BoJo VS coronavirus

| Costretto ad agire, il premier inglese continua a sottostimare i pericoli per la popolazione mentre da più parti lo invitano ad agire in fretta, prima che sia troppo tardi

+ Miei preferiti
Come potrebbe accadere a Trump dall’altra parte dell’oceano, anche all’altrettanto biondo Boris Johnson la pandemia potrebbe costare molto cara. Da più parti è accusato di aver sottostimato i pericoli per la popolazione, e perfino di voler calmierare gli sforzi di contenimento di Scozia e Irlanda. Meglio tardi che mai, il premier ha presieduto il comitato di emergenza “Cobra” per studiare la tattiche del Regno Unito, passate dal “contenere” l’epidemia al “ritardare” un’inevitabile diffusione.

Il numero di casi nel Regno Unito iniziano a parlare chiaro: in meno di 24 ore 130 contagi e 10 morti in più, con gli esperti che si preparano ad affrontare le conseguenze quando la stragrande maggioranza della popolazione finirà per infettarsi e rallentare l’epidemia sarà fondamentale per evitare che il servizio sanitario nazionale collassi, come sta accadendo in Italia. 

L’approccio è in netto contrasto con paesi come l’Irlanda, che questa mattina ha annunciato che chiuderà tutte le scuole e i college e vieterà gli incontri di massa. Al primo segno di scissione all’interno del Regno Unito, anche la Sturgeon ha dichiarato che la Scozia cancellerà gli eventi con più di 500 persone a partire dall’inizio della prossima settimana.

Johnson sembra invece determinato a dare una risposta limitata, chiedendo a chi accusa raffreddore e un po’ di febbre di isolarsi in autoquarantena. Una leggerezza contro cui ha tuonato l’ex ministro del Gabinetto Rory Stewart, che ha ricordato al premier “che senza un’azione rapida e incisiva, entro i prossimi 24 giorni nel Regno Unito potrebbero esserci 100mila casi. Dovremmo mostrare un po’ di umiltà, imparare dagli altri e agire subito”.

Per combattere quella che ora è ufficialmente una pandemia globale, il governo ha stanziato 5 miliardi di sterline, mentre migliaia di aziende saranno obbligate a ferie forzate per scongiurare il rischio di bancarotta.

CORONAVIRUS
Il virus è nato in laboratorio
Il virus è nato in laboratorio
È la clamorosa conclusione a cui sono giunti due scienziati, uno inglese e l’altro norvegese. In un dossier affermano di aver trovato le prove di una manipolazione genetica che nascondesse l’origine artificiale
Le conseguenze politiche del Covid
Le conseguenze politiche del Covid
Biden ordina agli 007 di stabilire le origini del coronavirus. Ne va della sua autorevolezza, ma se si scoprisse che è sfuggito da un laboratorio darebbe nuovo fiato alle teorie di Trump. A rimetterci sarà la credibilità dell’OMS
Un rapporto dell’intelligence americana getta nuovi dubbi sull’origine del virus
Un rapporto dell’intelligence americana getta nuovi dubbi sull’origine del virus
Alcuni dipendenti del laboratorio di Wuhan avrebbero sviluppato nel novembre 2019 sintomi di una misteriosa malattia che li ha costretti al ricovero
Il virus è uscito dal laboratorio di Wuhan?
Il virus è uscito dal laboratorio di Wuhan?
Un nuovo articolo, firmato da una ventina di esperti mondiali in virologia, non esclude la possibilità che la pandemia sia la conseguenza di un incidente
Covid-19, il caso delle Seychelles
Covid-19, il caso delle Seychelles
Malgrado oltre il 60% della popolazione sia stato vaccinato, nell’arcipelago le infezioni sono in aumento. Per gli esperti non è un’anomalia, perché casi gravi e decessi sono scomparsi. Ma è necessario non abbassare la guardia
L’Asia epicentro mondiale del virus
L’Asia epicentro mondiale del virus
Non c’è solo l’India, dove la situazione peggiora di giorno in giorno: anche diversi Paesi asiatici si ritrovano a fronteggiare un’ondata di casi che fa temere conseguenze disastrose per via dei fragili sistemi sanitari
Il mondo affronta la peggiore crisi dall’inizio della pandemia
Il mondo affronta la peggiore crisi dall’inizio della pandemia
Non doveva essere così: fin dall’inizio, l’OMS ha ammonito di pensare non solo a sé stessi ma anche ai Paesi più poveri, dove il virus può annidarsi, mutare e sopravvivere ancora. Ma quasi nessuno l’ha ascoltato
La pillola per curare il covid a casa
La pillola per curare il covid a casa
L’ha annunciato la “Pfizer”, che avrebbe allo studio una cura domestica da assumere all’insorgere dei primi sintomi. È un farmaco “inibitore della proteasi”: blocca l’enzima che permette al virus di svilupparsi
Ottimi risultati per il concerto sperimentale anti-covid
Ottimi risultati per il concerto sperimentale anti-covid
Diffusi i risultati degli accertamenti medici: solo 6 positivi, ma 4 sono stati infettati non quella sera. Una speranza concreta sulla strada della riapertura dei grandi eventi
Origine del Covid: scienza VS intelligence
Origine del Covid: scienza VS intelligence
Per la comunità scientifica è sempre più probabile che il virus sia passato all’uomo da un animale. Per gli analisti, al contrario, non c’è alcuna prova che scagioni i laboratori cinesi