Un caso di omicidio di 33mila anni fa

| Gli scienziati ritengono di aver risolto un cold-case risalente al primo Palelotico superiore: l’uomo a cui appartiene il cranio è stato colpito per due volta con una mazza

+ Miei preferiti
Il cranio fossilizzato di uomo adulto del Paleolitico, conosciuto come il mistero della “calotta di Cioclovina”, fu ritrovato dai minatori che nel 1941 scavavano alla ricerca di fosfato nella grotta di “Pestera Cioclovina”, nella Transilvania meridionale, in Romania. Nella stessa zona sono stati rinvenuti alcuni strumenti di pietra e fossili appartenenti orsi, mentre il corpo completo dell’uomo non è mai stato trovato. Il fossile - che rappresenta uno dei primi esseri umani europei - è stato studiato a fondo e i risultati hanno permesso di risolvere il mistero legato alla sua morte.

Diverse simulazioni realizzato attraverso sofisticati software, mostrano che l’assassino, un mancino, ha fracassato la testa dell’uomo con un oggetto che verosimilmente potrebbe essere un robusto bastone. Il malcapitato era di fronte al suo omicida, che l’ha colpito con due violenti colpi in rapida successione.

La fonte del trauma sul cranio è stata a lungo oggetto di dibattito, ma un team internazionale di ricercatori, guidato dall’Università di Tubinga, in Germania, ritiene di aver risolto il mistero. “I risultati del nostro studio suggeriscono che le fratture rappresentano una prova incontestabile della fatale violenza tra gli esseri umani del primo Paleolitico superiore in Europa”. Per scoprire cosa è successo, gli scienziati hanno effettuato simulazioni su sfere ossee sintetiche, simulando diverse opzioni come la caduta di una roccia, un colpo inferto da un animale, un incidente o una caduta da altezze diverse. Il cranio è stato ispezionato con diverse scansioni di tomografia computerizzata (TC). Le simulazioni hanno dimostrato che l’uomo è stato probabilmente colpito per due volte sopra la testa con un oggetto simile a una mazza. “Il frammento cranico depresso e spostato verso l’interno ha una forma semicircolare con un raggio di circa 35,2 mm. Questa forma poteva essere prodotta solo da un oggetto arrotondato, come una clava”. Poiché non è stato trovato alcun corpo, è possibile che l’omicidio sia avvenuto in un luogo diverso.

“Il Paleolitico superiore è stato un periodo di crescente complessità culturale. Il nostro lavoro mostra che anche i comportamenti violenti e gli omicidi facevano parte del repertorio comportamentale di questi primi europei”. Il cranio si trova nel laboratorio di paleontologia dell'Università di Bucarest.

Cold Case
Caso Maddie, la polizia scava in un giardino ad Hannover
Caso Maddie, la polizia scava in un giardino ad Hannover
Si trova all’interno di un’ex residenza di Christian Brueckner, il principale sospettato. Sul posto ruspe, cani poliziotto e agenti della scientifica
Quasi risolto il caso di Maddie McCann
Quasi risolto il caso di Maddie McCann
Lo dice il padre dell’ex fidanzata del principale sospettato Christian Brueckner, interrogato per capire il coinvolgimento della donna nel sequestro e la probabile morte della bimba inglese
Maddie, avviate le ricerche del corpo
Maddie, avviate le ricerche del corpo
La polizia sta passando la setaccio diversi pozzi nella zona dell'Algarve dove si sospetta potrebbe trovarsi il corpicino della bimba inglese scomparsa nel nulla 13 anni fa
Caso Maddie: trovato il rifugio segreto di Brueckner
Caso Maddie: trovato il rifugio segreto di Brueckner
Sepolti in una fabbrica abbandonata hard disk e chiavette usb che contengono oltre 8000 immagini foto e video. Cautela degli inquirenti, anche se la speranza è di essere vicini alla svolta del caso
Scomparsa di Maddie: l’ora delle polemiche
Scomparsa di Maddie: l’ora delle polemiche
L’ex capo della polizia portoghese che per primo aveva indagato sulla scomparsa della bimba inglese torna ad accusare la famiglia. Ma un ex compagno di cella inguaia sempre di più Brueckner
Altri 18 casi per il pedofilo accusato di aver rapito Maddie
Altri 18 casi per il pedofilo accusato di aver rapito Maddie
Sono avvenuti nell’arco di sei anni nella zona dell’Algarve, la stessa da dove è scomparsa la piccola inglese. Polemiche per la polizia, accusata di aver impiegato 13 anni a trovare la pista giusta
Le prove sul killer di Maddie non sono sufficienti
Le prove sul killer di Maddie non sono sufficienti
Lo dice la procura tedesca, aggiungendo che la giustizia un processo per omicidio può avvenire solo in presenza di prove inconfutabili
Maddie caduta nelle mani di un serial killer
Maddie caduta nelle mani di un serial killer
Come per il caso della piccola Maelys, spunta lentamente il passato dell’uomo sospettato di aver rapito e ucciso la bimba inglese. Dovrà rispondere di altre due sparizioni di bambini, ma si teme sia solo l’inizio
Ha un nome il rapitore di Maddie
Ha un nome il rapitore di Maddie
Christian Brueckner, 17 condanne per pedofilia, viveva a pochi km dal resort in Portogallo da dove è sparita la bimba, ma il suo nome è entrato da poco nei fascicoli d’indagine
Svolta nella scomparsa di Maddie
Svolta nella scomparsa di Maddie
Dopo anni di lungo lavoro, le autorità tedesche e portoghesi hanno individuato un pedofilo residente in Germania, fortemente sospettato del sequestro e la morte della bimba inglese