagine su una persona scomparsa.

Galleria fotografica
Ha un nome il rapitore di Maddie - immagine 1
Ha un nome il rapitore di Maddie - immagine 2
Cold Case
«So dov’è sepolta Maddie»
«So dov’è sepolta Maddie»
Michael Schneider, il sensitivo tedesco che ha indicato i punti in cui la polizia ha ritrovato i corpi dei coniugi Neumair, afferma di aver fornito le coordinate del luogo in cui sarebbe stata sepolta la piccola inglese scomparsa nel 2007
Il mistero dell’uomo di Somerton
Il mistero dell’uomo di Somerton
Sta forse per essere risolto un giallo inestricabile lungo 70 anni: un uomo ritrovato senza vita su una spiaggia nel 1948 a cui non è mai stato possibile dare un nome
Il prete assassino (che non sconterà nessuna pena)
Il prete assassino (che non sconterà nessuna pena)
Nuove prove hanno permesso alla polizia di inchiodare l’ex sacerdote Richard R. Lavigne, accusato di aver ucciso mezzo secolo fa il 13enne Daniel Croteau
Svolta nel caso della piccola Maddie
Svolta nel caso della piccola Maddie
La polizia tedesca sarebbe riuscita a provare la presenza di Christain Brueckner in Portogallo negli stessi giorni in cui la piccola è scomparsa. Ma non basta ancora per accusarlo formalmente
L’assassino di Evelyn, uccisa nel 1979
L’assassino di Evelyn, uccisa nel 1979
Un uomo di 64 anni individuato grazie alle nuove tecniche forensi: una traccia del Dna lasciato su una manica del cappotto della vittima ha permesso di dare un nome all’omicida
Nuove prove sulla morte di Khashoggi
Nuove prove sulla morte di Khashoggi
Diversi documenti “Top Secret” dimostrano che la squadra assassini del giornalista hanno utilizzato aerei di una compagnia che apparteneva al principe saudita MBS
È morto Samuel Litte, il serial killer più prolifico d’America
È morto Samuel Litte, il serial killer più prolifico d’America
Aveva 80 anni e dal 2014 stava scontando 3 ergastoli, ma si era autoaccusato dell’omicidio di 93 donne. Attraverso le sue confessioni l’FBI ha risolto oltre 50 casi insoluti
Risolto il cifrario del Killer dello Zodiaco
Risolto il cifrario del Killer dello Zodiaco
Dopo 51 anni, tre codebreaker amatoriali sono riusciti a venire a capo di uno dei messaggi più oscuri del serial killer californiano, il “cifrario 340”. Purtroppo, non conteneva indicazioni utili per svelarne l’identità
Il più celebre serial killer sudcoreano confessa
Il più celebre serial killer sudcoreano confessa
Al suo posto era stato accusato un innocente che ha scontato 20 anni di galera. Lee Chung-jae ha ammesso i 14 omicidi di donne e si è detto sorpreso: era convinto che la polizia l’avrebbe fermato molto prima
Dopo 36 anni risolto il cold case di Jonelle Matthews
Dopo 36 anni risolto il cold case di Jonelle Matthews
Un anno fa il ritrovamento dei resti della ragazzina scomparsa in Colorado pochi giorni prima del Natele del 1984. Gli esami e la comparazione dei dati hanno portato all’arresto dell’ex pastore della chiesa che la famiglia frequentava