Apocalypse America

| In una riunione a porte chiuse, a Washington si sono ipotizzati diversi scenari di contagio: nel peggiore dei casi, 214 milioni di americani infettati e 1,7 milioni di morti

+ Miei preferiti
Secondo il “New York Times”, qualche settimana fa si sarebbe tenuta una riunione a porte chiuse tra i vertici del “CDC” (Centers for Disease Control and Prevention) e decine di esperti epidemiologici provenienti da tutto il mondo. Uno dei principali epidemiologi del CDC ha illustrato quattro scenari - chiamati A, B, C e D - per mostrare i possibili modi in cui il virus potrebbe diffondersi fra la popolazione statunitense.

Nel peggiore dei casi, fino al 65% degli americani potrebbe essere infettato dal coronavirus, in pratica fra 160 e 214 milioni di persone. E anche se le misure di contenimento più restrittive iniziassero oggi, tre milioni di americani non sfuggirebbero al virus.

Nella riunione sono stati analizzati i diversi aspetti della pandemia, del modo in cui il virus si è diffuso attraverso i paesi che stanno vivendo momenti difficili, delle risorse sanitarie in dotazione e l’effetto che avrà la chiusura delle scuole. “Stiamo facendo molta, molta attenzione per assicurarci di avere un modello scientificamente valido che descriva correttamente il decorso della pandemia - ha commentato Ira Longini, uno dei massimi esperti di epidemiologia - se si esagera si va nel panico. Bisogna stare attenti”.

Nei quattro diversi scenari, si suppone che ogni persona a cui viene diagnosticato il coronavirus ne infetti altre due o tre: in una delle ipotesi peggiori, ben 214 milioni di persone potrebbero essere ricoverate in ospedale, con 1,7 milioni di decessi. Lo scenario è particolarmente difficile se si considera che negli Stati Uniti ci sono solo poco più di 924mila posti letto ospedalieri, secondo l’American Hospital Association.

Il NYTimes è riuscito ad ottenere degli screenshot della riunione del CDC che non sono stati rivelati al grande pubblico: “Gli scenari considerati validi fino al 28 febbraio sono più o meno gli stessi di oggi. Tuttavia, in tutti gli Stati Uniti, aziende, città e stati hanno adottato misure per cercare di contenere il crescente numero di casi. Questo include il lavoro da casa, il divieto di eventi e raduni e le restrizioni di viaggio. Anche l’NBA e l’NHL hanno sospeso i campionati, il Metropolitan Museum of Art e Disneyland sono temporaneamente chiusi, i teatri di Broadway oscurati e le scuole e i college hanno adottato le lezioni online. Ma difficilmente basterà.

Galleria fotografica
Apocalypse America - immagine 1
CORONAVIRUS
Repubblica Ceca, dove la pandemia è un disastro
Repubblica Ceca, dove la pandemia è un disastro
Una serie di passi falsi, di decisioni sbagliate prese in vista delle elezioni, di riluttanza e lentezza, hanno trascinato il Paese europeo in una situazione di enorme gravità
Giappone, il Paese più in ritardo al mondo nei vaccini
Giappone, il Paese più in ritardo al mondo nei vaccini
Malgrado l’avvicinarsi delle Olimpiadi, finora sarebbero state inoculate solo 18mila dosi. Il problema risale a due casi di diversi anni fa, che da allora hanno minato la fiducia dei giapponesi nei vaccini
Israele allenta le restrizioni
Israele allenta le restrizioni
Dopo ulteriori analisi hanno accertato che il vaccino Pfizer è efficace al 95,8% contro le forme più gravi del virus, Israele inizia ad assaporare un graduale ma confortante ritorno alla normalità
GB, polemiche per la quarantena a pagamento
GB, polemiche per la quarantena a pagamento
Chi arriva dai Paesi inseriti nella “red list” sarà obbligato a due settimane di soggiorno in albergo, con 2 tamponi e controlli ferrei, spendendo di tasca propria 2.000 euro circa
Il team dell’OMS: 12 ceppi di virus prima di dicembre 2019
Il team dell’OMS: 12 ceppi di virus prima di dicembre 2019
È il primo, fondamentale risultato della missione scientifica a Wuhan: i casi non erano concentrati in focolai, ma sparsi in tutta la regione. Attesa per una seconda missione, che vorrebbe avere accesso a 200mila campioni di sangue
I problemi del vaccino AstraZeneca preoccupano il mondo
I problemi del vaccino AstraZeneca preoccupano il mondo
È il più economico e facile da trasportare, quello su cui l’OMS puntava per distribuirlo in modo massiccio ai paesi poveri. Ma uno studio sembra confermare la scarsa copertura contro le nuove varianti del virus
Spagna, gli ascensori Covid-killer
Spagna, gli ascensori Covid-killer
Il virus si era annidato nei due ascensori di un condominio di Bilbao: 5 morti e 33 persone contagiate
La carica dei vaccini
La carica dei vaccini
Guida ragionata gli immunizzanti in arrivo: visto nel suo complesso, l’enorme sforzo medico, biologico e produttivo dovrebbe raggiungere il pieno verso fine anno
Dubai, l’equilibrio fra salute ed economia?
Dubai, l’equilibrio fra salute ed economia?
Il Paese ha riaperto al turismo attirando migliaia di europei, ma i casi di Covid sono in aumento. Eppure, le autorità non hanno intenzione di chiudere, cercando di raggiungere un difficile compromesso
La ricetta anglosassone: il cocktail di vaccini
La ricetta anglosassone: il cocktail di vaccini
Al momento, il mix di due vaccini diversi per la prima e la seconda dose è in fase di sperimentazione, ma gli scienziati inglesi sono fiduciosi: per l’Ebola ha funzionato