«Lasciate che provi a risolvere il giallo di Maddie»

| Un ex detective a capo di un team specializzato nelle ricerche impossibili, chiede di poter analizzare tutte le foto della vacanza del 2007, quando la bimba sparì, per cercare fra la folla un possibile sospetto

+ Miei preferiti
Non è ancora un colpo di scena nell’intricato caso di Maddie McCann, la bimba inglese scomparsa nel nulla in Portogallo nel 2007, ma la speranza è che possa essere prossimo.

L’ex detective della polizia Mick Neville, è convinto di poter fornire la svolta per rintracciare la piccola Madeleine utilizzando un sofisticato software di riconoscimento facciale per setacciare gli scatti della vacanza che Maddie stava facendo con i genitori quando è scomparsa.

Fondatore del “Central Forensic Image Team” della polizia di Metropolis nel 2012, ora gestisce la “Super Recognisers International”, un’agenzia che dispone di uno dei più avveniristici programmi di catalogazione dei volti in grado di conservarne migliaia nella sua memoria e di confrontarli con gli identikit della polizia. Un sistema che ha già dimostrato di poter individuare persone scomparse e criminali attraverso i filmati delle telecamere a circuito chiuso e le semplici fotografie.

Secondo Neville, Maddie potrebbe essere identificata utilizzando la tecnologia di riconoscimento facciale partendo dall’individuazione di un nuovo sospetto, che facilmente comparirebbe le foto di famiglia scattate durante la vacanza sulla spiaggia di Praia da Luz. La sua squadra potrebbe essere in grado di identificare i possibili sospetti fra le persone sullo sfondo, portando potenzialmente ad una svolta di un caso che ormai sembra insabbiato.

Per due volte, Neville ha offerto il proprio aiuto ai responsabili della campagna “Finding Maddie”, descrivendo in dettaglio ciò di cui è capace il suo super sistema e la sua squadra, ma non ha mai ricevuto risposta.

Dalla sua, l’ex detective ricorda alcuni casi risolti, come quello del 2016, quando grazie al software la sua squadra ha catturato un ladro seguendo come unico indizio un logo sulla maglietta: Richard Shelley è stato incarcerato dopo una serie di furti nel sud di Londra. Lo stesso è avvenuto durante i disordini di Londra del 2011, quando attraverso più di 200mila ore di riprese delle telecamere a circuito chiuso sono state analizzate dalla squadra di Neville permettendo l’identificazione di 609 criminali.

Il mese scorso, un esperto di riconoscimento facciale ha creato una nuova immagine aggiornata di Madeleine utilizzando una tecnologia avanzata di IA. L’immagine, prodotta dal professore dell’Università di Bradford Hassan Ugail, mostra come potrebbe apparire la ragazzina a 16 anni ed è stata inserita in un algoritmo informatico che sintetizza le nuove caratteristiche del volto per produrre immagini ad alta risoluzione fotografica.

Cold Case
Dopo 36 anni risolto il cold case di Jonelle Matthews
Dopo 36 anni risolto il cold case di Jonelle Matthews
Un anno fa il ritrovamento dei resti della ragazzina scomparsa in Colorado pochi giorni prima del Natele del 1984. Gli esami e la comparazione dei dati hanno portato all’arresto dell’ex pastore della chiesa che la famiglia frequentava
Nicole Brown Simpson, diario una morte annunciata
Nicole Brown Simpson, diario una morte annunciata
Un documentario che presto arriverà in tutto il mondo ha scelto di basarsi sui diari segreti della moglie di OJ Simpson, mai utilizzati durante il processo. Una sequenza infinita di violenze e minacce
Caso Maddie, la polizia scava in un giardino ad Hannover
Caso Maddie, la polizia scava in un giardino ad Hannover
Si trova all’interno di un’ex residenza di Christian Brueckner, il principale sospettato. Sul posto ruspe, cani poliziotto e agenti della scientifica
Quasi risolto il caso di Maddie McCann
Quasi risolto il caso di Maddie McCann
Lo dice il padre dell’ex fidanzata del principale sospettato Christian Brueckner, interrogato per capire il coinvolgimento della donna nel sequestro e la probabile morte della bimba inglese
Maddie, avviate le ricerche del corpo
Maddie, avviate le ricerche del corpo
La polizia sta passando la setaccio diversi pozzi nella zona dell'Algarve dove si sospetta potrebbe trovarsi il corpicino della bimba inglese scomparsa nel nulla 13 anni fa
Caso Maddie: trovato il rifugio segreto di Brueckner
Caso Maddie: trovato il rifugio segreto di Brueckner
Sepolti in una fabbrica abbandonata hard disk e chiavette usb che contengono oltre 8000 immagini foto e video. Cautela degli inquirenti, anche se la speranza è di essere vicini alla svolta del caso
Scomparsa di Maddie: l’ora delle polemiche
Scomparsa di Maddie: l’ora delle polemiche
L’ex capo della polizia portoghese che per primo aveva indagato sulla scomparsa della bimba inglese torna ad accusare la famiglia. Ma un ex compagno di cella inguaia sempre di più Brueckner
Altri 18 casi per il pedofilo accusato di aver rapito Maddie
Altri 18 casi per il pedofilo accusato di aver rapito Maddie
Sono avvenuti nell’arco di sei anni nella zona dell’Algarve, la stessa da dove è scomparsa la piccola inglese. Polemiche per la polizia, accusata di aver impiegato 13 anni a trovare la pista giusta
Le prove sul killer di Maddie non sono sufficienti
Le prove sul killer di Maddie non sono sufficienti
Lo dice la procura tedesca, aggiungendo che la giustizia un processo per omicidio può avvenire solo in presenza di prove inconfutabili
Maddie caduta nelle mani di un serial killer
Maddie caduta nelle mani di un serial killer
Come per il caso della piccola Maelys, spunta lentamente il passato dell’uomo sospettato di aver rapito e ucciso la bimba inglese. Dovrà rispondere di altre due sparizioni di bambini, ma si teme sia solo l’inizio