Cina e Russia, più vittime di quanto ammesso

| I numeri dei decessi nei due Paesi sarebbero molto più alti di quelli dichiarati ufficialmente. A Wuhan almeno 500 mila persone sarebbero morte in questi mesi, mentre in Russia le vittime sarebbero 186mila

+ Miei preferiti
A quasi un anno dall’inizio dell’incubo della pandemia, il mondo inizia a rivedere le mezze verità e i silenzi di stato. Oltre alla ricerca del CDC (Center of Disease Control and Prevention), secondo cui i casi nella città di Wuhan non sarebbero 50.354, come spacciato da Pechino, ma ben oltre il mezzo milione, spicca la dichiarazione rilasciata nelle scorse ore da un alto funzionario russo secondo cui il vero numero di vittime per coronavirus nel paese è di tre volte superiore a quanto mostrano le statistiche ufficiali russe.

I nuovi dati dell’agenzia di statistica del Paese, la “Rosstat”, mostrano che nei primi 11 mesi del 2020 si è registrato in Russia un aumento di oltre 229.700 decessi in più rispetto allo stesso periodo del 2019.

Il vice primo ministro Tatyana Golikova, responsabile della risposta del paese alla pandemia, ha ammesso che “più dell’81% dell’aumento della mortalità è dovuto al Covid”. Significa che nei mesi scorsi più 186.000 russi sono morti di coronavirus.

Con un così alto di decessi, la Russia diventerebbe il terzo paese al mondo per numero di morti dopo gli Stati Uniti e il Brasile. La dichiarazione della Golikova segna la prima volta in cui un funzionario russo riconosce ciò che gli esperti sospettavano da tempo: il reale numero di morti per coronavirus in Russia era molto più alto di quello ufficiale, inferiore a 56.000.

Ufficialmente, la Russia ha registrato più di 3 milioni di casi confermati, riuscendo a mantenere un tasso di mortalità relativamente basso grazie alla gestione della pandemia. Ma la comunità scientifica nutriva forti perplessità, affermando che il problema stava nel metodo di conteggio che permette di attribuire i decessi dei pazienti infetti da coronavirus ad altre cause.

Secondo la Rosstat, a novembre 35.645 persone con coronavirus conclamato o sospette infezioni sono morte, ma ha anche aggiunto che in circa un terzo dei decessi il Covid-19 non è stato considerato la principale causa di morte o un fattore determinante. Al contrario, la task force russa per il coronavirus, che pubblica quotidianamente statistiche sui nuovi casi e sui decessi con una metodologia diversa da quella di Rosstat, nel mese di novembre ha riportato solo 12.229 decessi legati al coronavirus.

La metodologia di conteggio differisce dalle linee guida dell’OMS, secondo cui tutti i decessi legati a Covid-19 devono essere conteggiati a meno che non ci sia “una chiara causa alternativa che non può essere collegata” alla malattia.

CORONAVIRUS
Repubblica Ceca, dove la pandemia è un disastro
Repubblica Ceca, dove la pandemia è un disastro
Una serie di passi falsi, di decisioni sbagliate prese in vista delle elezioni, di riluttanza e lentezza, hanno trascinato il Paese europeo in una situazione di enorme gravità
Giappone, il Paese più in ritardo al mondo nei vaccini
Giappone, il Paese più in ritardo al mondo nei vaccini
Malgrado l’avvicinarsi delle Olimpiadi, finora sarebbero state inoculate solo 18mila dosi. Il problema risale a due casi di diversi anni fa, che da allora hanno minato la fiducia dei giapponesi nei vaccini
Israele allenta le restrizioni
Israele allenta le restrizioni
Dopo ulteriori analisi hanno accertato che il vaccino Pfizer è efficace al 95,8% contro le forme più gravi del virus, Israele inizia ad assaporare un graduale ma confortante ritorno alla normalità
GB, polemiche per la quarantena a pagamento
GB, polemiche per la quarantena a pagamento
Chi arriva dai Paesi inseriti nella “red list” sarà obbligato a due settimane di soggiorno in albergo, con 2 tamponi e controlli ferrei, spendendo di tasca propria 2.000 euro circa
Il team dell’OMS: 12 ceppi di virus prima di dicembre 2019
Il team dell’OMS: 12 ceppi di virus prima di dicembre 2019
È il primo, fondamentale risultato della missione scientifica a Wuhan: i casi non erano concentrati in focolai, ma sparsi in tutta la regione. Attesa per una seconda missione, che vorrebbe avere accesso a 200mila campioni di sangue
I problemi del vaccino AstraZeneca preoccupano il mondo
I problemi del vaccino AstraZeneca preoccupano il mondo
È il più economico e facile da trasportare, quello su cui l’OMS puntava per distribuirlo in modo massiccio ai paesi poveri. Ma uno studio sembra confermare la scarsa copertura contro le nuove varianti del virus
Spagna, gli ascensori Covid-killer
Spagna, gli ascensori Covid-killer
Il virus si era annidato nei due ascensori di un condominio di Bilbao: 5 morti e 33 persone contagiate
La carica dei vaccini
La carica dei vaccini
Guida ragionata gli immunizzanti in arrivo: visto nel suo complesso, l’enorme sforzo medico, biologico e produttivo dovrebbe raggiungere il pieno verso fine anno
Dubai, l’equilibrio fra salute ed economia?
Dubai, l’equilibrio fra salute ed economia?
Il Paese ha riaperto al turismo attirando migliaia di europei, ma i casi di Covid sono in aumento. Eppure, le autorità non hanno intenzione di chiudere, cercando di raggiungere un difficile compromesso
La ricetta anglosassone: il cocktail di vaccini
La ricetta anglosassone: il cocktail di vaccini
Al momento, il mix di due vaccini diversi per la prima e la seconda dose è in fase di sperimentazione, ma gli scienziati inglesi sono fiduciosi: per l’Ebola ha funzionato