Risolto un duplice omicidio di 46 anni fa

| Janice e Lynn, due amiche di 19 anni, furono trovate morte nel cottage di una località di mare della Virginia. Le nuove tecniche investigative hanno permesso di risalire all’assassino: un uomo che oggi ha 80 anni

+ Miei preferiti
Il 30 giugno del 1973, un’addetta alle pulizie trova i corpi senza vita di Janice Pietropola e Lynn Seethaler all’interno del cottage di un complesso alberghiero affacciato sull’oceano di Virginia Beach. La polizia descrisse la scena come quella di un “brutale assassinio”: avevano 19 anni, vivevano a Pittsburgh, lavoravano come segretarie ed erano in vacanza. Senza mai scendere troppo nei dettagli: Janice Pietropola era stata violentata e strangolata, mentre Lynn Seethaler era morta dissanguata, colpita alla gola dal vetro di una bottiglia rotta.

Nel tempo, ogni pista seguita nelle indagini finisce per smontarsi portando verso il nulla: il caso scivola lentamente verso gli archivi dei “cold case”, quelli insoluti, senza un colpevole, un movente e soprattutto una conclusione che sappia dare giustizia alle famiglie. Perfino il cottage non esiste più: è stato demolito, e al suo posto è nato un nuovo complesso alberghiero pieno di piscine e negozi.

Ma di colpo, lo scorso autunno, gli investigatori di Virginia Beach Police, lavorando d’intesa con il procuratore locale, hanno trovato alcune tracce che quasi mezzo secolo fa erano state tralasciate per mancanza di tecnologie che permettessero l’analisi. È iniziata una caccia all’uomo che si è conclusa lunedì scorso, quando Ernest Broadnax, un uomo di 80 anni, è stato arrestato a New York con l’accusa di aver violentato e ucciso le due studentesse.

Michael Pietropola, fratello di Janice, ha confidato di sentirsi “parzialmente soddisfatto” per l’arresto: è contento perché la giustizia possa finalmente fare il suo corso, ma la notizia “ha aperto profonde ferite che erano lì dal 1973”.

“Speriamo attraverso i processi e le procedure di avere le risposte che aspettiamo da tanto tempo, così da chiudere questa vicenda”.

Ma soprattutto, ha detto Pietropola, “spero di poter dare un senso a quanto accaduto a Virginia Beach nel 1973. Cosa gli passava per la mente? Cosa gli ha fatto scegliere mia sorella e la sua amica? Cosa l’ha spinto a tanta violenza? Queste sono le domande che come fratello vorrei per mettere la parola fine a questa vicenda triste e angosciante”.

Ernest Broadnax, l’uomo arrestato, ha scontato in galera tre condanne per aggressione, furto con scasso e tentato furto con scasso: è stato rilasciato in libertà vigilata nel 2013.

Jim Cervera, capo della polizia di Virginia Beach, per adesso ha preferito non scendere nei dettagli dell’indagine che ha portato all’arresto dell’uomo: si è limitato a dire che si tratta di “Un progresso della tecnologia che non era disponibile in quegli anni”. Ernest Broadnax è in attesa di estradizione: il prossimo 22 aprile comparirà davanti alla “Queen Criminal Court”.

Cold Case
«So dov’è sepolta Maddie»
«So dov’è sepolta Maddie»
Michael Schneider, il sensitivo tedesco che ha indicato i punti in cui la polizia ha ritrovato i corpi dei coniugi Neumair, afferma di aver fornito le coordinate del luogo in cui sarebbe stata sepolta la piccola inglese scomparsa nel 2007
Il mistero dell’uomo di Somerton
Il mistero dell’uomo di Somerton
Sta forse per essere risolto un giallo inestricabile lungo 70 anni: un uomo ritrovato senza vita su una spiaggia nel 1948 a cui non è mai stato possibile dare un nome
Il prete assassino (che non sconterà nessuna pena)
Il prete assassino (che non sconterà nessuna pena)
Nuove prove hanno permesso alla polizia di inchiodare l’ex sacerdote Richard R. Lavigne, accusato di aver ucciso mezzo secolo fa il 13enne Daniel Croteau
Svolta nel caso della piccola Maddie
Svolta nel caso della piccola Maddie
La polizia tedesca sarebbe riuscita a provare la presenza di Christain Brueckner in Portogallo negli stessi giorni in cui la piccola è scomparsa. Ma non basta ancora per accusarlo formalmente
L’assassino di Evelyn, uccisa nel 1979
L’assassino di Evelyn, uccisa nel 1979
Un uomo di 64 anni individuato grazie alle nuove tecniche forensi: una traccia del Dna lasciato su una manica del cappotto della vittima ha permesso di dare un nome all’omicida
Nuove prove sulla morte di Khashoggi
Nuove prove sulla morte di Khashoggi
Diversi documenti “Top Secret” dimostrano che la squadra assassini del giornalista hanno utilizzato aerei di una compagnia che apparteneva al principe saudita MBS
È morto Samuel Litte, il serial killer più prolifico d’America
È morto Samuel Litte, il serial killer più prolifico d’America
Aveva 80 anni e dal 2014 stava scontando 3 ergastoli, ma si era autoaccusato dell’omicidio di 93 donne. Attraverso le sue confessioni l’FBI ha risolto oltre 50 casi insoluti
Risolto il cifrario del Killer dello Zodiaco
Risolto il cifrario del Killer dello Zodiaco
Dopo 51 anni, tre codebreaker amatoriali sono riusciti a venire a capo di uno dei messaggi più oscuri del serial killer californiano, il “cifrario 340”. Purtroppo, non conteneva indicazioni utili per svelarne l’identità
Il più celebre serial killer sudcoreano confessa
Il più celebre serial killer sudcoreano confessa
Al suo posto era stato accusato un innocente che ha scontato 20 anni di galera. Lee Chung-jae ha ammesso i 14 omicidi di donne e si è detto sorpreso: era convinto che la polizia l’avrebbe fermato molto prima
Dopo 36 anni risolto il cold case di Jonelle Matthews
Dopo 36 anni risolto il cold case di Jonelle Matthews
Un anno fa il ritrovamento dei resti della ragazzina scomparsa in Colorado pochi giorni prima del Natele del 1984. Gli esami e la comparazione dei dati hanno portato all’arresto dell’ex pastore della chiesa che la famiglia frequentava