Anche i gorilla a rischio contagio

| I maestosi gorilla di montagna africani sarebbero a rischio contagio: sono animali soggetti agli stessi malanni dell’uomo, ma basta un raffreddore per uccidere un esemplare. Stretta nei parchi in Uganda e Ruanda

+ Miei preferiti
Gli ambientalisti alzano l’allarme: fra le specie a rischio coronavirus potrebbe esserci il gorilla di montagna africano, già minacciato dall’estinzione. Attualmente un migliaio di esemplari vivono in aree protette in Congo, Uganda e Ruanda, paesi per i quali il turismo è un’importante voce dell’economia. Ma il parco nazionale congolese “Virunga”, che ospita circa un terzo dei gorilla di montagna del mondo, ha chiuso l’ingresso ai visitatori fino al 1° giugno, accogliendo “il parere di esperti che indicano i primati soggetti a complicazioni derivanti dal virus COVID-19”. Anche il vicino Ruanda ha chiuso le attività turistiche e di ricerca in tre parchi nazionali che ospitano primati come gorilla e scimpanzé.

Secondo il “World Wide Fund for Nature”, i gorilla di montagna sono soggetti ad alcune malattie respiratorie che affliggono l’uomo, ma per uccidere un esemplare adulto può essere sufficiente un comune raffreddore, e questo è uno dei motivi per cui i turisti non sono mai autorizzati ad avvicinarsi troppo.

Paula Kahumbu, amministratore delegato del gruppo di conservazione “WildlifeDirect”, con sede in Kenya, ha affermato che “bisogna fare ogni sforzo possibile per proteggere i gorilla di montagna, perché sono pochi quelli rimasti allo stato brado. Sappiamo che sono molto sensibili alle malattie umane, e con il coronavirus - che ha un lungo tempo di assenza di sintomi - significa che potremmo effettivamente mettere a rischio la specie”.

Eppure, avvertono gli esperti, le misure in atto potrebbero non essere sufficienti a proteggerli: la conservazionista ugandese Gladys Kalema-Zikusoka ha pubblicato uno studio dimostrandone la scarsa efficacia: “La regola dei 7 metri di distanza è stata infranta il 98% delle volte, ma la cosa curiosa è che il 60% delle volte a infrangerla sono stati i turisti e il restante 40% i gorilla. Se non si può evitare una stretta interazione, una misura che potrebbe migliorare la sicurezza è l’obbligo per i turisti di indossare sempre le mascherine”.

La popolazione dei gorilla di montagna della regione ha subito un forte calo nel secolo scorso a causa del bracconaggio e delle malattie. Dal 1996 i gorilla di montagna sono inseriti fra le specie in via di estinzione, anche se il loro numero è ora considerato in crescita grazie agli sforzi di conservazione. Ma ci sono ancora perdite: alcuni esemplari muoiono per cause naturali, cadono dagli alberi o vengono uccisi nei furiosi combattimenti tra maschi per il territorio o per il dominio. In Ruanda, dove il turismo è la principale fonte di introito, le entrate sono fondamentali per proteggere i gorilla di montagna, poiché le autorità possono utilizzare parte del denaro per aiutare le comunità locali e investire in attività anti-bracconaggio.  “Penso che questo situazione potrebbe avere un impatto negativo: meno soldi significa meno controlli, e questo potrebbe alimentare il ritorno dei bracconieri”.

CORONAVIRUS
Due milioni di morti, ma il numero è più alto
Due milioni di morti, ma il numero è più alto
Il triste primato raggiunto venerdì, mentre il virus si fa ovunque più aggressivo. Secondo gli esperti le vittime del Covid-19 sono molte di più
La difficile missione del team OMS in Cina
La difficile missione del team OMS in Cina
Controllati notte e giorno da funzionari cinesi, i 15 esperti inviati a Wuhan per indagare sulle origini del Covid-19 non avranno vita facile. Due sono stati bloccati perché positivi ai test, gli altri costretti alla quarantena
Il vaccino cinese è meno efficace del previsto?
Il vaccino cinese è meno efficace del previsto?
Salgono le preoccupazioni a livello internazionale dopo i risultati di alcuni test effettuati in Brasile: si parla di poco più del 50% contro il 78% annunciato in precedenza
La Cina vieta l’ingresso alle squadre dell’OMS
La Cina vieta l’ingresso alle squadre dell’OMS
Dopo lunghi mesi di trattative, Pechino aveva concesso l’ingresso ad un team internazionale di esperti incaricato di scoprire l’origine del virus. Ma è stato revocato all'ultimo istante
L’apartheid del vaccino
L’apartheid del vaccino
Anche i Paesi che hanno ospitato gli esperimenti sui vaccini - come l’Argentina, il Sudafrica, il Brasile e la Turchia - non riceveranno forniture adeguate
I piani vaccinali fanno tremare i governi
I piani vaccinali fanno tremare i governi
Malgrado la corsa spasmodica delle forniture, sono diversi i Paesi in cui la più grande campagna vaccinale della storia stenta a partire. Fra i più ritardatari la Francia
Cina e Russia, più vittime di quanto ammesso
Cina e Russia, più vittime di quanto ammesso
I numeri dei decessi nei due Paesi sarebbero molto più alti di quelli dichiarati ufficialmente. A Wuhan almeno 500 mila persone sarebbero morte in questi mesi, mentre in Russia le vittime sarebbero 186mila
Un anno di Coronavirus, e quello che ancora non sappiamo
Un anno di Coronavirus, e quello che ancora non sappiamo
La straordinaria corsa del pianeta verso il vaccino non ha comunque risolto diversi dubbi: dove è nato, quanto sono efficaci i vaccini e quando finirà tutto questo
Vaccino, una complicata sfida logistica
Vaccino, una complicata sfida logistica
Da mesi, diverse aziende studiano percorsi, itinerari e soluzioni perché le dosi del vaccino Pfizer-BioNTech raggiungano tutte l’Europa senza intoppi. La prossima sfida è fare lo stesso nei Paesi meno attrezzati
Los Angeles, un morto di Covid ogni 10 minuti
Los Angeles, un morto di Covid ogni 10 minuti
Mentre in America è iniziata la vaccinazione di massa, la California resta in prima linea, registrando numeri sconfortanti di morti e nuovi contagi