Una settimana per risolvere il caso di Maddie

| È quanto promette un medico forense americano, grazie ad una tecnica innovativa e molto più sofisticata del suo laboratorio. Un’analisi che ha permesso di dare un nome ai resti delle vittime dell’11 settembre

+ Miei preferiti
Mark Perlin, medico forense americano, ha chiesto alla “Metropolitan Police” di Londra 18 campioni di Dna considerati incompleti, relativi all’indagine sulla scomparsa di Madeleine McCann, la bimba britannica di tre anni svanita nel nulla in un villaggio turistico in Portogallo nel maggio del 2007.

Secondo il dottor Perlin, il “Cybernetics” il suo laboratorio di Pittsburgh, che ha all’attivo l’identificazione di molti resti delle vittime dell’attacco terroristico dell’11 settembre, è in grado di dare risposte sui campioni che le autorità britanniche hanno faticato ad analizzare. Il viaggio dei reperti era iniziano con l’invio della polizia portoghese al Servizio di Scienze Forensi del Regno Unito (FSS) di Birmingham. Ma a differenza della maggioranza degli laboratori, il team del dottor Perlin possiede un programma informatico chiamato “TrueAllele” che è in grado di analizzare dati molto più complessi. “Penso che siano stati forniti dati affidabili ma che andrebbero sottoposti a metodi di laboratorio nuovi e innovativi. Se si utilizza un programma informatico che può utilizzare tutti i dati e prendere in considerazione milioni di possibilità diverse, si ottengono più informazioni di altri metodi, che di solito non danno alcuna risposta. A quel punto bastano una o due settimane al massimo, a seconda dei dati, per fornire un primo rapporto preliminare”.



Nel 2016, il laboratorio del dottor Perlin ha analizzato con successo una piccola e complessa prova utilizzata in un processo di omicidio di massa in Australia. Il risultato è stato fondamentale per arrivare al verdetto di colpevolezza contro Robert Xie, che ha massacrato cinque parenti ed è sfuggito alla giustizia in tre processi precedenti. 

Il dottor Perlin ha inviato una richiesta alla Metropolitan Police di poter analizzare i campioni di DNA del caso della piccola Maddie, ma non ha ancora ricevuto risposta. 

Nelle indagini, che dal 2007 vivono di alti e bassi, di accuse e sospetti, è emerso che Euclides Monteiro, ex dipendente dell’Ocean Club, il resort in cui è scomparsa Maddie e potenzialmente coinvolto nel rapimento, non era mai stato sentito dalla polizia, ma è morto prima di essere interrogato. Secondo i media portoghesi Monteiro, un eroinomane, potrebbe aver rapito la bimba come vendetta nei confronti del suo ex datore di lavoro. Lapidario il commento di un portavoce della polizia: “L’indagine sulla scomparsa di Madeleine McCann è ancora in corso. Non forniremo alcun commento”. Scotland Yard è in attesa di sapere se il Ministero degli Interni concederà altre 150.000 sterline per finanziare l’indagine per altri 12 mesi.

Galleria fotografica
Una settimana per risolvere il caso di Maddie - immagine 1
Una settimana per risolvere il caso di Maddie - immagine 2
Una settimana per risolvere il caso di Maddie - immagine 3
Una settimana per risolvere il caso di Maddie - immagine 4
Una settimana per risolvere il caso di Maddie - immagine 5
Una settimana per risolvere il caso di Maddie - immagine 6
Una settimana per risolvere il caso di Maddie - immagine 7
Cold Case
Dopo 36 anni risolto il cold case di Jonelle Matthews
Dopo 36 anni risolto il cold case di Jonelle Matthews
Un anno fa il ritrovamento dei resti della ragazzina scomparsa in Colorado pochi giorni prima del Natele del 1984. Gli esami e la comparazione dei dati hanno portato all’arresto dell’ex pastore della chiesa che la famiglia frequentava
Nicole Brown Simpson, diario una morte annunciata
Nicole Brown Simpson, diario una morte annunciata
Un documentario che presto arriverà in tutto il mondo ha scelto di basarsi sui diari segreti della moglie di OJ Simpson, mai utilizzati durante il processo. Una sequenza infinita di violenze e minacce
Caso Maddie, la polizia scava in un giardino ad Hannover
Caso Maddie, la polizia scava in un giardino ad Hannover
Si trova all’interno di un’ex residenza di Christian Brueckner, il principale sospettato. Sul posto ruspe, cani poliziotto e agenti della scientifica
Quasi risolto il caso di Maddie McCann
Quasi risolto il caso di Maddie McCann
Lo dice il padre dell’ex fidanzata del principale sospettato Christian Brueckner, interrogato per capire il coinvolgimento della donna nel sequestro e la probabile morte della bimba inglese
Maddie, avviate le ricerche del corpo
Maddie, avviate le ricerche del corpo
La polizia sta passando la setaccio diversi pozzi nella zona dell'Algarve dove si sospetta potrebbe trovarsi il corpicino della bimba inglese scomparsa nel nulla 13 anni fa
Caso Maddie: trovato il rifugio segreto di Brueckner
Caso Maddie: trovato il rifugio segreto di Brueckner
Sepolti in una fabbrica abbandonata hard disk e chiavette usb che contengono oltre 8000 immagini foto e video. Cautela degli inquirenti, anche se la speranza è di essere vicini alla svolta del caso
Scomparsa di Maddie: l’ora delle polemiche
Scomparsa di Maddie: l’ora delle polemiche
L’ex capo della polizia portoghese che per primo aveva indagato sulla scomparsa della bimba inglese torna ad accusare la famiglia. Ma un ex compagno di cella inguaia sempre di più Brueckner
Altri 18 casi per il pedofilo accusato di aver rapito Maddie
Altri 18 casi per il pedofilo accusato di aver rapito Maddie
Sono avvenuti nell’arco di sei anni nella zona dell’Algarve, la stessa da dove è scomparsa la piccola inglese. Polemiche per la polizia, accusata di aver impiegato 13 anni a trovare la pista giusta
Le prove sul killer di Maddie non sono sufficienti
Le prove sul killer di Maddie non sono sufficienti
Lo dice la procura tedesca, aggiungendo che la giustizia un processo per omicidio può avvenire solo in presenza di prove inconfutabili
Maddie caduta nelle mani di un serial killer
Maddie caduta nelle mani di un serial killer
Come per il caso della piccola Maelys, spunta lentamente il passato dell’uomo sospettato di aver rapito e ucciso la bimba inglese. Dovrà rispondere di altre due sparizioni di bambini, ma si teme sia solo l’inizio