Un caso di omicidio di 33mila anni fa

| Gli scienziati ritengono di aver risolto un cold-case risalente al primo Palelotico superiore: l’uomo a cui appartiene il cranio è stato colpito per due volta con una mazza

+ Miei preferiti
Il cranio fossilizzato di uomo adulto del Paleolitico, conosciuto come il mistero della “calotta di Cioclovina”, fu ritrovato dai minatori che nel 1941 scavavano alla ricerca di fosfato nella grotta di “Pestera Cioclovina”, nella Transilvania meridionale, in Romania. Nella stessa zona sono stati rinvenuti alcuni strumenti di pietra e fossili appartenenti orsi, mentre il corpo completo dell’uomo non è mai stato trovato. Il fossile - che rappresenta uno dei primi esseri umani europei - è stato studiato a fondo e i risultati hanno permesso di risolvere il mistero legato alla sua morte.

Diverse simulazioni realizzato attraverso sofisticati software, mostrano che l’assassino, un mancino, ha fracassato la testa dell’uomo con un oggetto che verosimilmente potrebbe essere un robusto bastone. Il malcapitato era di fronte al suo omicida, che l’ha colpito con due violenti colpi in rapida successione.

La fonte del trauma sul cranio è stata a lungo oggetto di dibattito, ma un team internazionale di ricercatori, guidato dall’Università di Tubinga, in Germania, ritiene di aver risolto il mistero. “I risultati del nostro studio suggeriscono che le fratture rappresentano una prova incontestabile della fatale violenza tra gli esseri umani del primo Paleolitico superiore in Europa”. Per scoprire cosa è successo, gli scienziati hanno effettuato simulazioni su sfere ossee sintetiche, simulando diverse opzioni come la caduta di una roccia, un colpo inferto da un animale, un incidente o una caduta da altezze diverse. Il cranio è stato ispezionato con diverse scansioni di tomografia computerizzata (TC). Le simulazioni hanno dimostrato che l’uomo è stato probabilmente colpito per due volte sopra la testa con un oggetto simile a una mazza. “Il frammento cranico depresso e spostato verso l’interno ha una forma semicircolare con un raggio di circa 35,2 mm. Questa forma poteva essere prodotta solo da un oggetto arrotondato, come una clava”. Poiché non è stato trovato alcun corpo, è possibile che l’omicidio sia avvenuto in un luogo diverso.

“Il Paleolitico superiore è stato un periodo di crescente complessità culturale. Il nostro lavoro mostra che anche i comportamenti violenti e gli omicidi facevano parte del repertorio comportamentale di questi primi europei”. Il cranio si trova nel laboratorio di paleontologia dell'Università di Bucarest.

Cold Case
«So dov’è sepolta Maddie»
«So dov’è sepolta Maddie»
Michael Schneider, il sensitivo tedesco che ha indicato i punti in cui la polizia ha ritrovato i corpi dei coniugi Neumair, afferma di aver fornito le coordinate del luogo in cui sarebbe stata sepolta la piccola inglese scomparsa nel 2007
Il mistero dell’uomo di Somerton
Il mistero dell’uomo di Somerton
Sta forse per essere risolto un giallo inestricabile lungo 70 anni: un uomo ritrovato senza vita su una spiaggia nel 1948 a cui non è mai stato possibile dare un nome
Il prete assassino (che non sconterà nessuna pena)
Il prete assassino (che non sconterà nessuna pena)
Nuove prove hanno permesso alla polizia di inchiodare l’ex sacerdote Richard R. Lavigne, accusato di aver ucciso mezzo secolo fa il 13enne Daniel Croteau
Svolta nel caso della piccola Maddie
Svolta nel caso della piccola Maddie
La polizia tedesca sarebbe riuscita a provare la presenza di Christain Brueckner in Portogallo negli stessi giorni in cui la piccola è scomparsa. Ma non basta ancora per accusarlo formalmente
L’assassino di Evelyn, uccisa nel 1979
L’assassino di Evelyn, uccisa nel 1979
Un uomo di 64 anni individuato grazie alle nuove tecniche forensi: una traccia del Dna lasciato su una manica del cappotto della vittima ha permesso di dare un nome all’omicida
Nuove prove sulla morte di Khashoggi
Nuove prove sulla morte di Khashoggi
Diversi documenti “Top Secret” dimostrano che la squadra assassini del giornalista hanno utilizzato aerei di una compagnia che apparteneva al principe saudita MBS
È morto Samuel Litte, il serial killer più prolifico d’America
È morto Samuel Litte, il serial killer più prolifico d’America
Aveva 80 anni e dal 2014 stava scontando 3 ergastoli, ma si era autoaccusato dell’omicidio di 93 donne. Attraverso le sue confessioni l’FBI ha risolto oltre 50 casi insoluti
Risolto il cifrario del Killer dello Zodiaco
Risolto il cifrario del Killer dello Zodiaco
Dopo 51 anni, tre codebreaker amatoriali sono riusciti a venire a capo di uno dei messaggi più oscuri del serial killer californiano, il “cifrario 340”. Purtroppo, non conteneva indicazioni utili per svelarne l’identità
Il più celebre serial killer sudcoreano confessa
Il più celebre serial killer sudcoreano confessa
Al suo posto era stato accusato un innocente che ha scontato 20 anni di galera. Lee Chung-jae ha ammesso i 14 omicidi di donne e si è detto sorpreso: era convinto che la polizia l’avrebbe fermato molto prima
Dopo 36 anni risolto il cold case di Jonelle Matthews
Dopo 36 anni risolto il cold case di Jonelle Matthews
Un anno fa il ritrovamento dei resti della ragazzina scomparsa in Colorado pochi giorni prima del Natele del 1984. Gli esami e la comparazione dei dati hanno portato all’arresto dell’ex pastore della chiesa che la famiglia frequentava