L'ombra di Matteo Messina Denaro
nella scomparsa dei Maiorana

| Padre e figlio svaniti nel nulla nell'agosto 2007 da Palermo, un altro figlio suicida nel 2009. La compagna del manager aveva confidato a due testi che aveva una relazione con un "potentissimo boss di Trapani". E' l'imprendibile Matteo?

+ Miei preferiti

ALBERTO C. FERRO

Antonio e Stefano Maiorana, padre e figlio, imprenditori, scomparsi nel 2007 da Isola delle Femmine (Palermo) nel 2007 sarebbero stati uccisi per un misterioso ricatto sessuale, sullo sfondo l’ombra del boss latitante Matteo Messina Denaro, che avrebbe avuto una relazione con la nuova compagna dell’imprenditore. E va ricordato anche il suicidio, nel 2009, di Marco, fratello di Stefano. La procura ha chiesto l'archiviazione dell’indagine aperta a carico Francesco Paolo Alamia e Giuseppe Di Maggio, soci dei Maiorana, accusati di omicidio e occultamento di cadavere. Al centrodell'indagine un video a luci rosse con Alamia assieme a a una minorenne, protagonista inconsapevole e ricattato dallo stesso Maiorana. Ma non ci sono prove. In cambio del silenzio sul video, le sue quote della società immobiliare Kalliope sarebbero finite nelle mani dell’imprenditore scomparso. I killer gli diedero un appuntamento, un tranello, e Maiorana e il figlio sarebbero stati entrambi uccisi, vittime di un caso di lupara bianca, non infrequente in quelle zone. 

VERTICE CON MESSINA DENARO

Il pentito Andrea Bonaccorso ha raccontato ai magistrati che il giorno dell’arresto dei Lo Piccolo, il 5 novembre del 2007, i boss della zona, che non sapevano nulla della sorte dei Maiorana, avrebbero dovuto  incontrare Matteo Messina Denaro proprio per discutere il caso. “Dalle indagini viene fuori al cento per cento che Antonio e Stefano Maiorana sono stati soppressi e che siamo davanti ad un omicidio e non ci sono più dubbi sull'allentamento volontario. Manca la chiave di volta: capire dove sono i corpi, mentre è stato accertato il movente che sarebbe un ricatto sessuale legato alle immagini di una persona con una minorenne. Il video era in possesso di Antonio Maiorana come ci dicono due testimoni. Lui stesso avrebbe fatto le riprese per ricattare alcune persone». Lo ha detto l’avvocato Giacomo Frazzitta, legale di Rossella Accardo, madre di Stefano Maiorana, ed ex moglie di Antonio Maiorana. «Ai magistrati va il nostro plauso per il lavoro svolto e la sensibilità mostrata. Adesso dovrò verificare se quanto raccolto da noi puntellerà il lavoro svolto dagli investigatori e valuteremo se ci opporremo alla richiesta di archiviazione”. Ma c’è un altro retroscena. La nuova compagna di Maiorana, Karine Gabriela Andrè, argentina, aveva confidato a due amici, ora testimoni della procura, che aveva avuto una relazione con un “potentissimo boss della mafia di Trapani”, identificato con lo stesso Matteo Messina Denaro, sia pure in modo non esplicito. 

LA BUSTA MISTERIOSA

La Andrè, tre giorni dopo la scomparsa del compagna, aveva affidato una busta sigillata al padre del manager, sostenendo che non dovevano assolutamente aprirla e che sarebbe passata lei, 20 giorni dopo, a ritirarla. Ma secondo lei, quella busta resta nella casa della famiglia Maiorana. Peccato che il padre sostenga però l’esatto contrario. E il contenuto di quella busta è tuttora avvolto dal mistero. “Alamia mi ha detto che conosceva Matteo Messina Denaro. Non fu solo Antonio a dirmi questa cosa, fu proprio Alamia che mi disse che lo conosceva. E’ in ragione di questa conoscenza tra i due che mi spiego perché i Lo Piccolo ogni volta che hanno tentato di sapere qualcosa di questa scomparsa, si sono poi fermati e hanno fatto un passo indietro”. 

IL “SUICIDIO” DI MARCO MAIORANA

Una conferma indiretta, sui rapporti tra il boss dei boss e i manager della Kalliope, arriva anche fra Dario Lopez, ex socio di Antonio Maiorana. Antonio Maiorana, 47 anni, si era allontanato dal suo cantiere di Isola delle Femmine (Palermo) con il figlio Stefano, 22, il 3 agosto 2007. La loro Samrt bianca, nuosissima, era stata trovata parcheggiata all’aeroporto di Punta Raisi "Falcone e Borsellino”, un segnale per avvalorare la tesi che i due erano partiti in aereo per chissà dove. Stefano viveva con suo fratello Marco in un appartamento in via Arimondi a Palermo. Proprio lanciandosi da una finestra dell’alloggio, il 6 gennaio 2009 Marco Maiorana, 21 anni, si era suicidato, dove aveva vissuto con il fratello Stefano, lasciando sola e disperata la madre Rossella. Strano suicidio. Forse Marco sapeva troppo della fine di padre e fratello. Schiacciato dalla paura, dalle minacce o “suicidato” per conto terzi.

 

 

 

Galleria fotografica
Lombra di Matteo Messina Denaro<br>nella scomparsa dei Maiorana - immagine 1
Lombra di Matteo Messina Denaro<br>nella scomparsa dei Maiorana - immagine 2
Lombra di Matteo Messina Denaro<br>nella scomparsa dei Maiorana - immagine 3
Lombra di Matteo Messina Denaro<br>nella scomparsa dei Maiorana - immagine 4
Lombra di Matteo Messina Denaro<br>nella scomparsa dei Maiorana - immagine 5
Lombra di Matteo Messina Denaro<br>nella scomparsa dei Maiorana - immagine 6
Cold Case
"Ho assassinato JonBenet ma fu un incidente..."
"Ho assassinato JonBenet ma fu un incidente..."
Un pedofilo in carcere ha scritto a un amico per confessare il delitto della reginetta di bellezza di 6 anni, uccisa in Colorado nel Natale 1996. "E caduta e ha battuto la testa, non volevo ucciderla". Riparte l'inchiesta
Dopo 34 anni ritrovati resti di una dodicenne
Dopo 34 anni ritrovati resti di una dodicenne
Quel che resta di Jonelle Matthews, scomparsa in Colorado alla metà degli anni Ottanta, è riemerso durante gli scavi per un gasdotto. La famiglia: “Ora vogliamo risposte”
"No, non ho ucciso io Lidia Macchi"
"No, non ho ucciso io Lidia Macchi"
Stefano Binda, 51 anni, condannato all'ergastolo in 1 grado, davanti ai giudici dell'appello. Il delitto nel gennaio '87. Lidia fu uccisa, dopo aver respinto l'assassino, con 29 coltellate
Un caso di omicidio di 33mila anni fa
Un caso di omicidio di 33mila anni fa
Gli scienziati ritengono di aver risolto un cold-case risalente al primo Palelotico superiore: l’uomo a cui appartiene il cranio è stato colpito per due volta con una mazza
Caso Orlandi, via libera per l’apertura di due tombe
Caso Orlandi, via libera per l’apertura di due tombe
Un po’ a sorpresa, è arrivato l’ok dal vaticano per l’apertura di due tombe nel Cimitero Teutonico: le operazioni previste l’11 luglio
Norvegia: uccisa fingendo un rapimento
Norvegia: uccisa fingendo un rapimento
È l’ipotesi della polizia dopo mesi di indagini sulla scomparsa di Anne-Elisabeth Hagen, moglie di un uno degli uomini più ricchi dei paesi scandinavi
E così il falso 'Docteur Romand' se ne torna libero
E così il falso
Il finto medico dell'Onu aveva ucciso moglie, due figli, i genitori e persino il cane, nel '93 poiché stava per essere scoperta una vita di incredibili finzioni. Debiti e amanti. Poi la strage e l'incendio della casa. Libero fra poche ore
Scomparso 2 anni fa, ritrovano il cadavere in casa
Scomparso 2 anni fa, ritrovano il cadavere in casa
Howard Euband era svanito nel nulla nel 2017: secondo la moglie si trattava di un allontanamento volontario. Uno dei figli della coppia ha ritrovato casualmente una scatola con alcuni resti del padre
Kim Jong Nam, anatomia di un omicidio
Kim Jong Nam, anatomia di un omicidio
I dettagli, le indagini e il clamoroso silenzio intorno alla morte del fratellastro del leader nordcoreano Kim Jong Un, ucciso dalle di assassine più improbabili del mondo
Il processo allo
squartatore di Hollywood
Il processo allo<br>squartatore di Hollywood
Davanti al tribunale di Los Angeles deve rispondere di due omicidi e un tentato omicidio, anche se gli inquirenti sospettano che abbia ucciso almeno 10 donne. Fra i testimoni sarà chiamato anche l’attore Ashton Kutcher