Jack the Ripper, un barbiere polacco

| È il clamoroso risultato a cui è giunto un gruppo di scienziati attraverso le più moderne tecniche di patologia forense. Su uno scialle ritrovato sul luogo di un omicidio, hanno individuato tracce del Dna della vittima e dello Squartatore

+ Miei preferiti
Di assassini che hanno riempito la storia dell’umanità di sangue ce ne sono a centinaia, ma nessuno – mai – è riuscito a superare nella più macabra delle classifiche “Jack the Ripper”, nome originale di “Jack lo squartatore”, l’imprendibile killer delle notti londinesi di fine Ottocento, da sempre avvolto nel mistero più fitto.

E dire che la carriera di Jack fu perfino molto rapida: è accusato degli omicidi di Mary Ann Nichols, Annie Chapman, Elizabeth Stride, Catherine Eddowes e Mary Jane Kelly, compiuti tra il 31 agosto e il 9 novembre del 1888 nell’allora degradato quartiere di Whitechapel, a Londra.

In realtà, secondo gli studiosi che nel tempo si sono appassionati al caso, a Jack potrebbero essere attribuiti fra 4 e 16 omicidi, anche se mancano riscontri oggettivi ormai difficili da individuare. Anche il suo modus operandi è diventato celebre: le sue vittime preferite erano prostitute che assassinava sgozzandole per poi infierire sui loro corpi in modo orribile. Perfino i moderni profiler di Scotland Yard si sono arresi, limitandosi a parlare di un maschio bianco, di età compresa fra 28 e 36 anni. Una persona che viveva o lavorava nella zona di Whitechapel, con molta probabilità l’assistente di un medico o un macellaio.

In un modo o nell’altro, Jack the Ripper è rimasto una sorta di fantasma capace ancora oggi di sfuggire alla storia. Ma anche quest’ultimo limite invalicabile, sarebbe stato superato grazie alle più moderne tecniche forensi applicate sul Dna: ben 130 anni dopo i suoi omicidi, un team di esperti ritiene di aver finalmente scoperto chi si nascondeva dietro la misteriosa figura.

A fornire la prova decisiva uno scialle di lana ricoperto di sangue trovato sulla scena di un omicidio, che si ritiene possa contenere il Dna di Catherine Eddowes, penultima vittima ufficiale di Jack, ma anche quello dello squartatore. Jari Louhelainen, biochimico della LJMU e uno dei coautori dello studio, era riuscito ad entrare in possesso dello scialle nel 2007.

Gli autori della clamorosa ricerca hanno illustrato sul “Journal of Forensic Sciences” i risultati della loro ricerche.  “Abbiamo realizzato per la prima volta un’analisi sistematica e a livello molecolare più avanzata mai fatta delle uniche prove fisiche sopravvissute legate agli omicidi di Jack lo Squartatore. Trovare entrambi i profili corrispondenti nello stesso elemento di prova aumenta la probabilità statistica della sua identificazione complessiva e rafforza l’affermazione che lo scialle sia autentico”.

Gli esperti hanno confrontato frammenti di DNA mitocondriale prelevato dallo scialle con quelli presi dai discendenti di Aaraon Kosminski, barbiere polacco di 23 anni per lungo tempo principale sospettato degli orribili crimini del 1888, ma non c’erano prove sufficienti. I test suggeriscono che Jack aveva occhi e capelli castani, dettaglio che corrisponde alle dichiarazioni dei testimoni oculari dell’epoca. Kosminski non fu mai perseguito per i crimini e nel 1891 fu internato al “Colney Hatch Lunatic Asylum”, dove la malattia mentale assunse la forma di allucinazioni uditive. Si diceva che avesse una paura paranoica di essere nutrito da altre persone e di entrare a contatto con l’acqua.

La ricerca, per quanto meticolosa, è stata criticata dai genetisti che ritengono fossero necessarie ulteriori analisi.

Cold Case
Il più celebre serial killer sudcoreano confessa
Il più celebre serial killer sudcoreano confessa
Al suo posto era stato accusato un innocente che ha scontato 20 anni di galera. Lee Chung-jae ha ammesso i 14 omicidi di donne e si è detto sorpreso: era convinto che la polizia l’avrebbe fermato molto prima
Dopo 36 anni risolto il cold case di Jonelle Matthews
Dopo 36 anni risolto il cold case di Jonelle Matthews
Un anno fa il ritrovamento dei resti della ragazzina scomparsa in Colorado pochi giorni prima del Natele del 1984. Gli esami e la comparazione dei dati hanno portato all’arresto dell’ex pastore della chiesa che la famiglia frequentava
Nicole Brown Simpson, diario una morte annunciata
Nicole Brown Simpson, diario una morte annunciata
Un documentario che presto arriverà in tutto il mondo ha scelto di basarsi sui diari segreti della moglie di OJ Simpson, mai utilizzati durante il processo. Una sequenza infinita di violenze e minacce
Caso Maddie, la polizia scava in un giardino ad Hannover
Caso Maddie, la polizia scava in un giardino ad Hannover
Si trova all’interno di un’ex residenza di Christian Brueckner, il principale sospettato. Sul posto ruspe, cani poliziotto e agenti della scientifica
Quasi risolto il caso di Maddie McCann
Quasi risolto il caso di Maddie McCann
Lo dice il padre dell’ex fidanzata del principale sospettato Christian Brueckner, interrogato per capire il coinvolgimento della donna nel sequestro e la probabile morte della bimba inglese
Maddie, avviate le ricerche del corpo
Maddie, avviate le ricerche del corpo
La polizia sta passando la setaccio diversi pozzi nella zona dell'Algarve dove si sospetta potrebbe trovarsi il corpicino della bimba inglese scomparsa nel nulla 13 anni fa
Caso Maddie: trovato il rifugio segreto di Brueckner
Caso Maddie: trovato il rifugio segreto di Brueckner
Sepolti in una fabbrica abbandonata hard disk e chiavette usb che contengono oltre 8000 immagini foto e video. Cautela degli inquirenti, anche se la speranza è di essere vicini alla svolta del caso
Scomparsa di Maddie: l’ora delle polemiche
Scomparsa di Maddie: l’ora delle polemiche
L’ex capo della polizia portoghese che per primo aveva indagato sulla scomparsa della bimba inglese torna ad accusare la famiglia. Ma un ex compagno di cella inguaia sempre di più Brueckner
Altri 18 casi per il pedofilo accusato di aver rapito Maddie
Altri 18 casi per il pedofilo accusato di aver rapito Maddie
Sono avvenuti nell’arco di sei anni nella zona dell’Algarve, la stessa da dove è scomparsa la piccola inglese. Polemiche per la polizia, accusata di aver impiegato 13 anni a trovare la pista giusta
Le prove sul killer di Maddie non sono sufficienti
Le prove sul killer di Maddie non sono sufficienti
Lo dice la procura tedesca, aggiungendo che la giustizia un processo per omicidio può avvenire solo in presenza di prove inconfutabili