Australia, torna il lockdown per 6,6 milioni di persone

| Lo stato di Victoria sta per blindare i propri confini dopo un aumento di casi che fa temere l'inizio della seconda ondata

+ Miei preferiti
Alle 23:59 ora locale di domani, per 6,6 milioni di abitanti dello stato di Victoria scatterà il lockdown imposto dal governo australiano. Una misura drastica resa necessaria per controllare un’epidemia di coronavirus che ha colpito la città di Melbourne. Dall’inizio della pandemia, è la prima volta che il confine tra Victoria e New South Wales - i due stati più popolosi dell'Australia - sarà chiuso, come annunciato lunedì il premier Daniel Andrews.

È previsto il dispiegamento di esercito e polizia lungo la linea di confine, con l’ordine di controllare tutti e permettere a pochi il passaggio.

Lo stato di Victoria ha lottato per contenere una seconda ondata di casi di coronavirus, ma la settimana scorsa è scoppiato uno scandalo che aveva come epicentro un hotel utilizzato per la quarantena in cui non solo non venivano più seguite le misure di contenimento, ma pare fosse prassi assai comune il sesso con persone in isolamento.

Domenica, lo stato di Victoria ha registrato il picco più alto, con 127 nuovi casi al giorno, di cui 16 all’interno di nove complessi residenziali pubblici densamente popolati: un’ondata di casi ha costretto le autorità a costringere all’isolamento totale i 3.000 residenti del complesso. Tutti i residenti sono stati sottoposti a screening e finora sono stati condotti 398 test con 53 casi positivi.

Secondo i dati della John Hopkins University, l’Australia ha registrato più di 8.500 casi e 106 decessi, mentre nel solo stati di Victoria i casi sono stati 2.663, con 22 vittime.

Fra i due stati confinanti ci sono 55 passaggi possibili, fra cui quattro lungo le autostrade principali, 33 ponti e due corsi d’acqua: chi ha necessità di attraversarli o lavora in un altro stato, potrà richiedere un permesso.

Secondo una nota del governo del New South Wales, tutti i viaggiatori di ritorno da Melbourne e dallo Stato di Victoria saranno obbligati a 14 giorni di autoisolamento, o ad affrontare pesanti sanzioni. Non è ancora chiaro come la decisione avrà un impatto sulle numerose comunità di confine, né sulla costituzionalità della chiusura dei confini.

CORONAVIRUS
Europa, crescono i casi
Europa, crescono i casi
Si teme l’inizio della “seconda ondata”, con 5.760 nuovi casi registrati nel vecchio continente. La situazione più preoccupante in Spagna, ma la soglia di attenzione è alta anche in Italia, Germania, Francia, Grecia e Finlandia
GB, la risposta al virus si complica
GB, la risposta al virus si complica
Scelte cervellotiche, indecisioni e incongruenze: il governo Johnson accusato di avventatezza dai tre Paesi che compongono il Regno Unito
«In America è l’inizio di una nuova fase»
«In America è l’inizio di una nuova fase»
La dottoressa Deborah Birx ammonisce: nessuno può sentirsi al sicuro, anche se vive in campagna. Preoccupano i nuovi focolai, improvvisi e violentissimi, e soprattutto previsioni che parlano di 330 mila morti entro la fine dell’anno
Australia: lo stato di Victoria torna in lockdown
Australia: lo stato di Victoria torna in lockdown
L’impennata dei casi ha fatto scattare un periodo di blocco di almeno sei settimane. In vigore il coprifuoco dalle 20 alle 5 del mattino
USA: 150mila morti, e non è ancora finita
USA: 150mila morti, e non è ancora finita
Anche se il numero di casi a livello nazionale è in leggera flessione, gli esperti invitano a non farsi illusioni: senza reazioni forti e decise il numero di morti aumenterà ancora
USA: 18 medici contagiati dopo una festa
USA: 18 medici contagiati dopo una festa
È accaduto alla University of Florida Health, e secondo gli esperti è una leggerezza che dimostra la scarsa attenzione degli americani verso i pericoli del coronavirus
Vietnam: 80mila turisti evacuati dopo 3 casi confermati
Vietnam: 80mila turisti evacuati dopo 3 casi confermati
Da alcuni considerato perfino esagerato, il Paese asiatico reagisce con straordinaria celerità temendo il peggio. Un atteggiamento che ha permesso di contenere numero di contagi e vittime
L’Europa teme la seconda ondata
L’Europa teme la seconda ondata
Si alza l’allarme in Francia e Germania, con il numero di casi quotidiani in aumento. Preoccupazione dell’OMS, che invita a tenersi pronti per eventuali lockdown
La Cina in aiuto del Sudamerica
La Cina in aiuto del Sudamerica
Pechino offre un prestito di un miliardo di dollari ai paesi dell’America Latina e ai Caraibi per l’accesso al vaccino Covid-19
America: tutto da rifare
America: tutto da rifare
In una lettera aperta inviata alla classe politica, oltre 150 personalità americane chiedono il ritorno del lockdown per ricominciare da capo nella lotta al Covid