Mezzo secolo dopo, risolto il rapimento di Paul Fronczak

| In uno dei più celebri casi di sequestro di minori d'America, il bimbo era sparito dall’ospedale poche ore dopo la nascita. Da lì, la vicenda ha preso strade strane e diverse, fino alla soluzione, pochi giorni fa

+ Miei preferiti
Dalla metà degli anni Sessanta, la storia di Paul Fronczak ha fatto più volte il giro del mondo: era un bimbo di nemmeno due anni, nato nel 1964 con parto naturale all’ospedale “Michael Reese” di Chicago. Quel giorno sua mamma Dora lo allatta, poi lo mette a dormire nella nursery insieme agli altri neonati. È stata l’ultima volta in cui l’ha visto.

La polizia riesce a ricostruire l’accaduto: l’indomani mattina, una donna vestita da infermiera era entrata nella stanza e preso il piccolo Paul, spiegando che su precisa richiesta dell’FBI era necessario sottoporlo ad alcuni esami. La vicenda, ancora oggi conosciuta come uno dei più clamorosi casi di persone scomparse degli Stati Uniti, ha impegnato per decenni la polizia, l’FBI e centinaia di volontari che hanno battuto la capitale del Michigan palmo a palmo, inutilmente.

Due anni dopo, un bimbo abbandonato in un passeggino viene ritrovato in un centro commerciale di Newark, nel New Jersey: per tutti è Paul Fronczak, anche se all’ospedale non avevano fatto in tempo a prelevare al bimbo il sangue per stabilire il gruppo sanguigno e depositare il Dna. Ma per placare la disperazione di Dora e suo marito Chester, quel bimbo basta e avanza: affidato inizialmente ad una famiglia che l’aveva chiamato Scott, un tribunale lo assegna alla famiglia Fronczak, che gli cambia il nome chiamandolo Paul.

Anni dopo, quando aveva ormai più 10 anni, Paul trova in cantina una vecchia scatola in cui erano conservati centinaia di ritagli di giornale che raccontavano l’inquietante rapimento, le indagini e gli sviluppi successivi. È mamma Dora a tranquillizzarlo: si tratta di una brutta storia finita bene, l’importante è essere di nuovo tutti insieme.

Diventato grande, Paul si sposa e mette al mondo un bimbo, ma quando il pediatra chiede alla coppia eventuali malattie di famiglia, lui si rende conto di non sapere nulla. Deciso ad arrivare in fondo alla vicenda, Paul convince i due genitori a sottoporsi insieme a lui al test del Dna, e il risultato non lascia dubbi: quelli non sono i suoi veri papà e mamma. Ma per risolvere il mistero mancano ancora diversi particolari: Paul assume un investigatore privato, che a sua volta si mette in contatto con i volontari del “DNA Detectives”, che dopo lunghe ricerche rintracciano la vera famiglia restituendo all’uomo la vera identità: Jack Rosenthal, abbandonato dai genitori insieme alle due sorelle e un fratello poco prima che i due decidessero di togliersi la vita. Jack, che per buona parte della sua vita si è creduto Paul, nel tempo ha sviluppato una vera ossessione per la sua vicenda: per tentare di rintracciare i fratelli ha speso fortune e da tempo si batte perché i corpi dei suoi genitori siano riesumati.

Ma negli anni, sono tanti gli episodi inquietanti legali alla scomparsa di Paul Fronczak: nel 2014 si era fatto avanti un certo Sam Miller, un uomo che si era convinto di essere il bimbo rapito a Chicago nel 1964 dopo aver visto una serie di fotografie che secondo lui mostravano una scioccante somiglianza. Ma sono bastati pochi giorni, dopo gli esami del Dna, per stabilire che non si trattava di Paul Fronczak.

Il caso ha dato vita anche speculazioni sulla donna responsabile del rapimento: al termine di uno speciale trasmesso da “ABC News”, Johnnie Harbaugh, un 64enne di Chicago, ha contattato la rete per il sospetto che sua madre, Linda Taylor, potesse essere la responsabile dell’accaduto. “Era capace di ogni cosa. E quando ho visto in televisione le foto del bimbo scomparso mi sono reso conto di averlo visto in casa, dove la mamma l’aveva portato nel 1964, dicendo che si chiamava Tiger”. Linda Taylor è morta 12 anni fa per un infarto: era conosciuta come una “maestra del travestimento”, tanto che suo figlio racconta che in casa loro esisteva una stanza interamente dedicata ai camuffamenti. Arrestata nel 1977, la donna era stata processata e accusata del rapimento di Paul Fronczak. Stando ad alcuni report giornalistici, uno degli ex-mariti della donna avrebbe confessato di aver visto la Taylor in compagnia di un neonato nei primi anni ’60, anche se lei ha sempre negato il proprio coinvolgimento nel caso. A smentirla ci sarebbe però la testimonianza del figlio: “Tornando da scuola, un giorno, non ho più trovato ‘Tiger’ e nessuno mi ha mai spiegato dove fosse finito. Mia madre l’aveva probabilmente consegnato a qualcuno”. 

Una sorta di spin-off alla storia di Paul Fronczak, il cui mistero sembra stia stato risolto in questi giorni, 55 anni dopo la sua scomparsa. Gli agenti dell’FBI l’hanno rintracciato in una piccola città del Michigan, ma senza rivelare il luogo e il nome con cui ha vissuto tutto questo tempo. Non sospettava nulla, fin quando alla porta si è presentato un agente che gli ha raccontato l’incredibile vicenda e chiesto di poter prelevare un campione di sangue per verificare il Dna. La risposta questa volta è stata positiva, ma per Paul, racconta l’FBI, è stato uno shock, e non ha ancora deciso se incontrare o meno Dora, la sua vera mamma, l’unica rimasta dopo la morte di papà Chester, che al contrario non avrà mai la soddisfazione di poter riabbracciare suo figlio.

Galleria fotografica
Mezzo secolo dopo, risolto il rapimento di Paul Fronczak - immagine 1
Mezzo secolo dopo, risolto il rapimento di Paul Fronczak - immagine 2
Mezzo secolo dopo, risolto il rapimento di Paul Fronczak - immagine 3
Mezzo secolo dopo, risolto il rapimento di Paul Fronczak - immagine 4
Cold Case
«So dov’è sepolta Maddie»
«So dov’è sepolta Maddie»
Michael Schneider, il sensitivo tedesco che ha indicato i punti in cui la polizia ha ritrovato i corpi dei coniugi Neumair, afferma di aver fornito le coordinate del luogo in cui sarebbe stata sepolta la piccola inglese scomparsa nel 2007
Il mistero dell’uomo di Somerton
Il mistero dell’uomo di Somerton
Sta forse per essere risolto un giallo inestricabile lungo 70 anni: un uomo ritrovato senza vita su una spiaggia nel 1948 a cui non è mai stato possibile dare un nome
Il prete assassino (che non sconterà nessuna pena)
Il prete assassino (che non sconterà nessuna pena)
Nuove prove hanno permesso alla polizia di inchiodare l’ex sacerdote Richard R. Lavigne, accusato di aver ucciso mezzo secolo fa il 13enne Daniel Croteau
Svolta nel caso della piccola Maddie
Svolta nel caso della piccola Maddie
La polizia tedesca sarebbe riuscita a provare la presenza di Christain Brueckner in Portogallo negli stessi giorni in cui la piccola è scomparsa. Ma non basta ancora per accusarlo formalmente
L’assassino di Evelyn, uccisa nel 1979
L’assassino di Evelyn, uccisa nel 1979
Un uomo di 64 anni individuato grazie alle nuove tecniche forensi: una traccia del Dna lasciato su una manica del cappotto della vittima ha permesso di dare un nome all’omicida
Nuove prove sulla morte di Khashoggi
Nuove prove sulla morte di Khashoggi
Diversi documenti “Top Secret” dimostrano che la squadra assassini del giornalista hanno utilizzato aerei di una compagnia che apparteneva al principe saudita MBS
È morto Samuel Litte, il serial killer più prolifico d’America
È morto Samuel Litte, il serial killer più prolifico d’America
Aveva 80 anni e dal 2014 stava scontando 3 ergastoli, ma si era autoaccusato dell’omicidio di 93 donne. Attraverso le sue confessioni l’FBI ha risolto oltre 50 casi insoluti
Risolto il cifrario del Killer dello Zodiaco
Risolto il cifrario del Killer dello Zodiaco
Dopo 51 anni, tre codebreaker amatoriali sono riusciti a venire a capo di uno dei messaggi più oscuri del serial killer californiano, il “cifrario 340”. Purtroppo, non conteneva indicazioni utili per svelarne l’identità
Il più celebre serial killer sudcoreano confessa
Il più celebre serial killer sudcoreano confessa
Al suo posto era stato accusato un innocente che ha scontato 20 anni di galera. Lee Chung-jae ha ammesso i 14 omicidi di donne e si è detto sorpreso: era convinto che la polizia l’avrebbe fermato molto prima
Dopo 36 anni risolto il cold case di Jonelle Matthews
Dopo 36 anni risolto il cold case di Jonelle Matthews
Un anno fa il ritrovamento dei resti della ragazzina scomparsa in Colorado pochi giorni prima del Natele del 1984. Gli esami e la comparazione dei dati hanno portato all’arresto dell’ex pastore della chiesa che la famiglia frequentava