«Lasciate che provi a risolvere il giallo di Maddie»

| Un ex detective a capo di un team specializzato nelle ricerche impossibili, chiede di poter analizzare tutte le foto della vacanza del 2007, quando la bimba sparì, per cercare fra la folla un possibile sospetto

+ Miei preferiti
Non è ancora un colpo di scena nell’intricato caso di Maddie McCann, la bimba inglese scomparsa nel nulla in Portogallo nel 2007, ma la speranza è che possa essere prossimo.

L’ex detective della polizia Mick Neville, è convinto di poter fornire la svolta per rintracciare la piccola Madeleine utilizzando un sofisticato software di riconoscimento facciale per setacciare gli scatti della vacanza che Maddie stava facendo con i genitori quando è scomparsa.

Fondatore del “Central Forensic Image Team” della polizia di Metropolis nel 2012, ora gestisce la “Super Recognisers International”, un’agenzia che dispone di uno dei più avveniristici programmi di catalogazione dei volti in grado di conservarne migliaia nella sua memoria e di confrontarli con gli identikit della polizia. Un sistema che ha già dimostrato di poter individuare persone scomparse e criminali attraverso i filmati delle telecamere a circuito chiuso e le semplici fotografie.

Secondo Neville, Maddie potrebbe essere identificata utilizzando la tecnologia di riconoscimento facciale partendo dall’individuazione di un nuovo sospetto, che facilmente comparirebbe le foto di famiglia scattate durante la vacanza sulla spiaggia di Praia da Luz. La sua squadra potrebbe essere in grado di identificare i possibili sospetti fra le persone sullo sfondo, portando potenzialmente ad una svolta di un caso che ormai sembra insabbiato.

Per due volte, Neville ha offerto il proprio aiuto ai responsabili della campagna “Finding Maddie”, descrivendo in dettaglio ciò di cui è capace il suo super sistema e la sua squadra, ma non ha mai ricevuto risposta.

Dalla sua, l’ex detective ricorda alcuni casi risolti, come quello del 2016, quando grazie al software la sua squadra ha catturato un ladro seguendo come unico indizio un logo sulla maglietta: Richard Shelley è stato incarcerato dopo una serie di furti nel sud di Londra. Lo stesso è avvenuto durante i disordini di Londra del 2011, quando attraverso più di 200mila ore di riprese delle telecamere a circuito chiuso sono state analizzate dalla squadra di Neville permettendo l’identificazione di 609 criminali.

Il mese scorso, un esperto di riconoscimento facciale ha creato una nuova immagine aggiornata di Madeleine utilizzando una tecnologia avanzata di IA. L’immagine, prodotta dal professore dell’Università di Bradford Hassan Ugail, mostra come potrebbe apparire la ragazzina a 16 anni ed è stata inserita in un algoritmo informatico che sintetizza le nuove caratteristiche del volto per produrre immagini ad alta risoluzione fotografica.

Cold Case
«So dov’è sepolta Maddie»
«So dov’è sepolta Maddie»
Michael Schneider, il sensitivo tedesco che ha indicato i punti in cui la polizia ha ritrovato i corpi dei coniugi Neumair, afferma di aver fornito le coordinate del luogo in cui sarebbe stata sepolta la piccola inglese scomparsa nel 2007
Il mistero dell’uomo di Somerton
Il mistero dell’uomo di Somerton
Sta forse per essere risolto un giallo inestricabile lungo 70 anni: un uomo ritrovato senza vita su una spiaggia nel 1948 a cui non è mai stato possibile dare un nome
Il prete assassino (che non sconterà nessuna pena)
Il prete assassino (che non sconterà nessuna pena)
Nuove prove hanno permesso alla polizia di inchiodare l’ex sacerdote Richard R. Lavigne, accusato di aver ucciso mezzo secolo fa il 13enne Daniel Croteau
Svolta nel caso della piccola Maddie
Svolta nel caso della piccola Maddie
La polizia tedesca sarebbe riuscita a provare la presenza di Christain Brueckner in Portogallo negli stessi giorni in cui la piccola è scomparsa. Ma non basta ancora per accusarlo formalmente
L’assassino di Evelyn, uccisa nel 1979
L’assassino di Evelyn, uccisa nel 1979
Un uomo di 64 anni individuato grazie alle nuove tecniche forensi: una traccia del Dna lasciato su una manica del cappotto della vittima ha permesso di dare un nome all’omicida
Nuove prove sulla morte di Khashoggi
Nuove prove sulla morte di Khashoggi
Diversi documenti “Top Secret” dimostrano che la squadra assassini del giornalista hanno utilizzato aerei di una compagnia che apparteneva al principe saudita MBS
È morto Samuel Litte, il serial killer più prolifico d’America
È morto Samuel Litte, il serial killer più prolifico d’America
Aveva 80 anni e dal 2014 stava scontando 3 ergastoli, ma si era autoaccusato dell’omicidio di 93 donne. Attraverso le sue confessioni l’FBI ha risolto oltre 50 casi insoluti
Risolto il cifrario del Killer dello Zodiaco
Risolto il cifrario del Killer dello Zodiaco
Dopo 51 anni, tre codebreaker amatoriali sono riusciti a venire a capo di uno dei messaggi più oscuri del serial killer californiano, il “cifrario 340”. Purtroppo, non conteneva indicazioni utili per svelarne l’identità
Il più celebre serial killer sudcoreano confessa
Il più celebre serial killer sudcoreano confessa
Al suo posto era stato accusato un innocente che ha scontato 20 anni di galera. Lee Chung-jae ha ammesso i 14 omicidi di donne e si è detto sorpreso: era convinto che la polizia l’avrebbe fermato molto prima
Dopo 36 anni risolto il cold case di Jonelle Matthews
Dopo 36 anni risolto il cold case di Jonelle Matthews
Un anno fa il ritrovamento dei resti della ragazzina scomparsa in Colorado pochi giorni prima del Natele del 1984. Gli esami e la comparazione dei dati hanno portato all’arresto dell’ex pastore della chiesa che la famiglia frequentava