A Madrid si rischiano migliaia di morti

| Braccio di ferro fra il governo centrale e le autorità cittadine sull’entità del lockdown, al momento imposto ad alcune zone. Situazione in rapido peggioramento anche nel resto d’Europa

+ Miei preferiti
In Spagna non è lo Stato ad essere responsabile della sanità, demandata alle varie regioni: il governo centrale può limitarsi a dare consigli, ma non ha alcun potere di imporre misure. L’emblema è il braccio di ferro in corso fra il governo e le autorità di Madrid, caldamente invitata dal primo ad inasprire le limitazioni a tutta la città, avvertendo i residenti che in caso contrario andranno incontro a “rischi gravissimi”. La capitale ha invece scelto di limitare le restrizioni ad alcune zone dove sono stato individuati focolai, ma respinge con forza l’idea di far scattare un lockdown generalizzato. “C’è un grave rischio per gli abitanti e per le regioni vicine - ha commentato il ministro della salute Salvador Illa - chiediamo di mettere la salute dei cittadini al primo posto”.

Madrid è di nuovo l’epicentro della pandemia in Spagna, come lo è stata durante il primo picco, all’inizio di quest'anno: venerdì nel Paese si sono registrati 12.272 casi, portando il totale ufficiale a 716.481, il più alto dell’Europa occidentale.

L’invito del governo centrale segue le parole di allarme dell’OMS, che ha parlato di preoccupante ricomparsa del virus in Europa con l’avvicinarsi dell’inverno, dando come probabili due milioni di morti a meno di non agire con tempestività.

Anche Polonia, Russia e Repubblica Ceca segnalano forti aumenti di casi, mentre altre 14.412 nuove infezioni sono state registrate in Francia nelle scorse ore, dove l’ordine di chiusura di bar e ristoranti a Marsiglia è stato posticipato a domenica sera, dopo le proteste. La gente è scesa in piazza anche a Londra, riempiendo Trafalgar Squadre di coloro che chiedono la fine di ogni tipo di restrizione. Ed è allarme anche in Olanda, dove il premier Mark Rutte ha commentato in particolarmente cupo l’arrivo di una seconda ondata: “le cifre che mi hanno mostrato sono terribili”.

CORONAVIRUS
200 giorni senza un contagio,
il caso Taiwan
200 giorni senza un contagio,<br>il caso Taiwan
L’ultimo accertato risale alla domenica di Pasqua. Merito di una risposta veloce e di una ferrea e accuratissima strategia di tracciamento dei contatti
Il Covid, compagno di strada anche nel 2021
Il Covid, compagno di strada anche nel 2021
Un noto e influente epidemiologo giapponese toglie il velo alle speranze che i primi vaccini possano essere risolutivi: “Dobbiamo imparare a convivere con il virus per molto tempo”
Il caso Irlanda, lezione di tempestività
Il caso Irlanda, lezione di tempestività
Alle prime avvisaglie di aumento dei casi, le autorità irlandesi non hanno esitato a far scattare un mini lockdown
Il mondo nel pieno della seconda ondata
Il mondo nel pieno della seconda ondata
Le misure di contenimento sono ormai state adottate ovunque, ma il numero di contagi quotidiani e di decessi continua a salire in modo inesorabile. Tante le proteste di piazza contro i lockdown che ammazzano l’economia
L’allarme del Belgio: «Il Covid è fuori controllo»
L’allarme del Belgio: «Il Covid è fuori controllo»
I tassi di contagio hanno raggiunto picchi allarmanti e le autorità sanitare temono che sia vicino il collasso del sistema ospedaliero. Ma in tanti per strada non indossano neanche la mascherina
La fine di Dmitriy, l’uomo che non credeva al Covid
La fine di Dmitriy, l’uomo che non credeva al Covid
Istruttore di fitness e blogger, era considerato un acceso “negazionista”: al ritorno da un viaggio di lavoro in Turchia scopre di essere positivo e muore pochi giorni dopo
Repubblica Ceca, da esempio
per l’Europa al disastro
Repubblica Ceca, da esempio<br>per l’Europa al disastro
Il Paese era riuscito a contenere in modo efficace la prima ondata, ma un insieme di concause ha permesso al virus di riprendere ciò che aveva solo lasciato indietro. E la gente protesta nelle piazze
Lockdown totale e mirato? Il dilemma dell’Europa
Lockdown totale e mirato? Il dilemma dell’Europa
Secondo gli esperti scientifici, sarebbe più efficace una breve chiusura totale piuttosto che tante piccole misure locali che non consentono di controllare le infezioni. Ma di mezzo ci sono le difficili situazioni delle economie
Great Barrington Declaration, la petizione per l’immunità di gregge
Great Barrington Declaration, la petizione per l’immunità di gregge
Firmato da esperti in tutto il mondo, è un manifesto che chiede di tutelare dal virus le fasce più a rischio ma di consentire a tutti gli altri la normalità, puntando verso l’immunità naturale
La lezione asiatica, che il mondo ha ignorato
La lezione asiatica, che il mondo ha ignorato
I paesi dell’area Asia-Pacifico vivono situazioni decisamente migliori rispetto all’Occidente. Merito di strategie precise, comunicazioni efficaci e decisioni condivise che non generano malumori