Quasi risolto il caso di Maddie McCann

| Lo dice il padre dell’ex fidanzata del principale sospettato Christian Brueckner, interrogato per capire il coinvolgimento della donna nel sequestro e la probabile morte della bimba inglese

+ Miei preferiti
La polizia tedesca è convinta di aver risolto “al 90%” il caso della scomparsa della piccola Maddie McCann, di cui sarebbe responsabile Christian Brueckner. Non lo dicono ancora fonti ufficiali, ma Dieter Fehlinger, padre dell’ex fidanzata di Brueckner, Nicole Fehlinger, interrogato dalla polizia, e secondo le sue parole “sempre più vicina ad accusare formalmente di sequestro e omicidio” il pedofilo tedesco.

Brueckner, rinchiuso nelle carceri tedesche per scontare una condanna per violenza sessuale e una per possesso di droga, è il principale sospettato del rapimento e dell’omicidio di Madeleine, svanita nel nulla nel 2007 mentre era in vacanza a Praia da Luz, in Portogallo.

Dieter Fehlinger, 65 anni, ex autista di ambulanze, ha confidato al “Sun” inglese: “Mi hanno detto di aver quasi risolto il caso e sembravano molto fiduciosi”. L’uomo è stato interrogato per aver conosciuto e frequentato Brueckner per un breve periodo lo stesso anno della scomparsa di Maddie. Con lui, il pedofilo si vantava di aver attrezzato il suo camper in modo da “poter nascondere droga e perfino un bambino piccolo”. Nel corso della sua testimonianza, Fehlinger ha ribadito che sua figlia Nicole –a sua volta madre di una bimba che ai tempi aveva sei anni - non è in stata alcun modo coinvolta nella scomparsa di Madeleine. La settimana scorsa, Nicole Fehlinger è stata accusata da una coppia di portoghesi di aver fornito informazioni utili a Brueckner per svaligiare l’apparttamento di una famiglia. Ma al momento, né Brueckner né la Fehlinger sono stati arrestati o accusati di nulla: la polizia sta ancora valutando la fondatezza dell’accusa.

A monte c’è la convinzione di alcuni investigatori, secondo cui la donna era così legata a Brueckner da poter rappresentare la chiave per risolvere il mistero che avvolge da 13 anni la scomparsa di Maddie. Sul capo della donna un episodio di furto con scasso che presenta un’agghiacciante somiglianza con l’irruzione nell’appartamento di vacanza dei McCann a Praia da Luz, nel maggio del 2007. Ma lei ha sempre sostenuto di conoscere a malapena Brueckner, e di non sapere nulla di cosa facesse.

Il procuratore Hans Christian Wolters, a capo del team di indagine, spera di poter incriminare Brueckner entro un paio di mesi, mentre Friedrich Fulscher, avvocato del principale sospettato, ha commentato che spetta ai detective dimostrare la sua colpevolezza: “Per come stanno le cose non credo che ci saranno accuse: grazie a Dio, nel nostro sistema giuridico l’accusa deve provare il reato e non è l’imputato a doversi scagionare. Finché il mio cliente non sa di cosa è accusato e su quali basi, non c’è alcun motivo di pensare il contrario”.

Cold Case
Nicole Brown Simpson, diario una morte annunciata
Nicole Brown Simpson, diario una morte annunciata
Un documentario che presto arriverà in tutto il mondo ha scelto di basarsi sui diari segreti della moglie di OJ Simpson, mai utilizzati durante il processo. Una sequenza infinita di violenze e minacce
Caso Maddie, la polizia scava in un giardino ad Hannover
Caso Maddie, la polizia scava in un giardino ad Hannover
Si trova all’interno di un’ex residenza di Christian Brueckner, il principale sospettato. Sul posto ruspe, cani poliziotto e agenti della scientifica
Maddie, avviate le ricerche del corpo
Maddie, avviate le ricerche del corpo
La polizia sta passando la setaccio diversi pozzi nella zona dell'Algarve dove si sospetta potrebbe trovarsi il corpicino della bimba inglese scomparsa nel nulla 13 anni fa
Caso Maddie: trovato il rifugio segreto di Brueckner
Caso Maddie: trovato il rifugio segreto di Brueckner
Sepolti in una fabbrica abbandonata hard disk e chiavette usb che contengono oltre 8000 immagini foto e video. Cautela degli inquirenti, anche se la speranza è di essere vicini alla svolta del caso
Scomparsa di Maddie: l’ora delle polemiche
Scomparsa di Maddie: l’ora delle polemiche
L’ex capo della polizia portoghese che per primo aveva indagato sulla scomparsa della bimba inglese torna ad accusare la famiglia. Ma un ex compagno di cella inguaia sempre di più Brueckner
Altri 18 casi per il pedofilo accusato di aver rapito Maddie
Altri 18 casi per il pedofilo accusato di aver rapito Maddie
Sono avvenuti nell’arco di sei anni nella zona dell’Algarve, la stessa da dove è scomparsa la piccola inglese. Polemiche per la polizia, accusata di aver impiegato 13 anni a trovare la pista giusta
Le prove sul killer di Maddie non sono sufficienti
Le prove sul killer di Maddie non sono sufficienti
Lo dice la procura tedesca, aggiungendo che la giustizia un processo per omicidio può avvenire solo in presenza di prove inconfutabili
Maddie caduta nelle mani di un serial killer
Maddie caduta nelle mani di un serial killer
Come per il caso della piccola Maelys, spunta lentamente il passato dell’uomo sospettato di aver rapito e ucciso la bimba inglese. Dovrà rispondere di altre due sparizioni di bambini, ma si teme sia solo l’inizio
Ha un nome il rapitore di Maddie
Ha un nome il rapitore di Maddie
Christian Brueckner, 17 condanne per pedofilia, viveva a pochi km dal resort in Portogallo da dove è sparita la bimba, ma il suo nome è entrato da poco nei fascicoli d’indagine
Svolta nella scomparsa di Maddie
Svolta nella scomparsa di Maddie
Dopo anni di lungo lavoro, le autorità tedesche e portoghesi hanno individuato un pedofilo residente in Germania, fortemente sospettato del sequestro e la morte della bimba inglese