500 trekkers abbandonati sulle cime del Nepal

| Quando nel paese asiatico è scattato il lockdown, il panico ha fatto sì che 500 escursionisti fossero abbandonati sulle cime dell’Himalaya. Ora si stanno organizzazioni i soccorsi per riportarli a casa

+ Miei preferiti
Quando l’ordine di lockdown per l’epidemia è scattato anche in Nepal, nessuno ha pensato agli escursionisti rimasti in cima, impegnati a superare i sentieri dell’Himalaya senza sapere nulla di ciò che il resto del mondo, qualche centinaio di metri più a valle, stava vivendo.

Ora, finalmente, il “Nepal Tourism Borad” ha lanciato l’allarme per tentare di salvare circa 500 trekker bloccati da giorni su almeno quattro percorsi diversi e ormai allo stremo delle forze. La respirazione, dicono gli esperti, già ostacolata dalle altitudini estreme, potrebbe avere effetti devastanti in caso di esplosione di contagi.

“Stiamo lavorando con diverse agenzie governative per recuperare gli escursionisti e portarli a Kathmandu, in modo da poterci coordinare con le ambasciate per il ritorno nei rispettivi paesi d’origine - ha assicurato Shradha Shrestha, portavoce del Nepal Tourism Board - diverse ambasciate, come quelle di Francia e Germania stanno già pianificando di inviare voli charter in alcune di queste aree per riportare a casa i trekker”. L’ambasciata britannica a Kathmandu ha chiesto ai cittadini inglesi presenti in Nepal di mettersi in contatto con gli uffici consolari per comunicare nomi e dati: “Stiamo lavorando a stretto contatto con le autorità per cercare di trovare una soluzione, vi contatteremo al più presto”, hanno twittato poche ore fa.

Agli inizi di marzo, a causa della pandemia, il governo nepalese ha annullato fino alla fine di aprile la stagione delle scalate su tutte le cime himalayane del Paese, compreso il monte Everest. Secondo i dati forniti dal Nepal Health Ministry, finora nel Paese si sono registrati solo tre casi, ma il timore di un aumento improvviso è costante.

CORONAVIRUS
Vaccino: le aziende svelano i protocolli di sperimentazione
Vaccino: le aziende svelano i protocolli di sperimentazione
Non era mai accaduto prima, che i colossi farmaceutici rivelassero i protocolli che stanno seguendo per arrivare al vaccino capace di sconfiggere il virus. Secondo le previsioni, non sarà pronto prima della prossima estate
UE, la seconda ondata è qui
UE, la seconda ondata è qui
Per quale motivo nel Vecchio Continente tutto è andato nuovamente male? Colpa delle vacanze, dell’abbassamento della soglia di attenzione e del rifiuto a osservare le norme sanitarie. E ora ne paghiamo le conseguenze
Regno Unito, lockdown per 10 milioni di persone
Regno Unito, lockdown per 10 milioni di persone
Uno dei tanti incubi peggiori di Boris Johnson si sta materializzando in queste ore: in diverse zone del Regno Unito torna il blocco completo
Ai Paesi ricchi la metà dei prossimi vaccini
Ai Paesi ricchi la metà dei prossimi vaccini
La denuncia dell’ong Oxfam, che svela i contratti faraonici di alcuni Paesi ricchi con più industrie farmaceutiche, per assicurarsi miliardi di dosi quando il vaccino sarà pronto
Allarme OMS: mai così tanti casi dall’inizio della pandemia
Allarme OMS: mai così tanti casi dall’inizio della pandemia
L’aumento sancisce il sempre più probabile inizio della temuta seconda ondata: Israele e Giacarta i primi due Paesi a tornare in lockdown
Un dicembre mortale
Un dicembre mortale
Al momento sono solo statistiche, previsioni e modelli matematici, ma non ce n’è uno che non preveda una nuova crescita di contagi e di morti in tutti gli Stati Uniti. Fauci conferma: “Sarà durissima”
Il virus torna alla carica
Il virus torna alla carica
Più di 96mila casi in India nel giro di 24 ore, il Portogallo vara nuove misure restrittive, Stati Uniti e Brasile primi per numero di morti. Per l’OMS serve uno sforzo economico maggiore, o non ne usciremo facilmente
Bloccati i test del vaccino dell’Università di Oxford
Bloccati i test del vaccino dell’Università di Oxford
La fase 3 di sperimentazione, che procedeva speditamente, è stata fermata dopo che un partecipante del Regno Unito ha sviluppato una reazione avversa. Secondo gli esperti si tratta di eventi calcolati e inevitabili
L’OMS, vaccinazione di massa non prima del 2021
L’OMS, vaccinazione di massa non prima del 2021
La portavoce dell’Organizzazione Mondiale della Sanità detta i tempi, spiegando che diversi vaccini sono in fase di studio avanzato, ma il processo richiede pazienza
Trump: avremo il vaccino prima delle elezioni
Trump: avremo il vaccino prima delle elezioni
Una lettera inviata alle più grandi città americane chiede di organizzare luoghi ed elenchi per la distribuzione alle fasce più a rischio. Le perplessità di Fauci e della comunità scientifica