Maddie McCann, tutto da capo

| Per Scotland Yard ha ripreso quota l’ipotesi che la piccola bimba inglese sia uscita volontariamente dall’appartamento del residence finendo nelle mani di qualcuno

+ Miei preferiti
C’è una nuova teoria da seguire, per tentare di dare una risposta alla scomparsa della piccola Maddie McCann, svanita nel nulla la sera di giovedì 3 maggio 2007 a Praia da Luz, località dell’Alagarve dove si trovava in vacanza con la sua famiglia. Da allora, le supposizioni, le segnalazioni, le accuse e le piste sbagliate non hanno portato a nulla.

Ma adesso, gli agenti di Scotland Yard starebbero tentando di aprire un nuovo filone di indagine che parte da presupposti diversi rispetto a quelli fiora ritenuti i più attendibili: Maddie quella sera era rimasta addormentata nell’appartamento, mentre i genitori erano andati a bere qualcosa in un locale poco distante insieme ad alcuni amici. Risvegliatasi di colpo, la bimba potrebbe essere uscita all’esterno con l’idea di cercare la mamma e il papà, finendo per cadere nelle mani di qualcuno che potrebbe averla caricata in macchina e poi sepolta da qualche parte. Un’ipotesi a cui gli detective lavorano a stretto contatto con Kate e Gerry McCann, i due genitori di Maddie, e la polizia portoghese.

Fra le ipotesi tramontate, visto il troppo tempo trascorso, c’è quella del sequestro di persona che si era fatta strada con insistenza nelle prime ore della sparizione di Maddie. Mai del tutto smentita, al contrario, l’ipotesi di la bimba inglese sia morta nella sua stanza, avvalorata da due cani molecolari specializzati nel ritrovamento di cadaveri.

Fra i sospettati Robert Murat, un residente locale, Sergey Malinka, un suo conoscente, e la fidanzata di quest’ultimo, Michaela Walczuch. Nel tempo anche Kate e Gerry McCann finiscono nella rete dei sospetti, per un breve periodo accusati addirittura di omicidio. Verranno tutti scagionati da ogni accusa, aprendo cause milionarie per diffamazione a mezzo stampa.

La vicenda di Maddie, diventata di enorme impatto mediatico in tutto il mondo, ha gettato in cattiva luce le tecniche di indagine approssimative della polizia portoghese ma anche la leggerezza dei genitori di Maddie, per nulla intimoriti dall’uscire lasciando la piccola e i suoi due fratellini a casa da soli.

Cold Case
Una settimana per risolvere il caso di Maddie
Una settimana per risolvere il caso di Maddie
È quanto promette un medico forense americano, grazie ad una tecnica innovativa e molto più sofisticata del suo laboratorio. Un’analisi che ha permesso di dare un nome ai resti delle vittime dell’11 settembre
Risolto un duplice omicidio di 46 anni fa
Risolto un duplice omicidio di 46 anni fa
Janice e Lynn, due amiche di 19 anni, furono trovate morte nel cottage di una località di mare della Virginia. Le nuove tecniche investigative hanno permesso di risalire all’assassino: un uomo che oggi ha 80 anni
Emanuela Orlandi, inchiesta in Vaticano
Emanuela Orlandi, inchiesta in Vaticano
Per il legale e il fratello della ragazza scomparsa 35 anni fa si tratta di una “svolta storica”. Probabile l’apertura di una tomba nel cimitero teutonico
“Maddie è viva”
“Maddie è viva”
Un documentario Netflix, diffuso in tutto il mondo, promette rivelazioni shock da esperti, investigatori e poliziotti che dal 2007 seguono il caso della scomparsa della piccola
"Ti giuro, non ho fatto nulla a tuo fratello"
"Ti giuro, non ho fatto nulla a tuo fratello"
Le lacrime della serial killer Myra Hindley che, con l'amante Ian Brady, uccise 7 bambini. Incontrò il fratello di Keith in carcere ma non gli rivelò dove fu sepolto. Gli "assassini della brughiera"
La beffa del serial killer alla famiglia di un bimbo ucciso
La beffa del serial killer alla famiglia di un bimbo ucciso
Ian Brady e Myra Hindley, negli Anni '60, uccidevano bambini e li seppellivano in campagna. Nel '91 Brady inviò una lettera al frettlo di Keith, 12, in cui prometteva di rivelare il luogo della sepoltura. "La polizia ci aiuti"
La polizia inglese vicina a risolvere un cold case
La polizia inglese vicina a risolvere un cold case
In un campo poco distante da dove viveva, la polizia sta cercando il corpo di Linda Razzell, scomparsa nel 2002. Uno dei tanti omicidi irrisolti che gravano sulla zona
Uccise la piccola Linda 46 anni fa: arrestato
Uccise la piccola Linda 46 anni fa: arrestato
Linda O’Keefe è stata strangolata nel luglio del 1973 da qualcuno che pensava di averla fatta franca. Le nuove tecniche di genealogia forense hanno permesso di individuarlo con certezza
Il macabro mistero della nave fantasma
Il macabro mistero della nave fantasma
La nave olandese "Ourang Medan", affonda nel '48 nello stretto di Malacca. I corpi dei marinai avevano bocca e occhi spalancati, in un'espressione di terrore. Un documento CIA: "E' la chiave dei molti misteri insoluti"
Il serial killer disegna i volti
delle donne che ha ucciso
Il serial killer disegna i volti<br>delle donne che ha ucciso
L'Fbi diffonde 34 immagini dei volti di donne uccise dal 1970 al 2005 emersi dalla memoria dell'assassino, autore di 90 delitti e già condannato a morte, con la speranza che familiari o amici possano riconoscerle