Apocalypse America

| In una riunione a porte chiuse, a Washington si sono ipotizzati diversi scenari di contagio: nel peggiore dei casi, 214 milioni di americani infettati e 1,7 milioni di morti

+ Miei preferiti
Secondo il “New York Times”, qualche settimana fa si sarebbe tenuta una riunione a porte chiuse tra i vertici del “CDC” (Centers for Disease Control and Prevention) e decine di esperti epidemiologici provenienti da tutto il mondo. Uno dei principali epidemiologi del CDC ha illustrato quattro scenari - chiamati A, B, C e D - per mostrare i possibili modi in cui il virus potrebbe diffondersi fra la popolazione statunitense.

Nel peggiore dei casi, fino al 65% degli americani potrebbe essere infettato dal coronavirus, in pratica fra 160 e 214 milioni di persone. E anche se le misure di contenimento più restrittive iniziassero oggi, tre milioni di americani non sfuggirebbero al virus.

Nella riunione sono stati analizzati i diversi aspetti della pandemia, del modo in cui il virus si è diffuso attraverso i paesi che stanno vivendo momenti difficili, delle risorse sanitarie in dotazione e l’effetto che avrà la chiusura delle scuole. “Stiamo facendo molta, molta attenzione per assicurarci di avere un modello scientificamente valido che descriva correttamente il decorso della pandemia - ha commentato Ira Longini, uno dei massimi esperti di epidemiologia - se si esagera si va nel panico. Bisogna stare attenti”.

Nei quattro diversi scenari, si suppone che ogni persona a cui viene diagnosticato il coronavirus ne infetti altre due o tre: in una delle ipotesi peggiori, ben 214 milioni di persone potrebbero essere ricoverate in ospedale, con 1,7 milioni di decessi. Lo scenario è particolarmente difficile se si considera che negli Stati Uniti ci sono solo poco più di 924mila posti letto ospedalieri, secondo l’American Hospital Association.

Il NYTimes è riuscito ad ottenere degli screenshot della riunione del CDC che non sono stati rivelati al grande pubblico: “Gli scenari considerati validi fino al 28 febbraio sono più o meno gli stessi di oggi. Tuttavia, in tutti gli Stati Uniti, aziende, città e stati hanno adottato misure per cercare di contenere il crescente numero di casi. Questo include il lavoro da casa, il divieto di eventi e raduni e le restrizioni di viaggio. Anche l’NBA e l’NHL hanno sospeso i campionati, il Metropolitan Museum of Art e Disneyland sono temporaneamente chiusi, i teatri di Broadway oscurati e le scuole e i college hanno adottato le lezioni online. Ma difficilmente basterà.

Galleria fotografica
Apocalypse America - immagine 1
CORONAVIRUS
La virologa cinese fuggita per raccontare la verità
La virologa cinese fuggita per raccontare la verità
Alla dottoressa Li-Meng Yan è stato chiesto di indagare su un nuovo virus, ma di considerare segreti i risultati. Terrorizzata all’idea di quanto poteva succedere, lei ha raccontato tutto ad un blogger e ha chiesto protezione in America
Il virus torna a far paura
Il virus torna a far paura
Un nuovo aumento dei casi si registra in tutto il mondo: gli Stati Uniti continuano a guidare la classifica, ma altri Paesi non sono messi meglio
L’OMS: «Non siamo ancora al picco»
L’OMS: «Non siamo ancora al picco»
In un solo weekend raggiunti i 400mila casi a livello globale, quanti registrati in precedenza in 12 settimane. L’Organizzazione Mondiale della Sanità ammette: “Non è ancora finita”
GB, il ritorno nei pub e le prime conseguenze
GB, il ritorno nei pub e le prime conseguenze
Dopo il Super Saturday di riapertura, diversi locali costretti a chiudere per via di clienti risultati positivi al test
USA: il virus non molla
USA: il virus non molla
Basta un allentamento delle misure di contenimento perché il numero di casi schizzi alle stelle con migliaia di nuovi infetti. Ed è solo la prima ondata
Australia, torna il lockdown per 6,6 milioni di persone
Australia, torna il lockdown per 6,6 milioni di persone
Lo stato di Victoria sta per blindare i propri confini dopo un aumento di casi che fa temere l'inizio della seconda ondata
Il lockdown ha salvato milioni di persone
Il lockdown ha salvato milioni di persone
Lo dice uno studio statistico realizzato da alcuni scienziati, che hanno confrontato le risposte sanitarie di alcuni fra i Paesi più colpiti dal virus: chi ha atteso i numeri bassi e chi invece ha fatto tutto troppo in fretta
Il virus è più aggressivo ma meno letale
Il virus è più aggressivo ma meno letale
I risultati d uno studio hanno individuato una nuova variante del Covid-19 da 3 a 9 volte più infettiva, ma meno letale di poche settimane fa
La bomba del Medioriente: virus, guerre e carestie
La bomba del Medioriente: virus, guerre e carestie
Il numero dei contagi è sottostimato, ma alle conseguenze di una pandemia inarrestabile si aggiungono crisi economiche e conflitti che stanno riducendo alla fame intere popolazioni
Australia, un focolaio nato da un accendino
Australia, un focolaio nato da un accendino
Diversi dipendenti di un hotel sarebbero stati contagiati scambiandosi un semplice accendino. Preoccupazione nel paese per l’aumento dei casi