Risolto un duplice omicidio di 46 anni fa

| Janice e Lynn, due amiche di 19 anni, furono trovate morte nel cottage di una località di mare della Virginia. Le nuove tecniche investigative hanno permesso di risalire all’assassino: un uomo che oggi ha 80 anni

+ Miei preferiti
Il 30 giugno del 1973, un’addetta alle pulizie trova i corpi senza vita di Janice Pietropola e Lynn Seethaler all’interno del cottage di un complesso alberghiero affacciato sull’oceano di Virginia Beach. La polizia descrisse la scena come quella di un “brutale assassinio”: avevano 19 anni, vivevano a Pittsburgh, lavoravano come segretarie ed erano in vacanza. Senza mai scendere troppo nei dettagli: Janice Pietropola era stata violentata e strangolata, mentre Lynn Seethaler era morta dissanguata, colpita alla gola dal vetro di una bottiglia rotta.

Nel tempo, ogni pista seguita nelle indagini finisce per smontarsi portando verso il nulla: il caso scivola lentamente verso gli archivi dei “cold case”, quelli insoluti, senza un colpevole, un movente e soprattutto una conclusione che sappia dare giustizia alle famiglie. Perfino il cottage non esiste più: è stato demolito, e al suo posto è nato un nuovo complesso alberghiero pieno di piscine e negozi.

Ma di colpo, lo scorso autunno, gli investigatori di Virginia Beach Police, lavorando d’intesa con il procuratore locale, hanno trovato alcune tracce che quasi mezzo secolo fa erano state tralasciate per mancanza di tecnologie che permettessero l’analisi. È iniziata una caccia all’uomo che si è conclusa lunedì scorso, quando Ernest Broadnax, un uomo di 80 anni, è stato arrestato a New York con l’accusa di aver violentato e ucciso le due studentesse.

Michael Pietropola, fratello di Janice, ha confidato di sentirsi “parzialmente soddisfatto” per l’arresto: è contento perché la giustizia possa finalmente fare il suo corso, ma la notizia “ha aperto profonde ferite che erano lì dal 1973”.

“Speriamo attraverso i processi e le procedure di avere le risposte che aspettiamo da tanto tempo, così da chiudere questa vicenda”.

Ma soprattutto, ha detto Pietropola, “spero di poter dare un senso a quanto accaduto a Virginia Beach nel 1973. Cosa gli passava per la mente? Cosa gli ha fatto scegliere mia sorella e la sua amica? Cosa l’ha spinto a tanta violenza? Queste sono le domande che come fratello vorrei per mettere la parola fine a questa vicenda triste e angosciante”.

Ernest Broadnax, l’uomo arrestato, ha scontato in galera tre condanne per aggressione, furto con scasso e tentato furto con scasso: è stato rilasciato in libertà vigilata nel 2013.

Jim Cervera, capo della polizia di Virginia Beach, per adesso ha preferito non scendere nei dettagli dell’indagine che ha portato all’arresto dell’uomo: si è limitato a dire che si tratta di “Un progresso della tecnologia che non era disponibile in quegli anni”. Ernest Broadnax è in attesa di estradizione: il prossimo 22 aprile comparirà davanti alla “Queen Criminal Court”.

Cold Case
Dopo 36 anni risolto il cold case di Jonelle Matthews
Dopo 36 anni risolto il cold case di Jonelle Matthews
Un anno fa il ritrovamento dei resti della ragazzina scomparsa in Colorado pochi giorni prima del Natele del 1984. Gli esami e la comparazione dei dati hanno portato all’arresto dell’ex pastore della chiesa che la famiglia frequentava
Nicole Brown Simpson, diario una morte annunciata
Nicole Brown Simpson, diario una morte annunciata
Un documentario che presto arriverà in tutto il mondo ha scelto di basarsi sui diari segreti della moglie di OJ Simpson, mai utilizzati durante il processo. Una sequenza infinita di violenze e minacce
Caso Maddie, la polizia scava in un giardino ad Hannover
Caso Maddie, la polizia scava in un giardino ad Hannover
Si trova all’interno di un’ex residenza di Christian Brueckner, il principale sospettato. Sul posto ruspe, cani poliziotto e agenti della scientifica
Quasi risolto il caso di Maddie McCann
Quasi risolto il caso di Maddie McCann
Lo dice il padre dell’ex fidanzata del principale sospettato Christian Brueckner, interrogato per capire il coinvolgimento della donna nel sequestro e la probabile morte della bimba inglese
Maddie, avviate le ricerche del corpo
Maddie, avviate le ricerche del corpo
La polizia sta passando la setaccio diversi pozzi nella zona dell'Algarve dove si sospetta potrebbe trovarsi il corpicino della bimba inglese scomparsa nel nulla 13 anni fa
Caso Maddie: trovato il rifugio segreto di Brueckner
Caso Maddie: trovato il rifugio segreto di Brueckner
Sepolti in una fabbrica abbandonata hard disk e chiavette usb che contengono oltre 8000 immagini foto e video. Cautela degli inquirenti, anche se la speranza è di essere vicini alla svolta del caso
Scomparsa di Maddie: l’ora delle polemiche
Scomparsa di Maddie: l’ora delle polemiche
L’ex capo della polizia portoghese che per primo aveva indagato sulla scomparsa della bimba inglese torna ad accusare la famiglia. Ma un ex compagno di cella inguaia sempre di più Brueckner
Altri 18 casi per il pedofilo accusato di aver rapito Maddie
Altri 18 casi per il pedofilo accusato di aver rapito Maddie
Sono avvenuti nell’arco di sei anni nella zona dell’Algarve, la stessa da dove è scomparsa la piccola inglese. Polemiche per la polizia, accusata di aver impiegato 13 anni a trovare la pista giusta
Le prove sul killer di Maddie non sono sufficienti
Le prove sul killer di Maddie non sono sufficienti
Lo dice la procura tedesca, aggiungendo che la giustizia un processo per omicidio può avvenire solo in presenza di prove inconfutabili
Maddie caduta nelle mani di un serial killer
Maddie caduta nelle mani di un serial killer
Come per il caso della piccola Maelys, spunta lentamente il passato dell’uomo sospettato di aver rapito e ucciso la bimba inglese. Dovrà rispondere di altre due sparizioni di bambini, ma si teme sia solo l’inizio