BoJo VS coronavirus

| Costretto ad agire, il premier inglese continua a sottostimare i pericoli per la popolazione mentre da più parti lo invitano ad agire in fretta, prima che sia troppo tardi

+ Miei preferiti
Come potrebbe accadere a Trump dall’altra parte dell’oceano, anche all’altrettanto biondo Boris Johnson la pandemia potrebbe costare molto cara. Da più parti è accusato di aver sottostimato i pericoli per la popolazione, e perfino di voler calmierare gli sforzi di contenimento di Scozia e Irlanda. Meglio tardi che mai, il premier ha presieduto il comitato di emergenza “Cobra” per studiare la tattiche del Regno Unito, passate dal “contenere” l’epidemia al “ritardare” un’inevitabile diffusione.

Il numero di casi nel Regno Unito iniziano a parlare chiaro: in meno di 24 ore 130 contagi e 10 morti in più, con gli esperti che si preparano ad affrontare le conseguenze quando la stragrande maggioranza della popolazione finirà per infettarsi e rallentare l’epidemia sarà fondamentale per evitare che il servizio sanitario nazionale collassi, come sta accadendo in Italia. 

L’approccio è in netto contrasto con paesi come l’Irlanda, che questa mattina ha annunciato che chiuderà tutte le scuole e i college e vieterà gli incontri di massa. Al primo segno di scissione all’interno del Regno Unito, anche la Sturgeon ha dichiarato che la Scozia cancellerà gli eventi con più di 500 persone a partire dall’inizio della prossima settimana.

Johnson sembra invece determinato a dare una risposta limitata, chiedendo a chi accusa raffreddore e un po’ di febbre di isolarsi in autoquarantena. Una leggerezza contro cui ha tuonato l’ex ministro del Gabinetto Rory Stewart, che ha ricordato al premier “che senza un’azione rapida e incisiva, entro i prossimi 24 giorni nel Regno Unito potrebbero esserci 100mila casi. Dovremmo mostrare un po’ di umiltà, imparare dagli altri e agire subito”.

Per combattere quella che ora è ufficialmente una pandemia globale, il governo ha stanziato 5 miliardi di sterline, mentre migliaia di aziende saranno obbligate a ferie forzate per scongiurare il rischio di bancarotta.

CORONAVIRUS
Australia, torna il lockdown
per 6,6 milioni di persone
Australia, torna il lockdown<br>per 6,6 milioni di persone
Lo stato di Victoria sta per blindare i propri confini dopo un aumento di casi che fa temere l'inizio della seconda ondata
Il lockdown ha salvato milioni di persone
Il lockdown ha salvato milioni di persone
Lo dice uno studio statistico realizzato da alcuni scienziati, che hanno confrontato le risposte sanitarie di alcuni fra i Paesi più colpiti dal virus: chi ha atteso i numeri bassi e chi invece ha fatto tutto troppo in fretta
Il virus è più aggressivo ma meno letale
Il virus è più aggressivo ma meno letale
I risultati d uno studio hanno individuato una nuova variante del Covid-19 da 3 a 9 volte più infettiva, ma meno letale di poche settimane fa
La bomba del Medioriente: virus, guerre e carestie
La bomba del Medioriente: virus, guerre e carestie
Il numero dei contagi è sottostimato, ma alle conseguenze di una pandemia inarrestabile si aggiungono crisi economiche e conflitti che stanno riducendo alla fame intere popolazioni
Australia, un focolaio nato da un accendino
Australia, un focolaio nato da un accendino
Diversi dipendenti di un hotel sarebbero stati contagiati scambiandosi un semplice accendino. Preoccupazione nel paese per l’aumento dei casi
Brasile, la pandemia inarrestabile
Brasile, la pandemia inarrestabile
Il paese guida il Sudamerica per casi accertati e morti, puntando sempre più il dito verso le idee negazioniste del presidente Bolsonaro
USA: la pandemia è un disastro totale
USA: la pandemia è un disastro totale
Scelte e decisioni sbagliate, fretta nel riaprire e pressioni di Trump hanno riacceso l’allarme nei 50 stati: i casi sono in aumento e secondo gli esperti i contagiati sarebbero ormai oltre 24 milioni
La lezione di Djokovic al mondo
La lezione di Djokovic al mondo
L’Adria Tour di Tennis, il torneo benefico voluto dal campione serbo, si è trasformato in un nuovo focolaio. Un monito per i paesi che continuano ad allentare le restrizioni, e assistono ad aumento dei casi di infezione
Un nemico formidabile
Un nemico formidabile
Una mutazione scoperta di recente spiega perché il virus continua a mietere vittime e a preoccupare: sconfiggerlo non sarà una battaglia semplice e soprattutto breve
Il virus sta mutando (in meglio)
Il virus sta mutando (in meglio)
Nel più classico stile di comportamento, il Covid-19 si starebbe adattando all’ospite umano depotenziandosi, quindi senza ucciderlo. Le conclusioni di uno studio scientifico