Norvegia: uccisa fingendo un rapimento

| È l’ipotesi della polizia dopo mesi di indagini sulla scomparsa di Anne-Elisabeth Hagen, moglie di un uno degli uomini più ricchi dei paesi scandinavi

+ Miei preferiti
Anne-Elisabeth Hagen, moglie di un ricco uomo d’affari norvegese scomparsa quasi otto mesi fa è stata probabilmente uccisa e l’omicidio messo in scena simulando un rapimento. Ne è convinta la polizia di Stoccolma, che da mesi indaga sulla misteriosa scomparsa della donna, moglie di Tom Hagen, investitore immobiliare e magnate dell’energia con un patrimonio stimato di 174 milioni di euro, scomparsa dalla loro casa di Lørenskog, vicino a Oslo, il 31 ottobre dello scorso anno.

Secondo quanto riporta il quotidiano “Verdens Gang”, i presunti rapitori avevano chiesto un riscatto di 9 milioni di euro in criptovaluta “Monero”, un sistema digitale particolarmente difficile da rintracciare. La richiesta di riscatto era stata trovata a casa della coppia: all’poca, la polizia si era rifiutata di confermare la somma, aggiungendo di aver consigliato la famiglia di non pagare alcuna cifra.

I contatti online con i presunti rapitori durante le indagini precedenti non sono stati in grado di confermare che Hagen, 68 anni, fosse ancora in vita.

Tommy Brøske, capo del nucleo investigativo, in una conferenza stampa ha affermato: “La nostra ipotesi principale è stata modificata: Anne-Elisabeth è stata uccisa. Potrebbe esserci stato un tentativo di mascherare l’omicidio con un rapimento”. A dare credibilità all’ipotesi, “la mancanza di pressioni dei rapitori per incassare il riscatto”. Nessun commento, al contrario, su eventuali sospetti.

L’avvocato della famiglia, Svein Holden, ha confermato la tesi della polizia: “Un rapimento che si è trasformato in un possibile omicidio”.

Galleria fotografica
Norvegia: uccisa fingendo un rapimento - immagine 1
Norvegia: uccisa fingendo un rapimento - immagine 2
Cold Case
«So dov’è sepolta Maddie»
«So dov’è sepolta Maddie»
Michael Schneider, il sensitivo tedesco che ha indicato i punti in cui la polizia ha ritrovato i corpi dei coniugi Neumair, afferma di aver fornito le coordinate del luogo in cui sarebbe stata sepolta la piccola inglese scomparsa nel 2007
Il mistero dell’uomo di Somerton
Il mistero dell’uomo di Somerton
Sta forse per essere risolto un giallo inestricabile lungo 70 anni: un uomo ritrovato senza vita su una spiaggia nel 1948 a cui non è mai stato possibile dare un nome
Il prete assassino (che non sconterà nessuna pena)
Il prete assassino (che non sconterà nessuna pena)
Nuove prove hanno permesso alla polizia di inchiodare l’ex sacerdote Richard R. Lavigne, accusato di aver ucciso mezzo secolo fa il 13enne Daniel Croteau
Svolta nel caso della piccola Maddie
Svolta nel caso della piccola Maddie
La polizia tedesca sarebbe riuscita a provare la presenza di Christain Brueckner in Portogallo negli stessi giorni in cui la piccola è scomparsa. Ma non basta ancora per accusarlo formalmente
L’assassino di Evelyn, uccisa nel 1979
L’assassino di Evelyn, uccisa nel 1979
Un uomo di 64 anni individuato grazie alle nuove tecniche forensi: una traccia del Dna lasciato su una manica del cappotto della vittima ha permesso di dare un nome all’omicida
Nuove prove sulla morte di Khashoggi
Nuove prove sulla morte di Khashoggi
Diversi documenti “Top Secret” dimostrano che la squadra assassini del giornalista hanno utilizzato aerei di una compagnia che apparteneva al principe saudita MBS
È morto Samuel Litte, il serial killer più prolifico d’America
È morto Samuel Litte, il serial killer più prolifico d’America
Aveva 80 anni e dal 2014 stava scontando 3 ergastoli, ma si era autoaccusato dell’omicidio di 93 donne. Attraverso le sue confessioni l’FBI ha risolto oltre 50 casi insoluti
Risolto il cifrario del Killer dello Zodiaco
Risolto il cifrario del Killer dello Zodiaco
Dopo 51 anni, tre codebreaker amatoriali sono riusciti a venire a capo di uno dei messaggi più oscuri del serial killer californiano, il “cifrario 340”. Purtroppo, non conteneva indicazioni utili per svelarne l’identità
Il più celebre serial killer sudcoreano confessa
Il più celebre serial killer sudcoreano confessa
Al suo posto era stato accusato un innocente che ha scontato 20 anni di galera. Lee Chung-jae ha ammesso i 14 omicidi di donne e si è detto sorpreso: era convinto che la polizia l’avrebbe fermato molto prima
Dopo 36 anni risolto il cold case di Jonelle Matthews
Dopo 36 anni risolto il cold case di Jonelle Matthews
Un anno fa il ritrovamento dei resti della ragazzina scomparsa in Colorado pochi giorni prima del Natele del 1984. Gli esami e la comparazione dei dati hanno portato all’arresto dell’ex pastore della chiesa che la famiglia frequentava