Ritrovato il corpo di una ragazza scomparsa 10 anni prima

| Un cacciatore si è imbattuto in un teschio che dagli esami risulta appartenere a Paige Johnson, una 17enne svanita nel nulla nel 2010. Il sollievo della famiglia: “Almeno possiamo seppellirla”

+ Miei preferiti
Il 23 settembre del 2010, Paige Johnson, una studentessa 17enne di Florence, in Kentucky, scompare nel nulla. L’ultimo ad averla vista è Jacob Bunpass, 22 anni, che afferma di essere passato a prenderla con la sua macchina dall’abitazione della madre per accompagnarla ad una festa: al ritorno dice di aveva lasciata ad un incrocio, a circa 15 minuti da casa.

Tutti i presenti alla festa vengono interrogati, uno per uno, ma pochi ricordano qualcosa di utile: sono tutti ragazzini che quella sera avevano bevuto un po’ troppo e fumato qualche spinello. Da allora, malgrado le ricerche e le indagini, di Paige si è persa ogni traccia per anni, ma il non saperne più nulla per lungo tempo aveva lasciato alla famiglia la speranza che fosse ancora viva. Anche quella, nel tempo, si era dissolta anche per via del parere degli esperti della polizia: è difficile che sia ancora viva. Ai genitori non restava che il desiderio di avere una lapide su cui piangerla, ma anche quello sembrava essergli negato dal destino.

Domenica scorsa, a pochi mesi dal decimo anniversario dalla scomparsa di Paige, qualcosa è cambiato improvvisamente. Un cacciatore si è imbattuto in un teschio in una zona boschiva di Williamsburg Township, in Ohio, a meno di 45 minuti di macchina dalla casa della ragazza. La polizia ha bloccato la zona e rivenuto oggetti intorno ai poveri resti di un cadavere, poi gli esami dell’impronta dentale hanno dato la risposta che nessuno avrebbe mai voluto avere: è il corpo di Paige Johnson.

“Avremmo voluto ritrovare Paige viva – ha commentato Rob Nader, capo della polizia di Covington – ma devo annunciare ogni speranza è svanita: ho dato la notizia alla famiglia e siamo al lavoro per tentare di scoprire cosa è successo”. Alicen Franks, cugino della ragazza, ha parlato a nome della famiglia: “L’abbiamo trovata. So che per la nostra famiglia sarà comunque un sollievo dopo l’enorme fardello sopportato faticosamente per quasi dieci anni. Ora vogliamo seppellirla e darle l’addio che merita. Sua mamma è sconvolta, ma allo stesso tempo grata che il corpo sia stato ritrovato: per lei tutto questo tempo è stato un inferno in terra”.

Al momento, le autorità non hanno ancora rivelato la causa della morte della giovane, ma sperano che malgrado il lungo tempo trascorso all’aria aperta, il corpo possa fornire elementi utili per risolvere il caso e individuare la possibile mano omicida. I riflettori però si sono riaccesi sul nome di Jacob Bumpass, l’ultimo ad aver visto Paige viva. Dai tabulati telefonici, risulta che la notte della scomparsa ha fatto una chiamata col suo telefono che alle 4:30 del mattino ha agganciato una cella all’East Fork State Park, a poco meno di due km dal luogo dove è stato ritrovato il corpo di Paige. Per 10 anni quella telefonata non ha significato nulla, ma ora dovrà spiegare perché era lì, e sperare di essere molto convincente.

Galleria fotografica
Ritrovato il corpo di una ragazza scomparsa 10 anni prima - immagine 1
Ritrovato il corpo di una ragazza scomparsa 10 anni prima - immagine 2
Cold Case
Il più celebre serial killer sudcoreano confessa
Il più celebre serial killer sudcoreano confessa
Al suo posto era stato accusato un innocente che ha scontato 20 anni di galera. Lee Chung-jae ha ammesso i 14 omicidi di donne e si è detto sorpreso: era convinto che la polizia l’avrebbe fermato molto prima
Dopo 36 anni risolto il cold case di Jonelle Matthews
Dopo 36 anni risolto il cold case di Jonelle Matthews
Un anno fa il ritrovamento dei resti della ragazzina scomparsa in Colorado pochi giorni prima del Natele del 1984. Gli esami e la comparazione dei dati hanno portato all’arresto dell’ex pastore della chiesa che la famiglia frequentava
Nicole Brown Simpson, diario una morte annunciata
Nicole Brown Simpson, diario una morte annunciata
Un documentario che presto arriverà in tutto il mondo ha scelto di basarsi sui diari segreti della moglie di OJ Simpson, mai utilizzati durante il processo. Una sequenza infinita di violenze e minacce
Caso Maddie, la polizia scava in un giardino ad Hannover
Caso Maddie, la polizia scava in un giardino ad Hannover
Si trova all’interno di un’ex residenza di Christian Brueckner, il principale sospettato. Sul posto ruspe, cani poliziotto e agenti della scientifica
Quasi risolto il caso di Maddie McCann
Quasi risolto il caso di Maddie McCann
Lo dice il padre dell’ex fidanzata del principale sospettato Christian Brueckner, interrogato per capire il coinvolgimento della donna nel sequestro e la probabile morte della bimba inglese
Maddie, avviate le ricerche del corpo
Maddie, avviate le ricerche del corpo
La polizia sta passando la setaccio diversi pozzi nella zona dell'Algarve dove si sospetta potrebbe trovarsi il corpicino della bimba inglese scomparsa nel nulla 13 anni fa
Caso Maddie: trovato il rifugio segreto di Brueckner
Caso Maddie: trovato il rifugio segreto di Brueckner
Sepolti in una fabbrica abbandonata hard disk e chiavette usb che contengono oltre 8000 immagini foto e video. Cautela degli inquirenti, anche se la speranza è di essere vicini alla svolta del caso
Scomparsa di Maddie: l’ora delle polemiche
Scomparsa di Maddie: l’ora delle polemiche
L’ex capo della polizia portoghese che per primo aveva indagato sulla scomparsa della bimba inglese torna ad accusare la famiglia. Ma un ex compagno di cella inguaia sempre di più Brueckner
Altri 18 casi per il pedofilo accusato di aver rapito Maddie
Altri 18 casi per il pedofilo accusato di aver rapito Maddie
Sono avvenuti nell’arco di sei anni nella zona dell’Algarve, la stessa da dove è scomparsa la piccola inglese. Polemiche per la polizia, accusata di aver impiegato 13 anni a trovare la pista giusta
Le prove sul killer di Maddie non sono sufficienti
Le prove sul killer di Maddie non sono sufficienti
Lo dice la procura tedesca, aggiungendo che la giustizia un processo per omicidio può avvenire solo in presenza di prove inconfutabili