Simon era fuggito, ritrovato 20 anni dopo

| Il caso di Simon Lembi aveva riempito le cronache del Belgio: svanisce nel nulla nel 1999 e di lui non si sa più nulla. Vent’anni dopo, è stato ritrovato

+ Miei preferiti
La scomparsa di Simon Lembi in Belgio la ricordano tutti: era il 1999 quando sparisce senza lasciare traccia. Per anni la polizia segue ogni pista possibile: dalla pedofilia al maniaco, dal suicidio alla sparizione volontaria, ma di Simon non si troverà mai più traccia.

Con gli anni il dolore lascia il posto alla rassegnazione, ma non alla speranza di un miracolo. Dopo tanto silenzio, qualche tempo fa un agente di polizia bussa alla porta di Bruno Lusakiovovo, padre del ragazzo malgrado un cognome diverso, come nelle usanze dell’Angola: “Mi ha detto che avevano ritrovato Simon. Non potevo crederci, era sano e salvo. Ho pianto di gioia, non riuscivo a smettere: vent’anni di domande senza risposte sembravano svanire. Ho pensato che fosse morto, ucciso da qualcuno che non aveva voluto neanche darci la consolazione di piangerlo su una tomba”.

Tante domande a cui l’agente prova a dare una risposta: Simon oggi ha 34 anni, vive con una nuova identità in Olanda, dalle parti di Amsterdam, ed è sposato, ma c’è un problema: non ha alcuna intenzione di rivedere la sua famiglia d’origine. “Siamo sotto shock: avremmo voluto incontrarlo, vedere com’è diventato oggi, sapere se anche lui ha dei figli. Ma quando abbiamo chiesto il suo indirizzo e il numero di telefono, ci hanno risposto che non era possibile, perché Simon non vuole”.

Pauline, la sorella maggiore di Simon, conferma: “Ho vissuto tutto questo tempo con l’immagine di mio fratello insieme a noi in salotto, pochi minuti prima di svanire per sempre. Era venerdì 12 novembre 1999, non avevamo ancora la tv e a Simon era stato permesso di andare a guardarla in un centro sociale a pochi isolati da casa nostra. ‘Vado’, ha detto: rivedo ancora molto chiaramente la scena. Aveva una borsa, ha promesso alla mamma che sarebbe tornato a casa per le 8:00, ma non l’abbiamo mai più rivisto”.

La polizia ha confermato la vicenda: “Ha confessato di essere il ragazzo scomparso in Belgio vent’anni fa: l’abbiamo cercato ovunque, e solo di recente una segnalazione giunta all’Unità Persone Scomparse ha permesso di fare piena luce sulla scomparsa. L’uomo ha confermato spontaneamente di essere Simon Lembi, anche se oggi vive sotto un’altra identità. Ha dichiarato di essere fuggito da solo, di sua spontanea volontà, per ‘motivi familiari’ che ha preferito non chiarire, aggiungendo comunque di non aver mai subito violenze o maltrattamenti da parte dei genitori”.

È la madre di Simon ad accettare con più difficoltà la scelta del figlio: “Mia mamma ha pianto per anni: la scomparsa di mio fratello l’ha segnata profondamente. Poco tempo dopo la scomparsa di Simon è stata vittima di un ictus causato dal dolore immenso, e da allora vive in un centro per non vedenti a Bruxelles. Simon le manca molto, e anche a tutti noi. Vorremmo fargli così tante domande, ma perché questo accada deve lasciarci avvicinare alla sua vita”

Il padre di Simon tenta un’ultima carta: “Se si vergogna per essere scappato e non osa guardarci negli occhi, voglio che sappia che non siamo arrabbiati con lui: siamo felici di sapere che sia vivo, tutto il resto non conta. L’unico motivo che mi viene in mente è che all’epoca la nostra famiglia stava attraversando un periodo molto difficile: eravamo arrivati dall'Angola pochi giorni prima. Eravamo poveri e non avevamo nulla, la nostra esistenza era fatta di incertezza. Forse Simon voleva fuggire da questa precarietà”.

Nel tempo, la famiglia di Simon era riuscita a capire che nella scomparsa del loro figlio maggiore la pista olandese fosse la chiave per risolvere il mistero: attraverso la comunità angolana aveva appreso che Simon era passato attraverso un centro per rifugiati ad Arnhem prima di andare a Lelystad: qualcuno ricordava un ragazzo calmo ed educato. Ma la mancanza di denaro aveva reso impossibile andare in Olanda per cercarlo.

Il padre di Simon si trova tutt’oggi in una situazione difficile: recentemente è stato ospitato in un rifugio per senzatetto ad Anderlecht. “Ho perso il lavoro in una casa di cura dove lavoravano in mensa, ma spero di rimettermi in carreggiata a breve. Ho così tante cose da dire a mio figlio: Simon, se ci ascolti sappi che ci manchi. Ti rivogliamo nelle nostre vite”.

Galleria fotografica
Simon era fuggito, ritrovato 20 anni dopo - immagine 1
Simon era fuggito, ritrovato 20 anni dopo - immagine 2
Simon era fuggito, ritrovato 20 anni dopo - immagine 3
Simon era fuggito, ritrovato 20 anni dopo - immagine 4
Cold Case
Kim Jong Nam, anatomia di un omicidio
Kim Jong Nam, anatomia di un omicidio
I dettagli, le indagini e il clamoroso silenzio intorno alla morte del fratellastro del leader nordcoreano Kim Jong Un, ucciso dalle di assassine più improbabili del mondo
Il processo allo
squartatore di Hollywood
Il processo allo<br>squartatore di Hollywood
Davanti al tribunale di Los Angeles deve rispondere di due omicidi e un tentato omicidio, anche se gli inquirenti sospettano che abbia ucciso almeno 10 donne. Fra i testimoni sarà chiamato anche l’attore Ashton Kutcher
Un nuovo sospetto per la scomparsa di Maddie
Un nuovo sospetto per la scomparsa di Maddie
La notizia, al momento non ufficiale, riaccende le speranze della famiglia. Anche se gli esperti in violenze a minori e pedofilia invitano a non farsi troppe illusioni: se è caduta in bande specializzate, difficilmente poteva uscirne viva
"Hanno di nuovo ucciso Florence e i suoi figli"
"Hanno di nuovo ucciso Florence e i suoi figli"
Poemiche dei familiari delle 5 vittime del falso medico Jean Claude Romand che nel 1993 in Francia sterminò la famiglia travolto da debiti e bugie, presto scarcerato. "Non s'è mai pentito, è un manipolatore, ancora pericoloso"
Una settimana per risolvere il caso di Maddie
Una settimana per risolvere il caso di Maddie
È quanto promette un medico forense americano, grazie ad una tecnica innovativa e molto più sofisticata del suo laboratorio. Un’analisi che ha permesso di dare un nome ai resti delle vittime dell’11 settembre
Risolto un duplice omicidio di 46 anni fa
Risolto un duplice omicidio di 46 anni fa
Janice e Lynn, due amiche di 19 anni, furono trovate morte nel cottage di una località di mare della Virginia. Le nuove tecniche investigative hanno permesso di risalire all’assassino: un uomo che oggi ha 80 anni
Emanuela Orlandi, inchiesta in Vaticano
Emanuela Orlandi, inchiesta in Vaticano
Per il legale e il fratello della ragazza scomparsa 35 anni fa si tratta di una “svolta storica”. Probabile l’apertura di una tomba nel cimitero teutonico
“Maddie è viva”
“Maddie è viva”
Un documentario Netflix, diffuso in tutto il mondo, promette rivelazioni shock da esperti, investigatori e poliziotti che dal 2007 seguono il caso della scomparsa della piccola
"Ti giuro, non ho fatto nulla a tuo fratello"
"Ti giuro, non ho fatto nulla a tuo fratello"
Le lacrime della serial killer Myra Hindley che, con l'amante Ian Brady, uccise 7 bambini. Incontrò il fratello di Keith in carcere ma non gli rivelò dove fu sepolto. Gli "assassini della brughiera"
La beffa del serial killer alla famiglia di un bimbo ucciso
La beffa del serial killer alla famiglia di un bimbo ucciso
Ian Brady e Myra Hindley, negli Anni '60, uccidevano bambini e li seppellivano in campagna. Nel '91 Brady inviò una lettera al frettlo di Keith, 12, in cui prometteva di rivelare il luogo della sepoltura. "La polizia ci aiuti"