BoJo VS coronavirus

| Costretto ad agire, il premier inglese continua a sottostimare i pericoli per la popolazione mentre da più parti lo invitano ad agire in fretta, prima che sia troppo tardi

+ Miei preferiti
Come potrebbe accadere a Trump dall’altra parte dell’oceano, anche all’altrettanto biondo Boris Johnson la pandemia potrebbe costare molto cara. Da più parti è accusato di aver sottostimato i pericoli per la popolazione, e perfino di voler calmierare gli sforzi di contenimento di Scozia e Irlanda. Meglio tardi che mai, il premier ha presieduto il comitato di emergenza “Cobra” per studiare la tattiche del Regno Unito, passate dal “contenere” l’epidemia al “ritardare” un’inevitabile diffusione.

Il numero di casi nel Regno Unito iniziano a parlare chiaro: in meno di 24 ore 130 contagi e 10 morti in più, con gli esperti che si preparano ad affrontare le conseguenze quando la stragrande maggioranza della popolazione finirà per infettarsi e rallentare l’epidemia sarà fondamentale per evitare che il servizio sanitario nazionale collassi, come sta accadendo in Italia. 

L’approccio è in netto contrasto con paesi come l’Irlanda, che questa mattina ha annunciato che chiuderà tutte le scuole e i college e vieterà gli incontri di massa. Al primo segno di scissione all’interno del Regno Unito, anche la Sturgeon ha dichiarato che la Scozia cancellerà gli eventi con più di 500 persone a partire dall’inizio della prossima settimana.

Johnson sembra invece determinato a dare una risposta limitata, chiedendo a chi accusa raffreddore e un po’ di febbre di isolarsi in autoquarantena. Una leggerezza contro cui ha tuonato l’ex ministro del Gabinetto Rory Stewart, che ha ricordato al premier “che senza un’azione rapida e incisiva, entro i prossimi 24 giorni nel Regno Unito potrebbero esserci 100mila casi. Dovremmo mostrare un po’ di umiltà, imparare dagli altri e agire subito”.

Per combattere quella che ora è ufficialmente una pandemia globale, il governo ha stanziato 5 miliardi di sterline, mentre migliaia di aziende saranno obbligate a ferie forzate per scongiurare il rischio di bancarotta.

CORONAVIRUS
Cina, un altro ospedale costruito in 5 giorni
Cina, un altro ospedale costruito in 5 giorni
È il primo di sei strutture che stanno nascendo in questi giorni nei dintorni di Pechino. A preoccupare le autorità un nuovo innalzamento dei casi di contagio
Il virus non sparirà mai
Il virus non sparirà mai
Le fosche previsioni del CEO di “Moderna”, secondo cui il Covid-19 è destinato a diventare una malattia endemica che circolerà a livelli molto bassi
Due milioni di morti, ma il numero è più alto
Due milioni di morti, ma il numero è più alto
Il triste primato raggiunto venerdì, mentre il virus si fa ovunque più aggressivo. Secondo gli esperti le vittime del Covid-19 sono molte di più
La difficile missione del team OMS in Cina
La difficile missione del team OMS in Cina
Controllati notte e giorno da funzionari cinesi, i 15 esperti inviati a Wuhan per indagare sulle origini del Covid-19 non avranno vita facile. Due sono stati bloccati perché positivi ai test, gli altri costretti alla quarantena
Il vaccino cinese è meno efficace del previsto?
Il vaccino cinese è meno efficace del previsto?
Salgono le preoccupazioni a livello internazionale dopo i risultati di alcuni test effettuati in Brasile: si parla di poco più del 50% contro il 78% annunciato in precedenza
La Cina vieta l’ingresso alle squadre dell’OMS
La Cina vieta l’ingresso alle squadre dell’OMS
Dopo lunghi mesi di trattative, Pechino aveva concesso l’ingresso ad un team internazionale di esperti incaricato di scoprire l’origine del virus. Ma è stato revocato all'ultimo istante
L’apartheid del vaccino
L’apartheid del vaccino
Anche i Paesi che hanno ospitato gli esperimenti sui vaccini - come l’Argentina, il Sudafrica, il Brasile e la Turchia - non riceveranno forniture adeguate
I piani vaccinali fanno tremare i governi
I piani vaccinali fanno tremare i governi
Malgrado la corsa spasmodica delle forniture, sono diversi i Paesi in cui la più grande campagna vaccinale della storia stenta a partire. Fra i più ritardatari la Francia
Cina e Russia, più vittime di quanto ammesso
Cina e Russia, più vittime di quanto ammesso
I numeri dei decessi nei due Paesi sarebbero molto più alti di quelli dichiarati ufficialmente. A Wuhan almeno 500 mila persone sarebbero morte in questi mesi, mentre in Russia le vittime sarebbero 186mila
Un anno di Coronavirus, e quello che ancora non sappiamo
Un anno di Coronavirus, e quello che ancora non sappiamo
La straordinaria corsa del pianeta verso il vaccino non ha comunque risolto diversi dubbi: dove è nato, quanto sono efficaci i vaccini e quando finirà tutto questo