Quel morso su un seno, la firma dell'assassino

| Caso Cesaroni. Un perito scopri che l'arcata dentaria inferiore del killer era molto irregolare. La procura non lo ritenne un'indizio valido, nonostante un calco. Ma se l'inchiesta dovesse riaprirsi, sarà il punto di partenza

+ Miei preferiti
Di Maria Lopez

Un morso sul seno, dai contorni precisi. Lasciato da un uomo con una strana dentatura, cioè molto irregolare, in particolare sella parte inferiore dell’arcata dentaria, con una simmetria evidente e forse unica. Un perito della parte civile prese un calco, ricostruendo la dentatura in base ai segni lasciati dall’assassino il giorno del delitto. Non sappiamo con quali motivazione, cioè se un altro perito confutò quell’indizio, o la prova, che portava dritto all’assassino o altro. Ma la procura, nonostante i segni sembravano corrispondere a uno dei sospettati decise di non tenerne conto o oggi la morte di Simonetta Casaroni, avvenuta il 7 agosto del 1990, quasi 30 anni fa, è ancora avvolta dal più fitto mistero. Erano circa le 10 quando la 21enne Simonetta entrò per l' ultima vota nel portone di via Carlo Poma 2 a Roma. Il suo cadavere venne scoperto solo a tarda seraa negli uffici dell' “Aiag” dove lavorava come segretaria. Sul suo corpo ventinove coltellate inferte da un assassino tuttora impunito, che prima di uccidere le ferì anche un seno, in preda al raptus omicida. Con un morso rimasto indelebile sulla pelle della vittima. Abitava con la famiglia a Cinecittà, una ragazza molto carina, come tante, con alle spalle una vita normale. Gli studi e poi il lavoro. Altro non c’era.

Il primo sospettato fu Pietrino Vanacore, portiere dello stabile di via Poma. Seguono:  Salvatore Volponi, il titolare dell’Aiag; Federico Valle, figlio di un professionista della zonaa e Raniero Busco, fidanzato (ma la relazione era in crisi) della ragazza. Tutti scagionati. L'ultimo contatto telefonico Simonetta alle 17.30 del 7 agosto. Poi l’appuntamento con l’assasino. Era molto diffidente e lo fece entrare, segno che si fidava, che lo conosceva molto bene. Prima una discussione, una lite, uno scontro fisico con lei che fugge e tenta di chiudersi in una stanza. Poi il massacro, feroce e senza scampo. Stordita con un colpo in testa, pugnalata con un tagliacarte (delitto premeditato, l'arma era lì) ventinove volte, sei  al viso, sul sopracciglio e nell'occhio destro e poi al sinistro. Vibra altre otto coltellate su tutto il corpo, sul seno e sull’addome. Le ultime quattordici ferite nel basso ventre. Spariti i vestiti, gli orecchini, un anello, un bracciale, un girocollo. Sulla scena del crimine, ripulita con cura il cadavere con il reggiseno allacciato, ma abbassato, i seni scoperti. Le chiavi di Simonetta non furono mi ritrovate. L’assassino, andandosene, si chiuse ala porta alle spalle, con il solo scatto della serratura.

Vanacore, venne arrestato dalla polizia il 10 agosto e scarcerato dopo venti giorni. Nel 1991 le accuse contro Vanacore ed altri cinque indagati vennero archiviate. Si suicidò il 9 marzo del 2010 a Maruggio, località balneare in provincia di Taranto, gettandosi in acqua legato alla scogliera in modo da non potersi liberare. Prima, aveva bevuto  un diserbante. Raniero Busco, ex fidanzato della Cesaroni fu assolto in Cassazione. Idem tutti gli altri.

Se mai qualcuno riuscirà a trovare quanti nuovi indizi basterebbero a riaprire l’indagine, il punto di partenza sarà anche quel morso sul seno. Bisognerà confrontare il calco dei denti con quelli dei sospettati di allora e, forse, Simonetta e la sua famiglia potranno avere finalmente giustizia.

Galleria fotografica
Quel morso su un seno, la firma dellassassino - immagine 1
Quel morso su un seno, la firma dellassassino - immagine 2
Quel morso su un seno, la firma dellassassino - immagine 3
Quel morso su un seno, la firma dellassassino - immagine 4
Quel morso su un seno, la firma dellassassino - immagine 5
Quel morso su un seno, la firma dellassassino - immagine 6
Quel morso su un seno, la firma dellassassino - immagine 7
Cold Case
«So dov’è sepolta Maddie»
«So dov’è sepolta Maddie»
Michael Schneider, il sensitivo tedesco che ha indicato i punti in cui la polizia ha ritrovato i corpi dei coniugi Neumair, afferma di aver fornito le coordinate del luogo in cui sarebbe stata sepolta la piccola inglese scomparsa nel 2007
Il mistero dell’uomo di Somerton
Il mistero dell’uomo di Somerton
Sta forse per essere risolto un giallo inestricabile lungo 70 anni: un uomo ritrovato senza vita su una spiaggia nel 1948 a cui non è mai stato possibile dare un nome
Il prete assassino (che non sconterà nessuna pena)
Il prete assassino (che non sconterà nessuna pena)
Nuove prove hanno permesso alla polizia di inchiodare l’ex sacerdote Richard R. Lavigne, accusato di aver ucciso mezzo secolo fa il 13enne Daniel Croteau
Svolta nel caso della piccola Maddie
Svolta nel caso della piccola Maddie
La polizia tedesca sarebbe riuscita a provare la presenza di Christain Brueckner in Portogallo negli stessi giorni in cui la piccola è scomparsa. Ma non basta ancora per accusarlo formalmente
L’assassino di Evelyn, uccisa nel 1979
L’assassino di Evelyn, uccisa nel 1979
Un uomo di 64 anni individuato grazie alle nuove tecniche forensi: una traccia del Dna lasciato su una manica del cappotto della vittima ha permesso di dare un nome all’omicida
Nuove prove sulla morte di Khashoggi
Nuove prove sulla morte di Khashoggi
Diversi documenti “Top Secret” dimostrano che la squadra assassini del giornalista hanno utilizzato aerei di una compagnia che apparteneva al principe saudita MBS
È morto Samuel Litte, il serial killer più prolifico d’America
È morto Samuel Litte, il serial killer più prolifico d’America
Aveva 80 anni e dal 2014 stava scontando 3 ergastoli, ma si era autoaccusato dell’omicidio di 93 donne. Attraverso le sue confessioni l’FBI ha risolto oltre 50 casi insoluti
Risolto il cifrario del Killer dello Zodiaco
Risolto il cifrario del Killer dello Zodiaco
Dopo 51 anni, tre codebreaker amatoriali sono riusciti a venire a capo di uno dei messaggi più oscuri del serial killer californiano, il “cifrario 340”. Purtroppo, non conteneva indicazioni utili per svelarne l’identità
Il più celebre serial killer sudcoreano confessa
Il più celebre serial killer sudcoreano confessa
Al suo posto era stato accusato un innocente che ha scontato 20 anni di galera. Lee Chung-jae ha ammesso i 14 omicidi di donne e si è detto sorpreso: era convinto che la polizia l’avrebbe fermato molto prima
Dopo 36 anni risolto il cold case di Jonelle Matthews
Dopo 36 anni risolto il cold case di Jonelle Matthews
Un anno fa il ritrovamento dei resti della ragazzina scomparsa in Colorado pochi giorni prima del Natele del 1984. Gli esami e la comparazione dei dati hanno portato all’arresto dell’ex pastore della chiesa che la famiglia frequentava