BoJo e i suoi ministri sulla graticola

| La rivista scientifica "Lancet" attacca il premier, i ministri e i consigliere scientifici. Ma anche la stampa, la sanità nazionale e l’opinione pubblica schiumano rabbia

+ Miei preferiti
È dalle colonne di “The Lancet”, autorevole rivista scientifica inglese fondata nel 1823, che parte il più violento e diretto attacco alla politica di Boris Johnson. Richard Norton, il direttore, parla senza mezzi termini di “scandalo nazionale” per una situazione che si poteva e si doveva evitare. Nell’editoriale, il direttore firma un affondo durissimo: “Non dovremmo essere nella situazione in cui ci troviamo. L’ultima settimana di gennaio sapevamo quello che sarebbe accaduto, ma abbiamo sprecato l’intero mese di febbraio senza approfittarne per portarci avanti facendo test e procurandoci materiale protettivo. Non è stato fatto nulla. La strategia del governo è fallita, in parte perché i ministri, per ragioni che rimangono oscure, non hanno seguito immediatamente i consigli dell’OMS di fare test su ogni caso sospetto, di isolare e applicare la quarantena. Il governo adesso ha un piano di soppressione del coronavirus ma è arrivato troppo tardi, lasciando il servizio sanitario nazionale completamente impreparato”. Ma il direttore non si accontenta, facendo nomi e cognomi: “Chris Witty, consigliere medico capo, Patrick Vallance, consigliere capo scientifico: sono i due principali consulenti di Boris Johnson che non si sa in base a quali valutazioni scientifiche o quali pressioni politiche, hanno suggerito una campagna iniziale di “mitigazione” del virus, quindi di “contenimento”, per poi passare alla “soppressione”, chiudendo ogni cosa sul modello italiano, ma soltanto dopo la spaventosa previsione dell’Imperial College di 250mila morti entro agosto e ospedali al collasso se non fosse cambiato in fretta l’atteggiamento. Era stato Witty a descrivere la teoria dell’immunità di gregge, ovvero lasciare che l’80% della popolazione fosse infettata, poi smentito dal ministro della sanità Hancock che l’ha bollata come semplice “ipotesi scientifica”.

Il fondo prosegue citando alcune voci di medici e infermieri impegnati in prima linea negli ospedali: “È il caos, una carneficina, una crisi umanitaria senza precedenti: non siamo protetti, lo eravamo di più nelle zone di guerra. È un atteggiamento criminale: quando questa storia sarà finita, tutto il servizio sanitario nazionale dovrà risponderne in prima persona”.

E non va meglio neanche nei confronti di BoJo, positivo al tempone e confinato nei suoi appartamenti di Downing Street: contro il suo operato e l’inutile tempo perso si stanno scagliando con forza la comunità scientifica, la stampa e l’opinione pubblica, ed è fin troppo facile pronosticare che se i  numeri finali fossero quelli di un’ecatombe, la sua carriera politica potrebbe avviarsi alla prematura scomparsa, come presto potrebbe succedere a buona parte dei suoi connazionali.

CORONAVIRUS
Origine del Covid: scienza VS intelligence
Origine del Covid: scienza VS intelligence
Per la comunità scientifica è sempre più probabile che il virus sia passato all’uomo da un animale. Per gli analisti, al contrario, non c’è alcuna prova che scagioni i laboratori cinesi
Un terzo dei sopravvissuti al Covid accusa disturbi mentali
Un terzo dei sopravvissuti al Covid accusa disturbi mentali
Lo svela il più grande studio mai realizzato finora, che ha riscontrato numerosi casi di stress post-trumatico, ansia, disturbi dell’umore e, nelle forme più gravi, il rischio di ictus ischemici
Il Brasile ordina le riesumazioni
Il Brasile ordina le riesumazioni
Non c’è più posto per le salme, mentre il Paese diventa l’epicentro mondiale del virus con 12 milioni di contagi e 325mila morti. L’appello alle Nazioni Unite: “Aiutateci”
Serve una cooperazione mondiale contro i prossimi virus
Serve una cooperazione mondiale contro i prossimi virus
L’hanno chiesta Tedros, direttore generale dell’OMS, e Michel, presidente del Consiglio UE: finora, alla carta dei diritti e dei doveri hanno aderito 25 Paesi, ma mancano ancora le potenze mondiali
Il rapporto dell’OMS: il virus non è uscito da un laboratorio
Il rapporto dell’OMS: il virus non è uscito da un laboratorio
Arriva il documento finale dell’indagine condotta a Wuhan da 17 scienziati occidentali e altrettanti cinesi: poche le certezze e molte più delusioni. La Casa Bianca assai scettica
GB, da settembre via alla terza dose di vaccino
GB, da settembre via alla terza dose di vaccino
Già programmato un “richiamo” che dovrebbe garantire un periodo di immunizzazione ancora maggiore. Da lunedì scattano le prime concessioni di ritorno graduale alla normalità, che proseguiranno spedite
In 5.000 ad un concerto, l’esperimento di Barcellona
In 5.000 ad un concerto, l’esperimento di Barcellona
Un concerto dei “Love of Lesbian” è servito come esperimento: tracciamento e tampone all’ingresso, poi via libera a canti e balli con l’obbligo della mascherina. Se tutto va come nelle speranze, potrebbe aprirsi una nuova stagione
GB: decessi al minimo, la curva scende ancora
GB: decessi al minimo, la curva scende ancora
I primi effetti di una delle migliori campagne vaccinali del mondo si traducono in un calo dei decessi, dei casi e della pressione sui reparti di terapia intensiva del Paese
La terza ondata piega l’Europa
La terza ondata piega l’Europa
È la variante inglese, ormai la più diffusa, a riportare cifre di nuovi casi e decessi perfino più alti di un anno fa. E i Paesi europei si blindano, a cominciare dalla Francia
Il Brasile sprofonda nella seconda ondata
Il Brasile sprofonda nella seconda ondata
Una nuova variante accertata ai almeno sei stati travolge gli ospedali, sull’orlo del collasso. Bolsonaro incita a “non fare le femminucce” e le autorità sanitarie si disperano: “è una combinazione devastante”