La pornostar August Ames spinta al suicidio

| Era una delle promesse dell’industria hard americana: ufficialmente si è suicidata impiccandosi, ma il sospetto è che sia stata vittima di haters spietati. Un giornalista indaga da tempo sul suo caso

+ Miei preferiti
August Ames, pseudonimo di Mercedes Grabowski, classe 1994 da Antigonish, Canada, era troppo bella e troppo disinibita per passare inosservata. Le origini polacche e afroamericane le regalano una bellezza statuaria che colpisce: lavora come cameriera, insegnante di Zumba e in un centro abbronzatura, ma nel 2013 debutta come attrice porno. Diventa una delle promesse dell’hard, seguitissima e con una carriera che non sembra avere ostacoli, a parte una polemica in cui finisce forse involontariamente, quando dichiara di non voler lavorare in film porno con un attore gay. Malgrado sia dichiaratamente bisessuale, le piovono addosso accuse di omofobia e diventa vittima di decine di haters che le augurano la morte.

È uno choc, quando la mattina del 6 dicembre 2017, August Ames viene ritrovata all’interno di un parco pubblico di Camarillo, in California: la morte viene classificata come suicidio, e il medico legale firma il certificato di decesso per soffocamento da impiccagione.

Ma i misteri della morte di August sono tanti, e nel tempo le congetture e le ipotesi sono state diverse. Jon Ronson, un giornalista americano che anche su richiesta di Kevin Moore, produttore e marito di Ames, non ha mai smesso di indagare su quella morte sospetta, ha raccolto indizi che a breve saranno pubblicati in un podcast per “Audibile”.

Intitolata “The last days of August” (Gli ultimi giorni di August), l’inchiesta promette di svelare “la storia mai raccontata prima” di un possibile collegamento fra la morte della giovane pornostar e un “personaggio oscuro” che sulla morte della pornostar saprebbe molto più di quel che ha raccontato.

Jon Ronson è riuscito a contattare anche Jessica Drake, una pornostar collega di August, che ha rivelato l’ultimo tweet della Ames in cui mandava a quel paese tutti quanti: il giorno dopo era stata ritrovata priva di vita nel parco di Camarillo.

Il sospetto è che August Ames sia rimasta vittima di un feroce attacco di cyberbullismo che avrebbe minato la sua già delicata situazione psichica. La ragazza soffriva di crisi depressive e accusava un disturbo bipolare, due problemi che trattava in modo riservato perché nel mondo del porno mostrare la propria fragilità può significare rimetterci la carriera.

Nella sua breve carriera, August Ames ha partecipato ad oltre 290 pellicole hard: fra il 2015 e il 2017 ha vinto numerosi premi assegnati dall’industria americana del porno.

Galleria fotografica
La pornostar August Ames spinta al suicidio - immagine 1
La pornostar August Ames spinta al suicidio - immagine 2
La pornostar August Ames spinta al suicidio - immagine 3
La pornostar August Ames spinta al suicidio - immagine 4
La pornostar August Ames spinta al suicidio - immagine 5
La pornostar August Ames spinta al suicidio - immagine 6
La pornostar August Ames spinta al suicidio - immagine 7
La pornostar August Ames spinta al suicidio - immagine 8
La pornostar August Ames spinta al suicidio - immagine 9
Cold Case
"Ho assassinato JonBenet ma fu un incidente..."
"Ho assassinato JonBenet ma fu un incidente..."
Un pedofilo in carcere ha scritto a un amico per confessare il delitto della reginetta di bellezza di 6 anni, uccisa in Colorado nel Natale 1996. "E caduta e ha battuto la testa, non volevo ucciderla". Riparte l'inchiesta
Dopo 34 anni ritrovati resti di una dodicenne
Dopo 34 anni ritrovati resti di una dodicenne
Quel che resta di Jonelle Matthews, scomparsa in Colorado alla metà degli anni Ottanta, è riemerso durante gli scavi per un gasdotto. La famiglia: “Ora vogliamo risposte”
"No, non ho ucciso io Lidia Macchi"
"No, non ho ucciso io Lidia Macchi"
Stefano Binda, 51 anni, condannato all'ergastolo in 1 grado, davanti ai giudici dell'appello. Il delitto nel gennaio '87. Lidia fu uccisa, dopo aver respinto l'assassino, con 29 coltellate
Un caso di omicidio di 33mila anni fa
Un caso di omicidio di 33mila anni fa
Gli scienziati ritengono di aver risolto un cold-case risalente al primo Palelotico superiore: l’uomo a cui appartiene il cranio è stato colpito per due volta con una mazza
Caso Orlandi, via libera per l’apertura di due tombe
Caso Orlandi, via libera per l’apertura di due tombe
Un po’ a sorpresa, è arrivato l’ok dal vaticano per l’apertura di due tombe nel Cimitero Teutonico: le operazioni previste l’11 luglio
Norvegia: uccisa fingendo un rapimento
Norvegia: uccisa fingendo un rapimento
È l’ipotesi della polizia dopo mesi di indagini sulla scomparsa di Anne-Elisabeth Hagen, moglie di un uno degli uomini più ricchi dei paesi scandinavi
E così il falso 'Docteur Romand' se ne torna libero
E così il falso
Il finto medico dell'Onu aveva ucciso moglie, due figli, i genitori e persino il cane, nel '93 poiché stava per essere scoperta una vita di incredibili finzioni. Debiti e amanti. Poi la strage e l'incendio della casa. Libero fra poche ore
Scomparso 2 anni fa, ritrovano il cadavere in casa
Scomparso 2 anni fa, ritrovano il cadavere in casa
Howard Euband era svanito nel nulla nel 2017: secondo la moglie si trattava di un allontanamento volontario. Uno dei figli della coppia ha ritrovato casualmente una scatola con alcuni resti del padre
Kim Jong Nam, anatomia di un omicidio
Kim Jong Nam, anatomia di un omicidio
I dettagli, le indagini e il clamoroso silenzio intorno alla morte del fratellastro del leader nordcoreano Kim Jong Un, ucciso dalle di assassine più improbabili del mondo
Il processo allo
squartatore di Hollywood
Il processo allo<br>squartatore di Hollywood
Davanti al tribunale di Los Angeles deve rispondere di due omicidi e un tentato omicidio, anche se gli inquirenti sospettano che abbia ucciso almeno 10 donne. Fra i testimoni sarà chiamato anche l’attore Ashton Kutcher