Il macellaio della B1, l’assassino nel deserto

| Un serial killer namibiano non identificato fu responsabile, tra il 2005 e il 2007, degli omicidi di almeno cinque donne, tutte in qualche modo collegate alla strada nazionale B1

+ Miei preferiti
di Marco Belletti

Nell’agosto 2007, il cittadino tedesco residente in Namibia Heinz Knierim fu arrestato con l’accusa di stupro e fu collegato a una serie di omicidi irrisolti avvenuti lungo la “B1”, la principale strada del Paese africano. Fu ribattezzato immediatamente il “macellaio della B1” ma fu scagionato qualche tempo dopo.

La vicenda del macellaio era ufficialmente iniziata un paio di mesi prima, tra giugno e luglio, quando furono trovati resti umani lungo l’arteria che taglia la nazione africana da nord a sud, nella regione centrale di Khomas, nei pressi del grande centro urbano Windhoek. Si trattava di parte dei corpi di due donne infilate in sacchi della spazzatura. In seguito alle indagini, emerse che già nel 2005 erano stati commessi due omicidi simili, sempre di donne, rimasti irrisolti: anche questi precedenti casi furono attribuiti al macellaio della B1.

Purtroppo le macabre scoperte proseguirono: in agosto furono ritrovati la testa e un braccio di un’altra donna e altre parti del corpo della stessa vittima (tuttora non identificata) furono rinvenute qualche giorno dopo un po’ più a nord, sempre lungo la B1.

Dopo la scoperta dei corpi, numerose donne namibiane scrissero una lettera aperta all’assassino, chiedendogli di consegnarsi alla polizia e di rivelare i luoghi dove aveva seppellito le parti mancanti, in modo da dare alle vittime una degna sepoltura.

Gli omicidi ebbero una vasta eco mediatica, tanto da far nascere il soprannome splatter per l’assassino e spingere gli inquirenti a chiedere aiuto ad alcuni detective esperti nella caccia di serial killer che operavano in Sudafrica.

Le cinque vittime erano ragazze o donne di mezza età. Solo tre furono identificate: Juanita Mabula di 21 anni, uccisa nel 2005; Melanie Janse, ventiduenne anche lei, trovata morta nel 2005; e Sanna Helena Garoës, di 36 anni, l’unica vittima identificata delle tre uccise nel 2007. Le altre due ritrovate quell’anno ancora oggi non hanno un nome.

Le tre vittime riconosciute erano namibiane e parlavano afrikaans e damara, un dialetto del luogo. Tutte le parti dei corpi delle donne mostravano segni di congelamento anche se non è stato possibile capire per quanto tempo fossero state conservate in un frigorifero. Solo per due di loro fu chiarito il modo con cui furono uccise: strangolamento per Janse, mentre Mabula fu colpita alla testa con un oggetto non identificato. Sicuramente almeno due delle vittime erano prostitute - lavoravano nel centro di Windhoek - e sembra che si conoscessero fra loro.

È con queste poche certezze che gli investigatori arrestarono Knierim, già sospettato di aver stuprato una ventinovenne namibiana vicino a Windhoek il mese precedente. Sembra che dopo lo stupro avesse tentato di strangolare la donna e fu così facile collegarlo agli omicidi della B1. Knierim respinse sempre tutte le accuse e sebbene le prove contro di lui fossero decisamente inconsistenti, fu rilasciato solo nel febbraio 2010. L’uomo intentò quindi causa al governo della Namibia per l’ingiusta accusa di essere stato ritenuto il macellaio della B1.

Nel frattempo gli inquirenti avevano iniziato a seguire una seconda pista, quella di Hans Husselmann. Condannato alcuni anni prima all’ergastolo per un duplice omicidio, l’uomo (originario della città di Rehoboth) era stato rilasciato nel 2004 e nel 2008 si era tolto la vita dopo essere stato coinvolto nelle indagini per la caccia al macellaio. Nel suo appartamento furono rinvenute tracce del DNA della Garoës mentre quello di Husselmann fu ritrovato su una lettera inviata alla polizia che parlava dell’omicidio di Juanita Mabula. Non fu tuttavia possibile collocare queste prove in tempi coerenti con gli omicidi e quindi Husselmann fu scagionato. Tra gli inquirenti si fece strada l’ipotesi che i killer potessero essere più persone.

Senza un colpevole, i ritrovamenti macabri in Namibia proseguirono. Nel 2010 in una fattoria a Rehoboth furono rinvenuti una testa e un braccio: dopo i primi timori che il macellaio fosse tornato in azione, la polizia non ritenne probabile un legame con gli omicidi precedenti in quanto i resti del corpo erano lontani dalla B1 e bruciati senza alcuna traccia di congelamento. Anche questo caso di omicidio è rimasto irrisolto, causando critiche aggiuntive su efficacia ed efficienza degli inquirenti. A peggiorare ulteriormente la situazione nei confronti della polizia namibiana fu l’omicidio della studentessa diciassettenne Magdalena Stoffels, uccisa dopo essere stata violentata a Windhoek il 27 luglio 2010, e ritrovata nel letto di un fiume vicino alla scuola superiore che frequentava. Qualche ora dopo un trentaduenne di nome Junias Fillipus fu sorpreso mentre lavava i suoi vestiti nello stesso fiume, a poche centinaia di metri da dove era stato ritrovato il corpo della ragazza. Graffi sul corpo e macchie di sangue spinsero i poliziotti ad arrestare l’uomo.

Descritto come uno dei più gravi casi di violenza avvenuto in Namibia, l’omicidio di Magdalena riaccese il dibattito sulla reintroduzione della pena di morte e spinse migliaia di persone a manifestare affinché le istituzioni provvedessero a prendere provvedimenti più efficaci contro l’elevato tasso di criminalità nel Paese.

Dopo circa un anno, Fillipus fu rilasciato in quanto - nonostante le prove raccolte - non poteva essere inequivocabilmente collegato al crimine. Nel 2012 l’uomo ha denunciato la polizia namibiana per arresto e detenzione illegali e perseguimento doloso: le accuse sono state rigettate.

Al momento tutte le indagini sono sospese in mancanza di nuove tracce per trovare il colpevole, e i casi sono ormai diventati decisamente freddi. 

Nel 2013 a Magdalena Stoffels è stato dedicato un nuovo ponte pedonale sul fiume dove fu uccisa. Delle altre cinque vittime non si ricorda più nessuno.

Cold Case
Caso Maddie, la polizia scava in un giardino ad Hannover
Caso Maddie, la polizia scava in un giardino ad Hannover
Si trova all’interno di un’ex residenza di Christian Brueckner, il principale sospettato. Sul posto ruspe, cani poliziotto e agenti della scientifica
Quasi risolto il caso di Maddie McCann
Quasi risolto il caso di Maddie McCann
Lo dice il padre dell’ex fidanzata del principale sospettato Christian Brueckner, interrogato per capire il coinvolgimento della donna nel sequestro e la probabile morte della bimba inglese
Maddie, avviate le ricerche del corpo
Maddie, avviate le ricerche del corpo
La polizia sta passando la setaccio diversi pozzi nella zona dell'Algarve dove si sospetta potrebbe trovarsi il corpicino della bimba inglese scomparsa nel nulla 13 anni fa
Caso Maddie: trovato il rifugio segreto di Brueckner
Caso Maddie: trovato il rifugio segreto di Brueckner
Sepolti in una fabbrica abbandonata hard disk e chiavette usb che contengono oltre 8000 immagini foto e video. Cautela degli inquirenti, anche se la speranza è di essere vicini alla svolta del caso
Scomparsa di Maddie: l’ora delle polemiche
Scomparsa di Maddie: l’ora delle polemiche
L’ex capo della polizia portoghese che per primo aveva indagato sulla scomparsa della bimba inglese torna ad accusare la famiglia. Ma un ex compagno di cella inguaia sempre di più Brueckner
Altri 18 casi per il pedofilo accusato di aver rapito Maddie
Altri 18 casi per il pedofilo accusato di aver rapito Maddie
Sono avvenuti nell’arco di sei anni nella zona dell’Algarve, la stessa da dove è scomparsa la piccola inglese. Polemiche per la polizia, accusata di aver impiegato 13 anni a trovare la pista giusta
Le prove sul killer di Maddie non sono sufficienti
Le prove sul killer di Maddie non sono sufficienti
Lo dice la procura tedesca, aggiungendo che la giustizia un processo per omicidio può avvenire solo in presenza di prove inconfutabili
Maddie caduta nelle mani di un serial killer
Maddie caduta nelle mani di un serial killer
Come per il caso della piccola Maelys, spunta lentamente il passato dell’uomo sospettato di aver rapito e ucciso la bimba inglese. Dovrà rispondere di altre due sparizioni di bambini, ma si teme sia solo l’inizio
Ha un nome il rapitore di Maddie
Ha un nome il rapitore di Maddie
Christian Brueckner, 17 condanne per pedofilia, viveva a pochi km dal resort in Portogallo da dove è sparita la bimba, ma il suo nome è entrato da poco nei fascicoli d’indagine
Svolta nella scomparsa di Maddie
Svolta nella scomparsa di Maddie
Dopo anni di lungo lavoro, le autorità tedesche e portoghesi hanno individuato un pedofilo residente in Germania, fortemente sospettato del sequestro e la morte della bimba inglese