Una settimana per risolvere il caso di Maddie

| È quanto promette un medico forense americano, grazie ad una tecnica innovativa e molto più sofisticata del suo laboratorio. Un’analisi che ha permesso di dare un nome ai resti delle vittime dell’11 settembre

+ Miei preferiti
Mark Perlin, medico forense americano, ha chiesto alla “Metropolitan Police” di Londra 18 campioni di Dna considerati incompleti, relativi all’indagine sulla scomparsa di Madeleine McCann, la bimba britannica di tre anni svanita nel nulla in un villaggio turistico in Portogallo nel maggio del 2007.

Secondo il dottor Perlin, il “Cybernetics” il suo laboratorio di Pittsburgh, che ha all’attivo l’identificazione di molti resti delle vittime dell’attacco terroristico dell’11 settembre, è in grado di dare risposte sui campioni che le autorità britanniche hanno faticato ad analizzare. Il viaggio dei reperti era iniziano con l’invio della polizia portoghese al Servizio di Scienze Forensi del Regno Unito (FSS) di Birmingham. Ma a differenza della maggioranza degli laboratori, il team del dottor Perlin possiede un programma informatico chiamato “TrueAllele” che è in grado di analizzare dati molto più complessi. “Penso che siano stati forniti dati affidabili ma che andrebbero sottoposti a metodi di laboratorio nuovi e innovativi. Se si utilizza un programma informatico che può utilizzare tutti i dati e prendere in considerazione milioni di possibilità diverse, si ottengono più informazioni di altri metodi, che di solito non danno alcuna risposta. A quel punto bastano una o due settimane al massimo, a seconda dei dati, per fornire un primo rapporto preliminare”.



Nel 2016, il laboratorio del dottor Perlin ha analizzato con successo una piccola e complessa prova utilizzata in un processo di omicidio di massa in Australia. Il risultato è stato fondamentale per arrivare al verdetto di colpevolezza contro Robert Xie, che ha massacrato cinque parenti ed è sfuggito alla giustizia in tre processi precedenti. 

Il dottor Perlin ha inviato una richiesta alla Metropolitan Police di poter analizzare i campioni di DNA del caso della piccola Maddie, ma non ha ancora ricevuto risposta. 

Nelle indagini, che dal 2007 vivono di alti e bassi, di accuse e sospetti, è emerso che Euclides Monteiro, ex dipendente dell’Ocean Club, il resort in cui è scomparsa Maddie e potenzialmente coinvolto nel rapimento, non era mai stato sentito dalla polizia, ma è morto prima di essere interrogato. Secondo i media portoghesi Monteiro, un eroinomane, potrebbe aver rapito la bimba come vendetta nei confronti del suo ex datore di lavoro. Lapidario il commento di un portavoce della polizia: “L’indagine sulla scomparsa di Madeleine McCann è ancora in corso. Non forniremo alcun commento”. Scotland Yard è in attesa di sapere se il Ministero degli Interni concederà altre 150.000 sterline per finanziare l’indagine per altri 12 mesi.

Galleria fotografica
Una settimana per risolvere il caso di Maddie - immagine 1
Una settimana per risolvere il caso di Maddie - immagine 2
Una settimana per risolvere il caso di Maddie - immagine 3
Una settimana per risolvere il caso di Maddie - immagine 4
Una settimana per risolvere il caso di Maddie - immagine 5
Una settimana per risolvere il caso di Maddie - immagine 6
Una settimana per risolvere il caso di Maddie - immagine 7
Cold Case
Kim Jong Nam, anatomia di un omicidio
Kim Jong Nam, anatomia di un omicidio
I dettagli, le indagini e il clamoroso silenzio intorno alla morte del fratellastro del leader nordcoreano Kim Jong Un, ucciso dalle di assassine più improbabili del mondo
Il processo allo
squartatore di Hollywood
Il processo allo<br>squartatore di Hollywood
Davanti al tribunale di Los Angeles deve rispondere di due omicidi e un tentato omicidio, anche se gli inquirenti sospettano che abbia ucciso almeno 10 donne. Fra i testimoni sarà chiamato anche l’attore Ashton Kutcher
Un nuovo sospetto per la scomparsa di Maddie
Un nuovo sospetto per la scomparsa di Maddie
La notizia, al momento non ufficiale, riaccende le speranze della famiglia. Anche se gli esperti in violenze a minori e pedofilia invitano a non farsi troppe illusioni: se è caduta in bande specializzate, difficilmente poteva uscirne viva
"Hanno di nuovo ucciso Florence e i suoi figli"
"Hanno di nuovo ucciso Florence e i suoi figli"
Poemiche dei familiari delle 5 vittime del falso medico Jean Claude Romand che nel 1993 in Francia sterminò la famiglia travolto da debiti e bugie, presto scarcerato. "Non s'è mai pentito, è un manipolatore, ancora pericoloso"
Risolto un duplice omicidio di 46 anni fa
Risolto un duplice omicidio di 46 anni fa
Janice e Lynn, due amiche di 19 anni, furono trovate morte nel cottage di una località di mare della Virginia. Le nuove tecniche investigative hanno permesso di risalire all’assassino: un uomo che oggi ha 80 anni
Emanuela Orlandi, inchiesta in Vaticano
Emanuela Orlandi, inchiesta in Vaticano
Per il legale e il fratello della ragazza scomparsa 35 anni fa si tratta di una “svolta storica”. Probabile l’apertura di una tomba nel cimitero teutonico
“Maddie è viva”
“Maddie è viva”
Un documentario Netflix, diffuso in tutto il mondo, promette rivelazioni shock da esperti, investigatori e poliziotti che dal 2007 seguono il caso della scomparsa della piccola
"Ti giuro, non ho fatto nulla a tuo fratello"
"Ti giuro, non ho fatto nulla a tuo fratello"
Le lacrime della serial killer Myra Hindley che, con l'amante Ian Brady, uccise 7 bambini. Incontrò il fratello di Keith in carcere ma non gli rivelò dove fu sepolto. Gli "assassini della brughiera"
La beffa del serial killer alla famiglia di un bimbo ucciso
La beffa del serial killer alla famiglia di un bimbo ucciso
Ian Brady e Myra Hindley, negli Anni '60, uccidevano bambini e li seppellivano in campagna. Nel '91 Brady inviò una lettera al frettlo di Keith, 12, in cui prometteva di rivelare il luogo della sepoltura. "La polizia ci aiuti"
La polizia inglese vicina a risolvere un cold case
La polizia inglese vicina a risolvere un cold case
In un campo poco distante da dove viveva, la polizia sta cercando il corpo di Linda Razzell, scomparsa nel 2002. Uno dei tanti omicidi irrisolti che gravano sulla zona