Anthony Fauci: «Tornare alla normalità? Scordiamocelo»

| Il virologo a capo della task force della Casa Bianca, è convinto che il ritorno alla vita pre-pandemia sarà un percorso lungo e penoso: «Fin quando non troveremo un vaccino, non ce ne libereremo mai»

+ Miei preferiti
“Tornare alla normalità? Possiamo scordarcelo, tutti quanti, almeno fino a quando non sarà trovato un vaccino efficace”. Il dottor Anthony Fauci, l’eminente virologo che è riuscito a piegare perfino Donald Trump sulla pericolosità della pandemia, ha raggelato il mondo, quando durante il consueto briefing con la stampa alla Casa Bianca, un giornalista gli ha chiesto se fosse plausibile pensare ad un ritorno alla normalità graduale una volta superato il picco.

“Se mi sta chiedendo di ipotizzare un ritorno ad un’esistenza pre-coronavirus, ovvero vivere come se non ci fosse mai stato il problema, questo potrebbe non accadere mai, almeno nel medio termine, perché la minaccia del coronavirus rimarrà anche dopo l’approvazione dei vaccini e delle terapie: secondo il mio parere, il coronavirus riapparirà probabilmente ogni anno come uno spettro. Quindi torneremo gradualmente al punto in cui potremo funzionare come società, ma con molte meno libertà di prima”. Parole seguite comunque da un certo ottimismo, poiché diversi vaccini sono in preparazione e questo potrebbe almeno “scongiurare di tornare al punto drammatico in cui siamo ora”.

Secondo le previsioni degli esperti, gli Stati Uniti dovrebbero arrivare al picco intorno al 16 aprile, quando le previsioni parlano di oltre 3.000 morti in 24 ore e coincidono con limite massimo di utilizzo delle risorse degli ospedali, con la necessità di circa 25.000 ventilatori, 140.000 posti letto e 29.000 in terapia intensiva.

New York rimane l’epicentro dell’epidemia statunitense, con più di 131.000 infezioni e oltre 4.000 morti, ma Michigan, Louisiana e Georgia si preparano a diventare i prossimi hotspot americani della crisi. I meteorologi della University of Washington's School of Medicine hanno pubblicato domenica le stime aggiornate del coronavirus mostrando che il picco della pandemia potrebbe essere più veloce di quanto si pensasse inizialmente, stabilizzandosi nel mese di giugno.

CORONAVIRUS
Il lockdown ha salvato milioni di persone
Il lockdown ha salvato milioni di persone
Lo dice uno studio statistico realizzato da alcuni scienziati, che hanno confrontato le risposte sanitarie di alcuni fra i Paesi più colpiti dal virus: chi ha atteso i numeri bassi e chi invece ha fatto tutto troppo in fretta
Il virus è più aggressivo ma meno letale
Il virus è più aggressivo ma meno letale
I risultati d uno studio hanno individuato una nuova variante del Covid-19 da 3 a 9 volte più infettiva, ma meno letale di poche settimane fa
La bomba del Medioriente: virus, guerre e carestie
La bomba del Medioriente: virus, guerre e carestie
Il numero dei contagi è sottostimato, ma alle conseguenze di una pandemia inarrestabile si aggiungono crisi economiche e conflitti che stanno riducendo alla fame intere popolazioni
Australia, un focolaio nato da un accendino
Australia, un focolaio nato da un accendino
Diversi dipendenti di un hotel sarebbero stati contagiati scambiandosi un semplice accendino. Preoccupazione nel paese per l’aumento dei casi
Brasile, la pandemia inarrestabile
Brasile, la pandemia inarrestabile
Il paese guida il Sudamerica per casi accertati e morti, puntando sempre più il dito verso le idee negazioniste del presidente Bolsonaro
USA: la pandemia è un disastro totale
USA: la pandemia è un disastro totale
Scelte e decisioni sbagliate, fretta nel riaprire e pressioni di Trump hanno riacceso l’allarme nei 50 stati: i casi sono in aumento e secondo gli esperti i contagiati sarebbero ormai oltre 24 milioni
La lezione di Djokovic al mondo
La lezione di Djokovic al mondo
L’Adria Tour di Tennis, il torneo benefico voluto dal campione serbo, si è trasformato in un nuovo focolaio. Un monito per i paesi che continuano ad allentare le restrizioni, e assistono ad aumento dei casi di infezione
Un nemico formidabile
Un nemico formidabile
Una mutazione scoperta di recente spiega perché il virus continua a mietere vittime e a preoccupare: sconfiggerlo non sarà una battaglia semplice e soprattutto breve
Il virus sta mutando (in meglio)
Il virus sta mutando (in meglio)
Nel più classico stile di comportamento, il Covid-19 si starebbe adattando all’ospite umano depotenziandosi, quindi senza ucciderlo. Le conclusioni di uno studio scientifico
Mezzo mondo ancora ostaggio del virus
Mezzo mondo ancora ostaggio del virus
Se nei paesi più colpiti il Covid-19 ha allentato la sua morsa di morti e contagi, ma in Sud America, Medio Oriente e Africa i dati sono ancora in crescita, e il picco è ancora lontano