Anche i gorilla a rischio contagio

| I maestosi gorilla di montagna africani sarebbero a rischio contagio: sono animali soggetti agli stessi malanni dell’uomo, ma basta un raffreddore per uccidere un esemplare. Stretta nei parchi in Uganda e Ruanda

+ Miei preferiti
Gli ambientalisti alzano l’allarme: fra le specie a rischio coronavirus potrebbe esserci il gorilla di montagna africano, già minacciato dall’estinzione. Attualmente un migliaio di esemplari vivono in aree protette in Congo, Uganda e Ruanda, paesi per i quali il turismo è un’importante voce dell’economia. Ma il parco nazionale congolese “Virunga”, che ospita circa un terzo dei gorilla di montagna del mondo, ha chiuso l’ingresso ai visitatori fino al 1° giugno, accogliendo “il parere di esperti che indicano i primati soggetti a complicazioni derivanti dal virus COVID-19”. Anche il vicino Ruanda ha chiuso le attività turistiche e di ricerca in tre parchi nazionali che ospitano primati come gorilla e scimpanzé.

Secondo il “World Wide Fund for Nature”, i gorilla di montagna sono soggetti ad alcune malattie respiratorie che affliggono l’uomo, ma per uccidere un esemplare adulto può essere sufficiente un comune raffreddore, e questo è uno dei motivi per cui i turisti non sono mai autorizzati ad avvicinarsi troppo.

Paula Kahumbu, amministratore delegato del gruppo di conservazione “WildlifeDirect”, con sede in Kenya, ha affermato che “bisogna fare ogni sforzo possibile per proteggere i gorilla di montagna, perché sono pochi quelli rimasti allo stato brado. Sappiamo che sono molto sensibili alle malattie umane, e con il coronavirus - che ha un lungo tempo di assenza di sintomi - significa che potremmo effettivamente mettere a rischio la specie”.

Eppure, avvertono gli esperti, le misure in atto potrebbero non essere sufficienti a proteggerli: la conservazionista ugandese Gladys Kalema-Zikusoka ha pubblicato uno studio dimostrandone la scarsa efficacia: “La regola dei 7 metri di distanza è stata infranta il 98% delle volte, ma la cosa curiosa è che il 60% delle volte a infrangerla sono stati i turisti e il restante 40% i gorilla. Se non si può evitare una stretta interazione, una misura che potrebbe migliorare la sicurezza è l’obbligo per i turisti di indossare sempre le mascherine”.

La popolazione dei gorilla di montagna della regione ha subito un forte calo nel secolo scorso a causa del bracconaggio e delle malattie. Dal 1996 i gorilla di montagna sono inseriti fra le specie in via di estinzione, anche se il loro numero è ora considerato in crescita grazie agli sforzi di conservazione. Ma ci sono ancora perdite: alcuni esemplari muoiono per cause naturali, cadono dagli alberi o vengono uccisi nei furiosi combattimenti tra maschi per il territorio o per il dominio. In Ruanda, dove il turismo è la principale fonte di introito, le entrate sono fondamentali per proteggere i gorilla di montagna, poiché le autorità possono utilizzare parte del denaro per aiutare le comunità locali e investire in attività anti-bracconaggio.  “Penso che questo situazione potrebbe avere un impatto negativo: meno soldi significa meno controlli, e questo potrebbe alimentare il ritorno dei bracconieri”.

CORONAVIRUS
A Madrid si rischiano migliaia di morti
A Madrid si rischiano migliaia di morti
Braccio di ferro fra il governo centrale e le autorità cittadine sull’entità del lockdown, al momento imposto ad alcune zone. Situazione in rapido peggioramento anche nel resto d’Europa
«Si rischiano altri due milioni di morti»
«Si rischiano altri due milioni di morti»
L’allarme dell’OMS mentre le cifre globali superano i 32 milioni di casi e raggiungono un milione di decessi. Gli scienziati mettono in dubbio l’efficacia della prima generazione del vaccino
L’ottimismo di Trump, le paure degli esperti
L’ottimismo di Trump, le paure degli esperti
Neanche di fronte a 200mila morti e 7 milioni di contagi, il presidente cambia rotta: promette vaccini improbabili entro la data delle elezioni e minimizza il resto, convinto di aver salvato milioni di vite umane
Vaccino: le aziende svelano i protocolli di sperimentazione
Vaccino: le aziende svelano i protocolli di sperimentazione
Non era mai accaduto prima, che i colossi farmaceutici rivelassero i protocolli che stanno seguendo per arrivare al vaccino capace di sconfiggere il virus. Secondo le previsioni, non sarà pronto prima della prossima estate
UE, la seconda ondata è qui
UE, la seconda ondata è qui
Per quale motivo nel Vecchio Continente tutto è andato nuovamente male? Colpa delle vacanze, dell’abbassamento della soglia di attenzione e del rifiuto a osservare le norme sanitarie. E ora ne paghiamo le conseguenze
Regno Unito, lockdown per 10 milioni di persone
Regno Unito, lockdown per 10 milioni di persone
Uno dei tanti incubi peggiori di Boris Johnson si sta materializzando in queste ore: in diverse zone del Regno Unito torna il blocco completo
Ai Paesi ricchi la metà dei prossimi vaccini
Ai Paesi ricchi la metà dei prossimi vaccini
La denuncia dell’ong Oxfam, che svela i contratti faraonici di alcuni Paesi ricchi con più industrie farmaceutiche, per assicurarsi miliardi di dosi quando il vaccino sarà pronto
Allarme OMS: mai così tanti casi dall’inizio della pandemia
Allarme OMS: mai così tanti casi dall’inizio della pandemia
L’aumento sancisce il sempre più probabile inizio della temuta seconda ondata: Israele e Giacarta i primi due Paesi a tornare in lockdown
Un dicembre mortale
Un dicembre mortale
Al momento sono solo statistiche, previsioni e modelli matematici, ma non ce n’è uno che non preveda una nuova crescita di contagi e di morti in tutti gli Stati Uniti. Fauci conferma: “Sarà durissima”
Il virus torna alla carica
Il virus torna alla carica
Più di 96mila casi in India nel giro di 24 ore, il Portogallo vara nuove misure restrittive, Stati Uniti e Brasile primi per numero di morti. Per l’OMS serve uno sforzo economico maggiore, o non ne usciremo facilmente