California lockdown

| Il popoloso stato patria delle libertà ha deciso di chiudere tutte le attività non basilari per lasciare aperti soltanto i servizi essenziali. È il primo stato americano

+ Miei preferiti
Il “Golden State”, la California, con 40 milioni di abitanti lo stato più popoloso d’America, è anche il primo a decretare il lockdown completo. A convincere il governatore Gavin Newsom 900 contagi e 19 morti, ma soprattutto la nefasta previsione che nel giro di due mesi potrebbe portare la metà della popolazione ad essere contagiata.

Il blocco è entrato in vigore alla mezzanotte di giovedì: da quel momento i californiani, come molti altri cittadini di paesi diversi del mondo, non devono uscire di casa se non per questioni essenziali come la spesa, le prescrizioni mediche, l’assistenza sanitaria e la necessità di raggiungere posti di lavoro considerati cruciali.

“Questo è un momento in cui è necessario parlare chiaro - ha detto Newsom ai giornalisti - come individui e come comunità, dobbiamo fare tutto quello che è nelle nostre possibilità per superare questo difficile momento. Prevediamo che circa il 56% della popolazione del nostro stato, circa 25,5 milioni di persone, sarà infettata dal virus per un periodo di almeno otto settimane. Gli ordini, in questa prima fase, non saranno fatti rispettare dalle forze dell’ordine perché ritengo che i californiani non abbiano bisogno di sentirsi dire che è giusto e necessario isolarsi in casa propria. Siamo fiduciosi che la gente dello stato della California si atterrà agli ordini e farà la cosa giusta”.

I servizi essenziali come alimentari, farmacie, stazioni di servizio, mercati, banchi alimentari, minimarket e ristoranti per le consegne a domicilio rimarranno aperti. Così come le banche e gli uffici del governo locale. Tutte le attività non essenziali come ristoranti, bar, palestre e centri congressi saranno chiusi.

L’ordine del governatore segue la richiesta al presidente Trump di inviare la nave ospedale USNS Mercy al porto di Los Angeles fino al 1° settembre come supporto all’assistenza sanitaria. “I modelli di tracciamento del Coronavirus mostrano che la diffusione in California potrebbe richiedere il ricovero ospedaliero di oltre 19.000 persone oltre le attuali capacità ospedaliere, e in alcune parti dello stato i tassi di infezione raddoppiano ogni quattro giorni. Se cambiamo i nostri comportamenti, il numero si ridurrà”.

I funzionari hanno in programma di utilizzare i dormitori delle università statali per ospitare temporaneamente i pazienti affetti da coronavirus, insieme agli ospedali che sosterranno in prima linea gli sforzi di contenimento. 

“Fate vostri i modelli di comportamento prendendo le distanze sociali dagli altri. L’isolamento non è la mia scelta preferita, ma necessaria”. Prima dell'annuncio di Newsom, le contee di Los Angeles e della Baia di San Francisco avevano emesso ordinanze simili, e anche altri stati stanno lottando per trovare il modo di combattere il virus in rapida evoluzione, per evitare l’afflusso di pazienti verso le strutture mediche.

A New York, dove il coronavirus ha ucciso 32 persone, il governatore Andrew Cuomo ha ribadito di non avere intenzione di imporre un mandato in tutto lo Stato: “Il mio lavoro è di assicurarmi che ci sia un piano coordinato e che funzioni ovunque”.

Galleria fotografica
California lockdown - immagine 1
California lockdown - immagine 2
CORONAVIRUS
Il virus è nato in laboratorio
Il virus è nato in laboratorio
È la clamorosa conclusione a cui sono giunti due scienziati, uno inglese e l’altro norvegese. In un dossier affermano di aver trovato le prove di una manipolazione genetica che nascondesse l’origine artificiale
Le conseguenze politiche del Covid
Le conseguenze politiche del Covid
Biden ordina agli 007 di stabilire le origini del coronavirus. Ne va della sua autorevolezza, ma se si scoprisse che è sfuggito da un laboratorio darebbe nuovo fiato alle teorie di Trump. A rimetterci sarà la credibilità dell’OMS
Un rapporto dell’intelligence americana getta nuovi dubbi sull’origine del virus
Un rapporto dell’intelligence americana getta nuovi dubbi sull’origine del virus
Alcuni dipendenti del laboratorio di Wuhan avrebbero sviluppato nel novembre 2019 sintomi di una misteriosa malattia che li ha costretti al ricovero
Il virus è uscito dal laboratorio di Wuhan?
Il virus è uscito dal laboratorio di Wuhan?
Un nuovo articolo, firmato da una ventina di esperti mondiali in virologia, non esclude la possibilità che la pandemia sia la conseguenza di un incidente
Covid-19, il caso delle Seychelles
Covid-19, il caso delle Seychelles
Malgrado oltre il 60% della popolazione sia stato vaccinato, nell’arcipelago le infezioni sono in aumento. Per gli esperti non è un’anomalia, perché casi gravi e decessi sono scomparsi. Ma è necessario non abbassare la guardia
L’Asia epicentro mondiale del virus
L’Asia epicentro mondiale del virus
Non c’è solo l’India, dove la situazione peggiora di giorno in giorno: anche diversi Paesi asiatici si ritrovano a fronteggiare un’ondata di casi che fa temere conseguenze disastrose per via dei fragili sistemi sanitari
Il mondo affronta la peggiore crisi dall’inizio della pandemia
Il mondo affronta la peggiore crisi dall’inizio della pandemia
Non doveva essere così: fin dall’inizio, l’OMS ha ammonito di pensare non solo a sé stessi ma anche ai Paesi più poveri, dove il virus può annidarsi, mutare e sopravvivere ancora. Ma quasi nessuno l’ha ascoltato
La pillola per curare il covid a casa
La pillola per curare il covid a casa
L’ha annunciato la “Pfizer”, che avrebbe allo studio una cura domestica da assumere all’insorgere dei primi sintomi. È un farmaco “inibitore della proteasi”: blocca l’enzima che permette al virus di svilupparsi
Ottimi risultati per il concerto sperimentale anti-covid
Ottimi risultati per il concerto sperimentale anti-covid
Diffusi i risultati degli accertamenti medici: solo 6 positivi, ma 4 sono stati infettati non quella sera. Una speranza concreta sulla strada della riapertura dei grandi eventi
Origine del Covid: scienza VS intelligence
Origine del Covid: scienza VS intelligence
Per la comunità scientifica è sempre più probabile che il virus sia passato all’uomo da un animale. Per gli analisti, al contrario, non c’è alcuna prova che scagioni i laboratori cinesi