BoJo e i suoi ministri sulla graticola

| La rivista scientifica "Lancet" attacca il premier, i ministri e i consigliere scientifici. Ma anche la stampa, la sanità nazionale e l’opinione pubblica schiumano rabbia

+ Miei preferiti
È dalle colonne di “The Lancet”, autorevole rivista scientifica inglese fondata nel 1823, che parte il più violento e diretto attacco alla politica di Boris Johnson. Richard Norton, il direttore, parla senza mezzi termini di “scandalo nazionale” per una situazione che si poteva e si doveva evitare. Nell’editoriale, il direttore firma un affondo durissimo: “Non dovremmo essere nella situazione in cui ci troviamo. L’ultima settimana di gennaio sapevamo quello che sarebbe accaduto, ma abbiamo sprecato l’intero mese di febbraio senza approfittarne per portarci avanti facendo test e procurandoci materiale protettivo. Non è stato fatto nulla. La strategia del governo è fallita, in parte perché i ministri, per ragioni che rimangono oscure, non hanno seguito immediatamente i consigli dell’OMS di fare test su ogni caso sospetto, di isolare e applicare la quarantena. Il governo adesso ha un piano di soppressione del coronavirus ma è arrivato troppo tardi, lasciando il servizio sanitario nazionale completamente impreparato”. Ma il direttore non si accontenta, facendo nomi e cognomi: “Chris Witty, consigliere medico capo, Patrick Vallance, consigliere capo scientifico: sono i due principali consulenti di Boris Johnson che non si sa in base a quali valutazioni scientifiche o quali pressioni politiche, hanno suggerito una campagna iniziale di “mitigazione” del virus, quindi di “contenimento”, per poi passare alla “soppressione”, chiudendo ogni cosa sul modello italiano, ma soltanto dopo la spaventosa previsione dell’Imperial College di 250mila morti entro agosto e ospedali al collasso se non fosse cambiato in fretta l’atteggiamento. Era stato Witty a descrivere la teoria dell’immunità di gregge, ovvero lasciare che l’80% della popolazione fosse infettata, poi smentito dal ministro della sanità Hancock che l’ha bollata come semplice “ipotesi scientifica”.

Il fondo prosegue citando alcune voci di medici e infermieri impegnati in prima linea negli ospedali: “È il caos, una carneficina, una crisi umanitaria senza precedenti: non siamo protetti, lo eravamo di più nelle zone di guerra. È un atteggiamento criminale: quando questa storia sarà finita, tutto il servizio sanitario nazionale dovrà risponderne in prima persona”.

E non va meglio neanche nei confronti di BoJo, positivo al tempone e confinato nei suoi appartamenti di Downing Street: contro il suo operato e l’inutile tempo perso si stanno scagliando con forza la comunità scientifica, la stampa e l’opinione pubblica, ed è fin troppo facile pronosticare che se i  numeri finali fossero quelli di un’ecatombe, la sua carriera politica potrebbe avviarsi alla prematura scomparsa, come presto potrebbe succedere a buona parte dei suoi connazionali.

CORONAVIRUS
Sudamerica, prossima tappa del virus
Sudamerica, prossima tappa del virus
Le scelte politiche e una povertà diffusa ostacolano la risposta di Covid-19 in America Latina. Molti i Paesi che fanno di testa propria, con contagi in forte aumento. Il caso diverso del Costa Rica
La conversione di un complottista
La conversione di un complottista
Un uomo di 46 anni che non credeva al coronavirus, considerato una fake news messa in giro ad arte, è finito in ospedale per contagio insieme alla moglie. Lui se l’è cavata, lei invece rischia ancora la vita
Il genocidio di una generazione
Il genocidio di una generazione
Il mondo ha sacrificato gli anziani nella corsa per proteggere gli ospedali. Il risultato è stata una catastrofe di proporzioni enormi che ha avuto come epicentro le case di riposo
Uno studio fissa la fine del Covid-19
Uno studio fissa la fine del Covid-19
Secondo un modello matematico messo a punto da un grippo di scienziati di Singapore, l’Italia sarebbe fuori dall’incubo il prossimo 24 ottobre. Ma poi precisano: si tratta di ipotesi
Brasile, la strage delle tribù amazzoniche
Brasile, la strage delle tribù amazzoniche
Le comunità che vivono nelle più remote regioni della foresta amazzonica minacciate dalla pandemia: mentre il numero di morti e di infezioni continua a salire, nessuno se ne occupa
Estate 2020, il caos in spiaggia
Estate 2020, il caos in spiaggia
Qualcuno continua a vietarle, altri provano ad aprirle e tornano a impedirne l’accesso, altre ancora propongono soluzioni nel tentativo disperato di salvare la stagione e accontentare i turisti. Ma non sarà facile
Non siete i benvenuti: i villaggi scozzesi contro i turisti
Non siete i benvenuti: i villaggi scozzesi contro i turisti
Gli abitanti di minuscoli e affascinanti borghi della Scozia continuano a bloccare le strade di accesso invitando i turisti a tornare a casa propria
Vaccino: trovati anticorpi sufficienti per prevenire il virus
Vaccino: trovati anticorpi sufficienti per prevenire il virus
La società americana Moderna annuncia che la prima fase di test sull’uomo di un vaccino allo studio sta dando risultati molto confortanti. A luglio parte una seconda fase pe stabilire sicurezza ed efficacia
Il mondo vuole un’inchiesta
Il mondo vuole un’inchiesta
Sono ormai più di 100, compresi alleati storici come la Russia, i Paesi pronti a chiedere una ricerca indipendente che faccia piena luce sulla pandemia: dalle origini alla diffusione, dai silenzi agli insabbiamenti. E Pechino trema
Dopo le bugie, arriverà una seconda ondata in Cina
Dopo le bugie, arriverà una seconda ondata in Cina
Zhong Nanshan, massimo esperto cinese, è convinto che la mancanza di immunità sulla popolazione avrà serie conseguenze. E ammette anche le bugie raccontate nelle fasi iniziali