Brasile, la pandemia inarrestabile

| Il paese guida il Sudamerica per casi accertati e morti, puntando sempre più il dito verso le idee negazioniste del presidente Bolsonaro

+ Miei preferiti
Gli esperti concordano: i 63mila contagi quotidiani e quasi 120mila morti non sono ancora il picco del virus in Brasile. Malgrado il Paese guidi la triste classifica dei Paesi sudamericani alle prese con la pandemia, seguito a ruota da Perù, Cile, Messico, Colombia, Ecuador, Argentina, repubblica Dominicana, Panama e Bolivia, l’OMS ha ribadito che la situazione è in “piena evoluzione” e di conseguenza, “la circostanza potrebbe tradursi in un aumento del 15% di nuovi casi e del 10% di decessi nel continente sudamericano. Per il resto del mondo l’aumento è del 13% per i nuovi casi e dell’8 per i decessi”. Il primo caso di Codiv-19 nel Paese è stato confermato il 25 febbraio scorso: al 27 giugno, i casi sfioravano il milione e trecentomila, trasformando il Paese sudamericano nel secondo più colpito dopo gli Stati Uniti. Sul banco degli imputati è finita la scarsa reazione del presidente Bolsonaro, uno dei più duri esponenti del negazionismo del virus.

A livello globale, i casi di contagio registrati ufficialmente in 196 Paesi hanno raggiunto la cifra spaventosa di 10 milioni, con quasi 5 milioni di malati. Dall’inizio dell’epidemia, il Codiv-19 ha ucciso quasi mezzo milione di persone.

CORONAVIRUS
L’OMS: «Non siamo ancora al picco»
L’OMS: «Non siamo ancora al picco»
In un solo weekend raggiunti i 400mila casi a livello globale, quanti registrati in precedenza in 12 settimane. L’Organizzazione Mondiale della Sanità ammette: “Non è ancora finita”
GB, il ritorno nei pub e le prime conseguenze
GB, il ritorno nei pub e le prime conseguenze
Dopo il Super Saturday di riapertura, diversi locali costretti a chiudere per via di clienti risultati positivi al test
USA: il virus non molla
USA: il virus non molla
Basta un allentamento delle misure di contenimento perché il numero di casi schizzi alle stelle con migliaia di nuovi infetti. Ed è solo la prima ondata
Australia, torna il lockdown per 6,6 milioni di persone
Australia, torna il lockdown per 6,6 milioni di persone
Lo stato di Victoria sta per blindare i propri confini dopo un aumento di casi che fa temere l'inizio della seconda ondata
Il lockdown ha salvato milioni di persone
Il lockdown ha salvato milioni di persone
Lo dice uno studio statistico realizzato da alcuni scienziati, che hanno confrontato le risposte sanitarie di alcuni fra i Paesi più colpiti dal virus: chi ha atteso i numeri bassi e chi invece ha fatto tutto troppo in fretta
Il virus è più aggressivo ma meno letale
Il virus è più aggressivo ma meno letale
I risultati d uno studio hanno individuato una nuova variante del Covid-19 da 3 a 9 volte più infettiva, ma meno letale di poche settimane fa
La bomba del Medioriente: virus, guerre e carestie
La bomba del Medioriente: virus, guerre e carestie
Il numero dei contagi è sottostimato, ma alle conseguenze di una pandemia inarrestabile si aggiungono crisi economiche e conflitti che stanno riducendo alla fame intere popolazioni
Australia, un focolaio nato da un accendino
Australia, un focolaio nato da un accendino
Diversi dipendenti di un hotel sarebbero stati contagiati scambiandosi un semplice accendino. Preoccupazione nel paese per l’aumento dei casi
USA: la pandemia è un disastro totale
USA: la pandemia è un disastro totale
Scelte e decisioni sbagliate, fretta nel riaprire e pressioni di Trump hanno riacceso l’allarme nei 50 stati: i casi sono in aumento e secondo gli esperti i contagiati sarebbero ormai oltre 24 milioni
La lezione di Djokovic al mondo
La lezione di Djokovic al mondo
L’Adria Tour di Tennis, il torneo benefico voluto dal campione serbo, si è trasformato in un nuovo focolaio. Un monito per i paesi che continuano ad allentare le restrizioni, e assistono ad aumento dei casi di infezione