"Hanno di nuovo ucciso Florence e i suoi figli"

| Poemiche dei familiari delle 5 vittime del falso medico Jean Claude Romand che nel 1993 in Francia sterminò la famiglia travolto da debiti e bugie, presto scarcerato. "Non s'è mai pentito, è un manipolatore, ancora pericoloso"

+ Miei preferiti

MICHAEL O' BRIEN

“E’ come se li avesse uccisi una seconda volta”. C’è rabbia e dolore nelle parole dei familiari delle vittime di Jean Claude Romand, l'uomo he sterminò la famiglia nel gennaio 1993 per nascondere anni di bugie sulla sua vita e che i giudici hanno deciso di scarcerare dopo 26 anni di prigione, dove sconta l'ergastolo. I fratelli della moglie Florence, una delle cinque vittime di Romand, si oppongono ferocemente al rilascio del falso medico, condannato nel 1996.

Non sono in cerca di vendetta, ma non accettano che l'uomo che ha massacrato la sorella Florence e ucciso i due nipoti chieda il suo rilascio. Emmanuel Crolet, 55 anni, (nella foto) e suo fratello Jean-Noël, 61 anni, entrambi cognati di Jean-Claude Romand, hanno deciso di prendere la parola per esprimere la loro indignazione. Vogliono anche far sentire la voce delle vittime che non possono più testimoniare.

"E' uno shock. Jean-Claude Romand ha avuto il coraggio di chiedere il suo rilascio, così da ricominciare da capo e avere diritto ad una seconda possibilità. E' una coltellata al cuore di mia madre e per tutti noi. Ha ucciso di nuovo sua moglie Florence, i suoi due figli Caroline, 7 anni, e Antoine, 5, ma anche i suoi genitori. Per me, è un altro omicidio, lLi ha uccisi tutti una seconda volta", dice Emmanuel Crolet. “Florence e i suoi figli non avranno mai una seconda possibilità".

Il fratello maggiore sottolinea anche che durante tutti questi anni di carcere, "non ha mostrato nei nostri confronti nessun rimorso, nessuna richiesta di perdono". "E' uno che manipola le persone e gli va sempre bene. Non ho creduto in quest'uomo per molto tempo. Non c'è umanità in lui. Una bestia non lo farebbe mai. Se Jean-Claude Romand ne avesse, potrebbe chiedersi 'Ho il diritto, umanamente parlando, di chiedere il mio rilascio? Sono degno di essere umano?'. Ma non credo l'abbia mai fatto. Jean-Claude Romand è riuscito ad abbindolare i giudici e gli psichiatri. E' molto intelligente. Probabilmente li manipola, nello stesso modo in cui ha manipolato noi per 20 anni - aggiunge Emmanuel Crolet - ha ingannato tutti, ha mentito. Fa parte di lui. C'è chi ci dice che durante i 25 anni trascorsi in prigione si è presentato come un prigioniero modello, gentile, discreto, senza problemi. Per me, può essere ancora pericoloso. Cosa succederebbe se incontrasse mia madre per strada strada o davanti alla tomba di Florence? La giustizia non ci ha ascoltato. Florence e i suoi figli sono stati dimenticati”.

Cold Case
Nicole Brown Simpson, diario una morte annunciata
Nicole Brown Simpson, diario una morte annunciata
Un documentario che presto arriverà in tutto il mondo ha scelto di basarsi sui diari segreti della moglie di OJ Simpson, mai utilizzati durante il processo. Una sequenza infinita di violenze e minacce
Caso Maddie, la polizia scava in un giardino ad Hannover
Caso Maddie, la polizia scava in un giardino ad Hannover
Si trova all’interno di un’ex residenza di Christian Brueckner, il principale sospettato. Sul posto ruspe, cani poliziotto e agenti della scientifica
Quasi risolto il caso di Maddie McCann
Quasi risolto il caso di Maddie McCann
Lo dice il padre dell’ex fidanzata del principale sospettato Christian Brueckner, interrogato per capire il coinvolgimento della donna nel sequestro e la probabile morte della bimba inglese
Maddie, avviate le ricerche del corpo
Maddie, avviate le ricerche del corpo
La polizia sta passando la setaccio diversi pozzi nella zona dell'Algarve dove si sospetta potrebbe trovarsi il corpicino della bimba inglese scomparsa nel nulla 13 anni fa
Caso Maddie: trovato il rifugio segreto di Brueckner
Caso Maddie: trovato il rifugio segreto di Brueckner
Sepolti in una fabbrica abbandonata hard disk e chiavette usb che contengono oltre 8000 immagini foto e video. Cautela degli inquirenti, anche se la speranza è di essere vicini alla svolta del caso
Scomparsa di Maddie: l’ora delle polemiche
Scomparsa di Maddie: l’ora delle polemiche
L’ex capo della polizia portoghese che per primo aveva indagato sulla scomparsa della bimba inglese torna ad accusare la famiglia. Ma un ex compagno di cella inguaia sempre di più Brueckner
Altri 18 casi per il pedofilo accusato di aver rapito Maddie
Altri 18 casi per il pedofilo accusato di aver rapito Maddie
Sono avvenuti nell’arco di sei anni nella zona dell’Algarve, la stessa da dove è scomparsa la piccola inglese. Polemiche per la polizia, accusata di aver impiegato 13 anni a trovare la pista giusta
Le prove sul killer di Maddie non sono sufficienti
Le prove sul killer di Maddie non sono sufficienti
Lo dice la procura tedesca, aggiungendo che la giustizia un processo per omicidio può avvenire solo in presenza di prove inconfutabili
Maddie caduta nelle mani di un serial killer
Maddie caduta nelle mani di un serial killer
Come per il caso della piccola Maelys, spunta lentamente il passato dell’uomo sospettato di aver rapito e ucciso la bimba inglese. Dovrà rispondere di altre due sparizioni di bambini, ma si teme sia solo l’inizio
Ha un nome il rapitore di Maddie
Ha un nome il rapitore di Maddie
Christian Brueckner, 17 condanne per pedofilia, viveva a pochi km dal resort in Portogallo da dove è sparita la bimba, ma il suo nome è entrato da poco nei fascicoli d’indagine