Svolta nel caso della piccola Maddie

| La polizia tedesca sarebbe riuscita a provare la presenza di Christain Brueckner in Portogallo negli stessi giorni in cui la piccola è scomparsa. Ma non basta ancora per accusarlo formalmente

+ Miei preferiti
Ai fortissimi sospetti nei confronti di Christain Brueckner, indiziato numero uno del rapimento e la morte della piccola Maddie McCann, finora mancavano all’appello dettagli che provassero la sua presenza nella zona in cui il 3 maggio del 2007 è scomparsa in circostanze misteriose la bimba inglese di tre anni in vacanza con i genitori.

Ora, annuncia con soddisfazione la polizia tedesca, attraverso intercettazioni telefoniche, è arrivata quella che per molti sembra la svolta decisiva al caso. Brueckner, 43 anni, noto alle forze dell’ordine di mezza Europa perché coinvolto in casi di pedofili a violenza sessuale, sta scontando 7 anni di reclusione per lo stupro di una donna 72enne avvenuto nel 2005.

“Per lungo tempo eravamo coscienti che c’erano punti oscuri nella ricostruzione dei movimenti di Brueckner: senza quelli, era difficile poter capire cosa può essere successo e cosa facesse lui in Portogallo nel 2007. Le nuove informazioni potranno aiutarci a ricostruire la vicenda”, assicura un portavoce della polizia tedesca. Si tratta, precisano ancora le forze dell’ordine, di prove di natura circostanziale non sufficienti per accusare direttamente il sospettato. L’avvocato di Bruckner, Friedrich Fluscher, nega qualsiasi tipo coinvolgimento del suo assistito nel caso della piccola Madeleine. 

La polizia ha ribadito l’opinione secondo cui, attraverso prove concrete, la piccola “sia stata uccisa in Portogallo”, anche se la famiglia McCann ha ribadito che “non Maddie sia ormai sparita da 14 lunghi anni. Fra le tracce più importanti una telefonata effettuata da Brueckner con il cellulare mentre si trovava a Praia da Luz. Ma non è l’unica: gli investigatori tedeschi starebbero indagando anche su un campione di saliva trovato nella stanza del resort in cui Maddie dormiva con i due fratellini.

Cold Case
«So dov’è sepolta Maddie»
«So dov’è sepolta Maddie»
Michael Schneider, il sensitivo tedesco che ha indicato i punti in cui la polizia ha ritrovato i corpi dei coniugi Neumair, afferma di aver fornito le coordinate del luogo in cui sarebbe stata sepolta la piccola inglese scomparsa nel 2007
Il mistero dell’uomo di Somerton
Il mistero dell’uomo di Somerton
Sta forse per essere risolto un giallo inestricabile lungo 70 anni: un uomo ritrovato senza vita su una spiaggia nel 1948 a cui non è mai stato possibile dare un nome
Il prete assassino (che non sconterà nessuna pena)
Il prete assassino (che non sconterà nessuna pena)
Nuove prove hanno permesso alla polizia di inchiodare l’ex sacerdote Richard R. Lavigne, accusato di aver ucciso mezzo secolo fa il 13enne Daniel Croteau
L’assassino di Evelyn, uccisa nel 1979
L’assassino di Evelyn, uccisa nel 1979
Un uomo di 64 anni individuato grazie alle nuove tecniche forensi: una traccia del Dna lasciato su una manica del cappotto della vittima ha permesso di dare un nome all’omicida
Nuove prove sulla morte di Khashoggi
Nuove prove sulla morte di Khashoggi
Diversi documenti “Top Secret” dimostrano che la squadra assassini del giornalista hanno utilizzato aerei di una compagnia che apparteneva al principe saudita MBS
È morto Samuel Litte, il serial killer più prolifico d’America
È morto Samuel Litte, il serial killer più prolifico d’America
Aveva 80 anni e dal 2014 stava scontando 3 ergastoli, ma si era autoaccusato dell’omicidio di 93 donne. Attraverso le sue confessioni l’FBI ha risolto oltre 50 casi insoluti
Risolto il cifrario del Killer dello Zodiaco
Risolto il cifrario del Killer dello Zodiaco
Dopo 51 anni, tre codebreaker amatoriali sono riusciti a venire a capo di uno dei messaggi più oscuri del serial killer californiano, il “cifrario 340”. Purtroppo, non conteneva indicazioni utili per svelarne l’identità
Il più celebre serial killer sudcoreano confessa
Il più celebre serial killer sudcoreano confessa
Al suo posto era stato accusato un innocente che ha scontato 20 anni di galera. Lee Chung-jae ha ammesso i 14 omicidi di donne e si è detto sorpreso: era convinto che la polizia l’avrebbe fermato molto prima
Dopo 36 anni risolto il cold case di Jonelle Matthews
Dopo 36 anni risolto il cold case di Jonelle Matthews
Un anno fa il ritrovamento dei resti della ragazzina scomparsa in Colorado pochi giorni prima del Natele del 1984. Gli esami e la comparazione dei dati hanno portato all’arresto dell’ex pastore della chiesa che la famiglia frequentava
Nicole Brown Simpson, diario una morte annunciata
Nicole Brown Simpson, diario una morte annunciata
Un documentario che presto arriverà in tutto il mondo ha scelto di basarsi sui diari segreti della moglie di OJ Simpson, mai utilizzati durante il processo. Una sequenza infinita di violenze e minacce