Quel morso su un seno, la firma dell'assassino

| Caso Cesaroni. Un perito scopri che l'arcata dentaria inferiore del killer era molto irregolare. La procura non lo ritenne un'indizio valido, nonostante un calco. Ma se l'inchiesta dovesse riaprirsi, sarà il punto di partenza

+ Miei preferiti
Di Maria Lopez

Un morso sul seno, dai contorni precisi. Lasciato da un uomo con una strana dentatura, cioè molto irregolare, in particolare sella parte inferiore dell’arcata dentaria, con una simmetria evidente e forse unica. Un perito della parte civile prese un calco, ricostruendo la dentatura in base ai segni lasciati dall’assassino il giorno del delitto. Non sappiamo con quali motivazione, cioè se un altro perito confutò quell’indizio, o la prova, che portava dritto all’assassino o altro. Ma la procura, nonostante i segni sembravano corrispondere a uno dei sospettati decise di non tenerne conto o oggi la morte di Simonetta Casaroni, avvenuta il 7 agosto del 1990, quasi 30 anni fa, è ancora avvolta dal più fitto mistero. Erano circa le 10 quando la 21enne Simonetta entrò per l' ultima vota nel portone di via Carlo Poma 2 a Roma. Il suo cadavere venne scoperto solo a tarda seraa negli uffici dell' “Aiag” dove lavorava come segretaria. Sul suo corpo ventinove coltellate inferte da un assassino tuttora impunito, che prima di uccidere le ferì anche un seno, in preda al raptus omicida. Con un morso rimasto indelebile sulla pelle della vittima. Abitava con la famiglia a Cinecittà, una ragazza molto carina, come tante, con alle spalle una vita normale. Gli studi e poi il lavoro. Altro non c’era.

Il primo sospettato fu Pietrino Vanacore, portiere dello stabile di via Poma. Seguono:  Salvatore Volponi, il titolare dell’Aiag; Federico Valle, figlio di un professionista della zonaa e Raniero Busco, fidanzato (ma la relazione era in crisi) della ragazza. Tutti scagionati. L'ultimo contatto telefonico Simonetta alle 17.30 del 7 agosto. Poi l’appuntamento con l’assasino. Era molto diffidente e lo fece entrare, segno che si fidava, che lo conosceva molto bene. Prima una discussione, una lite, uno scontro fisico con lei che fugge e tenta di chiudersi in una stanza. Poi il massacro, feroce e senza scampo. Stordita con un colpo in testa, pugnalata con un tagliacarte (delitto premeditato, l'arma era lì) ventinove volte, sei  al viso, sul sopracciglio e nell'occhio destro e poi al sinistro. Vibra altre otto coltellate su tutto il corpo, sul seno e sull’addome. Le ultime quattordici ferite nel basso ventre. Spariti i vestiti, gli orecchini, un anello, un bracciale, un girocollo. Sulla scena del crimine, ripulita con cura il cadavere con il reggiseno allacciato, ma abbassato, i seni scoperti. Le chiavi di Simonetta non furono mi ritrovate. L’assassino, andandosene, si chiuse ala porta alle spalle, con il solo scatto della serratura.

Vanacore, venne arrestato dalla polizia il 10 agosto e scarcerato dopo venti giorni. Nel 1991 le accuse contro Vanacore ed altri cinque indagati vennero archiviate. Si suicidò il 9 marzo del 2010 a Maruggio, località balneare in provincia di Taranto, gettandosi in acqua legato alla scogliera in modo da non potersi liberare. Prima, aveva bevuto  un diserbante. Raniero Busco, ex fidanzato della Cesaroni fu assolto in Cassazione. Idem tutti gli altri.

Se mai qualcuno riuscirà a trovare quanti nuovi indizi basterebbero a riaprire l’indagine, il punto di partenza sarà anche quel morso sul seno. Bisognerà confrontare il calco dei denti con quelli dei sospettati di allora e, forse, Simonetta e la sua famiglia potranno avere finalmente giustizia.

Galleria fotografica
Quel morso su un seno, la firma dellassassino - immagine 1
Quel morso su un seno, la firma dellassassino - immagine 2
Quel morso su un seno, la firma dellassassino - immagine 3
Quel morso su un seno, la firma dellassassino - immagine 4
Quel morso su un seno, la firma dellassassino - immagine 5
Quel morso su un seno, la firma dellassassino - immagine 6
Quel morso su un seno, la firma dellassassino - immagine 7
Cold Case
Nicole Brown Simpson, diario una morte annunciata
Nicole Brown Simpson, diario una morte annunciata
Un documentario che presto arriverà in tutto il mondo ha scelto di basarsi sui diari segreti della moglie di OJ Simpson, mai utilizzati durante il processo. Una sequenza infinita di violenze e minacce
Caso Maddie, la polizia scava in un giardino ad Hannover
Caso Maddie, la polizia scava in un giardino ad Hannover
Si trova all’interno di un’ex residenza di Christian Brueckner, il principale sospettato. Sul posto ruspe, cani poliziotto e agenti della scientifica
Quasi risolto il caso di Maddie McCann
Quasi risolto il caso di Maddie McCann
Lo dice il padre dell’ex fidanzata del principale sospettato Christian Brueckner, interrogato per capire il coinvolgimento della donna nel sequestro e la probabile morte della bimba inglese
Maddie, avviate le ricerche del corpo
Maddie, avviate le ricerche del corpo
La polizia sta passando la setaccio diversi pozzi nella zona dell'Algarve dove si sospetta potrebbe trovarsi il corpicino della bimba inglese scomparsa nel nulla 13 anni fa
Caso Maddie: trovato il rifugio segreto di Brueckner
Caso Maddie: trovato il rifugio segreto di Brueckner
Sepolti in una fabbrica abbandonata hard disk e chiavette usb che contengono oltre 8000 immagini foto e video. Cautela degli inquirenti, anche se la speranza è di essere vicini alla svolta del caso
Scomparsa di Maddie: l’ora delle polemiche
Scomparsa di Maddie: l’ora delle polemiche
L’ex capo della polizia portoghese che per primo aveva indagato sulla scomparsa della bimba inglese torna ad accusare la famiglia. Ma un ex compagno di cella inguaia sempre di più Brueckner
Altri 18 casi per il pedofilo accusato di aver rapito Maddie
Altri 18 casi per il pedofilo accusato di aver rapito Maddie
Sono avvenuti nell’arco di sei anni nella zona dell’Algarve, la stessa da dove è scomparsa la piccola inglese. Polemiche per la polizia, accusata di aver impiegato 13 anni a trovare la pista giusta
Le prove sul killer di Maddie non sono sufficienti
Le prove sul killer di Maddie non sono sufficienti
Lo dice la procura tedesca, aggiungendo che la giustizia un processo per omicidio può avvenire solo in presenza di prove inconfutabili
Maddie caduta nelle mani di un serial killer
Maddie caduta nelle mani di un serial killer
Come per il caso della piccola Maelys, spunta lentamente il passato dell’uomo sospettato di aver rapito e ucciso la bimba inglese. Dovrà rispondere di altre due sparizioni di bambini, ma si teme sia solo l’inizio
Ha un nome il rapitore di Maddie
Ha un nome il rapitore di Maddie
Christian Brueckner, 17 condanne per pedofilia, viveva a pochi km dal resort in Portogallo da dove è sparita la bimba, ma il suo nome è entrato da poco nei fascicoli d’indagine