Norvegia: uccisa fingendo un rapimento

| È l’ipotesi della polizia dopo mesi di indagini sulla scomparsa di Anne-Elisabeth Hagen, moglie di un uno degli uomini più ricchi dei paesi scandinavi

+ Miei preferiti
Anne-Elisabeth Hagen, moglie di un ricco uomo d’affari norvegese scomparsa quasi otto mesi fa è stata probabilmente uccisa e l’omicidio messo in scena simulando un rapimento. Ne è convinta la polizia di Stoccolma, che da mesi indaga sulla misteriosa scomparsa della donna, moglie di Tom Hagen, investitore immobiliare e magnate dell’energia con un patrimonio stimato di 174 milioni di euro, scomparsa dalla loro casa di Lørenskog, vicino a Oslo, il 31 ottobre dello scorso anno.

Secondo quanto riporta il quotidiano “Verdens Gang”, i presunti rapitori avevano chiesto un riscatto di 9 milioni di euro in criptovaluta “Monero”, un sistema digitale particolarmente difficile da rintracciare. La richiesta di riscatto era stata trovata a casa della coppia: all’poca, la polizia si era rifiutata di confermare la somma, aggiungendo di aver consigliato la famiglia di non pagare alcuna cifra.

I contatti online con i presunti rapitori durante le indagini precedenti non sono stati in grado di confermare che Hagen, 68 anni, fosse ancora in vita.

Tommy Brøske, capo del nucleo investigativo, in una conferenza stampa ha affermato: “La nostra ipotesi principale è stata modificata: Anne-Elisabeth è stata uccisa. Potrebbe esserci stato un tentativo di mascherare l’omicidio con un rapimento”. A dare credibilità all’ipotesi, “la mancanza di pressioni dei rapitori per incassare il riscatto”. Nessun commento, al contrario, su eventuali sospetti.

L’avvocato della famiglia, Svein Holden, ha confermato la tesi della polizia: “Un rapimento che si è trasformato in un possibile omicidio”.

Galleria fotografica
Norvegia: uccisa fingendo un rapimento - immagine 1
Norvegia: uccisa fingendo un rapimento - immagine 2
Cold Case
Caso Maddie, la polizia scava in un giardino ad Hannover
Caso Maddie, la polizia scava in un giardino ad Hannover
Si trova all’interno di un’ex residenza di Christian Brueckner, il principale sospettato. Sul posto ruspe, cani poliziotto e agenti della scientifica
Quasi risolto il caso di Maddie McCann
Quasi risolto il caso di Maddie McCann
Lo dice il padre dell’ex fidanzata del principale sospettato Christian Brueckner, interrogato per capire il coinvolgimento della donna nel sequestro e la probabile morte della bimba inglese
Maddie, avviate le ricerche del corpo
Maddie, avviate le ricerche del corpo
La polizia sta passando la setaccio diversi pozzi nella zona dell'Algarve dove si sospetta potrebbe trovarsi il corpicino della bimba inglese scomparsa nel nulla 13 anni fa
Caso Maddie: trovato il rifugio segreto di Brueckner
Caso Maddie: trovato il rifugio segreto di Brueckner
Sepolti in una fabbrica abbandonata hard disk e chiavette usb che contengono oltre 8000 immagini foto e video. Cautela degli inquirenti, anche se la speranza è di essere vicini alla svolta del caso
Scomparsa di Maddie: l’ora delle polemiche
Scomparsa di Maddie: l’ora delle polemiche
L’ex capo della polizia portoghese che per primo aveva indagato sulla scomparsa della bimba inglese torna ad accusare la famiglia. Ma un ex compagno di cella inguaia sempre di più Brueckner
Altri 18 casi per il pedofilo accusato di aver rapito Maddie
Altri 18 casi per il pedofilo accusato di aver rapito Maddie
Sono avvenuti nell’arco di sei anni nella zona dell’Algarve, la stessa da dove è scomparsa la piccola inglese. Polemiche per la polizia, accusata di aver impiegato 13 anni a trovare la pista giusta
Le prove sul killer di Maddie non sono sufficienti
Le prove sul killer di Maddie non sono sufficienti
Lo dice la procura tedesca, aggiungendo che la giustizia un processo per omicidio può avvenire solo in presenza di prove inconfutabili
Maddie caduta nelle mani di un serial killer
Maddie caduta nelle mani di un serial killer
Come per il caso della piccola Maelys, spunta lentamente il passato dell’uomo sospettato di aver rapito e ucciso la bimba inglese. Dovrà rispondere di altre due sparizioni di bambini, ma si teme sia solo l’inizio
Ha un nome il rapitore di Maddie
Ha un nome il rapitore di Maddie
Christian Brueckner, 17 condanne per pedofilia, viveva a pochi km dal resort in Portogallo da dove è sparita la bimba, ma il suo nome è entrato da poco nei fascicoli d’indagine
Svolta nella scomparsa di Maddie
Svolta nella scomparsa di Maddie
Dopo anni di lungo lavoro, le autorità tedesche e portoghesi hanno individuato un pedofilo residente in Germania, fortemente sospettato del sequestro e la morte della bimba inglese