Anche i gorilla a rischio contagio

| I maestosi gorilla di montagna africani sarebbero a rischio contagio: sono animali soggetti agli stessi malanni dell’uomo, ma basta un raffreddore per uccidere un esemplare. Stretta nei parchi in Uganda e Ruanda

+ Miei preferiti
Gli ambientalisti alzano l’allarme: fra le specie a rischio coronavirus potrebbe esserci il gorilla di montagna africano, già minacciato dall’estinzione. Attualmente un migliaio di esemplari vivono in aree protette in Congo, Uganda e Ruanda, paesi per i quali il turismo è un’importante voce dell’economia. Ma il parco nazionale congolese “Virunga”, che ospita circa un terzo dei gorilla di montagna del mondo, ha chiuso l’ingresso ai visitatori fino al 1° giugno, accogliendo “il parere di esperti che indicano i primati soggetti a complicazioni derivanti dal virus COVID-19”. Anche il vicino Ruanda ha chiuso le attività turistiche e di ricerca in tre parchi nazionali che ospitano primati come gorilla e scimpanzé.

Secondo il “World Wide Fund for Nature”, i gorilla di montagna sono soggetti ad alcune malattie respiratorie che affliggono l’uomo, ma per uccidere un esemplare adulto può essere sufficiente un comune raffreddore, e questo è uno dei motivi per cui i turisti non sono mai autorizzati ad avvicinarsi troppo.

Paula Kahumbu, amministratore delegato del gruppo di conservazione “WildlifeDirect”, con sede in Kenya, ha affermato che “bisogna fare ogni sforzo possibile per proteggere i gorilla di montagna, perché sono pochi quelli rimasti allo stato brado. Sappiamo che sono molto sensibili alle malattie umane, e con il coronavirus - che ha un lungo tempo di assenza di sintomi - significa che potremmo effettivamente mettere a rischio la specie”.

Eppure, avvertono gli esperti, le misure in atto potrebbero non essere sufficienti a proteggerli: la conservazionista ugandese Gladys Kalema-Zikusoka ha pubblicato uno studio dimostrandone la scarsa efficacia: “La regola dei 7 metri di distanza è stata infranta il 98% delle volte, ma la cosa curiosa è che il 60% delle volte a infrangerla sono stati i turisti e il restante 40% i gorilla. Se non si può evitare una stretta interazione, una misura che potrebbe migliorare la sicurezza è l’obbligo per i turisti di indossare sempre le mascherine”.

La popolazione dei gorilla di montagna della regione ha subito un forte calo nel secolo scorso a causa del bracconaggio e delle malattie. Dal 1996 i gorilla di montagna sono inseriti fra le specie in via di estinzione, anche se il loro numero è ora considerato in crescita grazie agli sforzi di conservazione. Ma ci sono ancora perdite: alcuni esemplari muoiono per cause naturali, cadono dagli alberi o vengono uccisi nei furiosi combattimenti tra maschi per il territorio o per il dominio. In Ruanda, dove il turismo è la principale fonte di introito, le entrate sono fondamentali per proteggere i gorilla di montagna, poiché le autorità possono utilizzare parte del denaro per aiutare le comunità locali e investire in attività anti-bracconaggio.  “Penso che questo situazione potrebbe avere un impatto negativo: meno soldi significa meno controlli, e questo potrebbe alimentare il ritorno dei bracconieri”.

CORONAVIRUS
Il virus è nato in laboratorio
Il virus è nato in laboratorio
È la clamorosa conclusione a cui sono giunti due scienziati, uno inglese e l’altro norvegese. In un dossier affermano di aver trovato le prove di una manipolazione genetica che nascondesse l’origine artificiale
Le conseguenze politiche del Covid
Le conseguenze politiche del Covid
Biden ordina agli 007 di stabilire le origini del coronavirus. Ne va della sua autorevolezza, ma se si scoprisse che è sfuggito da un laboratorio darebbe nuovo fiato alle teorie di Trump. A rimetterci sarà la credibilità dell’OMS
Un rapporto dell’intelligence americana getta nuovi dubbi sull’origine del virus
Un rapporto dell’intelligence americana getta nuovi dubbi sull’origine del virus
Alcuni dipendenti del laboratorio di Wuhan avrebbero sviluppato nel novembre 2019 sintomi di una misteriosa malattia che li ha costretti al ricovero
Il virus è uscito dal laboratorio di Wuhan?
Il virus è uscito dal laboratorio di Wuhan?
Un nuovo articolo, firmato da una ventina di esperti mondiali in virologia, non esclude la possibilità che la pandemia sia la conseguenza di un incidente
Covid-19, il caso delle Seychelles
Covid-19, il caso delle Seychelles
Malgrado oltre il 60% della popolazione sia stato vaccinato, nell’arcipelago le infezioni sono in aumento. Per gli esperti non è un’anomalia, perché casi gravi e decessi sono scomparsi. Ma è necessario non abbassare la guardia
L’Asia epicentro mondiale del virus
L’Asia epicentro mondiale del virus
Non c’è solo l’India, dove la situazione peggiora di giorno in giorno: anche diversi Paesi asiatici si ritrovano a fronteggiare un’ondata di casi che fa temere conseguenze disastrose per via dei fragili sistemi sanitari
Il mondo affronta la peggiore crisi dall’inizio della pandemia
Il mondo affronta la peggiore crisi dall’inizio della pandemia
Non doveva essere così: fin dall’inizio, l’OMS ha ammonito di pensare non solo a sé stessi ma anche ai Paesi più poveri, dove il virus può annidarsi, mutare e sopravvivere ancora. Ma quasi nessuno l’ha ascoltato
La pillola per curare il covid a casa
La pillola per curare il covid a casa
L’ha annunciato la “Pfizer”, che avrebbe allo studio una cura domestica da assumere all’insorgere dei primi sintomi. È un farmaco “inibitore della proteasi”: blocca l’enzima che permette al virus di svilupparsi
Ottimi risultati per il concerto sperimentale anti-covid
Ottimi risultati per il concerto sperimentale anti-covid
Diffusi i risultati degli accertamenti medici: solo 6 positivi, ma 4 sono stati infettati non quella sera. Una speranza concreta sulla strada della riapertura dei grandi eventi
Origine del Covid: scienza VS intelligence
Origine del Covid: scienza VS intelligence
Per la comunità scientifica è sempre più probabile che il virus sia passato all’uomo da un animale. Per gli analisti, al contrario, non c’è alcuna prova che scagioni i laboratori cinesi