"Sono io la bimba scomparsa nel 2007"

| Una ragazza inglese scrive un post subito virale in cui afferma di essere Madeleine McCann, la bimba di tre anni in vacanza con i genitori sparita in Portogallo. La polizia: "E' un'invenzione, basta speculazioni". Le indagini riprendono

+ Miei preferiti

di MARIA LOPEZ

Sciacallaggio, follia pura o suggestione. Ma la storia della ragazza inglese convinta di essere Madeleine McCann, la bimba di 3 anni scomparsa nel 2007 in Portogallo, mentre era in vacanza con i suoi genitori e mai più ritrovata, ha riaperto una caso su cui l’Interpol, e le polizie inglesi e portoghesi non hanno mai smesso di indagare. Si chiama Hannah Brookes, un giorno s’è confidata con la sua amica Elizabeth che poi ha postato su Twitter foto e screenshot delle chat scambiate con Hannah. In poche ore il caso è diventato virale. “Di solito non credo nelle teorie di cospirazione ma onestamente penso di essere Madeleine McCann”, ha assicurato la ragazza.

Intanto bisognerebbe capire come la pensano i suoi genitori che, a rigor di logica, non dovrebbero aver trovato la figlia per strada, né possono essere potenzialmente i rapitori della piccola. Hannah, che vive a Manchester, ha messo a confronto una foto di Madeleine con una delle sue alla stessa età e la somiglianza è notevole. Poi ha scoperto che la bimba aveva una macchia marrone sull’iride simile alla sua e infine hanno tutte e due un neo scuro sulla gamba sinistra. Visto il successo del primo post, Hannah ha ribadito con un tweet il concetto: “Sono Madeleine McCann e non so cosa fare con me stessa”. Ma il giochetto, piuttosto macabro e crudele nei confronti dei genitori della bambina, è stato scoperto: le età non corrispondono. La polizia ha lanciato un appello per evitare ulteriori speculazioni sulla vicenda mentre il ministero dell’interno britannico ha stanziato 160 mila sterlina per continuare le indagini.

Madeleine aveva 3 anni quando scomparve


Ma che fine ha fatto Madeliene? Gli investigatori portoghesi stanno ancora cercando di identificare una “donna vestita di rosso scuro o di viola", segnalata da alcuni testimoni nei dintorni dell’alloggio dei McCann nelle ore cruciali della scomparsa della piccola. Ma l’investigatore privato che ha seguito le indagini sino ad ora per conto della famiglia è morto in circostanze non troppo chiare. Kevin Halligen è stato ritrovato ormai in agonia dai suoi familiari nella sua abitazione in Inghilterra. Infine il criminologo portoghese Francisco Moita Flores ha scritto un articolo sul settimanale Bunte in cui rilancia la pista familiare. La bimba sarebbe stata uccisa nell’appartamento delle vacanze. I legali dei genitori preannunciano un’azione legale contro il media: “Non c’è nessuna prova, è solo volere sfruttare il nostro immenso dolore”, hanno detto. E resta il mistero.

Galleria fotografica
"Sono io la bimba scomparsa nel 2007" - immagine 1
Cold Case
Una settimana per risolvere il caso di Maddie
Una settimana per risolvere il caso di Maddie
È quanto promette un medico forense americano, grazie ad una tecnica innovativa e molto più sofisticata del suo laboratorio. Un’analisi che ha permesso di dare un nome ai resti delle vittime dell’11 settembre
Risolto un duplice omicidio di 46 anni fa
Risolto un duplice omicidio di 46 anni fa
Janice e Lynn, due amiche di 19 anni, furono trovate morte nel cottage di una località di mare della Virginia. Le nuove tecniche investigative hanno permesso di risalire all’assassino: un uomo che oggi ha 80 anni
Emanuela Orlandi, inchiesta in Vaticano
Emanuela Orlandi, inchiesta in Vaticano
Per il legale e il fratello della ragazza scomparsa 35 anni fa si tratta di una “svolta storica”. Probabile l’apertura di una tomba nel cimitero teutonico
“Maddie è viva”
“Maddie è viva”
Un documentario Netflix, diffuso in tutto il mondo, promette rivelazioni shock da esperti, investigatori e poliziotti che dal 2007 seguono il caso della scomparsa della piccola
"Ti giuro, non ho fatto nulla a tuo fratello"
"Ti giuro, non ho fatto nulla a tuo fratello"
Le lacrime della serial killer Myra Hindley che, con l'amante Ian Brady, uccise 7 bambini. Incontrò il fratello di Keith in carcere ma non gli rivelò dove fu sepolto. Gli "assassini della brughiera"
La beffa del serial killer alla famiglia di un bimbo ucciso
La beffa del serial killer alla famiglia di un bimbo ucciso
Ian Brady e Myra Hindley, negli Anni '60, uccidevano bambini e li seppellivano in campagna. Nel '91 Brady inviò una lettera al frettlo di Keith, 12, in cui prometteva di rivelare il luogo della sepoltura. "La polizia ci aiuti"
La polizia inglese vicina a risolvere un cold case
La polizia inglese vicina a risolvere un cold case
In un campo poco distante da dove viveva, la polizia sta cercando il corpo di Linda Razzell, scomparsa nel 2002. Uno dei tanti omicidi irrisolti che gravano sulla zona
Uccise la piccola Linda 46 anni fa: arrestato
Uccise la piccola Linda 46 anni fa: arrestato
Linda O’Keefe è stata strangolata nel luglio del 1973 da qualcuno che pensava di averla fatta franca. Le nuove tecniche di genealogia forense hanno permesso di individuarlo con certezza
Il macabro mistero della nave fantasma
Il macabro mistero della nave fantasma
La nave olandese "Ourang Medan", affonda nel '48 nello stretto di Malacca. I corpi dei marinai avevano bocca e occhi spalancati, in un'espressione di terrore. Un documento CIA: "E' la chiave dei molti misteri insoluti"
Il serial killer disegna i volti
delle donne che ha ucciso
Il serial killer disegna i volti<br>delle donne che ha ucciso
L'Fbi diffonde 34 immagini dei volti di donne uccise dal 1970 al 2005 emersi dalla memoria dell'assassino, autore di 90 delitti e già condannato a morte, con la speranza che familiari o amici possano riconoscerle