California lockdown

| Il popoloso stato patria delle libertà ha deciso di chiudere tutte le attività non basilari per lasciare aperti soltanto i servizi essenziali. È il primo stato americano

+ Miei preferiti
Il “Golden State”, la California, con 40 milioni di abitanti lo stato più popoloso d’America, è anche il primo a decretare il lockdown completo. A convincere il governatore Gavin Newsom 900 contagi e 19 morti, ma soprattutto la nefasta previsione che nel giro di due mesi potrebbe portare la metà della popolazione ad essere contagiata.

Il blocco è entrato in vigore alla mezzanotte di giovedì: da quel momento i californiani, come molti altri cittadini di paesi diversi del mondo, non devono uscire di casa se non per questioni essenziali come la spesa, le prescrizioni mediche, l’assistenza sanitaria e la necessità di raggiungere posti di lavoro considerati cruciali.

“Questo è un momento in cui è necessario parlare chiaro - ha detto Newsom ai giornalisti - come individui e come comunità, dobbiamo fare tutto quello che è nelle nostre possibilità per superare questo difficile momento. Prevediamo che circa il 56% della popolazione del nostro stato, circa 25,5 milioni di persone, sarà infettata dal virus per un periodo di almeno otto settimane. Gli ordini, in questa prima fase, non saranno fatti rispettare dalle forze dell’ordine perché ritengo che i californiani non abbiano bisogno di sentirsi dire che è giusto e necessario isolarsi in casa propria. Siamo fiduciosi che la gente dello stato della California si atterrà agli ordini e farà la cosa giusta”.

I servizi essenziali come alimentari, farmacie, stazioni di servizio, mercati, banchi alimentari, minimarket e ristoranti per le consegne a domicilio rimarranno aperti. Così come le banche e gli uffici del governo locale. Tutte le attività non essenziali come ristoranti, bar, palestre e centri congressi saranno chiusi.

L’ordine del governatore segue la richiesta al presidente Trump di inviare la nave ospedale USNS Mercy al porto di Los Angeles fino al 1° settembre come supporto all’assistenza sanitaria. “I modelli di tracciamento del Coronavirus mostrano che la diffusione in California potrebbe richiedere il ricovero ospedaliero di oltre 19.000 persone oltre le attuali capacità ospedaliere, e in alcune parti dello stato i tassi di infezione raddoppiano ogni quattro giorni. Se cambiamo i nostri comportamenti, il numero si ridurrà”.

I funzionari hanno in programma di utilizzare i dormitori delle università statali per ospitare temporaneamente i pazienti affetti da coronavirus, insieme agli ospedali che sosterranno in prima linea gli sforzi di contenimento. 

“Fate vostri i modelli di comportamento prendendo le distanze sociali dagli altri. L’isolamento non è la mia scelta preferita, ma necessaria”. Prima dell'annuncio di Newsom, le contee di Los Angeles e della Baia di San Francisco avevano emesso ordinanze simili, e anche altri stati stanno lottando per trovare il modo di combattere il virus in rapida evoluzione, per evitare l’afflusso di pazienti verso le strutture mediche.

A New York, dove il coronavirus ha ucciso 32 persone, il governatore Andrew Cuomo ha ribadito di non avere intenzione di imporre un mandato in tutto lo Stato: “Il mio lavoro è di assicurarmi che ci sia un piano coordinato e che funzioni ovunque”.

Galleria fotografica
California lockdown - immagine 1
California lockdown - immagine 2
CORONAVIRUS
A Madrid si rischiano migliaia di morti
A Madrid si rischiano migliaia di morti
Braccio di ferro fra il governo centrale e le autorità cittadine sull’entità del lockdown, al momento imposto ad alcune zone. Situazione in rapido peggioramento anche nel resto d’Europa
«Si rischiano altri due milioni di morti»
«Si rischiano altri due milioni di morti»
L’allarme dell’OMS mentre le cifre globali superano i 32 milioni di casi e raggiungono un milione di decessi. Gli scienziati mettono in dubbio l’efficacia della prima generazione del vaccino
L’ottimismo di Trump, le paure degli esperti
L’ottimismo di Trump, le paure degli esperti
Neanche di fronte a 200mila morti e 7 milioni di contagi, il presidente cambia rotta: promette vaccini improbabili entro la data delle elezioni e minimizza il resto, convinto di aver salvato milioni di vite umane
Vaccino: le aziende svelano i protocolli di sperimentazione
Vaccino: le aziende svelano i protocolli di sperimentazione
Non era mai accaduto prima, che i colossi farmaceutici rivelassero i protocolli che stanno seguendo per arrivare al vaccino capace di sconfiggere il virus. Secondo le previsioni, non sarà pronto prima della prossima estate
UE, la seconda ondata è qui
UE, la seconda ondata è qui
Per quale motivo nel Vecchio Continente tutto è andato nuovamente male? Colpa delle vacanze, dell’abbassamento della soglia di attenzione e del rifiuto a osservare le norme sanitarie. E ora ne paghiamo le conseguenze
Regno Unito, lockdown per 10 milioni di persone
Regno Unito, lockdown per 10 milioni di persone
Uno dei tanti incubi peggiori di Boris Johnson si sta materializzando in queste ore: in diverse zone del Regno Unito torna il blocco completo
Ai Paesi ricchi la metà dei prossimi vaccini
Ai Paesi ricchi la metà dei prossimi vaccini
La denuncia dell’ong Oxfam, che svela i contratti faraonici di alcuni Paesi ricchi con più industrie farmaceutiche, per assicurarsi miliardi di dosi quando il vaccino sarà pronto
Allarme OMS: mai così tanti casi dall’inizio della pandemia
Allarme OMS: mai così tanti casi dall’inizio della pandemia
L’aumento sancisce il sempre più probabile inizio della temuta seconda ondata: Israele e Giacarta i primi due Paesi a tornare in lockdown
Un dicembre mortale
Un dicembre mortale
Al momento sono solo statistiche, previsioni e modelli matematici, ma non ce n’è uno che non preveda una nuova crescita di contagi e di morti in tutti gli Stati Uniti. Fauci conferma: “Sarà durissima”
Il virus torna alla carica
Il virus torna alla carica
Più di 96mila casi in India nel giro di 24 ore, il Portogallo vara nuove misure restrittive, Stati Uniti e Brasile primi per numero di morti. Per l’OMS serve uno sforzo economico maggiore, o non ne usciremo facilmente