Cina: ancora menzogne sui numeri dei morti di Wuhan

| Altro che 3.200 vittime, i residenti della città ‘ground zero’ del coronavirus sono convinti che la città abbia pagato un tributo in vite umane non inferiore a 42mila

+ Miei preferiti
Davanti agli occhi del mondo, a Wuhan la vita ricomincia: i primi negozi riaprono, la gente inizia a girare per strada, perfino i treni lentamente tornano a collegare la città epicentro del coronavirus con il resto del mondo. I fortunati in possesso di un certificato sanitario “verde” - negative ai test - sono state autorizzate a lasciare la provincia dalla mezzanotte del 25 marzo. Ufficialmente, la città ha pagato il pesante tributo di 3.200 morti su 81mila infezioni. Ma a crederci sono in pochi, a cominciare dagli abitanti stessi della metropoli cinese. “Caixin”, uno dei pochi quotidiani cinesi non controllato dallo Stato, ha pubblicato le immagini di migliaia di urne cinerarie disposte all’interno di un magazzino, poco dopo caricate su un tir. Non è che la conferma del sospetto che circola da settimane sui social e fra la gente di Wuhan: se ogni giorno circa 500 con le ceneri vengono riconsegnate alle famiglie, il numero più attendibile dei morti potrebbe facilmente sfiorare quota 40mila, confermando l’incapacità della Cina di essere trasparente anche di fronte alla peggiore delle emergenze.

“Sono cifre finte, create ad arte: sappiamo bene che i forni crematori hanno lavorato 24 ore su 24 per settimane”, commenta uno dei residenti sui social.

Una fonte vicina alle autorità della provincia di Hubei ha ammesso che molti dei residenti sono morti per strada, nei market e nelle loro case senza ricevere alcun supporto medico e neanche una diagnosi ufficiale. Vittime fuori dalle statistiche ufficiale, che nessuno saprà mai se uccise o meno dal coronavirus.

CORONAVIRUS
Sudamerica, prossima tappa del virus
Sudamerica, prossima tappa del virus
Le scelte politiche e una povertà diffusa ostacolano la risposta di Covid-19 in America Latina. Molti i Paesi che fanno di testa propria, con contagi in forte aumento. Il caso diverso del Costa Rica
La conversione di un complottista
La conversione di un complottista
Un uomo di 46 anni che non credeva al coronavirus, considerato una fake news messa in giro ad arte, è finito in ospedale per contagio insieme alla moglie. Lui se l’è cavata, lei invece rischia ancora la vita
Il genocidio di una generazione
Il genocidio di una generazione
Il mondo ha sacrificato gli anziani nella corsa per proteggere gli ospedali. Il risultato è stata una catastrofe di proporzioni enormi che ha avuto come epicentro le case di riposo
Uno studio fissa la fine del Covid-19
Uno studio fissa la fine del Covid-19
Secondo un modello matematico messo a punto da un grippo di scienziati di Singapore, l’Italia sarebbe fuori dall’incubo il prossimo 24 ottobre. Ma poi precisano: si tratta di ipotesi
Brasile, la strage delle tribù amazzoniche
Brasile, la strage delle tribù amazzoniche
Le comunità che vivono nelle più remote regioni della foresta amazzonica minacciate dalla pandemia: mentre il numero di morti e di infezioni continua a salire, nessuno se ne occupa
Estate 2020, il caos in spiaggia
Estate 2020, il caos in spiaggia
Qualcuno continua a vietarle, altri provano ad aprirle e tornano a impedirne l’accesso, altre ancora propongono soluzioni nel tentativo disperato di salvare la stagione e accontentare i turisti. Ma non sarà facile
Non siete i benvenuti: i villaggi scozzesi contro i turisti
Non siete i benvenuti: i villaggi scozzesi contro i turisti
Gli abitanti di minuscoli e affascinanti borghi della Scozia continuano a bloccare le strade di accesso invitando i turisti a tornare a casa propria
Vaccino: trovati anticorpi sufficienti per prevenire il virus
Vaccino: trovati anticorpi sufficienti per prevenire il virus
La società americana Moderna annuncia che la prima fase di test sull’uomo di un vaccino allo studio sta dando risultati molto confortanti. A luglio parte una seconda fase pe stabilire sicurezza ed efficacia
Il mondo vuole un’inchiesta
Il mondo vuole un’inchiesta
Sono ormai più di 100, compresi alleati storici come la Russia, i Paesi pronti a chiedere una ricerca indipendente che faccia piena luce sulla pandemia: dalle origini alla diffusione, dai silenzi agli insabbiamenti. E Pechino trema
Dopo le bugie, arriverà una seconda ondata in Cina
Dopo le bugie, arriverà una seconda ondata in Cina
Zhong Nanshan, massimo esperto cinese, è convinto che la mancanza di immunità sulla popolazione avrà serie conseguenze. E ammette anche le bugie raccontate nelle fasi iniziali