500 trekkers abbandonati sulle cime del Nepal

| Quando nel paese asiatico è scattato il lockdown, il panico ha fatto sì che 500 escursionisti fossero abbandonati sulle cime dell’Himalaya. Ora si stanno organizzazioni i soccorsi per riportarli a casa

+ Miei preferiti
Quando l’ordine di lockdown per l’epidemia è scattato anche in Nepal, nessuno ha pensato agli escursionisti rimasti in cima, impegnati a superare i sentieri dell’Himalaya senza sapere nulla di ciò che il resto del mondo, qualche centinaio di metri più a valle, stava vivendo.

Ora, finalmente, il “Nepal Tourism Borad” ha lanciato l’allarme per tentare di salvare circa 500 trekker bloccati da giorni su almeno quattro percorsi diversi e ormai allo stremo delle forze. La respirazione, dicono gli esperti, già ostacolata dalle altitudini estreme, potrebbe avere effetti devastanti in caso di esplosione di contagi.

“Stiamo lavorando con diverse agenzie governative per recuperare gli escursionisti e portarli a Kathmandu, in modo da poterci coordinare con le ambasciate per il ritorno nei rispettivi paesi d’origine - ha assicurato Shradha Shrestha, portavoce del Nepal Tourism Board - diverse ambasciate, come quelle di Francia e Germania stanno già pianificando di inviare voli charter in alcune di queste aree per riportare a casa i trekker”. L’ambasciata britannica a Kathmandu ha chiesto ai cittadini inglesi presenti in Nepal di mettersi in contatto con gli uffici consolari per comunicare nomi e dati: “Stiamo lavorando a stretto contatto con le autorità per cercare di trovare una soluzione, vi contatteremo al più presto”, hanno twittato poche ore fa.

Agli inizi di marzo, a causa della pandemia, il governo nepalese ha annullato fino alla fine di aprile la stagione delle scalate su tutte le cime himalayane del Paese, compreso il monte Everest. Secondo i dati forniti dal Nepal Health Ministry, finora nel Paese si sono registrati solo tre casi, ma il timore di un aumento improvviso è costante.

CORONAVIRUS
Il mondo affronta la peggiore crisi dall’inizio della pandemia
Il mondo affronta la peggiore crisi dall’inizio della pandemia
Non doveva essere così: fin dall’inizio, l’OMS ha ammonito di pensare non solo a sé stessi ma anche ai Paesi più poveri, dove il virus può annidarsi, mutare e sopravvivere ancora. Ma quasi nessuno l’ha ascoltato
La pillola per curare il covid a casa
La pillola per curare il covid a casa
L’ha annunciato la “Pfizer”, che avrebbe allo studio una cura domestica da assumere all’insorgere dei primi sintomi. È un farmaco “inibitore della proteasi”: blocca l’enzima che permette al virus di svilupparsi
Ottimi risultati per il concerto sperimentale anti-covid
Ottimi risultati per il concerto sperimentale anti-covid
Diffusi i risultati degli accertamenti medici: solo 6 positivi, ma 4 sono stati infettati non quella sera. Una speranza concreta sulla strada della riapertura dei grandi eventi
Origine del Covid: scienza VS intelligence
Origine del Covid: scienza VS intelligence
Per la comunità scientifica è sempre più probabile che il virus sia passato all’uomo da un animale. Per gli analisti, al contrario, non c’è alcuna prova che scagioni i laboratori cinesi
Un terzo dei sopravvissuti al Covid accusa disturbi mentali
Un terzo dei sopravvissuti al Covid accusa disturbi mentali
Lo svela il più grande studio mai realizzato finora, che ha riscontrato numerosi casi di stress post-trumatico, ansia, disturbi dell’umore e, nelle forme più gravi, il rischio di ictus ischemici
Il Brasile ordina le riesumazioni
Il Brasile ordina le riesumazioni
Non c’è più posto per le salme, mentre il Paese diventa l’epicentro mondiale del virus con 12 milioni di contagi e 325mila morti. L’appello alle Nazioni Unite: “Aiutateci”
Serve una cooperazione mondiale contro i prossimi virus
Serve una cooperazione mondiale contro i prossimi virus
L’hanno chiesta Tedros, direttore generale dell’OMS, e Michel, presidente del Consiglio UE: finora, alla carta dei diritti e dei doveri hanno aderito 25 Paesi, ma mancano ancora le potenze mondiali
Il rapporto dell’OMS: il virus non è uscito da un laboratorio
Il rapporto dell’OMS: il virus non è uscito da un laboratorio
Arriva il documento finale dell’indagine condotta a Wuhan da 17 scienziati occidentali e altrettanti cinesi: poche le certezze e molte più delusioni. La Casa Bianca assai scettica
GB, da settembre via alla terza dose di vaccino
GB, da settembre via alla terza dose di vaccino
Già programmato un “richiamo” che dovrebbe garantire un periodo di immunizzazione ancora maggiore. Da lunedì scattano le prime concessioni di ritorno graduale alla normalità, che proseguiranno spedite
In 5.000 ad un concerto, l’esperimento di Barcellona
In 5.000 ad un concerto, l’esperimento di Barcellona
Un concerto dei “Love of Lesbian” è servito come esperimento: tracciamento e tampone all’ingresso, poi via libera a canti e balli con l’obbligo della mascherina. Se tutto va come nelle speranze, potrebbe aprirsi una nuova stagione