Norvegia: uccisa fingendo un rapimento

| È l’ipotesi della polizia dopo mesi di indagini sulla scomparsa di Anne-Elisabeth Hagen, moglie di un uno degli uomini più ricchi dei paesi scandinavi

+ Miei preferiti
Anne-Elisabeth Hagen, moglie di un ricco uomo d’affari norvegese scomparsa quasi otto mesi fa è stata probabilmente uccisa e l’omicidio messo in scena simulando un rapimento. Ne è convinta la polizia di Stoccolma, che da mesi indaga sulla misteriosa scomparsa della donna, moglie di Tom Hagen, investitore immobiliare e magnate dell’energia con un patrimonio stimato di 174 milioni di euro, scomparsa dalla loro casa di Lørenskog, vicino a Oslo, il 31 ottobre dello scorso anno.

Secondo quanto riporta il quotidiano “Verdens Gang”, i presunti rapitori avevano chiesto un riscatto di 9 milioni di euro in criptovaluta “Monero”, un sistema digitale particolarmente difficile da rintracciare. La richiesta di riscatto era stata trovata a casa della coppia: all’poca, la polizia si era rifiutata di confermare la somma, aggiungendo di aver consigliato la famiglia di non pagare alcuna cifra.

I contatti online con i presunti rapitori durante le indagini precedenti non sono stati in grado di confermare che Hagen, 68 anni, fosse ancora in vita.

Tommy Brøske, capo del nucleo investigativo, in una conferenza stampa ha affermato: “La nostra ipotesi principale è stata modificata: Anne-Elisabeth è stata uccisa. Potrebbe esserci stato un tentativo di mascherare l’omicidio con un rapimento”. A dare credibilità all’ipotesi, “la mancanza di pressioni dei rapitori per incassare il riscatto”. Nessun commento, al contrario, su eventuali sospetti.

L’avvocato della famiglia, Svein Holden, ha confermato la tesi della polizia: “Un rapimento che si è trasformato in un possibile omicidio”.

Galleria fotografica
Norvegia: uccisa fingendo un rapimento - immagine 1
Norvegia: uccisa fingendo un rapimento - immagine 2
Cold Case
La misteriosa scomparsa di Tara Calico
La misteriosa scomparsa di Tara Calico
Una giovane del New Mexico svanisce nel nulla 31 anni fa: la vicenda diventa un mistero con il ritrovamento di alcune fotografie agghiaccianti. Ancora oggi, una squadra dell’FBI continua a cercarla
Corea del Sud: individuato il serial killer delle donne
Corea del Sud: individuato il serial killer delle donne
L’uomo, che sta scontando l’ergastolo, avrebbe confessato una lunga serie di omicidi. Ma per la legge sulla prescrizione non dovrà risponderne
Riaperto il caso del killer dei bambini di Atlanta
Riaperto il caso del killer dei bambini di Atlanta
Fra il 1979 ed il 1981, la capitale della Georgia fa da sfondo agli omicidi seriali di 25 bambini. Wayne Williams fu condannato soltanto per due: per tutti gli altri manca ancora la verità
Morte di Tatiana, condannato imprenditore
Morte di Tatiana, condannato imprenditore
Paolo Caligaris, erede di una dinastia di mobilieri, condannato a 16 anni in primo grado per la morte di Tatiana Tulissi, 37 anni, uccisa nel 2008 nella villa dove i due convivevano
Lo scheletro nell'auto in fondo al lago
Lo scheletro nell
Mistero a Tavernola Bergamasca. Forse è un delitto. La vittima è Rosario Tilotta, 59 anni, era sparito nel nulla nel 2014. Ora si cerca la moglie albanese, Elva Kurti, di 22 anni più giovane. Ombre e sospetti
Morto il detective che ammanettò Oswald
Morto il detective che ammanettò Oswald
L'assassino di Kennedy fu ucciso da Jack Ruby. Il poliziotto è morto a 99 anni, sul caso si era pronunciato poche volte e su aspetti marginali. La sua immagine, con il cappello da cowboy, è una delle più famose della storia
Quel morso su un seno, la firma dell'assassino
Quel morso su un seno, la firma dell
Caso Cesaroni. Un perito scopri che l'arcata dentaria inferiore del killer era molto irregolare. La procura non lo ritenne un'indizio valido, nonostante un calco. Ma se l'inchiesta dovesse riaprirsi, sarà il punto di partenza
Riuniti in carcere i fratelli assassini
Riuniti in carcere i fratelli assassini
Trent'anni fa Lyle ed Erik Menendez uccisero i loro genitori e furono condannati all'ergastolo. Separati per decenni ora sono nello stesso carcere. Movente l'eredità. Si difesero: "Nostro padre ci abusava sessualmente"
"Ho assassinato JonBenet ma fu un incidente..."
"Ho assassinato JonBenet ma fu un incidente..."
Un pedofilo in carcere ha scritto a un amico per confessare il delitto della reginetta di bellezza di 6 anni, uccisa in Colorado nel Natale 1996. "E caduta e ha battuto la testa, non volevo ucciderla". Riparte l'inchiesta
Dopo 34 anni ritrovati resti di una dodicenne
Dopo 34 anni ritrovati resti di una dodicenne
Quel che resta di Jonelle Matthews, scomparsa in Colorado alla metà degli anni Ottanta, è riemerso durante gli scavi per un gasdotto. La famiglia: “Ora vogliamo risposte”