È la Russia a guidare la disinformazione

| Un rapporto interno della UE, preceduto da un altro del Dipartimento di Stato americano affermano che media e profili social collegati al Cremlino stanno diffondendo fake news nel tentativo di aggravare la crisi e accrescere la sfiducia

+ Miei preferiti
Secondo un report che si gira in modo preoccupante sulle scrivanie di Bruxelles, i media statali russi e gli organi di informazione pro Cremlino starebbero conducendo una campagna di disinformazione sulla pandemia per seminare “panico e paura” in Occidente.

L’European Union’s External Action Service, che ricerca e combatte la disinformazione online, ha dichiarato che dal 22 gennaio scorso ha accertato quasi 80 casi di disinformazione sull’epidemia collegati ai media pro Cremlino.

Secondo il rapporto, “L’obiettivo generale della disinformazione russa è quello di aggravare la crisi sanitaria pubblica nei Paesi occidentali minando la fiducia dell’opinione pubblica nei sistemi sanitari nazionali e impedendo così una risposta efficace all’epidemia”.

Il rapporto, datato 16 marzo, afferma che la campagna è “progettata per esacerbare la confusione, il panico e la paura”. Il rapporto sottolinea come i media pro Cremlino abbiano lavorato per amplificare una serie di informazioni contraddittorie che “dirottano” l’informazione corretta per diminuire la capacità dell’Europa di agire nel suo interesse personale.

Il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov ha negato che la Russia stia complottando e ha definito le accuse “infondate” e “una pura ossessione russofobica”. “Se questo documento contenesse almeno un esempio concreto o un link ad alcuni media specifici, potrei commentare in modo diverso. Ma questo tipo di ossessione contro continui presunti complotti della Russia dovrebbe in qualche modo diradarsi, vista la situazione attuale”.

Il rapporto dell’Ue afferma che i media pro Cremlino non sono gli autori della maggior parte delle fake in sé, ma “stanno amplificando teorie che hanno origine altrove”. Aggiunge che la rete mediatica statale russa “RT Spanish” è la dodicesima fonte più popolare su Facebook, Twitter  e Reddit in materia di coronavirus.

Gran parte delle fake di matrice russa sostiene che il virus è stato creato dall’uomo e diffuso dai paesi occidentali, si legge nel rapporto. Notizie false e pericolose rivolte ad un pubblico internazionale e tradotte in inglese, italiano, spagnolo, arabo, russo e altre lingue.

Il portavoce della Commissione Europea Peter Stano ha dichiarato che i sistemi di controllo e sorveglianza hanno assistito nelle ultime settimane ad una vera “raffica” di disinformazioni sulla diffusione del coronavirus.

“Il SEAE Stratcom ha intensificato il monitoraggio dei flussi di informazioni, identificando e sensibilizzando il pubblico sulla disinformazione diffusa da fonti russe”.

Il mese scorso, un altro rapporto del Dipartimento di Stato americano afferma che migliaia di account Facebook e Twiiter collegati alla Russia stanno diffondendo informazioni errate e pericolose sul coronavirus. Secondo i due social media, il Dipartimento di Stato non ha fornito prove che permettano di indagare e chiudere gli account.

Articoli correlati
CORONAVIRUS
L’ottimismo di Trump, le paure degli esperti
L’ottimismo di Trump, le paure degli esperti
Neanche di fronte a 200mila morti e 7 milioni di contagi, il presidente cambia rotta: promette vaccini improbabili entro la data delle elezioni e minimizza il resto, convinto di aver salvato milioni di vite umane
Vaccino: le aziende svelano i protocolli di sperimentazione
Vaccino: le aziende svelano i protocolli di sperimentazione
Non era mai accaduto prima, che i colossi farmaceutici rivelassero i protocolli che stanno seguendo per arrivare al vaccino capace di sconfiggere il virus. Secondo le previsioni, non sarà pronto prima della prossima estate
UE, la seconda ondata è qui
UE, la seconda ondata è qui
Per quale motivo nel Vecchio Continente tutto è andato nuovamente male? Colpa delle vacanze, dell’abbassamento della soglia di attenzione e del rifiuto a osservare le norme sanitarie. E ora ne paghiamo le conseguenze
Regno Unito, lockdown per 10 milioni di persone
Regno Unito, lockdown per 10 milioni di persone
Uno dei tanti incubi peggiori di Boris Johnson si sta materializzando in queste ore: in diverse zone del Regno Unito torna il blocco completo
Ai Paesi ricchi la metà dei prossimi vaccini
Ai Paesi ricchi la metà dei prossimi vaccini
La denuncia dell’ong Oxfam, che svela i contratti faraonici di alcuni Paesi ricchi con più industrie farmaceutiche, per assicurarsi miliardi di dosi quando il vaccino sarà pronto
Allarme OMS: mai così tanti casi dall’inizio della pandemia
Allarme OMS: mai così tanti casi dall’inizio della pandemia
L’aumento sancisce il sempre più probabile inizio della temuta seconda ondata: Israele e Giacarta i primi due Paesi a tornare in lockdown
Un dicembre mortale
Un dicembre mortale
Al momento sono solo statistiche, previsioni e modelli matematici, ma non ce n’è uno che non preveda una nuova crescita di contagi e di morti in tutti gli Stati Uniti. Fauci conferma: “Sarà durissima”
Il virus torna alla carica
Il virus torna alla carica
Più di 96mila casi in India nel giro di 24 ore, il Portogallo vara nuove misure restrittive, Stati Uniti e Brasile primi per numero di morti. Per l’OMS serve uno sforzo economico maggiore, o non ne usciremo facilmente
Bloccati i test del vaccino dell’Università di Oxford
Bloccati i test del vaccino dell’Università di Oxford
La fase 3 di sperimentazione, che procedeva speditamente, è stata fermata dopo che un partecipante del Regno Unito ha sviluppato una reazione avversa. Secondo gli esperti si tratta di eventi calcolati e inevitabili
L’OMS, vaccinazione di massa non prima del 2021
L’OMS, vaccinazione di massa non prima del 2021
La portavoce dell’Organizzazione Mondiale della Sanità detta i tempi, spiegando che diversi vaccini sono in fase di studio avanzato, ma il processo richiede pazienza