L’America in ansia per Gannon Stauch, 11 anni

| È scomparso a fine gennaio dalla sua abitazione a Colorado Springs: centinaia di volontari lo cercano giorno e notte, mentre i sospetti si concentrano sulla matrigna

+ Miei preferiti
Tra le 15 e le 16 del 27 gennaio scorso, Gannon Stauch, 11 anni, esce dalla sua abitazione di Lorson Ranch, al confine sud-est di Colorado Springs, dove vive con la famiglia: alla matrigna dice di voler raggiungere un amico. È l’ultima volta che qualcuno lo vede.

Non vedendolo tornare, Leticia Stauch, la matrigna, ne denuncia la scomparsa. La polizia dirama le ricerche, ma sospetta una fuga volontaria. Tre giorni dopo l’allarme per scomparsa di Gannon cambia: l’età, il bisogno di farmaci, il clima invernale e le troppe ore trascorse classificano il caso da volontario a probabile sequestro.

L’ufficio dello sceriffo chiede a chiunque abbia informazioni di chiamare le autorità e senza aggiungere altro, prega tutti di evitare la campagna di “disinformazione” sui social.

I sospetti sembrano concentrarsi sulla matrigna, che nel corso di un’intervista concessa ad un’emittente locale appare sincera e disperata: “Negli ultimi due anni mi sono occupata di Gannon, non avrei potuto mai e poi mai fargli del male, gli sono legatissima. Troveremo Gannon, e questo è l’obiettivo che tutti noi abbiamo”.

Le ricerche nel frattempo continuano: centinaia di volontari concani, droni ed elicotteri setacciano palmo a palmo la zona, mentre uno speciale veicolo radiocomandato scandaglia un piccolo stagno nelle vicinanze, ma di Gannon non c’è traccia. Le segnalazioni si susseguono: una, in particolare, sembra più attendibile delle altre. Il ragazzino sarebbe stato inquadrato da alcune telecamere di sorveglianza davanti al “Kum & Go”, un locale sul Mesa Ridge Parkway. Ma dopo aver esaminato le immagini, i genitori escludono che si tratti di Gannon.

Roderrick Drayton, un vicino di casa, si presenta alla polizia con un filmato della sua videocamera di sorveglianza che, secondo lui, mostrerebbe Letecia Stauch uscire di casa con Gannon e tornare qualche ora dopo da sola. Ha visto la donna salire su un furgone rosso verso le 10:13 del mattino: il video sembra mostrare anche Gannon che cammina lentamente mentre si avvicina e sale sul furgone. Alle 14:19 il furgone si ferma nuovamente davanti all’abitazione dei Gannon, e la donna scende da sola.

La polizia preferisce non commentare: “Questo è solo un pezzo di un puzzle molto più grande”, poi ammette di aver mostrato le immagini al padre del ragazzo, che sarebbe scoppiato a piangere urlando: “Ha mentito: non è andato a casa di un amico e non era pomeriggio”.

Sul posto arriva Landen Hiott, madre biologica di Gannon: “Un ragazzo non scompare nel nulla senza che nessuno lo veda. Se qualcuno sa qualcosa, si faccia avanti”. Né lei né il suo ex marito fanno alcun riferimento alle voci su Letecia Stauch.

Ad oggi, su Gannon Stauch sono arrivate 555 segnalazioni, ma di lui non c’è più traccia.

Galleria fotografica
L’America in ansia per Gannon Stauch, 11 anni - immagine 1
L’America in ansia per Gannon Stauch, 11 anni - immagine 2
L’America in ansia per Gannon Stauch, 11 anni - immagine 3
L’America in ansia per Gannon Stauch, 11 anni - immagine 4
L’America in ansia per Gannon Stauch, 11 anni - immagine 5
L’America in ansia per Gannon Stauch, 11 anni - immagine 6
Cold Case
Ritrovato il corpo di una ragazza scomparsa 10 anni prima
Ritrovato il corpo di una ragazza scomparsa 10 anni prima
Un cacciatore si è imbattuto in un teschio che dagli esami risulta appartenere a Paige Johnson, una 17enne svanita nel nulla nel 2010. Il sollievo della famiglia: “Almeno possiamo seppellirla”
Il mostro delle Ardenne confessa un altro omicidio
Il mostro delle Ardenne confessa un altro omicidio
Michel Fourniret, uno dei più feroci serial killer francesi, ha rivelato di aver ucciso la piccola Estelle, protagonista di un caso di cronaca che tenne il Paese con il fiato sospeso
Chicago, sulle tracce del serial killer invisibile
Chicago, sulle tracce del serial killer invisibile
La polizia è convinta che fra gli anni ’70 e’80, Bruce Lindah abbia ucciso decine di giovani donne, ma nel tempo nessuno l’ha mai sospettato di nulla. Come è stato possibile?
Maddie non tornerà più
Maddie non tornerà più
Ne è convinto un esperto detective inglese, che considera il caso della piccola inglese irrisolvibile. Una sensitiva afferma invece di sapere che Maddie è viva, accolta da una famiglia tedesca ignara di tutto
Ha un nome il cadavere della grotta dell’Idaho
Ha un nome il cadavere della grotta dell’Idaho
Il corpo fatto a pezzi, ritrovato nel 1979, è quello di Joseph Henry Loveless, condannato per l’omicidio della moglie. L’identificazione grazie alle nuove tecniche forensi
Mezzo secolo dopo, risolto il rapimento di Paul Fronczak
Mezzo secolo dopo, risolto il rapimento di Paul Fronczak
In uno dei più celebri casi di sequestro di minori d'America, il bimbo era sparito dall’ospedale poche ore dopo la nascita. Da lì, la vicenda ha preso strade strane e diverse, fino alla soluzione, pochi giorni fa
1.600 prelievi del Dna per trovare un omicida
1.600 prelievi del Dna per trovare un omicida
La procura di Moenchengladbach ha ordinato uno screening degli abitanti maschi di Grevenbroich, in Germania, per riuscire a dare un volto e un nome all’assassino di Claudia Ruf, 11enne violentata e uccisa nel 1996
La misteriosa scomparsa di Tara Calico
La misteriosa scomparsa di Tara Calico
Una giovane del New Mexico svanisce nel nulla 31 anni fa: la vicenda diventa un mistero con il ritrovamento di alcune fotografie agghiaccianti. Ancora oggi, una squadra dell’FBI continua a cercarla
Corea del Sud: individuato il serial killer delle donne
Corea del Sud: individuato il serial killer delle donne
L’uomo, che sta scontando l’ergastolo, avrebbe confessato una lunga serie di omicidi. Ma per la legge sulla prescrizione non dovrà risponderne
Riaperto il caso del killer dei bambini di Atlanta
Riaperto il caso del killer dei bambini di Atlanta
Fra il 1979 ed il 1981, la capitale della Georgia fa da sfondo agli omicidi seriali di 25 bambini. Wayne Williams fu condannato soltanto per due: per tutti gli altri manca ancora la verità