Morto il detective che ammanettò Oswald

| L'assassino di Kennedy fu ucciso da Jack Ruby. Il poliziotto è morto a 99 anni, sul caso si era pronunciato poche volte e su aspetti marginali. La sua immagine, con il cappello da cowboy, è una delle più famose della storia

+ Miei preferiti
Di Michael O'Brien

L’immagine dell’agente di polizia del Texas che aveva ammanettato a Lee Harvey Oswald, l’assassino del presidente Kennedy, quando fu ucciso nel quartier generale di polizia di Dallas due giorni dopo l'assassinio del presidente John F. Kennedy, è ancora una delle più famose al mondo. L’ex detective Jim Leavelle è morto giovedì a 99 anni. Senza aver mai dato una sua versione, a parte una serie di dettagli irrilevanti, di quanto accadde a Dallas, e forse per questo ha raggiunto il traguardo di quasi un secolo di vita.

Ums foto recente di Jim Leavelle


Leavelle, in servizio alla polizia di Dallas, stava trasportando Oswald alla prigione della contea quando il proprietario di night club, Jack Ruby, sparò a Oswald con la sua pistola uccidendolo in diretta televisiva il 24 novembre 1963. Oltre alle riprese televisive, le foto storiche mostrano Leavelle che indossa un abito di colore chiaro e un cappello da cowboy, con la sguardo atterrito e sgomento, mentre l’ex marine viene assassinato.

Due giorni prima, il presidente Kennedy era stato assassinato durante una visita alla campagna di Dallas in moto. Oswald fu arrestato quel giorno in relazione alla morte di Kennedy, così come la fatale sparatoria del poliziotto di Dallas J.D. Tippit, riferisce History.com.

Un'altra delle figlie di Leavelle, Tanya Evers, di San Antonio, ha raccontato al Dallas Morning News che suo padre si sentiva obbligato, man mano che cresceva, a dissipare le teorie di cospirazione intorno all'assassinio di Kennedy e alla successiva morte di Oswald. Leavelle aveva detto in precedenza di aver incontrato Ruby nel suo nightclub, dove gli agenti pattugliavano spesso intorno all'orario di chiusura per prevenire i disordini. E di aver parlato di nuovo con Ruby dopo il suo arresto. Gli ho detto: "Sai che non ci hai fatto alcun favore sparando a Oswald", ha detto Leavelle al Dallas Morning News prima della sua scomparsa. E Ruby: "Tutto quello che volevo fare era essere un eroe, e sembra che tutto quello che ho fatto è stato rovinare le cose”. Prima di unirsi al dipartimento di polizia, Leavelle aveva combattuto nella Marina durante la seconda guerra mondiale ed era stato a bordo di una delle prime navi cacciatorpediniere a rispondere all'attacco giapponese del 7 dicembre 1941 a Pearl Harbor. Originario di Detroit, si era stabilito a Dallas dopo aver lasciato la Marina. Ha festeggiato il suo compleanno in Colorado la scorsa settimana con un gruppo di circa 60 membri della famiglia e amici, tra cui un uomo che ha lavorato come reporter per le riprese di Oswald e una donna che aveva scritto a Leavelle come studente della scuola media, chiedendo informazioni sull'assassinio di Kennedy. Leavelle era caduto in casa, rompendosi un'anca, poi la morte in ospedale.

Galleria fotografica
Morto il detective che ammanettò Oswald - immagine 1
Morto il detective che ammanettò Oswald - immagine 2
Morto il detective che ammanettò Oswald - immagine 3
Morto il detective che ammanettò Oswald - immagine 4
Morto il detective che ammanettò Oswald - immagine 5
Morto il detective che ammanettò Oswald - immagine 6
Morto il detective che ammanettò Oswald - immagine 7
Cold Case
Il mostro delle Ardenne confessa un altro omicidio
Il mostro delle Ardenne confessa un altro omicidio
Michel Fourniret, uno dei più feroci serial killer francesi, ha rivelato di aver ucciso la piccola Estelle, protagonista di un caso di cronaca che tenne il Paese con il fiato sospeso
L’America in ansia per Gannon Stauch, 11 anni
L’America in ansia per Gannon Stauch, 11 anni
È scomparso a fine gennaio dalla sua abitazione a Colorado Springs: centinaia di volontari lo cercano giorno e notte, mentre i sospetti si concentrano sulla matrigna
Chicago, sulle tracce del serial killer invisibile
Chicago, sulle tracce del serial killer invisibile
La polizia è convinta che fra gli anni ’70 e’80, Bruce Lindah abbia ucciso decine di giovani donne, ma nel tempo nessuno l’ha mai sospettato di nulla. Come è stato possibile?
Maddie non tornerà più
Maddie non tornerà più
Ne è convinto un esperto detective inglese, che considera il caso della piccola inglese irrisolvibile. Una sensitiva afferma invece di sapere che Maddie è viva, accolta da una famiglia tedesca ignara di tutto
Ha un nome il cadavere della grotta dell’Idaho
Ha un nome il cadavere della grotta dell’Idaho
Il corpo fatto a pezzi, ritrovato nel 1979, è quello di Joseph Henry Loveless, condannato per l’omicidio della moglie. L’identificazione grazie alle nuove tecniche forensi
Mezzo secolo dopo, risolto il rapimento di Paul Fronczak
Mezzo secolo dopo, risolto il rapimento di Paul Fronczak
In uno dei più celebri casi di sequestro di minori d'America, il bimbo era sparito dall’ospedale poche ore dopo la nascita. Da lì, la vicenda ha preso strade strane e diverse, fino alla soluzione, pochi giorni fa
1.600 prelievi del Dna per trovare un omicida
1.600 prelievi del Dna per trovare un omicida
La procura di Moenchengladbach ha ordinato uno screening degli abitanti maschi di Grevenbroich, in Germania, per riuscire a dare un volto e un nome all’assassino di Claudia Ruf, 11enne violentata e uccisa nel 1996
La misteriosa scomparsa di Tara Calico
La misteriosa scomparsa di Tara Calico
Una giovane del New Mexico svanisce nel nulla 31 anni fa: la vicenda diventa un mistero con il ritrovamento di alcune fotografie agghiaccianti. Ancora oggi, una squadra dell’FBI continua a cercarla
Corea del Sud: individuato il serial killer delle donne
Corea del Sud: individuato il serial killer delle donne
L’uomo, che sta scontando l’ergastolo, avrebbe confessato una lunga serie di omicidi. Ma per la legge sulla prescrizione non dovrà risponderne
Riaperto il caso del killer dei bambini di Atlanta
Riaperto il caso del killer dei bambini di Atlanta
Fra il 1979 ed il 1981, la capitale della Georgia fa da sfondo agli omicidi seriali di 25 bambini. Wayne Williams fu condannato soltanto per due: per tutti gli altri manca ancora la verità