Morto il detective che ammanettò Oswald

| L'assassino di Kennedy fu ucciso da Jack Ruby. Il poliziotto è morto a 99 anni, sul caso si era pronunciato poche volte e su aspetti marginali. La sua immagine, con il cappello da cowboy, è una delle più famose della storia

+ Miei preferiti
Di Michael O'Brien

L’immagine dell’agente di polizia del Texas che aveva ammanettato a Lee Harvey Oswald, l’assassino del presidente Kennedy, quando fu ucciso nel quartier generale di polizia di Dallas due giorni dopo l'assassinio del presidente John F. Kennedy, è ancora una delle più famose al mondo. L’ex detective Jim Leavelle è morto giovedì a 99 anni. Senza aver mai dato una sua versione, a parte una serie di dettagli irrilevanti, di quanto accadde a Dallas, e forse per questo ha raggiunto il traguardo di quasi un secolo di vita.

Ums foto recente di Jim Leavelle


Leavelle, in servizio alla polizia di Dallas, stava trasportando Oswald alla prigione della contea quando il proprietario di night club, Jack Ruby, sparò a Oswald con la sua pistola uccidendolo in diretta televisiva il 24 novembre 1963. Oltre alle riprese televisive, le foto storiche mostrano Leavelle che indossa un abito di colore chiaro e un cappello da cowboy, con la sguardo atterrito e sgomento, mentre l’ex marine viene assassinato.

Due giorni prima, il presidente Kennedy era stato assassinato durante una visita alla campagna di Dallas in moto. Oswald fu arrestato quel giorno in relazione alla morte di Kennedy, così come la fatale sparatoria del poliziotto di Dallas J.D. Tippit, riferisce History.com.

Un'altra delle figlie di Leavelle, Tanya Evers, di San Antonio, ha raccontato al Dallas Morning News che suo padre si sentiva obbligato, man mano che cresceva, a dissipare le teorie di cospirazione intorno all'assassinio di Kennedy e alla successiva morte di Oswald. Leavelle aveva detto in precedenza di aver incontrato Ruby nel suo nightclub, dove gli agenti pattugliavano spesso intorno all'orario di chiusura per prevenire i disordini. E di aver parlato di nuovo con Ruby dopo il suo arresto. Gli ho detto: "Sai che non ci hai fatto alcun favore sparando a Oswald", ha detto Leavelle al Dallas Morning News prima della sua scomparsa. E Ruby: "Tutto quello che volevo fare era essere un eroe, e sembra che tutto quello che ho fatto è stato rovinare le cose”. Prima di unirsi al dipartimento di polizia, Leavelle aveva combattuto nella Marina durante la seconda guerra mondiale ed era stato a bordo di una delle prime navi cacciatorpediniere a rispondere all'attacco giapponese del 7 dicembre 1941 a Pearl Harbor. Originario di Detroit, si era stabilito a Dallas dopo aver lasciato la Marina. Ha festeggiato il suo compleanno in Colorado la scorsa settimana con un gruppo di circa 60 membri della famiglia e amici, tra cui un uomo che ha lavorato come reporter per le riprese di Oswald e una donna che aveva scritto a Leavelle come studente della scuola media, chiedendo informazioni sull'assassinio di Kennedy. Leavelle era caduto in casa, rompendosi un'anca, poi la morte in ospedale.

Galleria fotografica
Morto il detective che ammanettò Oswald - immagine 1
Morto il detective che ammanettò Oswald - immagine 2
Morto il detective che ammanettò Oswald - immagine 3
Morto il detective che ammanettò Oswald - immagine 4
Morto il detective che ammanettò Oswald - immagine 5
Morto il detective che ammanettò Oswald - immagine 6
Morto il detective che ammanettò Oswald - immagine 7
Cold Case
La misteriosa scomparsa di Tara Calico
La misteriosa scomparsa di Tara Calico
Una giovane del New Mexico svanisce nel nulla 31 anni fa: la vicenda diventa un mistero con il ritrovamento di alcune fotografie agghiaccianti. Ancora oggi, una squadra dell’FBI continua a cercarla
Corea del Sud: individuato il serial killer delle donne
Corea del Sud: individuato il serial killer delle donne
L’uomo, che sta scontando l’ergastolo, avrebbe confessato una lunga serie di omicidi. Ma per la legge sulla prescrizione non dovrà risponderne
Riaperto il caso del killer dei bambini di Atlanta
Riaperto il caso del killer dei bambini di Atlanta
Fra il 1979 ed il 1981, la capitale della Georgia fa da sfondo agli omicidi seriali di 25 bambini. Wayne Williams fu condannato soltanto per due: per tutti gli altri manca ancora la verità
Morte di Tatiana, condannato imprenditore
Morte di Tatiana, condannato imprenditore
Paolo Caligaris, erede di una dinastia di mobilieri, condannato a 16 anni in primo grado per la morte di Tatiana Tulissi, 37 anni, uccisa nel 2008 nella villa dove i due convivevano
Lo scheletro nell'auto in fondo al lago
Lo scheletro nell
Mistero a Tavernola Bergamasca. Forse è un delitto. La vittima è Rosario Tilotta, 59 anni, era sparito nel nulla nel 2014. Ora si cerca la moglie albanese, Elva Kurti, di 22 anni più giovane. Ombre e sospetti
Quel morso su un seno, la firma dell'assassino
Quel morso su un seno, la firma dell
Caso Cesaroni. Un perito scopri che l'arcata dentaria inferiore del killer era molto irregolare. La procura non lo ritenne un'indizio valido, nonostante un calco. Ma se l'inchiesta dovesse riaprirsi, sarà il punto di partenza
Riuniti in carcere i fratelli assassini
Riuniti in carcere i fratelli assassini
Trent'anni fa Lyle ed Erik Menendez uccisero i loro genitori e furono condannati all'ergastolo. Separati per decenni ora sono nello stesso carcere. Movente l'eredità. Si difesero: "Nostro padre ci abusava sessualmente"
"Ho assassinato JonBenet ma fu un incidente..."
"Ho assassinato JonBenet ma fu un incidente..."
Un pedofilo in carcere ha scritto a un amico per confessare il delitto della reginetta di bellezza di 6 anni, uccisa in Colorado nel Natale 1996. "E caduta e ha battuto la testa, non volevo ucciderla". Riparte l'inchiesta
Dopo 34 anni ritrovati resti di una dodicenne
Dopo 34 anni ritrovati resti di una dodicenne
Quel che resta di Jonelle Matthews, scomparsa in Colorado alla metà degli anni Ottanta, è riemerso durante gli scavi per un gasdotto. La famiglia: “Ora vogliamo risposte”
"No, non ho ucciso io Lidia Macchi"
"No, non ho ucciso io Lidia Macchi"
Stefano Binda, 51 anni, condannato all'ergastolo in 1 grado, davanti ai giudici dell'appello. Il delitto nel gennaio '87. Lidia fu uccisa, dopo aver respinto l'assassino, con 29 coltellate