Anche i gorilla a rischio contagio

| I maestosi gorilla di montagna africani sarebbero a rischio contagio: sono animali soggetti agli stessi malanni dell’uomo, ma basta un raffreddore per uccidere un esemplare. Stretta nei parchi in Uganda e Ruanda

+ Miei preferiti
Gli ambientalisti alzano l’allarme: fra le specie a rischio coronavirus potrebbe esserci il gorilla di montagna africano, già minacciato dall’estinzione. Attualmente un migliaio di esemplari vivono in aree protette in Congo, Uganda e Ruanda, paesi per i quali il turismo è un’importante voce dell’economia. Ma il parco nazionale congolese “Virunga”, che ospita circa un terzo dei gorilla di montagna del mondo, ha chiuso l’ingresso ai visitatori fino al 1° giugno, accogliendo “il parere di esperti che indicano i primati soggetti a complicazioni derivanti dal virus COVID-19”. Anche il vicino Ruanda ha chiuso le attività turistiche e di ricerca in tre parchi nazionali che ospitano primati come gorilla e scimpanzé.

Secondo il “World Wide Fund for Nature”, i gorilla di montagna sono soggetti ad alcune malattie respiratorie che affliggono l’uomo, ma per uccidere un esemplare adulto può essere sufficiente un comune raffreddore, e questo è uno dei motivi per cui i turisti non sono mai autorizzati ad avvicinarsi troppo.

Paula Kahumbu, amministratore delegato del gruppo di conservazione “WildlifeDirect”, con sede in Kenya, ha affermato che “bisogna fare ogni sforzo possibile per proteggere i gorilla di montagna, perché sono pochi quelli rimasti allo stato brado. Sappiamo che sono molto sensibili alle malattie umane, e con il coronavirus - che ha un lungo tempo di assenza di sintomi - significa che potremmo effettivamente mettere a rischio la specie”.

Eppure, avvertono gli esperti, le misure in atto potrebbero non essere sufficienti a proteggerli: la conservazionista ugandese Gladys Kalema-Zikusoka ha pubblicato uno studio dimostrandone la scarsa efficacia: “La regola dei 7 metri di distanza è stata infranta il 98% delle volte, ma la cosa curiosa è che il 60% delle volte a infrangerla sono stati i turisti e il restante 40% i gorilla. Se non si può evitare una stretta interazione, una misura che potrebbe migliorare la sicurezza è l’obbligo per i turisti di indossare sempre le mascherine”.

La popolazione dei gorilla di montagna della regione ha subito un forte calo nel secolo scorso a causa del bracconaggio e delle malattie. Dal 1996 i gorilla di montagna sono inseriti fra le specie in via di estinzione, anche se il loro numero è ora considerato in crescita grazie agli sforzi di conservazione. Ma ci sono ancora perdite: alcuni esemplari muoiono per cause naturali, cadono dagli alberi o vengono uccisi nei furiosi combattimenti tra maschi per il territorio o per il dominio. In Ruanda, dove il turismo è la principale fonte di introito, le entrate sono fondamentali per proteggere i gorilla di montagna, poiché le autorità possono utilizzare parte del denaro per aiutare le comunità locali e investire in attività anti-bracconaggio.  “Penso che questo situazione potrebbe avere un impatto negativo: meno soldi significa meno controlli, e questo potrebbe alimentare il ritorno dei bracconieri”.

CORONAVIRUS
New York: voci da un pronto soccorso
New York: voci da un pronto soccorso
Le drammatiche testimonianze dei medici dell’University Hospital di Brooklyn raccolte da due giornalisti della CNN: “Preparatevi: è peggiore di qualsiasi incubo abbiate mai avuto”
Non è un virus (solo) per vecchi
Non è un virus (solo) per vecchi
La storia di Ben Luderer, sportivo di 30 anni, morto all’improvviso di coronavirus. Per gli scienziati è uno dei tanti casi del mistero legato al virus, capace di dare sintomi lievi ma anche di uccidere senza pietà
Taiwan, dove tutto è sotto controllo
Taiwan, dove tutto è sotto controllo
L’esperienza della Sars, che nel 2003 ha colpito duro, e la mancanza di annessione all’OMS, ha costretto il Paese asiatico ad agire da solo, creando una delle migliori risposte alla pandemia di tutto il mondo
GB: cresce il numero di «covidiot»
GB: cresce il numero di «covidiot»
Migliaia di persone fermate nei parchi della Gran Bretagna perché prendevano il sole, approfittando delle temperature calde. Per loro, gli inglesi hanno coniato un nuovo termine, che va bene anche per l’Italia
Nessuno parla più di Brexit
Nessuno parla più di Brexit
Da Downing Street ripetono che nulla cambia: il Regno Unito uscirà dalla UE nel dicembre di quest’anno. Ma non dicono che il Paese continua a importare migliaia di tonnellate di merci, comprese forniture mediche e ospedaliere
Il dramma dell’Ecuador: i morti per le strade
Il dramma dell’Ecuador: i morti per le strade
Malgrado le autorità insistono su un numero di decessi molto basso, sono centinaia i corpi abbandonati per le strade dalle famiglie. Una situazione che va ben oltre la peggiore immaginazione
India, la paura di essere la pagina successiva della pandemia
India, la paura di essere la pagina successiva della pandemia
I primi casi individuati nelle enormi e popolate baraccopoli di Mumbai hanno alzato il livello di timori delle autorità sanitarie: “Agire subito, o non saremo mai in grado di sopportare quello che sta succedendo in Europa e America”
GB: infermiere muore, la famiglia denuncia: «È colpa del governo»
GB: infermiere muore, la famiglia denuncia: «È colpa del governo»
La denuncia della figlia di Thomas Harvey, infermiere che malgrado i sintomi e i diversi tentativi di farlo ricoverare, è stato costretto a casa, dove è morto per arresto cardiaco
La molte verità della pandemia
La molte verità della pandemia
Terminata la fase critica, secondo gli esperti non sarà così immediato il ritorno alla normalità per quanto riguarda i viaggi. Le responsabilità dell’inquinamento nel propagarsi del contagio. Qual è il vero numero dei morti in Cina?
Il virus si diffonde anche parlando o respirando
Il virus si diffonde anche parlando o respirando
Gli esperti di tutto il mondo concordano: non sono i colpi di tosse o gli starnuti i veicoli del virus, sono sufficienti le microgocce involontarie emesse quando si parla. Particelle che restano sospese in aria per ore