Australia, un focolaio nato da un accendino

| Diversi dipendenti di un hotel sarebbero stati contagiati scambiandosi un semplice accendino. Preoccupazione nel paese per l’aumento dei casi

+ Miei preferiti
Se tutto fosse confermato, sarebbe la prova di quanto cattivo e aggressivo sia ancora il virus che ha costretto il mondo a vivere la pandemia. Secondo un comunicato di Daniel Andrews, premier dello stato di Vittoria, in Australia, sarebbe esploso un focolaio fra gli impiegati di un albergo di Melbourne, causato dal semplice e banalissimo scambio di un accendino. Il premier si è detto assai preoccupato per 49 nuovi casi registrati nel Paese, tanto da pensare a nuove chiusure. “Per quel che sappiamo, alcuni di questi casi potrebbero essere originati dallo scambio di un accendino fra alcune persone, che pur mantenendo il distanziamento sociale, hanno usato lo stesso oggetto per accendere le sigarette. Questi gesti all’apparenza innocenti sono in grado di trasmettere il virus e dimostrano quanto sia contagioso”.

Il responsabile federale di medicina, Michael Kidd, non crede che i nuovi casi rappresentino una seconda ondata, ma parla di prevedibile aumento dei casi in quanto alcuni focolai sono ancora attivi. Nelle ultime 24 ore, in  Australia si sono registrati 53 casi (compresi i 49 dello stato di Victoria), con 11 persone in ospedale e un solo paziente in terapia intensiva.

CORONAVIRUS
La virologa cinese fuggita
per raccontare la verità
La virologa cinese fuggita<br>per raccontare la verità
Alla dottoressa Li-Meng Yan è stato chiesto di indagare su un nuovo virus, ma di considerare segreti i risultati. Terrorizzata all’idea di quanto poteva succedere, lei ha raccontato tutto ad un blogger e ha chiesto protezione in America
L’OMS: «Non siamo ancora al picco»
L’OMS: «Non siamo ancora al picco»
In un solo weekend raggiunti i 400mila casi a livello globale, quanti registrati in precedenza in 12 settimane. L’Organizzazione Mondiale della Sanità ammette: “Non è ancora finita”
GB, il ritorno nei pub e le prime conseguenze
GB, il ritorno nei pub e le prime conseguenze
Dopo il Super Saturday di riapertura, diversi locali costretti a chiudere per via di clienti risultati positivi al test
USA: il virus non molla
USA: il virus non molla
Basta un allentamento delle misure di contenimento perché il numero di casi schizzi alle stelle con migliaia di nuovi infetti. Ed è solo la prima ondata
Australia, torna il lockdown per 6,6 milioni di persone
Australia, torna il lockdown per 6,6 milioni di persone
Lo stato di Victoria sta per blindare i propri confini dopo un aumento di casi che fa temere l'inizio della seconda ondata
Il lockdown ha salvato milioni di persone
Il lockdown ha salvato milioni di persone
Lo dice uno studio statistico realizzato da alcuni scienziati, che hanno confrontato le risposte sanitarie di alcuni fra i Paesi più colpiti dal virus: chi ha atteso i numeri bassi e chi invece ha fatto tutto troppo in fretta
Il virus è più aggressivo ma meno letale
Il virus è più aggressivo ma meno letale
I risultati d uno studio hanno individuato una nuova variante del Covid-19 da 3 a 9 volte più infettiva, ma meno letale di poche settimane fa
La bomba del Medioriente: virus, guerre e carestie
La bomba del Medioriente: virus, guerre e carestie
Il numero dei contagi è sottostimato, ma alle conseguenze di una pandemia inarrestabile si aggiungono crisi economiche e conflitti che stanno riducendo alla fame intere popolazioni
Brasile, la pandemia inarrestabile
Brasile, la pandemia inarrestabile
Il paese guida il Sudamerica per casi accertati e morti, puntando sempre più il dito verso le idee negazioniste del presidente Bolsonaro
USA: la pandemia è un disastro totale
USA: la pandemia è un disastro totale
Scelte e decisioni sbagliate, fretta nel riaprire e pressioni di Trump hanno riacceso l’allarme nei 50 stati: i casi sono in aumento e secondo gli esperti i contagiati sarebbero ormai oltre 24 milioni